Archivio dei tag teanina l

DiAlessandra Zarone

Metabolismo energetico e stress ossidativo

Metabolismo energetico e stress ossidativo:

Il fabbisogno energetico umano viene definito come l’apporto di energia di origine alimentare necessario a compensare il dispendio energetico di individui che mantengano un livello di attività fisica sufficiente per partecipare attivamente alla vita sociale ed economica e che abbiano dimensioni e composizione corporee compatibili con un buono stato di salute a lungo termine.

Lo stress ossidativo, è un disturbo nell’equilibrio tra la produzione di specie reattive di ossigeno (radicali liberi) e difese antiossidanti. Lo stress ossidativo riflette uno squilibrio tra la manifestazione sistemica delle specie reattive dell’ossigeno e la capacità di un sistema biologico di disintossicare prontamente gli intermedi reattivi o di riparare il danno risultante.

Nell’uomo, si ritiene che lo stress ossidativo sia coinvolto nello sviluppo del cancro, morbo di Parkinson, la malattia di Lafora, il morbo di Alzheimer, aterosclerosi, insufficienza cardiaca, infarto del miocardio, vitiligine, autismo, infezione, sindrome da fatica cronica  e depressione.

 

 

 

 

Prevenzione con  rimedi naturali :

Il tè Yerba Mate, un infuso a base di foglie dell’albero Ilex paraguariensis, è una bevanda analcolica ampiamente consumata in Sud America che sta guadagnando una rapida introduzione nel mercato mondiale, sia come the  che come ingrediente in cibi formulati o integratori alimentari. Gli indigeni lo hanno usato per secoli come bevanda sociale e medicinale. Yerba Mate  è ipocolesterolemico, epatoprotettivo, stimolante del sistema nervoso centrale, diuretico e a beneficio del sistema cardiovascolare. È utile nella gestione dell’obesità. Yerba Mate protegge il DNA dall’ossidazione e dalla lipoproteina  a bassa densità in vitro e ha un’elevata capacità antiossidante. Il consumo di Yerba mate può esercitare un effetto benefico sulla salute, tra cui: un effetto protettivo sulle cellule del fegato, stimolazione del sistema nervoso centrale, effetto antinfiammatorio e un effetto positivo sul sistema cardiovascolare.

La vitamina C  è considerata una molecola antiossidante vitale nel cervello. Aiuta a mantenere l’integrità e la funzione di diversi processi nel sistema nervoso centrale (SNC), tra cui maturazione e differenziazione neuronale, formazione di mielina, sintesi della catecolamina, modulazione della neurotrasmissione e protezione antiossidante. L’importanza della Vit C per la funzione SNC è stata dimostrata dal fatto che la cancellazione mirata del co-trasportatore sodio-vitamina C nei topi provoca un’emorragia cerebrale diffusa e la morte il primo giorno post-natale. Poiché le malattie neurologiche sono caratterizzate da una maggiore generazione di radicali liberi e le più alte concentrazioni di Vit C nel corpo si trovano nel cervello e nei tessuti neuroendocrini, si evince  che Vit C possa cambiare il corso delle malattie neurologiche e mostrare potenziali ruoli terapeutici. Agisce sulle malattie neurodegenerative tra cui il morbo di Alzheimer, il morbo di Parkinson, il morbo di Huntington, la sclerosi multipla e la sclerosi amiotrofica, nonché i disturbi psichiatrici tra cui depressione, ansia e schizofrenia. I potenziali effetti benefici delle proprietà antiossidanti della vitamina C sono stati studiati in una serie di condizioni patologiche e disturbi cardiovascolari. La vitamina C previene i danni causati dallo stress al cuore causati dalla morte di cardiomiociti, attraverso la regolazione dell’eccessiva produzione di catecolamina ( rif . Catecolamina – Wikipedia). Nel complesso, l’insufficienza di vitamina C aumenta il rischio di danni cardiaci indotti dallo stress con cambiamenti strutturali e funzionali derivanti dall’apoptosi dei cardiomiociti. La vitamina C è fondamentale nella  prevenzione dello sviluppo della malattia nel fegato e gravi danni al fegato indotti dall’infiammazione possono essere prevenuti con sufficiente integrazione di vitamina C.

 

La vitamina C :

  • contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario
  • contribuisce alla  corretta produzione di collagene per garantire il corretto funzionamento di denti, vasi sanguigni, pelle, gengive, cartilagine, ossa
  • contribuisce al mantenimento della normale funzione immunitaria durante e dopo un pesante sforzo fisico
  • aiuta a proteggere i componenti cellulari dai danni ossidativi
  • aumenta l’assorbimento del ferro
  • contribuisce alla corretta generazione di energia dei processi metabolici
  • contribuisce al corretto funzionamento del sistema nervoso
  • contribuisce a ridurre l’affaticamento
  • contribuisce al corretto fluire delle attività mentali (psicologiche)

 

Teanina -L

Il tè è noto per essere una ricca fonte di antiossidanti flavonoidi. Tuttavia il the contiene anche un amminoacido unico, Teanina -L  che può modulare aspetti della funzione cerebrale negli esseri umani. Le prove degli studi sull’elettroencefalografo umano ) mostrano che ha un effetto diretto sul cervello,  aumenta significativamente l’attività nella banda di frequenza alfa, ciò indica che rilassa la mente senza indurre sonnolenza. Ha  un effetto significativo sullo stato generale di vigilanza mentale o eccitazione. Sebbene gli effetti farmacologici della teanina siano incerti, diversi ricercatori hanno proposto una serie di meccanismi con cui può agire sul SNC. Questi includono l’inibizione dei recettori del glutammato, aumentando la concentrazione di acido gamma-amminobutirrico (GABA), aumentando la dopamina e la serotonina in specifiche regioni cerebrali e il blocco neuroprotettivo di molteplici sottotipi di recettore del glutammato nell’ippocampo, suggerendo un potenziale ruolo nel morbo di Parkinson. In generale, la corteccia cerebrale degli animali e dell’essere umano può produrre onde cerebrali, che possono essere classificate come onde α, β, δ e θ in base alla loro frequenza, teanina-L può accelerare la generazione di onde α e indurre il rilassamento. Teanina-L può migliorare la capacità di apprendimento e la memoria del cervello, è utile per  prevenire il morbo di Parkinson, il climaterio, la demenza senile, malattie del sistema  nervoso e cardiache. E’ utile per prevenire coma epatico, dismnesia ( perdita di memoria) e ipofrenia ( ritardo mentale).

 

 A tua disposizione con un percorso di Naturopatia

 

DiAlessandra Zarone

Un approccio naturale ai disturbi del sistema nervoso

Un approccio naturale ai disturbi del sistema nervoso

Medici e filosofi greci e latini distinguevano l’ansia da altri tipi di effetti negativi e la identificavano come un disturbo medico. Gli antichi filosofi epicurei e stoici suggerirono tecniche per raggiungere uno stato mentale privo di ansia che ricordano la moderna psicologia cognitiva. Tra l’antichità classica e la fine del XIX secolo c’era un lungo intervallo durante il quale l’ansia non era classificata come una malattia separata.

Il Corpus Ippocraticum è una raccolta di testi medici greci attribuiti ad Ippocrate (dal 460 a.C. ca. al 370 d.C.), o scritti a suo nome dai suoi discepoli. Viene descritta la fobia di un uomo di nome Nicanor: “L’affetto di Nicanor (πάθoς), quando andò a una festa per bere…. “In questo testo viene descritto un tipico caso di fobia, etichettato come disturbo medico.

Gli scritti filosofici di stoici latini, come i trattati di Cicerone e Seneca, prefigurano molte opinioni moderne riguardanti le caratteristiche cliniche e il trattamento cognitivo dell’ansia. Nelle Dispute >Tusculane (TD), Cicerone (dal 106 a.C. al 43 a.C.) scrisse che l’afflizione (molestia), la preoccupazione (sollicitudo) e l’ansia (angor) sono chiamate disturbi (aegritudo), a causa dell’analogia tra una mente travagliata e un corpo malato. (TD, Libro III, X) Questo testo dimostra che l’effetto ansioso si distingue dalla tristezza; inoltre, l’ansia è definita come una malattia medica (aegritudo). La parola latina aegritudo è la solita parola indicante malattia nei libri di testo medici. Cicerone chiarisce che questo termine è usato per tradurre il termine greco pathos (παθoς). Al tempo di Cicerone, gli autori romani stavano creando nuovi termini per spiegare concetti filosofici e medici, e si riferivano alle parole greche originali per definire questi neologismi. Cicerone offre una descrizione clinica dei vari effetti anomali: Angor (ansia) è ulteriormente caratterizzato clinicamente come un disturbo “costrittivo” (premens), mentre la molestia (afflizione) è descritta come permanente (permanens) e sollicitudo (preoccupazione) come rimuginazione (cum cogitatione) (TD, Libro IV, VIII).

La parola ansia deriva dall‘angor sostanziale latino e dal verbo corrispondente ango (per restringersi). Una parola imparentata è angusto (stretto). Queste parole derivano da una radice indoeuropea che ha prodotto Angst nel tedesco moderno (e parole correlate in olandese, danese, norvegese e svedese). È interessante notare che la stessa relazione tra l’idea di ristrettezza e ansia è attestata nell’ebraico biblico,  Giobbe esprime la sua angoscia (Giobbe 7:10) letteralmente con l’espressione ebraica “la ristrettezza (zar) del mio spirito”.

Nel XVII secolo, Robert Burton descrisse l’ansia in Anatomia della Malinconia. Attacchi di panico e disturbo d’ansia generalizzato possono essere riconosciuti nelle “panofobie” nella nosologia pubblicata da Boissier de Sauvages nel XVIII secolo. Inoltre, i sintomi d’ansia erano una componente importante dei nuovi costrutti della malattia, che culminavano nella neurastenia nel 1800. Emil Kraepelin dedicò molta attenzione alla possibile presenza di grave ansia nella malattia maniacale-depressiva, anticipando così l’identificatore di “ansia ansiosa” dei disturbi bipolari nel DSM-5.

Nel XVIII secolo, gli autori medici pubblicavano descrizioni cliniche degli attacchi di panico, ma non li etichettavano come una malattia separata. Piuttosto, i sintomi degli attacchi di panico erano spesso considerati sintomi di malinconia.

Effetti dell’ansia :

  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Respirazione rapida
  • Irrequietezza
  • Problemi di concentrazione
  • Difficoltà ad addormentarsi
  • Sensazione di vertigini
  • Bocca secca
  • Mani fredde
  • Brividi e vampate di calore
  • Angoscia
  • Intorpidimento
  • Mancanza di respiro
  • Paura eccessiva
  • Pensiero ossessivo
  • Palpitazioni

Ansia e depressione hanno un grande importanza nella salute mentale ed caratterizzata da una combinazione di fattori:

  • Ereditarietà
  • eventi stressanti in corso
  • problemi di salute

L’ansia eccessiva può verificarsi sia a causa della genetica che come risultato dell’ambiente. Alcune persone sono geneticamente predisposte all’ansia. Esperienze traumatiche durante la prima infanzia possono causare intense emozioni che possono portare a episodi di ansia. Durante questi episodi possono sorgere vari sentimenti come paura, preoccupazione, incertezza, ipersensibilità, sovraccarico emozionale, perdita di controllo, senso di conflitto interno, indecisione, ecc.

La visione ayurvedica

L’obiettivo primario dell’Ayurveda è bilanciare la mente, rafforzare il corpo, aumentare l’energia e purificare tratto digestivo. Ciò si ottiene attraverso una serie di procedure di purificazione o disintossicazione chiamate Panchakarma. Questi potenti trattamenti scaricano delicatamente le tossine e le impurità accumulate (ama) .

Per affrontare l’ansia, Ayurveda raccomanda una varietà di erbe che riscaldano e ringiovaniscono il sistema nervoso. La maggior parte di queste piante ha radica il corpo energetico.

Fare un bagno caldo è un ottimo metodo per lavorare sul sistema nervoso para-simpatico, ridurre lo stress, calmare l’energia ed equilibrare le emozioni.  Basta aggiungere zenzero secco e bicarbonato di sodi, e sciogliere nell’ acqua calda della vasca da bagno e aggiungere  e gocce di un olio essenziale calmante come lavanda, rosa, rosmarino o tulsi.

Se dormiamo al momento giusto il corpo è naturalmente in grado di riposare, riparare e reintegrare le sue risorse e l’energia. Se dormiamo durante il giorno o dormiamo dopo l’alba il corpo

immagazzina tossine e diventa stanco, rigido e lento – uno stato ideale per lo sviluppo della malattia.

SI dovrebbe dormire solo tra le 22:00 e le 5:00 / 6:00.

La relazione del polmone con le emozioni in Medicina Tradizionale Cinese:

Il polmone è associato alla preoccupazione e alle emozioni. La preoccupazione e il dolore possono

variare di grado, ma hanno effetti simili sulle attività fisiologiche del corpo. Per questo motivo, entrambi riguardano il polmone. Inoltre, il dolore e la preoccupazione sono  stimoli avversi per il corpo e possono causare un consumo eccessivo di qi, energia vitale. Poiché il polmone controlla qi, il dolore e la preoccupazione compromettono il polmone.

La relazione della Milza con le emozioni:

La milza è associata alla contemplazione nelle emozioni, che sono connesse al cuore. La  contemplazione moderata non è dannosa per il corpo, mentre il pensiero eccessivo può influenzare le normali attività fisiologiche, in particolare il movimento e la stagnazione del qi. In termini di funzioni fisiologiche dei visceri, il trasporto e la trasformazione della milza hanno maggiori probabilità di essere colpiti. Di conseguenza, il pensiero eccessivo spesso porta ad anoressia, sensazione di distensione nella regione gastrica e addominale, vertigini.

Fegato ed emozioni:

Le attività emotive non sono solo associate al cuore nel governare spirito, ma sono anche influenzate dal fegato nel promuovere il libero flusso di qi. Le normali attività emotive dipendono da una circolazione fluida di qi e sangue. Se il fegato funziona correttamente per promuovere flusso di qi, le attività di qi saranno fluide, ci sarà coesistenza armoniosa di qi e sangue, così come uno stato d’animo felice e contento. Se il fegato non funziona correttamente, ci sarà ristagno di qi epatico, depressione e vulnerabilità emotiva.

In stato armonico, i movimenti di qi saranno fluidi e le attività fisiologiche dei visceri, meridiani e tessuti saranno normali. Al contrario, in stato disarmonico, ci sarà ristagno delle attività di qi e dolore al torace, ipocondria, depressione, infelicità . È quindi chiaro che le emozioni anomale dipendono dalla disfunzione del fegato nel promuovere il libero flusso di qi.

 

La depressione è un disturbo psicologico diffuso che colpisce fino al 20% della popolazione mondiale. La Medicina Tradizionale Cinese (TCM), utilizza la teanina-L  per il suo effetto curativo unico nel trattamento della depressione.

Sebbene gli effetti farmacologici della teanina siano incerti, diversi ricercatori hanno proposto una serie di meccanismi con cui può agire sul SNC. Questi includono l’inibizione dei recettori del glutammato, aumentando la concentrazione di acido gamma-amminobutirrico (GABA), aumentando la dopamina e la serotonina in specifiche regioni cerebrali e il blocco neuroprotettivo di molteplici sottotipi di recettore del glutammato nell’ippocampo, suggerendo un potenziale ruolo nel morbo di Parkinson. Teanina-L  è in grado di attraversare la barriera ematica-encefalica, e la maggior parte delle ricerche si è concentrata sul suo effetto rilassante.

In generale, la corteccia cerebrale degli animali e dell’essere umano può produrre onde cerebrali, che possono essere classificate come onde α, β, δ e θ in base alla loro frequenza, teanina-L può accelerare la generazione di onde α e indurre il rilassamento. Teanina-L ha un impatto eccezionale sul rilascio o sulla riduzione di neurotrasmettitori come la dopamina e 5-idrossitriptamina (5-HT), che sono strettamente rilevanti per la memoria e la capacità di apprendimento, e ha dimostrato che la teanina-L   ha un impatto sulla memoria e sulla capacità di apprendimento. Un numero limitato di studi condotti principalmente da 2 gruppi di ricercatori suggeriscono che  teanina-L può migliorare l’azione dei componenti del sistema immunitario.

I risultati di studi in vitro, uno studio pilota e un piccolo studio clinico suggeriscono che il miglioramento dei linfociti gamma delta T può svolgere un ruolo importante nella diminuzione dei sintomi del raffreddore e dell’influenza.

Altri ricercatori hanno valutato l’effetto combinato di cistina- L  e teanina-L sulla risposta immunologica alle vaccinazioni negli anziani e all’esercizio fisico negli atleti ed il risultato è un miglioramento  del sistema immunitario.

Il Dr. Bukowski e il suo team della Harvard Medical School hanno recentemente pubblicato un documento di ricerca su Proceedings of National Academy of Sciences, in cui si afferma che la teanina-L consente al sistema immunitario di resistere agli attacchi di germi e virus .

Teanina-L può migliorare la capacità di apprendimento e la memoria del cervello, è utile per  prevenire il morbo di Parkinson, il climaterio, la demenza senile, malattie del sistema  nervoso e cardiache. E’ utile per prevenire coma epatico, dismnesia ( perdita di memoria) e ipofrenia ( ritardo mentale).

Griffonia

Il 5-idrossitriptofano (5-HTP) è un farmaco clinicamente efficace contro depressione, insonnia, obesità, mal di testa cronico, ecc. È prodotto commercialmente solo dall’estrazione dai semi di Griffonia simplicifolia.

I semi di Griffonia simplicifolia Baill., un arbusto tropicale originario dell’Africa occidentale, sono ricchi di 5-idrossi-L-triptofano (5-HTP), un precursore diretto nella sintesi della serotonina (5-HT).

L’estratto di semi di Griffonia simplicifolia esercita un effetto ansiolitico. Rimedio adatto per coloro che soffrono di depressione e insonnia, in quanto  aumenta il sonno REM.

 

Sono a tua disposizione con un Percorso di Naturopatia Psicosomatica

 

Un ottimo rimedio che combina Teanina-L  e Griffonia è Alato 24, disponibile qui o in farmacia