Archivio dei tag longevità

DiAlessandra Zarone

Sistema nervoso e rimedi naturali

Sistema nervoso e rimedi naturali

 

I tridosha giocano un ruolo molto importante nel conservare la salute delle cellule e la longevità. Ogni dosha svolge un ruolo vitale nel sostenere il funzionamento di ciascuno dei bilioni di cellule

che formano il corpo umano. Kapha mantiene la longevità a livello cellulare. Pitta governa la digestione e la nutrizione. Vata, che è strettamente collegato all’energia vitale del prana, governa

tutte le funzioni vitali.

Ad un livello più profondo, per combattere l’invecchiamento è necessario equilibrare le tre essenze sottili che sono all’interno del corpo: prana, ojas e tejas. Il funzionamento di prana, ojas

e tejas corrisponde, ad un livello più sottile della creazione, al funzionamento di vata, kapha e pitta rispettivamente. Dieta, esercizio fisico e stile di vita adeguati possono creare un equilibrio fra

queste tre essenze sottili assicurando una lunga vita. Il prana è l’energia vitale che esegue la respirazione, l’ossigenazione e la circolazione. Il prana governa anche tutte le funzioni motorie e sensoriali. L’energia vitale del prana eccita il fuoco corporeo centrale (agni). La naturale intelligenza del corpo viene espressa spontaneamente attraverso il prana.

La sede del prana è nel capo ed il prana governa tutte le attività cerebrali più elevate.

Le funzioni della mente, della memoria, del pensiero e delle emozioni, sono tenute tutte sotto il controllo del prana. Il funzionamento fisiologico del cuore è anche esso governato dal prana e, dal cuore, il prana entra nel sangue controllando in questo modo anche l’ossigenazione in tutti i dhatu e negli organi vitali. Il prana governa le funzioni biologiche delle altre due essenze sottili, ojas e tejas. Durante la gravidanza, l’ombelico del feto è la porta principale attraverso cui il prana entra nel grembo e nel corpo del feto. Questo prana regola anche la circolazione di ojas nel feto. In questo modo, in tutti gli esseri umani, perfino in coloro che debbono ancora nascere, un disordine del prana può creare uno squilibrio di ojas e tejas e viceversa.

Il ringiovanimento deve avvenire ai livelli fisico, mentale e spirituale: 

Proprio come un panno sporco non può assumere il giusto colore quando viene tinto, così il corpo non avrà profitto dalle pratiche di ringiovanimento fino a che non sarà prima purificato

dall’interno. Un’erba ringiovanente assunta oralmente, prima che le sue sostanze arrivino nel flusso sanguigno, passa attraverso lo stomaco, l’intestino tenue e l’intestino crasso.

Il ringiovanimento mentale comporta il calmare la mente. Una mente quieta e meditativa aiuta anch’essa a favorire la longevità. Perciò si deve imparare a “testimoniare” tutte le attività mentali (pensieri ed emozioni) rimanendo distaccati dall’esperienza. Una raccomandazione ayurvedica per promuovere la pace mentale è l’isolamento, evitare gli affari mondani e la vita di società.

 

Rimedi naturali: 

Bacopa monnieri, una pianta nootropa   ben documentata ad alta domanda globale commerciale, era stata esplorata per il suo effetto nell’alleviare altre malattie e sintomi. Ciò è principalmente attribuito a diversi fitocomposti presenti nella pianta. Uno dei principali costituenti tra questi sono le saponine.

Bacopa monnieri (BM), una medicina ayurvedica tradizionale, ha diminuito l’apoptosi e la senescenza . E’ comunemente nota come Brahmi, tradizionalmente usato per il miglioramento della memoria, tonico nervino, epilessia, sistema nervoso centrale (SNC), antidepressivo, ansia, pressione sanguigna e attività antiossidanti. È nota per le sue proprietà che migliorano la memoria ed è di grande interesse nel trattamento delle malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer,  con  miglioramenti significativi nell’orientamento, nell’attenzione e nei componenti linguistici. Bacopa previene lo stress mitocondriale e ossidativo .

Una serie di studi e studi clinici hanno studiato le proprietà di miglioramento della memoria di B.monnieri, dimostrando un  miglioramento dei ricordi in individui anziani sani (età media 62 anni).Inoltre, è stato osservato che l’effetto è continuato dopo la cessazione della somministrazione dell’estratto di B.monnieri.

Una meta-analisi di 9 studi randomizzati controllati ha concluso che B.monnieri ha il potenziale per migliorare la funzione cognitiva, in particolare nella velocità di attenzione. I pazienti hanno anche riportato un miglioramento della qualità della vita. Uno studio su pazienti più anziani (prevalentemente di 65 anni e più) con disturbi della memoria (anche se non è stato formalmente diagnosticato con il morbo di Alzheimer) ha mostrato che il trattamento con estratto di 125 mg al giorno di B.monnieri ha portato a miglioramenti in alcuni aspetti della memoria (controllo mentale, memoria logica).

L’aspettativa di vita è in aumento in tutto il mondo sviluppato, con il risultato di un numero più significativo di anziani, molti dei quali possono richiedere maggiore assistenza sanitaria, poiché la prevalenza di malattie aumenta con l’età. Le malattie neurodegenerative come il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza sono causa in tutto il mondo. Attualmente ci sono 44 milioni di persone che hanno il morbo di Alzheimer in tutto il mondo; inoltre, con una popolazione che invecchia e nessuna cura efficace attuale, tale numero dovrebbe salire a 76 milioni entro il 2030 e a 135 entro il 2050. Si ritiene che la tossicità del glutammato sia un fattore nella patologia della neuro degenerativa nei pazienti anziani. Alte concentrazioni di glutammato possono bloccare l’assorbimento della cistina nelle cellule, con conseguente esaurimento della cisteina intracellulare e del glutatione, un antiossidante cellulare.

una cifra di estensione statisticamente significativa in avanti. B. monnieri ha un esito positivo nel trattamento dell’Alzheimer. Per una revisione aggiornata degli effetti neuro-farmacologici e cognitivi di B.monnieri.

Ginko biloba

 L’estratto di ginkgo biloba è stato usato terapeuticamente per diversi decenni per aumentare il flusso sanguigno periferico e cerebrale e per il trattamento della demenza. L’estratto contiene composti come flavonoidi e terpenoidi che si pensa contribuiscano ai suoi effetti neuroprotettivi e vasotropici. Ginkgo biloba è indicato nel trattamento da deficit di  memoria velocità cognitiva, lesioni cerebrali traumatiche, Alzheimer, ictus, disturbi vaso-occlusivi e invecchiamento, edema, acufene e degenerazione maculare. Nella medicina cinese, Ginkgo biloba (Ginkgoaceae) è usato per trattare la perdita di memoria a breve termine, le vertigini e la mancanza di attenzione.

L’estratto di Ginkgo Biloba contiene flavonoidi (24%) e terpenoidi (6%). Questo estratto ha effetti neuroprotettivi, esercitati attraverso la sua funzione antiossidante. Il morbo di Parkinson è un disturbo neurodegenerativo che colpisce il 2% della popolazione di età superiore ai 60 anni. Produce una progressiva perdita di neuroni dopaminergici e l’esaurimento della dopamina, portando a compromissione del movimento.

Ansia e stress sono causati da molti fattori, tra cui un ambiente stressante che potrebbe causare affaticamento e bassa qualità della vita. I rifugiati e i sopravvissuti alla guerra sono più a rischio di sviluppare problematiche connesse al sistema nervoso . L’estratto di ginkgo biloba è stato utilizzato come uno dei potenziali rimedi erboristici per migliorare le funzioni cognitive.
I partecipanti allo studio erano rifugiati iracheni, reclutati da tre centri medici della Caritas: Amman, Madaba e Zarqa. Il G. biloba è stato somministrato ogni giorno ai partecipanti per 6 settimane.

C’è stata una significativa diminuzione dell’ansia, dell’affaticamento fisico, dell’affaticamento mentale e della riduzione dell’affaticamento da attività.
L’aggiunta di G. biloba porta a un significativo miglioramento dell’ansia e di alcuni dei sintomi di affaticamento. Tradizionalmente, Ginko biloba è stato usato come agente nootropico e antiossidante nell’insufficienza cerebrovascolare, principalmente in pazienti con deficit cognitivo.  Nel presente studio, l’assunzione giornaliera di 120 mg G. biloba per 6 settimane ha ridotto i livelli di ansia in un gruppo di rifugiati, coerentemente con le ricerche precedenti. L’uso a lungo termine di G. biloba aumenta il neurotrasmettitore di monoammina, migliorando così l’umore. G. biloba svolge un ruolo antiossidante fondamentale che protegge gli eritrociti dai danni, consentendo quindi un maggiore apporto di ossigeno e produzione di energia.

È stato dimostrato che G. biloba migliora i sintomi della stanchezza, la resistenza fisica e le attività della vita quotidiana.

Sono a tua disposizione con un Percorso Naturopatico

Un ottimo prodotto è Alato 21, disponibile qui o in farmacia.

 

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi