Tonici e stimolanti naturali _ Muira Puama e Damiana    

DiAlessandra Zarone

Tonici e stimolanti naturali _ Muira Puama e Damiana    

Tonici e stimolanti naturali _ Muira Puama e Damiana  

 

Damiana, Turnera aphrodisiaca Ward , Syn.: T. diffusa Willd

È originaria del Golfo di Messico, California meridionale le Isole dei Caraibi settentrionali e Namibia.

Tonico e riparatore per il sistema nervoso, è sempre stata considerata un afrodisiaco. La sua azione tonica è in parte dovuta al timolo costituente, che è antisettico e tonico. Antidepressivo è timolettico (azione stimolante sul corpo e sulla mente). Viene somministrata a persone che soffrono di depressione da lieve a moderata o esaurimento nervoso. Le sue proprietà stimolanti e riparatrici la rendono utile quando ansia e depressione si verificano insieme. A causa della sua rinomata attività ormonale, è sempre stata vista come un’erba per gli uomini, utile nel trattamento dell’eiaculazione precoce e dell’impotenza. È, tuttavia, benefica sia per gli uomini che per le donne, essendo considerato un rimedio riparatore degli organi riproduttivi di entrambi i sessi.

Viene spesso somministrata per il ciclo mestruale doloroso ed è utilizzata specificamente per il mal di testa legato a questa condizione femminile.

Essendo un diuretico e antisettico urinario, è utile nel trattamento delle infezioni urinarie come la cistite e l’uretrite. Questa azione è in parte dovuta all’arbutina , che viene convertita in idrochinone, un forte urinario.

È un lieve lassativo, utile nel trattamento della stitichezza dovuta allo scarso tono muscolare dell’intestino.

È un afrodisiaco tradizionale del popolo Maya che la usavano per vertigini, perdita di equilibrio e afrodisiaco.

Le foglie sono usate per aromatizzare i liquori e in Messico sono utilizzate per infusi sostitutivi del tè. I messicani usano le foglie per aromatizzare i liquori. In particolare, il liquore di Guadalajara chiamato “Damiana”.

Gli abitanti dello Yucatan usano il decotto di foglie e fiori per l’asma e la bronchite.

Gli abitanti delle Bahamas danno il decotto fogliare per l’enuresi. I cubani prendono il decotto come afrodisiaco, diuretico e stimolante.

Nelle Bahamas, la pianta viene utilizzata per mal di testa ed enuresi. In California viene applicata come cerotto per lombalgia e ingerita in decotto per facilitare il parto.

Ad Haiti, la pianta è usata come afrodisiaco, tonico, liquore e nelle malattie intestinali. In Messico, la pianta è utilizzata in caso di amaurosi, mal di stomaco, diabete, dissenteria, dispepsia, malaria, paralisi, rinite, sifilide, malattie intestinali e come afrodisiaco, astringente, diuretico e tonico. La pianta è stata utilizzata dai messicani per trattare le malattie gastrointestinali.

Negli Stati Uniti, la pianta è usata come afrodisiaco, astringente, espettorante, lassativo, stimolante, tonico e nella dismenorrea.

Gli indigeni messicani Yaqui preparano un tè dalla pianta di T. diffusa per il mal di stomaco.

Gli indigeni messicani Tarahumara bevono un tè delle foglie di T. ulmifolia per la diarrea.

Le donne indigene Pima Bajo (Messico Settentrionale) che non possono concepire usano il tè di T. diffusa per promuovere la concezione.

Nella Baja California Norte, è usata per la frigidità, la sterilità e l’esaurimento sessuale, nonché per il diabete. Nella Baja California Sur, il decotto dei rami e delle foglie è impiegato per fortificare l’utero, per il raffreddore, la tosse e le punture di scorpione. Le donne messicane americane dicono che correggerà il” frio en la matrix “, il freddo nell’utero, l’infertilità e infiammazione. I proprietari dei mercati di erbe in Messico raccomandano di mescolarlo con gobernadora (Larrea trodentata) e mariola (Parthenium sp.). Un tè a base di questa miscela deve essere preso prima di colazione e di notte per aiutare il concepimento.

Muira puama, Ptychopetalum olacoides syn. P. uncinatum (Oleaceae)

Originaria delle foreste pluviali brasiliane, in particolare delle regioni del Rio e delle Amazzoni, è parte della medicina folclorica.

Cura problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco. È usata nella medicina folclorica amazzonica come tonico e afrodisiaco. Considerata utile per l’impotenza, si pensa che aiuti sia con gli aspetti fisici che psicologici del problema. È anche usata per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria.

È un tipo di albero le cui radici e steli sono usati in modo medicinale. Presente nella medicina popolare brasiliana nella medicina popolare brasiliana, si dice spesso che agisca come un afrodisiaco naturale. Tratta problematiche sessuali sia negli uomini che nelle donne, depressione, disfunzione erettile, dolori articolari, perdita di appetito, disturbi mestruali, sindrome premestruale e mal di stomaco.

È anche talvolta usato come adattogeno, una sostanza pensata per aumentare la resistenza del corpo agli effetti negativi dello stress cronico, problemi di memoria legati all’invecchiamento, la perdita di libido.

Frigidità femminile

È efficace per trattare il basso desiderio sessuale o la frigidità nelle donne. Secondo lo studio condotto nel 1990, presso l’Istituto di Sessuologia di Parigi, l’assunzione continuata per un mese ha aumentato del 65 per cento il desiderio sessuale. È anche usato per trattare o prevenire la calvizie. La corteccia è fortemente astringente e viene impiegata come gargarismi per il mal di gola e assunta sotto forma di infuso per trattare diarrea e dissenteria.

Sindrome premestruale

Può essere usata per trattare la sindrome premestruale con sbalzi d’umore, crampi mestruali e debolezza.

Esaurimento nervoso e depressione

Tale rimedio cura l’esaurimento nervoso ed i sintomi ad esso connessi, quali: mal di testa, affaticamento, mancanza di motivazione, inadeguatezza, depressione, infonde buon umore.

Le comunità amazzoniche usano rimedi tradizionali preparati con le radici per disturbi al sistema nervoso centrale e invecchiamento.

Artrite reumatoide

L’artrite reumatoide è uno dei sintomi della malattia autoimmune caratterizzata da dolore articolare. L’assunzione regolare di muira puama attenua il dolore.

Mal di stomaco

Può essere usata in caso di nausea, vomito e mal di stomaco.

Prevenzione dell’Alzheimer

Migliora la quantità di acetilcolina, un importante neurotrasmettitore del cervello, aiuta a mantenere una sana funzione cerebrale e a prevenire il morbo di Alzheimer.

Prevenzione del cancro

Previene alcuni tipi di cancro, in particolare sugli organi sessuali, prostata, endometrio, ovario e cancro al seno.

Paralisi

A causa del suo effetto sul sistema nervoso centrale, muira puama è usato per trattare la paralisi anticamente dagli amerindi.

I brasiliani usano tale erba per trattare beriberi, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza vitamina B, soprattutto tiamina. Beriberi può causare debolezza muscolare e paralisi.

Influenza

Previene, cura e allevia l’influenza, in quanto aumenta il sistema immunitario.

Tonico cardiaco

Utile in caso di debolezza cardiaca, di insufficienza cardiaca e malattie cardiache. Può essere fatale se non viene trattato bene, aumenta le prestazioni del cuore, riduce la debolezza muscolare cardiaca.

Stress

L’assunzione di tale rimedio è efficace per ridurre lo stress.

Sistema nervoso centrale

È usata come tonico neurale da molto tempo. È stato dimostrato che l’estratto della radice e della corteccia migliorano e la funzione del sistema nervoso centrale e alleviano alcuni disturbi mentali.

Sonno

Migliora la qualità   del sonno e lo rende profondo.

Infiammazioni

Riduce le infiammazioni connesse al sistema nervoso, ischialgia, un processo patologico che deriva dal processo infiammatorio nel nervo sciatico e il dolore alla spina dorsale.

Resistenza

È commercializzata in Brasile come tonico stimolante per il corpo.

 

Un ottimo rimedio è Alato 14, contiene Damiana e Muira Puama ed è  disponibile qui  o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta