Anemia e rimedi naturali _Rumex crispus

DiAlessandra Zarone

Anemia e rimedi naturali _Rumex crispus

Anemia e rimedi naturali

In questo articolo vi parlerò di un ottimo prodotto per Anemia. In esso è contenuto:

Rumex crispus L. è una pianta da fiore perenne della famiglia delle Polygonaceae, originaria dell’Europa e dell’Asia occidentale. È una specie naturalizzata diffusa in tutto il mondo temperato che è diventata una specie invasiva seria come erba in molte aree. Al contrario, la pianta è stata ampiamente utilizzata come medicina popolare per il trattamento di indigestione e dermatosi nei paesi asiatici. È comunemente conosciuto con il nome di Romice, ma è detto anche “Erba brusca”.

Rumex significa “lancia”, nome dovuto alla forma delle foglie che sembrano delle lance; mentre acetosa per il suo sapore che ricorda l’aceto.

Regno Unito

Le foglie crude o cotte sono aggiunte a insalate e zuppe. Dovrebbero essere usate solo le foglie molto giovani, preferibilmente prima che gli steli si siano sviluppati per evitare che siano amari. Se utilizzati all’inizio della primavera e in autunno possono o essere abbastanza piacevoli da gustare. Le foglie sono molto ricche di vitamine e minerali, in particolare il ferro e le vitamine A e C. I semi possono essere macinati in polvere e usati come farina per fare frittelle ecc. Il seme tostato è stato utilizzato come sostituto del caffè, è un lassativo delicato e sicuro, meno potente del rabarbaro nella sua azione, quindi, è particolarmente utile nel trattamento della stitichezza lieve. La pianta ha preziose proprietà detergenti ed è utile per il trattamento di una vasta gamma di problemi della pelle. La radice è astringente, colagoga, depurativa, lassativa e leggermente tonica. Può causare o alleviare la diarrea in base alla dose, al tempo di raccolta e alle relative concentrazioni di tannino (astringente) e antrachinone (lassativo) presenti.

Si consiglia una certa cautela nel suo uso poiché dosi eccessive possono causare disturbi gastrici, nausea e dermatiti. Il seme viene utilizzato nel trattamento della diarrea, tostato è stato utilizzato come sostituto del caffè.

Nella medicina popolare, veniva usato come blando lassativo e purificante della pelle. Curava la dissenteria, problemi epatici, itterizia, verruche, scorbuto, anemia, emorroidi. Ad uso interno per sanguinamento dei polmoni, vari disturbi del sangue e malattie croniche della pelle. Per uso esterno, la radice era schiacciata e utilizzata come impiastro e pomata, o essiccata e utilizzata in polvere su piaghe, ulcere, ferite. La radice viene raccolta all’inizio della primavera ed essiccata per un uso successivo. Un decotto di Rumex conglomeratus o R. crispus, era utilizzato nel Norfolk come presunta cura per il cancro.

Nicholas Culpeper (1616-1654) scrisse di Acetosa:

“L’acetosa è prevalente in tutte le malattie calde, per raffreddare qualsiasi infiammazione e calore del sangue e svenimenti derivanti dal calore, per rinfrescare gli spiriti, per placare la sete e procurare appetito allo stomaco. Resiste alla putrefazione del sangue, uccide i vermi ed un tonico per il cuore, il seme è più efficace, essendo più essiccante e legante, e quindi riduce i flussi caldi delle donne, o degli umori nel flusso mestruale, o gli umori del flusso sanguigno, o il flusso dello stomaco. La radice anche in decotto, o in polvere, è efficace per tutti gli scopi suddetti… Il decotto della radice viene preso per aiutare l’itterizia e per espellere la sabbia o i calcoli renali.”

 Irlanda

Rumex crispus Linnaeus introdotto In Irlanda, come “yellow dock”, uno dei suoi nomi alternativi più comuni, Rumex crispus è registrato nell’uso popolare da Sligo, Cavan e Wexford. Un decotto di radici veniva bevuto per stitichezza, vermi intestinali, problemi a fegato e cuore, malattie della pelle e reumatismi, ferite e infezioni alla bocca e piaghe cancerose.

La pratica più diffusa in tutte le isole britanniche consisteva nello strofinare una foglia sulla pelle per alleviare punture di insetto, bruciature, scottature, eruzioni cutanee. Inoltre, le foglie venivano immerse nel brandy o whisky e applicate sulle ferite sanguinanti. Le foglie venivano utilizzate per assorbire l’umidità dei piedi dei piedi, il mal di testa, il dolore dei reumatismi. Le foglie le radici erano un medicamento per piaghe di vario tipo, lividi sulle braccia, gambe e piedi screpolati. I semi venivano bolliti per pulire le ferite dal pus. E per curare tosse, raffreddore e bronchite. Le foglie venivano strofinate sulle parti oppure veniva bevuto il decotto di radici.

Le parti aeree sono utilizzate ancora oggi per l’infiammazione acuta e cronica delle vie nasali e delle vie respiratorie. Utilizzato anche come misura aggiuntiva nella terapia antibatterica e per il suo effetto disintossicante.

Turchia:

La medicina tradizionale era ancora estesa tra la gente di Erzurum. Tuttavia, vi è una graduale perdita di informazioni tradizionali sull’uso delle piante medicinali nelle generazioni più giovani. può essere usato come medicina a base di erbe per alcune malattie. La Tunisia ha una grande varietà di specie con molteplici interessi, comprese le pratiche terapeutiche popolari. Alcune piante per ogni specie non sono state sottoposte a studi chimici. Circa 200 specie di piante del genere Rumex sono caratterizzate dalle loro virtù commestibili e medicinali. Queste specie contengono molti composti bioattivi con strutture chimiche complesse. Le parti aeree e radici, sono state utilizzate nella   medicina popolare a scopo antinfiammatorio, antiossidante, analgesico, antimicrobico e per il trattamento di cancro, fegato, vescica e reni.

Steli, foglie e radici di R. abyssinicus L., R. bequaertii L. e R. usambarensis L. sono usati per trattare tosse, polmonite, ascessi, vaiolo e mal di stomaco.

Noto come “Labada” in Turchia, è stato segnalato per essere utilizzato per il trattamento di malattie ginecologiche come complicazioni post partum e infertilità nella medicina popolare. Studi precedenti hanno dimostrato che gli estratti di foglie, frutta e radici hanno attività antinfiammatorie e antiossidanti e sono utilizzati per il trattamento dei tumori nell’utero. Le radici, le foglie e i semi sono stati segnalati per possedere ampie attività curative, tra cui antiossidanti, antimicrobici.

In Etiopia cura il mal di testa, guarisce le ferite e gli ascessi, eczema, gonfiore, tonsillite, lebbra ed emorroidi.

La radice è usata tradizionalmente nella medicina asiatica per il trattamento dell’emorragia e della dermatite, la scabbia, l’ematochezia e la neurodermite nella medicina asiatica.

In Ungheria e in Romania, Rc viene utilizzato per il trattamento di diarrea, eruzioni cutanee, piaghe e ferite.

Rumex crispus è una pianta perenne che cresce in ambienti umidi in tutta la Corea. Le sue radici sono utilizzate nella medicina tradizionale coreana per trattare diverse malattie, tra cui malattie della milza e della pelle e diverse patologie infiammatorie.

È stato utilizzato dalle tribù indiane americane per il trattamento di diarrea, dissenteria e problemi della pelle, comprese le infezioni fungine.

L’infuso o decotto è stato comunemente usato nelle medicine popolari dai nativi dell’Africa per il trattamento di elminti, ferite, emorragie interne e malattie vascolari.

In Italia, nella medicina popolare, foglie calde di R. crispus e R. sanguineus vengono applicate per trattare gli ascessi. Un impacco fatto di foglie e semi è applicato a ferite e piaghe come agente cicatrizzante. Le foglie schiacciate nell’argilla sono state utilizzate contro ascessi, ustioni e punture di insetti.

Un ottimo rimedio contenente Rumex crispus è Alato 9, disponibile in farmacia o qui 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta