Archivio dei tag spasmi viscerali

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Melissa

Melissa:

La melissa (Melissa officinalis L.), membro della famiglia delle Lamiaceae (ex Labiatae), è una delle importanti specie di piante medicinali. La melissa (Melissa officinalis L.), conosciuta anche come balsamo, balsamo inglese, balsamo da giardino, balsamo menta, balsamo comune, balsamo dolce, delizia del cuore, è un’erba aromatica della famiglia della menta (Lamiaceae). È originaria dell’Europa e dell’Asia centrale ed è ora coltivata nella maggior parte delle regioni temperate e subtropicali di tutto il mondo.

Esistono due sottospecie, Melissa officinalis subsp. officinalis, la comune melissa coltivata; e M. officinalis ssp. altissima, naturalizzati in Nuova Zelanda.

I documenti riguardanti il suo uso risalgono a oltre 2000 anni, è descritta nella Historia Plantarum, scritta da Teofrasto, fra il quarto e il terzo secolo a.C.  Dopo la sua introduzione in Spagna nel VII secolo, il suo uso si diffuse in tutta Europa dal Medioevo.

Dioscoride (49-90 CE) in De Materia Medica scrisse:

“Le foglie e i gambi odorano di limone. Un decotto delle foglie preso come bevanda, o applicato è buono per chi viene toccato dagli scorpioni, o morso di ragni o cani.”

Paracelso (1493-1541) prescrisse la melissa per rianimare una persona, e suggerì di usarla per “tutti i disturbi che dovrebbero derivare da uno stato disordinato del sistema nervoso”.

Nella cultura popolare, si credeva che scacciasse il male dalle abitazioni e per tal motivo casa veniva coltivata davanti alla porta, era usata come sedativo e ansiolitico, anche se diversi speziali a base di erbe dell’epoca creavano balsamo con effetti benefici generali sul cervello e in particolare con miglioramenti specifici alla memoria.

Nella medicina popolare europea, gli usi di Melissa sono principalmente legati al trattamento di disturbi nervosi, insonnia, malinconia, problemi digestivi e cardiaci.

Nella medicina popolare islamica, Melissa è utilizzata in caos di tumore.

Austria:

Melissa officinalis L. (melissa), in varie formulazioni, è stata ampiamente utilizzata come rimedio popolare per il trattamento di diversi sintomi legati alla psiche. Nella medicina tradizionale austriaca, le foglie di M. officinalis sono state prescritte come tisana, o come applicazione esterna sotto forma di olio essenziale, per il trattamento di disturbi del tratto gastrointestinale, del sistema nervoso, del fegato e della bile.

Inghilterra:

La melissa era una delle piante preferite dei Tudor, che spargevano le foglie sui loro pavimenti. Era nel giardino delle erbe del botanico inglese John Gerard nel 1590. Il suo erbario conosciuto come “The Grete Herball”, raccomandava l’uso di Melissa come unguento per tutti i dolori, un decotto di  melissa era indicato per la respirazione e facilitare il concepimento.

Il botanico inglese del 1600, Nicholas Culpepper, considerava la melissa governata dal pianeta Giove in Cancro e suggerì di usarla per “stomaci deboli”, per far sì che il cuore diventasse “allegro”, per aiutare la digestione, per aprire “ostruzioni del cervello” ed per espellere “vapori malinconici” dal cuore e dalle arterie. Sin dal Medioevo è stato utilizzata per la regolazione del sonno, dell’appetito e della digestione, la riduzione dell’ansia e come sollievo dal dolore.

Il London Dispensary (1696) affermava: “Un’essenza di Melissa, data nel vino delle Canarie, ogni mattina rinnoverà la giovinezza, rafforzerà il cervello, allevierà la natura languente e preverrà la calvizie”.

In epoca vittoriana, melissa era usata come pianta simbolica per la trasmissione di messaggi tra amanti.

Fu portata in America dall’Europa dai coloni e iniziò a crescere nei loro giardini.

[Tweet “Melissa è descritta nei manoscritti persiani di Medicina”]

Melissa è descritta nei manoscritti persiani di Medicina Qarabadin-e-kabir e Qarabadin-e-salehi.

I Qarabadins erano una sorta di libri farmaceutici, un registro di farmaci e preparati contenenti forme di dosaggio, procedure di preparazione, considerazioni, dose di somministrazioni. Esistono più di cento Qarabadins scritti da medici persiani e farmacisti dal IX al XVIII  secolo d.C. Melissa menzionata con il nome “Badranjboye”, era utilizzata in idrolato, come sedativo, spasmolitico, antibatterico, tonico di cuore e cervello.

Melissa officinalis L. è usato fin dall’antichità nella medicina popolare a causa dei suoi effetti sedativi, digestivi, carminativi, spasmolitici e analgesici. Il suo impatto terapeutico è dovuto al contenuto di olio essenziale e acido rosmarinico.

Inoltre, i risultati di molte ricerche cliniche hanno dimostrato che l’olio essenziale di melissa può essere utilizzato nel trattamento del morbo di Alzheimer, come antiossidante contro gli effetti negativi dei radicali liberi e agente antitumorale. Ha un effetto positivo sul sistema immunitario e sullo stress.

Un ottimo rimedio contenente Melissa è Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui: