Archivio dei tag difese immunitarie

DiAlessandra Zarone

Trattamento naturale e prevenzione linfomi e leucemia con Ayurveda

Trattamento naturale  e prevenzione per Linfoma e Leucemia

I trattamenti ayurvedici per il Linfoma includono l’uso di erbe naturali. Essi aiutano a ridurre gli effetti collaterali dei trattamenti convenzionali, dei sintomi e a migliorare lo stato immunitario del corpo. In generale, essi aiutano a migliorare la qualità della vita dei pazienti e garantire la sopravvivenza prolungata.
Questi rimedi a base di erbe aiutano nella lotta contro il cancro in modo naturale. Possono essere utilizzati insieme con i farmaci.
Il linfoma è un tumore del sangue che colpisce soprattutto il sistema linfatico del corpo e si sviluppa dai linfociti anomali, in base ai quali si è classificato il fattore Hodgkin o linfoma. Il rischio di linfoma include : invecchiamento, infezioni, uno stato immunitario gravemente compromesso causati dall’esposizione a sostanze tossiche e da una storia familiare difficile. Il Lymphoma ha come risultato un problema alle difese immunitarie, sintomi come noduli linfatici alla milza, febbre, brividi, perdita di peso, stanchezza, sudorazione notturna e prurito.

Il trattamento con erbe ayurvediche per il linfoma è volto a trattare il sistema linfatico per produrre linfociti normali, curare i sintomi, normalizzare lo stato immunitario dell’individuo. Le erbe medicinali ayurvediche che agiscono sul midollo osseo, fegato e milza e sono usate in dosi elevate in modo che il corpo riprenda a produrre linfociti normali: la produzione incontrollata di linfociti anomala è invertita e queste cellule cancerose sono svuotate dal corpo attraverso la circolazione, dal tratto gastrointestinale o attraverso i reni e le vie urinarie.
I prodotti Ayurvedici hanno agenti immunomodulatori a base di erbe e sono utilizzate in dosi elevate al fine di potenziare lo stato immunitario della persona interessata. Il trattamento sintomatico è utile anche per linfonodi ingrossati e altri sintomi come febbre, brividi, sudorazione notturna, e prurito. Questi rimedi aumentano le difese immunitarie, alla riduzione della stanchezza e aiutano l’individuo a mettere su peso.

Prevenzione trattamento e leucemia con ayurveda

 

Alcune misure precauzionali che devono essere adottate al fine di evitare un’ ulteriore diffusione del Linfoma Non Hogkins, sono di seguito indicate:

• Evitare cibi surgelati

• Evitare il consumo di cibi fritti e frutti acidi

• Non mangiare alimenti confezionati

• L’alcol deve essere severamente proibito

• L’acqua di cocco deve essere consumata con regolarità, ogni giorno a stomaco vuoto.
• E’ raccomandata una dieta alcalina. La dieta alcalina contiene principalmente frutti che non sono di natura acida. Per esempio:  mele, pere, papaia, meloni sono ottimi frutti anti-cancro.

• Le noci dovrebbero essere consumate in quantità moderata.

• I datteri dovrebbero essere consumati con moderazione.

• Gli agrumi come arance, limoni non sono raccomandati dall’Ayurveda perchè inficiano Pitta.

• Il peperoncino non va bene

• Curcuma e spezie possono essere consumate in quantità moderata

• Evitare cibi che producono  endotossine nel corpo.

• Evitare pesanti, grassi, cibi appiccicosi come lo yogurt, banana, formaggi, dolci e prodotti lattiero-caseari, prodotti alimentari confezionati, tagliatelle, pasta (confezionati), il cibo pieno di conservanti, cibo in scatola .

• Uva e mango sono consentiti se non vi è stitichezza e non vi è diabete.

• Consumare cibo caldo, e fresco:

Minestra di verdure fresche a foglia verde .

• I succhi di frutta devono essere consumati :un succo di frutta alla volta o in un giorno. Ad esempio, il succo di frutta di mela, meloni ed evitare succhi di frutta acida come limoni, arance.

• Il succo di barbabietola è molto importante. 30-100 ml al giorno è raccomandato per aumentare il sistema immunitario e migliorare l’emocromo.

• Mangiare zucchine zucche, rape, carote, ravanelli.

• Ogni sera : zuppa a base di verdure a foglia verde .

• Le patate vanno bene, ma fritte non sono raccomandate.

• I funghi sono molto ricchi di proteine aumentano l’elemento fuoco nel corpo. Devono essere consumati in caso di malnutrizione calorico-proteica o bassa massa energetica o muscolare.

• Il burro non è consigliato, ma si raccomanda il burro chiarificato (Ghee).

• Una dieta ricca di proteine dovrebbe essere evitata.

• E’ consentito il pollo, in piccole quantità settimanali.

• Vanno bene frumento e mix di cereali , vari tipi di pane senza lievito .

• Il riso deve essere consumato solo due volte a settimana ma mescolato a erbe e spezie.

• Dovrebbe essere evitata la costipazione di stomaco e intestino, attraverso il consumo di minestre di verdure a foglia verde e frutta come papaia, meloni, mele, pere e acqua di cocco .

Tè verde :prevenzione e tratatmento linfoma con ayurveda

E’ un antiossidante, antitumorale, stimola il sistema immunitario, dice l’Università del Maryland che consiglia di prendere dai 250 a 500 mg al giorno di estratto standardizzato di tè verde.

Prezzemolo:

Prezzemolo è stato utilizzato nella medicina tradizionale per trattare i tumori, e il tè è stato utilizzato per il trattamento di tumori. Le radici, foglie e semi sono tutti utilizzati in preparazioni medicinali, tra cui tisane ed estratti. Prezzemolo può fermare la crescita e la diffusione delle cellule tumorali del linfoma, dice il A.P. John dell’Istituto per la Ricerca sul Cancro. Prezzemolo contiene composti che “aiutano a spegnere alcuni enzimi chiamati fattori di crescita epiteliale, che stimolano la crescita e la diffusione del cancro”, spiega l’Istituto.

Liquirizia:

prevenzione e tartatmento linfoma con ayurveda

In alcuni paesi, radice di liquirizia è usato per trattare i tumori. L’ estratto di radice di liquirizia produce effetti steroidi nel corpo, aiutando i pazienti con linfoma ad aumentare di peso, dice A.P. John, dell’ Istituto per la Ricerca sul Cancro. Liquirizia aiuta anche a “inibire la crescita di linfomi e leucemie” .

Fungo Reishi:

I funghi Reishi hanno proprietà anticancro e aumentano il sistema immunitario. L’Università del Maryland consiglia di prendere 150 a 300mg due o tre volte al giorno di estratto standardizzato di fungo Reishi o da 30 a 60 gocce due o tre volte al giorno di tintura madre.

Cardo mariano:

Cardo mariano è utile per una disintossicazione. Le proprietà chimiche del cardo mariano agiscono nel corpo per proteggere le cellule dalle tossine e aumentare il glutatione, una sostanza necessaria per le reazioni di disintossicazione delle cellule del fegato. L’Università del Maryland consiglia di prendere 80 a 160mg due o tre volte al giorno di estratto di semi di cardo mariano.

Se desideri approfondire questa tematica, prenota una Consulenza Preventiva con rimedi naturali e Ayurveda . La prevenzione non si sostituisce al medico ma coadiuva le cure ufficiali.

DiAlessandra Zarone

La Rosa, antico rimedio naturale

La Rosa, antico rimedio naturale

 

Mito e simbologia

La Rosa è un antico rimedio naturale, è il fiore da donare per eccellenza e ogni varietà porta con sè un messaggio diverso. La Rosa da secoli è il simbolo di amore, devozione, ammirazione, bellezza e perfezione. La Rosa simboleggia, inoltre, il segreto e lo svelare con delicatezza. Il bocciolo ben chiuso della Rosa incarna anche la castità femminile mentre la Rosa sbocciata rappresenta bellezza giovanile. Nella mitologia romana la Rosa degli amanti era il fiore sacro a Venere e da allora è rimasta fino ai giorni nostri come espressione di amore profondo e appassionato.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
Nel mondo greco e romano, la rosa era associata al mito di Adone e Afrodite: la dea, innamorata del giovane cacciatore, nulla può fare per salvarlo dalla morte provocata dall’attacco di un cinghiale. Nel soccorrere l’amato, Afrodite si ferisce con dei rovi e il suo sangue fa sbocciare delle rose rosse. Zeus commosso dal dolore della dea, permette ad Adone di vivere quattro mesi nell‘Ade, quattro nel mondo dei vivi, e altri quattro dove avrebbe preferito: per questo la rosa viene considerata simbolo dell’amore che vince la morte e anche di rinascita.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Il nome “Rosa canina” viene indistintamente utilizzato sia nella nomenclatura botanica – indicando, rispettivamente, il genere e la specie – sia, abitualmente, nel linguaggio comune. Nel parlato di alcune regioni italiane, la rosa canina viene denominata semplicemente “grattacu” o, ancora, rosa selvatica, rosa delle siepi, rosa spina, rosella, rosa di macchia, roselline dei pruni e biancarosa.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Nel linguaggio dei fiori, la rosa canina simboleggia sia la poesia, che l’indipendenza. Viene menzionata persino nella Bibbia: probabilmente, Giuda utilizzò proprio l’albero di rosa canina per suicidarsi; ancora, la corona di spine di Gesù era presumibilmente realizzata con i rami di questo arbusto.
I Romani festeggiavano i Rosalia, legati al culto dei morti, in un periodo compreso tra l’11 maggio e il 15 luglio: questa festa delle rose si trasmise nel mondo cristiano, dove la Pentecoste è anche detta “Pasqua delle rose”. La rosa era inoltre presente nel culto di Dioniso, per la credenza che impedisse agli ebbri di rivelare i propri segreti. Nell’iconografia della mistica cristiana la rosa, per la bellezza, il profumo, per il mistero della sua forma apprezzata da tempo immemorabile e per il colore per lo più rosso, il simbolo antichissimo dell’amore, indica la coppa che raccolse il sangue di Cristo o la trasformazione delle gocce di questo sangue o le ferite di Cristo stesso.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Virtù terapeutiche e medicina popolare

L’appellativo “canina” ha origini remote: anticamente, infatti, le radici di questo arbusto venivano impiegate in decotto come rimedio efficace nel trattamento della rabbia.

La medicina popolare consiglia l’uso dell’acqua di rosa per:

  • lavaggi agli occhi
  •  ustione,
  •  eczemi
  •  infiammazioni della cavità orale

Attuali utilizzi nella fitoterapia occidentale

 

Il gemmoderivato di giovani germogli regola la risposta immunitaria dell’organismo, conferendo al preparato un’efficace azione contro tutte le manifestazioni allergiche. In particolare la sua assunzione migliora la risposta immunitaria a livello respiratorio nei soggetti a tendenza allergica e nei bambini.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

La proprietà antinfiammatoria è utile nelle nelle flogosi acute (alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle vie aeree con catarro).

E’ ottimo rimedio nella prevenzione di allergie e nella cura di rinite, congiuntivite e asma dovute al contatto con pollini; nelle affezioni infantili come:

  • tonsilliti
  • rinofaringiti
  • otiti
  • tosse
  • raffreddore di origine infettiva

Le bacche della rosa canina contengono vitamina C, in quantità fino a 50-100 volte superiore rispetto agli agrumi e consente di rafforzare le difese naturali dell’organismo (100 grammi di bacche contengono la stessa quantità di vitamina C di 1 chilo degli agrumi tradizionali).

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
L’azione vitaminizzante e antiossidante dei bioflavonoidi, contenuti nelle polpa e nella buccia, agisce migliora la circolazione sanguigna. Questo benefico effetto sulla qualità del sangue è dovuto alla sua capacità di favorire l’assorbimento di calcio e ferro nell’intestino, equilibrando il livello di colesterolo e contribuendo alla produzione di emoglobina; inoltre rende attiva la vitamina B9 (acido folico) dal leggero effetto antistaminico.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.comPoiché la vitamina C, conosciuta anche con il nome di acido ascorbico, non può essere sintetizzata direttamente dall’uomo (a differenza di quanto avviene per gli altri animali), deve essere introdotta o con gli alimenti, o con l’integratore alimentare, nei casi in cui l’alimentazione ne è carente.

La rosa canina è un eccellente tonico per esaurimento psico-fisico, aiuta a sconfiggere lo stress, stimola l’eliminazione delle tossine, gli acidi urici-che provocano gotta e reumatismi-attraverso la diuresi.
Le bacche hanno un’azione astringente dovuta alla presenza di tannini, utile in caso di diarrea e coliche intestinali. E’ un buon diuretico, poiché stimolando l’eliminazione delle tossine tramite l’urina, è utile per :

  • contrastare infiammazioni a carico di vescica e reni
  • mestruazioni abbondanti
  • catarri intestinali
  • iperidrosi
  • congiuntivite
  • fragilità dei tessuti

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

L’olio essenziale di Rosa ha le seguenti proprietà:

  • E’ un ottimo idratante della pelle
  • Trattiene l’acqua per gelificazione anziché per igroscopicità.
  • Adatta quando ci esponiamo direttamente al sole, o siamo in un ambiente con temperatura elevata e bassa umidità.
  • Costituisce uno scudo che ostacola i processi di disidratazione.
  • E’consigliata soprattutto alle pelli secche, poco idratate e fragili.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Le mille proprietà curative della Rosa:

  • Dona elasticità e tonicità alla pelle
  • E ‘utilizzata come rassodante
  • E’ consigliata anche per preparare la pelle al parto
  • Idrata la pelle secca, equilibra quella mista e purifica la grassa
  • Contrasta la formazione di rughe, mantenendo la pelle fresca e giovane
    Contrasta tutte le infiammazioni della pelle come l’acne
  • Viene utilizzata per lenire arrossamenti e couperose
  • Toglie il calore eccessivo dal corpo, tanto che una volta l’acqua di rose veniva utilizzata per abbassare la febbre
  • Rilassa il cuore e sostiene nei momenti di tristezza, scacciando i pensieri negativi, favorendo l’autostima e l’apertura a tenerezza e amore.
  • Annusare a lungo il profumo di una rosa può influire positivamente sugli ormoni delle donne.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
L’olio essenziale di Rosa Bulgara si usa per disinfiammare la cistifellea e frantumare calcoli biliari .

Utilizzi della Rosa

 

Decotto: Mettete una manciata di frutti freschi di rosa canina, privati dei peli irritanti, in 1/2 l d’acqua e fate bollire per 10 minuti. Dolcificate con miele per esaltare ancora di più il gusto. 1 tazza 3 volte al dì.

Tisana: Essiccate i frutti e conservateli in un luogo asciutto in recipienti di vetro. Preparate la tisana schiacciando prima i frutti in un mortaio nella quantità che più aggrada e quindi metterli in infusione in acqua bollente. Questa tisana è leggermente rosata, acidula, gradevolissima. 1 tazza 3 volte al dì.

Gelatina di frutti: Ottima per le convalescenze e lo stato di debolezza. Ricoprite d’acqua i frutti freschi e cuoceteli a fiamma bassa per mezz’ora. Quindi schiacciateli, frullateli aggiungendo lo stesso peso di zucchero e il succo di limone. Rimetteteli sul fuoco mescolando per altri 30 minuti quindi travasate il composto in un vaso di vetro con chiusura ermetica.

Bagno tonificante: Preparate un decotto con 50 grammi di bacche di rosa canina e lasciatelo raffreddare. Filtrate, aggiungete 3 cucchiai di bicarbonato e 3 di sale, quindi versatelo nella vasca da bagno colma di acqua calda. Rimanete immersi nell’acqua una decina di minuti quindi asciugatevi .

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

 

La Rosa in Floriterapia 

 

  • Rosa Bonica Flower Essence :

Questa essenza floreale consente di connettere i primi chakra con i chakra 6-7, centratura ed equilibrio .

  • Wild Rose :

Passività, rassegnazione, si vive accettando fatalmente tutto, affaticamento, mancanza di gioia di vivere .

  • Rock Rose:

Panico, paura estrema, terrore, angoscia devastante, emozioni che fanno perdere il controllo della situazione .

  • Dog Rose Fes Flowers :

Timidezza, insicurezza e nervosismo .

  • Prickly Wild Rose:

Mancanza di apertura fiduciosa verso il futuro, rimorsi e rimpianti, crisi di mezz’età.

  • California Wild Rose :

Esitare nel prendersi le proprie responsabilità, passività, incapacità di prendersi carico dei propri doveri sulla Terra, di darsi alla vita degli altri, l’essenza conduce a un rinnovato interesse attivo nei confronti degli altri, entusiasmo per la vita terrena, per doveri sociali e per i rapporti umani . Riporta vitalità e gioia di vivere, fiducia e forza per diventare gli artefici della propria quotidianità, lucidità, pace, tranquillità, calma e coraggio per affrontare anche le situazioni più estreme.

  • Sturt Desert Rose:

Incentiva la coerenza con se stessi, quindi con la propria morale e le proprie convinzioni. Di conseguenza, migliora l’autostima. Inoltre lenisce il senso di colpa che si prova riguardo ad azioni compiute in passato, anche se queste possono essere non attribuibili a chi invece le compie. Spesso il senso di colpa viene associato alla sessualità e a tutti i disturbi legati ad essa: quest’essenza aiuta a sciogliere i pregiudizi, donando convinzione ed integrità.

  • Dog Rose of Wild Forces:

Indicata se si teme di perdere il controllo, in caso di isteria collettiva, l’essenza aiuta a ripristinare il corretto equilibrio emotivo attraverso il quale si ha la possibilità di risolvere proficuamente i problemi.In caso di emergenza .

  • Green Rose (rosa chinensis viridiflora)   :

Preoccupazioni,paura, sfiducia, posizione difensiva; timore di esser feriti ed attaccati dagli altri; si sviluppano barriere nei confronti degli altri esseri viventi
Funzioni curative: amore come forma di trascendente,capacità d’abbraccio e fiducia; compassione come porta per accedere a tutti gli esseri viventi .

  • Green Rose:

Indicata per combattere l’indolenza, la frustrazione e la stagnazione nei momenti di cambiamento interiore.Ottima la somministrazione in associazione con Blue China Orchid per liberarsi dalle dipendenze ed abitudini insane.

  • Sydney Rose :

L’essenza che ne deriva ci supporta nell’integrare il concetto che noi, come singoli individui, non siamo affatto separati dagli altri esseri umani, che siamo un tutt’uno, nonostante le differenti esperienze che ciascuno di noi è chiamato a vivere. Si riconosce quindi una grande attinenza con il messaggio di Cristo che ci esorta a fare agli altri la stessa cosa che vorremmo fosse fatta a noi stessi. Sidney Rose ci guida in questo percorso, durante il quale alcuni potranno fare l’esperienza del dolore derivante dal fatto di non sentirsi in comunione con il prossimo, sensazione che genera tristezza. L’essenza ci purificherà, prima di poter sperimentare la pace.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Se desideri approfondire le tematiche trattate, contattami per una Consulenza  Naturopatica , che include in omaggio una miscela floreale su misura per te.

 

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi