Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Leonorus cardiaca

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia : Leonorus cardiaca

Rimedi naturali per ansia, agitazione e insonnia

Premessa

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII). La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico. Infatti, Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito. Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Leonorus cardiaca

Leonorus cardiaca L. (motherwort) è un’erba perenne, originaria dell’Asia e dell’Europa sud-orientale, con una diffusa presenza globale ai giorni nostri. La pianta è stata storicamente utilizzata come cardiotonica e per il trattamento di afflizioni ginecologiche (come amenorrea, dismenorrea, ansia da menopausa o depressione post partum). Sebbene il suo uso nella medicina orientale e occidentale sia relativamente ben documentato.

Originariamente utilizzata nella nevrosi cardiovascolare, angina pectoris, ipertonia, dall’inizio del 20 ° secolo come sedativo, ad esempio in condizioni nervose, psicastenia, nevrastenia con insonnia, stress, iperreattività, distonia vegetativa-vascolare, sintomi nervosi nel periodo pre menopausa e post menopausa, usata nella medicina popolare come sedativo, in caso dismenorrea, sindrome premestruale. Nella Medicina Unani in assenza di mestruazioni, tensione premestruale, vampate di calore della menopausa, spasmi (Mattiolius 1626), paralisi degli arti (Mattiolius 1626),

trattamento delle ferite, espellere la flemma dai polmoni, sostenere la funzione gastrica, dolore allo stomaco, dolore causato da calcoli biliari.

Leonurus japonicus HOUTT., chiamata Cardiaca Cinese:

Il primo uso riportato “per espellere il feto morto e la placenta trattenuta” è descritto nella prima Farmacopea ufficiale dei Chini Tang Peng Ts’ao (659 d.C.). MTC attuale: disturbi mestruali, mestruazioni dolorose, amenorrea, menorrea prolungata, edema con ridotta eliminazione delle urine, edema nella nefrite acuta. Più frequentemente usato come emmenagogo sotto forma di decotto. Per attivare la circolazione sanguigna e regolare le mestruazioni, per sottomettere l’iperattività del fegato e per la cataratta. Usata per disturbi mestruali, amenorrea, dismenorrea, vertigini e mal di testa, mestruazioni dolorose, infiammazione dell’occhio, opacità corneale, vertigini, dolore e sensazione di tensione.

Nelle parti orientali della Cina si usa nella medicina popolare per promuovere il recupero uterino dopo il parto, sindrome premestruale, disturbi cardiaci causati da ansia e stress (nessuna differenza con L. cardiaca L.). In uno studio retrospettivo a Taiwan, L. japonicus, herba era la sostanza a base di erbe più comunemente prescritta per il trattamento dei sintomi legati alla menopausa.

Leonurus sibiricus L., erba Utilizzata nella medicina tradizionale coreana per il trattamento del leiomioma uterino.

In un testo molto antico, (Schröder 1685) i preparati di L. cardiaca sono “particolarmente utili per il trattamento dei disturbi cardiaci nei bambini”.

Leonorus era utilizzata dalla medicina popolare utilizzato per il trattamento di diverse afflizioni nervose, come depressione, ansia, stress, epilessia. Fino al X secolo, le tradizioni popolari di guarigione russe avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci trovarono la loro strada in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata.

In Russia, Leonorus cardiaca L.  e Leonorus quinquelobatus Gilib., erano usate come rimedio per la rabbia e sedativo. Fino al X secolo, i guaritori avevano uno scambio limitato di idee tra le varie regioni, al momento in cui fu introdotta per la prima volta la letteratura erboristica e medica. A quel tempo, copie di diversi erboristi greci si diffusero in Russia attraverso i monasteri e alla fine furono tradotte in russo. A differenza della pratica erboristica in altri paesi, tuttavia, la tradizione erboristica russa era forte e ben consolidata. A metà del XIII secolo e per oltre trecento anni, la Russia fu occupata da tartari e mongoli. Queste popolazioni diffusero le proprie tradizioni erboristiche, che sono state incorporate nella prassi di guarigione dagli erboristi locali. Culpepper scrisse nel 1652: “Non c’è erba migliore per scacciare i vapori malinconici dal cuore per rafforzarlo e rendere la mente allegra”. Bevo sempre il tè di Leonorus, quando il mio cuore si sente pesante per qualsiasi motivo, noto o sconosciuto. Ha una notevole capacità di lenire il cuore come una nonna, facendomi sentire compreso e protetto”.

Un ottimo prodotto fitoterapico è Alato 4, contiene Leonorus cardiaca. È indicato per spasmi di origine nervosa, nevrosi cardiaca, ipereccitabilitá, ansia, agitazione, insonnia, calmante con effetto veloce. Acquistabile in farmacia, per maggiori informazioni clicca qui.

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta