Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Piante adattogene ed etnobotanica: Rodhiola

Rodhiola

Rhodiola rosea è ampiamente distribuita ad alta quota nelle regioni artiche e montuose in tutta Europa e in Asia. È annoverata fra i rimedi popolari di Europa orientale e Asia che stimolano il sistema nervoso. Riduce la depressione, migliora le prestazioni lavorative, elimina l’affaticamento e previene il mal di montagna.

Rodhiola rosea, nota anche come “radice d’oro”, “radice di rosa” o “radice artica”, appartiene alla famiglia delle piante Crassulacee. R. rosea cresce principalmente in terreni sabbiosi asciutti ad alta quota nelle aree artiche dell’Europa e dell’Asia. La pianta raggiunge un’altezza di 70 cm e produce fiori gialli. È una pianta perenne con un rizoma denso, fragrante quando tagliato. Oltre alla Rhodiola rosea, sono state identificate oltre 200 diverse specie di Rhodiola e almeno 20 sono utilizzate nei sistemi medici tradizionali in Asia, tra cui R. alterna, R. brevipetiolata, R. crenulata, R. kirilowii, R. quadrifida, R. sachalinensis e R. sacra. Rhodiola rosea è stata intensamente studiata in Russia e Scandinavia per più di 35 anni.

La pianta Rhodiola crenulata è una specie erbacea perenne distribuita nella regione dell’altopiano della Cina sud-occidentale, in particolare nella regione dei Monti Hengduan. È da secoli o uno dei più importanti rimedi erboristici tradizionali tibetani. Nella Medicina Tradizionale Cinese, appartiene alla categoria degli adattogeni, definita modificatore della risposta allo stress che può migliorare la resistenza non specifica allo stress. Il genere Rhodiola (Hong Jing Tian; Crassulaceae) è costituito da più di 200 specie, di cui circa 20, tra cui Rhodiola rosea, Rhodiola alterna, Rhodiola brevipetiolata, Rhodiola crenulata, Rhodiola kirilowi, Rhodiola quadrifida, Rhodiola sachalinensis e Rhodiola sacra, sono utilizzate da millenni nella medicina popolare asiatica. Queste piante crescono principalmente nella cintura himalayana, Tibet, Cina e Mongolia, ma sono coltivati anche in Europa e Nord America e sono disponibili sul mercato come integratori alimentari.

La medicina popolare russa usava R. rosea per aumentare la resistenza fisica, la produttività del lavoro, la longevità, la resistenza al mal di montagna e per trattare affaticamento, depressione, anemia, impotenza, disturbi gastrointestinali, infezioni e disturbi del sistema nervoso. Nei villaggi di montagna della Repubblica di Georgia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche, dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele. Gli imperatori cinesi inviarono spedizioni in Siberia per procurarsi la “radice d’oro” per i preparati medicinali.

In Asia centrale, il tè di  R. rosea era il trattamento più efficace per raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione.

Rhodiola rosea è utilizzata da millenni in Asia ed Europa orientale per migliorare le prestazioni fisiche e mentali, stimolare il sistema nervoso, alleviare la depressione e l’affaticamento, prevenire il mal d’alta quota e l’anossia. In Russia e Mongolia è usata per il trattamento di malattie e debolezza a lungo termine, causate da infezioni. La Rhodiola rosea è la specie di pianta medicinale alpino-artica più conosciuta della famiglia delle Crassulaceae, che cresce in Asia, Europa e Nord America. I rizomi contengono agenti tonici, adattogeni, antidepressivi, antinfiammatori, antitumorali, antitumorali, antivirali. Nei villaggi di montagna della Siberia, un mazzo di radici viene ancora dato alle coppie prima del matrimonio per migliorare la fertilità e assicurare la nascita di bambini sani. In Asia centrale, il tè di R. rosea era il trattamento più efficace per il raffreddore e l’influenza durante i severi inverni asiatici. I medici mongoli lo hanno prescritto per la tubercolosi e il cancro. Per secoli, solo i membri della famiglia sapevano dove raccogliere le “radici d’oro” selvatiche e i metodi di estrazione. I siberiani trasportavano segretamente l’erba lungo antichi sentieri verso le montagne caucasiche dove veniva scambiata per vini georgiani, frutta, aglio e miele.

Nel 77 A.C. nel suo De Materia Medica, il medico greco, Dioscoride, registrò per la prima volta le applicazioni medicinali di Rodia riza. I Vichinghi usavano l’erba per migliorare la loro forza fisica e resistenza.

Linneo la ribattezzò Rhodiola rosea riferendosi all’attar (fragranza) simile alla rosa . Per secoli, R. rosea è stato usato nella medicina tradizionale di Russia, Scandinavia e altri paesi. Tra il 1748 e il 1961 varie applicazioni medicinali di R. rosea apparvero nella letteratura scientifica di Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Unione Sovietica e Islanda.

Linneo descrisse di R. rosea come astringente e per il trattamento di ernia, leucorrea (perdite vaginali), isteria e mal di testa. Nel 1755 R. rosea fu inclusa nella prima farmacopea svedese. Ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per il dolore, il mal di testa, lo scorbuto, le emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Nel 1961, G.V. Krylov, un botanico e tassonomista russo nel Dipartimento di Botanica presso il ramo di Novosibirsk dell’Accademia Russa delle Scienze, guidò una spedizione nella taiga di cedro nei Monti Altai della Siberia meridionale dove localizzò e identificò la “radice d’oro” come Rhodiola rosea.

Studi clinici hanno rivelato che protegge gli animali e gli esseri umani dallo stress mentale e fisico, dalle tossine e dal freddo, cura da cancro e radiazioni grazie ai fenilpropanoidi specifici di R. rosea. L’uso tradizionale di R. rosea come tonico nella medicina siberiana e russa ha stimolato ricerche approfondite che hanno portato all’identificazione di R. rosea come adattogeno. Studi su colture cellulari, animali e umani hanno rivelato effetti antifatica, antistress, antiipossico (protezione contro gli effetti dannosi della privazione di ossigeno), antitumorali, antiossidanti, immunostimolanti e stimolanti sessuali. Simile ad altri adattogeni vegetali studiati da ricercatori russi, come Eleutherococcus senticosus (ginseng siberiano) e Panax ginseng (ginseng coreano), estratti di questa pianta producono cambiamenti favorevoli in una varietà di diverse aree della funzione fisiologica del sistema nervoso centrale e cardiovascolare. In Cina e Tibet, le specie rhodiola chiamate Hongjingtian sono utilizzate da migliaia di anni come adattogene, emostatiche e toniche. È usata da secoli anche nella medicina popolare della Scandinavia e della Russia. Tra il 1725 e il 1960 diversi dati sull’uso medicinale di questa specie furono pubblicati in Svezia, Norvegia, Francia, Germania, Russia e Islanda. Nel 1755, R. rosea fu inclusa nella Farmacopea di Svezia (prima edizione). Nel suo articolo del 1755 intitolato “Flora Svecia”, Linné ha mostrato che R. rosea emette un profumo molto piacevole e si raccomanda per curare il mal di testa.

I ricercatori tedeschi hanno descritto i benefici di R. rosea per dolore, mal di testa, scorbuto, emorroidi, come stimolante e antinfiammatorio. Recentemente, le erbe medicinali cinesi, fra cui Rhodiola, sono state studiate per la loro efficacia terapeutica nel trattamento di alcune malattie legate all’invecchiamento.

Rhodiola rosea in Bulgaria è sotto la protezione della legge per la diversità biologica. Secondo studi scientifici degli ultimi decenni, la pianta potrebbe avere un potenziale per l’uso nel trattamento di disturbi della memoria, stress e depressione.

Gli estratti di piante di Rhodiola sono tradizionalmente usati in tonici e adattogeni, antidepressivi e farmaci antinfiammatori. Il più noto è Rhodiola rosea. Gli effetti farmacologici della Rhodiola rosea, compreso il suo ruolo nell’aumentare la longevità, stimolare il sistema nervoso centrale ed elevare le prestazioni lavorative, ha effetto cardiotonico, neurotonico epatoprotettivo, svolge attività immunotropica, antivirale, antinfiammatoria e antibatterica.

 

Un ottimo rimedio naturale con Rodhiola è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta