Erbe depurative ed etnobotanica_Orthosiphon

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica_Orthosiphon

Erbe depurative ed etnobotanica

Orthosiphon:

Orthosiphon stamineus Benth. (Lamiaceae), O. aristatus (B1) Miq., O. grandiflorus Bold., O. spicatus (Thumb)] , localmente noto come ”baffo di gatto”, è una pianta medicinale apprezzata nella medicina popolare tradizionale malese  indonesiana. Molti studi farmacologici ne hanno dimostrato proprietà attività antimicrobiche, antiossidanti, antifungine, antitensive, epatoprotettive, antigenotossiche, antiplasmodiali, citotossiche, cardioattive, antidiabetiche, antinfiammatorie, vasodilatative. È stato a lungo utilizzato nella medicina tradizionale in India orientale, Indocina, Sud-Est asiatico e regioni tropicali dell’Australia. Le foglie di questa pianta sono utilizzate nel sud-est asiatico e nei paesi europei per la ben nota tisana “Tè di Giava”. Tradizionalmente questa pianta è stata usata come diuretico e per curare reumatismi, dolori addominali, diabete, infiammazione dei reni e della vescica, edema e gotta. Gli studi hanno dimostrato che le foglie di O. stamineus presentano una serie di proprietà farmacologiche antinfiammatorie, antiossidanti, antibatteriche, antiangiogenetiche.

Viene utilizzata nella medicina popolare per trattare l’ipertensione e i calcoli renali. Esperimenti in vitro sono stati condotti per studiare le attività antiossidanti, antitumorali, antibatterica e antinfiammatorie utilizzando l’estratto vegetale etanonico. Il risultato mostra meno attività antibatterica, antitumorali e antinfiammatorie rispetto ai rispettivi standard. I migliori risultati sono stati ottenuti con lo studio antiossidante. Orthosiphon stamineus è comunemente noto come misai kucing (Malesia) e kumis kucing (Indonesia). La specie orthosiphon è classificata in due varietà: una con i fiori bianchi (varietà bianca) e l’altra con i fiori viola chiaro (varietà viola). La varietà viola contiene più composti bioattivi di quella bianca. Le foglie di O. stamineus presentano eccellenti attività antiossidanti, antibatteriche, epatoprotettive, antinfiammatorie, citotossiche, antipertensive e vasodilatatorie . Molte farmacopee come francese, indonesiana, olandese e svizzera indicano questa pianta per la cura dei disturbi renali, fra cui nefrite, cistite e uretrite. Nella medicina popolare europea le foglie di estratto di O. stamineus sono utilizzate come tonico per calcoli renali e vescicali, problemi al fegato e alla cistifellea, infezioni del tratto urinario. Le piante medicinali sono ampiamente utilizzate in tutto il mondo come medicina popolare per diversi scopi. Sono stati utilizzati come agenti antibatterici, antiossidanti, antiulcera, antinfiammatori, antivirali, antitumorali e per il trattamento e la prevenzione di diversi tipi di malattie, specialmente nei paesi in via di sviluppo dove le malattie infettive sono endemiche e i servizi sanitari e le strutture igieniche sono inadeguati. O. stamineus contiene più di 20 composti fenolici, tra cui nove derivati dell’acido caffeico, come l’acido rosmarinico e l’acido 2,3-dicaffeoiltartarico, due glicosidi flavonolici e nove flavoni lipofili.

Un ottimo rimedio contenente Orthosiphon è Alato 7, acquistabile in Farmacia o qui 

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta