Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Piante adattogene ed etnobotanica: Eleuterococco

Eleuterococco

Eleutherococcus senticosus Harms (Acanthopanax senticosus, Araliaceae), chiamato anche ginseng siberiano, Ciwujia in cinese e Gasiogalpi in Corea, Ezoukogi in Giappone, è distribuito nella Russia sud-orientale, nella Cina nord-orientale, in Corea e in Giappone. La pianta medicinale legnosa è conosciuta fin dall’antichità per le sue proprietà curative, e in particolare le radici corticali e i tessuti staminali sono stati utilizzati per il trattamento di vari disturbi come cancro, diabete, malattie cardiovascolari, epatite, problemi alla milza e disturbi epatici. Shigoka, il rizoma di Eleutherococcus senticosus, è una medicina tradizionale usata come tonico nell’Asia nord-orientale e nella Russia orientale. E’utilizzato nella medicina popolare cinese come anti-affaticamento, anti-infiammazione, antistress, antiulcera e sostegno delle funzioni cardiovascolari. In Cina, Corea, Giappone e Russia il Ginseng siberiano è utilizzato per il trattamento di malattie infiammatorie, anemia e artrite reumatoide. Nell’etnomedicina cinese e russa, il suo uso era empirico, perché la gente credeva che fosse una panacea che promuoveva la longevità, con effetti benefici per il trattamento degli affaticamenti fisici. I frutti sono stati utilizzati per lungo tempo come ingrediente del vino fermentato, le foglie come tonico, come bevanda per ridurre i danni al fegato e accelerare la disintossicazione dall’alcol.

Le foglie di E. senticosus sono state utilizzate in Cina per creare una bevanda chiamata tè ci-wu-jia in Cina. Eleuterococcus cresce principalmente nello Shanxi, nell’Hebei e nella regione nord-orientale della Cina. Radici, rizomi o steli di E. senticosus vengono raccolti in primavera o in autunno e utilizzati come tonico e antifatica per rinvigorire il Qi, rafforzare la milza, nutrire il rene, trattare nevrosi, malattie coronariche, infiammazioni, angina pectoris, cambiamenti fisiopatologici indotti dallo stress e menopausa.

Il consumo di frutti selvatici commestibili dà un importante contributo alla salute delle comunità locali. I frutti commestibili selvatici sono noti per possedere nutrienti benefici, tra cui minerali, polifenoli e varie vitamine. I rizomi e le radici di E. senticosus sono registrati nelle farmacopee cinesi e giapponesi per il trattamento di nevrastenia, ipertensione, tosse cronica e cardiopatia ischemica. La foglia di E. senticosus è classificata come cibo ed è utilizzata in tè, zuppe, vino e così via. I frutti di E. senticosus sono usati in Russia nella medicina popolare come tonico sul sistema nervoso centrale e come adattogeno. Negli ultimi anni, E. senticosus sono diventati popolari negli Stati Uniti e nei paesi europei come nuova pianta medicinale e integratore alimentare. La pianta ha proprietà antibatteriche, antitumorali, antinfiammatori, antigottose, antiepatite, antiossidanti, antipiretici; è coleretica, facilita l’emostasi, stimola il sistema immunitario, abbassa il colesterolo e protegge dalle radiazioni.

Eleutherococcus senticosus o ginseng siberiano è una pianta medicinale contenente sostanze adattogene che si ritiene proteggano il sistema immunitario. Sia la radice che la corteccia del gambo sono comunemente usate nelle medicine tradizionali. Nella Medicina Tradizionale Cinese si dice di evitare generalmente l’uso di Panax ginseng in soggetti anziani, prescrivendo altri tipi di radici del gruppo Araliaceae, come ad esempio Eleutherococcus senticosus

Eleutherococcus senticosus Maxim., classificato nella famiglia delle Araliaceae, è usato in una varietà di malattie nella Medicina Tradizionale Coreana, tra cui la cardiopatia ischemica, è stato usato come alimento funzionale e in varie preparazioni fin dai tempi antichi, per rinvigorire il fegato e i reni, ricostituire la vitalità, rafforzare le ossa, stimolare l’appetito e migliorare la memoria.

Studi fitochimici rivelano che le foglie di E. senticosus contengono glicosidi triterpenici insieme a derivati acidi organici e composti flavonoidi. Si ritiene che E. senticosus sia simile al ginseng perché provengono dalla stessa famiglia ed entrambi contengono saponine triterpeniche. Eleutheroside B è il principale composto con attività antiossidanti, immunomodulatorie e antinfiammatorie.

L’estratto di Acanthopanax senticosus ha un effetto neuroprotettivo sul morbo di Parkinson.

 

 

Un ottimo rimedio naturale con Eleuterococco è Alato 6 , acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta