Riequilibrio psicofisico con antichi rimedi naturali folclorici: Bacopa e Teanina L

DiAlessandra Zarone

Riequilibrio psicofisico con antichi rimedi naturali folclorici: Bacopa e Teanina L

Riequilibrio psicofisico con antichi rimedi naturali folclorici: Bacopa e Teanina L

Brahmi (Bacopa monniera Linn.) è un’erba utilizzata nella medicina ayurvedica nel trattamento di una serie di disturbi, in particolare quelli che coinvolgono ansia, intelletto e scarsa memoria. Bacopa monnieri (Linn.) Wettst., una pianta medicinale ampiamente documentata, per le sue proprietà nootropiche( Nootropo – Wikipedia).

Bacopa monnieri (L.), comunemente noto come ”Brahmi”, appartiene alla famiglia delle Scrophulariaceae, si colloca al secondo posto nella lista prioritaria delle piante medicinali indiane. È stato usato per secoli nel folklore e nel sistema tradizionale di medicina come potenziatore della memoria, antinfiammatorio, analgesico, antipiretico, sedativo e antiepilettico.

In India, l’issopo d’acqua viene utilizzato principalmente per disturbi del sistema nervoso, come nevralgia, epilessia e malattie mentali, ma è anche impiegato per una vasta gamma di altri disturbi, tra cui indigestione, ulcere, gas e stitichezza, asma e bronchite e infertilità. È usato per alleviare l’ansia e anche come trattamento per l’epilessia e la lebbra. È un tranquillante naturale con lieve effetto calmante. Nella medicina popolare cura i disturbi della pelle, la psoriasi. Tradizionalmente, è usato come tonico cerebrale per migliorare lo sviluppo della memoria, l’apprendimento e la concentrazione, e per fornire sollievo ai pazienti con ansia o disturbi epilettici.

Il significato letterale di brahmi è “espansione della coscienza”.

Secondo la mitologia indù, Brahma è uno dei tre dei della trinità, che controllava il mondo durante la sua origine. Gli altri nomi di questa erba nei testi antichi sono: Sureshta – gradito dagli dèi, Divy ,Saraswati, Sharad, Bharati. L’erba prende il nome da queste dee per dimostrare che ha un buon effetto sull’intelletto e sulla memoria, riduce l’ansia e la tensione. È considerato un tonico nervino per nevrastenia, epilessia, follia e per esaurimento nervoso.

La pianta è conosciuta in bengalese come ‘brahmi shak’, e in inglese come issopo d’acqua. Le piante intere sono utilizzate dai medici popolari per migliorare la memoria, prevenire la perdita di memoria, ma anche per abbassare i livelli elevati di zucchero nei pazienti diabetici e per alleviare il dolore.

Pianta ayurvedica tradizionale, utilizzata da secoli come potenziante della memoria, antinfiammatorio, antipiretico, sedativo, antiepilettico, tonico nervino, antitumorale, anti-Parkinson, cardiotonico, protettivo, epatoprotettivo, antimicrobico e adattogeno. È utilizzata per l’asma e l’epilessia, ulcere, ascite, milza ingrossata, lebbra, anemia e gastroenterite.

L’importanza medicinale di Brahmi, con particolare riferimento alla neuro protezione nell’epilessia e nell’insonnia è stata ben documentata nei testi di Medicina Indiana: Charak Samhita e Susrutha Samhita.

Le proprietà antiossidanti della Bacopa proteggono dai danni dei radicali liberi nei disturbi cardiovascolari e in alcuni tipi di cancro. Migliora la voce, cura febbre, lebbra, edema, purifica il sangue.

La pianta è stata utilizzata anche in Pakistan come cardiotonico, aiuto digestivo e per migliorare la funzione respiratoria in caso di broncocostrizione.

In Cina, è preso come tonico yang per l’impotenza, l’eiaculazione precoce, l’infertilità e i reumatismi. In Indonesia, la pianta è un rimedio per la filariosi (una malattia tropicale causata da vermi). A Cuba, l’issopo d’acqua è usato come purgante e un decotto dell’intera pianta è preso come diuretico e lassativo. Il succo espresso viene mescolato con olio e applicato come sfregamento per il dolore artritico. La ricerca indiana suggerisce che l’issopo d’acqua migliora la funzione mentale, la memoria e la concentrazione, oltre a ridurre il tempo di apprendimento.

Gli studi dimostrano che Bacopa può migliorare la memoria, ridurre lo stress e l’ansia, bilanciare i neurotrasmettitori, proteggere i neuroni, antidepressivo, antiossidante, agente antiulcerogenico e antagonista del calcio.

Bacopa è stato usato per secoli come antinfiammatorio, analgesico, antipiretico e antiepilettico. Più recentemente, studi preclinici hanno riportato effetti di miglioramento cognitivo con vari estratti di Bacopa monnieri. Le saponine triterpenoidi e i loro bacosidi sono responsabili del miglioramento della trasmissione dell’impulso nervoso.

Contiene potenti composti che possono avere effetti antiossidanti. I bacosidi, i principali composti attivi in Bacopa monnieri, neutralizzano i radicali liberi e impediscono alle molecole di grasso di reagire con i radicali liberi.

Quando le molecole di grasso reagiscono con i radicali liberi, subiscono un processo chiamato perossidazione lipidica. La perossidazione lipidica è legata a diverse condizioni, come l’Alzheimer, il Parkinson e altri disturbi neurodegenerativi. Diversi studi indicano che Bacopa può aiutare a preservare la memoria e migliorare la funzione cognitiva.

In uno studio del 2016 su 60 studenti universitari, i ricercatori hanno scoperto che sei settimane di trattamento due volte al giorno con Bacopa (a una dose di 300 mg al giorno) hanno portato a miglioramenti nei test relativi alla funzione cognitiva.

Ansia

Gli studi suggeriscono che Bacopa può aiutare ad alterare l’attività di alcuni enzimi coinvolti nella risposta allo stress, consentendo al cervello di far fronte allo stress.

Un piccolo studio, pubblicato su Phytotherapy Research nel 2014, ha valutato gli effetti di un estratto di Bacopa in partecipanti sani impegnati in più compiti. I ricercatori hanno trovato effetti cognitivi positivi, alcuni effetti positivi dell’umore e una riduzione dei livelli di cortisolo in coloro che assumono Bacopa. L’erba può influenzare i livelli di neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e GABA.

Ha varie proprietà medicinali come un antiinfiammatorio, analgesico, antipiretico, sedativo, antiepilettico e antiossidante, immunomodulatore, miglioramento della memoria, antistress, antiansia e anticancro.

 

 

Camellia sinensis syn. Thea sinensis (Theaceae)

Storicamente, l’uso medicinale del tè verde risale alla Cina 4700 anni fa e bere tè continua ad essere considerato tradizionalmente in Asia come una pratica sanitaria generale.

In Cina e Giappone molti rituali si sono sviluppati intorno al bere il tè. Originariamente coltivato in Cina, oggi viene coltivato come pianta da tè in India, Cina, Sri Lanka, Giappone, Indonesia, Kenya, Turchia, Pakistan, Malawi e Argentina. Le foglie di tè sono le foglie fermentate e/o essiccate di Camellia sinensis. La raccolta avviene sotto rigoroso controllo di qualità. L’attività antiossidante del tè verde è sei volte maggiore di quella del tè nero. Grazie alla sua astringenza, il tè è utile nelle infezioni digestive, aiuta a stringere le mucose dell’intestino e ridurre la dissenteria. Un forte infuso lenisce le palpebre irritate, punture di insetti, gonfiori e scottature solari e ustioni minori. Nella medicina ayurvedica il tè è considerato come astringente e tonico nervoso.

La caffeina nel tè può aiutare ad alleviare il mal di testa, anche se meno efficacemente del caffè. Alla luce della ricerca, il tè verde è riconosciuto come una bevanda molto più sana del tè nero. La forte attività antiossidante del tè verde è dovuta ai polifenoli, che sono utili nella prevenzione del cancro. Si ritiene che l’elevata assunzione di tè verde in Cina e Giappone sia in parte responsabile della bassa incidenza del cancro

The verde

Il tè verde (Camellia sinensis) era considerato una medicina efficace per il trattamento di diversi disturbi nell’antica medicina popolare asiatica. È noto per la sua abbondanza di antiossidanti.

Il tè verde viene prodotto cuocendo a vapore la foglia appena tagliata. Il tè nero viene prodotto permettendo alle foglie di ossidarsi. Durante l’ossidazione, gli enzimi presenti nel tè convertono molte delle sostanze terapeutiche polifenoliche in composti meno attivi. L’ossidazione non si verifica con il tè verde perché il processo di cottura a vapore inattiva gli enzimi responsabili dell’ossidazione.

In Cina il tè verde è usato per trattare emicrania, nausea, diarrea derivanti da malaria e problemi di digestione.

Studi clinici indicano che il tè verde può aiutare a promuovere la perdita di peso e trattare l’epatite, e c’è il suggerimento che aiuta a prevenire la carie. Un recente studio clinico ha indicato che il tè verde ha un’azione genoprotettiva, aiutando a prevenire i cambiamenti degenerativi all’interno del corpo e potenzialmente rallentando il processo di invecchiamento. Uno studio clinico del 2013 ha rilevato che l’estratto di tè verde, assunto dalle donne per 4 mesi ha ridotto con successo i fibromi uterini.

Ci sono prove cliniche attestanti le proprietà antitumorali del tè verde su tumori di pancreas, colon, intestino tenue, stomaco, seno e polmone.

I collutori di tè verde hanno dimostrato di inibire la crescita di batteri dentali come Streptococcus mutans, Streptococcus salivarius ed Escherichia coli.

The bianco

Il tè bianco è un tè tradizionale cinese, prodotto principalmente nella provincia del Fujian, in Cina.

Il tè bianco era originariamente usato come medicina popolare per l’influenza e il diabete nell’antica Cina. È stato riportato che il tè bianco ha una forte attività antiossidante e possiede effetti antidiabetici, allevia lo stress ossidativo e la resistenza all’insulina.  Per curare il diabete nell’antica Cina, era tradizione l’uso delle foglie di tè provenienti da alberi trentennali.

Usi omeopatici: Il sale di Camellia sinensis è indicato per il trattamento di patologie cardiache e circolatorie, mal di testa, stati di agitazione, stati di depressione e disturbi di stomaco.

Medicina indiana:

In India, i preparati di tè sono usati per diarrea, perdita di appetito, iperdipsia, emicrania, dolore cardiaco, febbre e affaticamento.

Teanina -L

Le foglie di Camellia sinensis contengono elevate quantità di teanina-L, un amminoacido non essenziale. Queste sono le stesse foglie usate per preparare il tè verde. Teanina-L fu scoperta nel 1949 da scienziati giapponesi. Stavano estraendo vari composti dalle foglie di tè. Le persone hanno consumato tè verde per centinaia di anni in Giappone a causa dei suoi molteplici benefici per la salute. Oggi, la scienza ha verificato molte delle affermazioni riguardanti questi benefici.

La teanina è una sostanza psicoattiva in grado di attraversare la barriera ematico-encefalica entro 30 minuti dall’ingestione orale. La sua natura ad azione rapida gli consente di influenzare direttamente il cervello, migliorando la funzione cognitiva, in questo modo, fornisce rapidamente una sensazione di relax e calma in tutto il corpo.

Gli scienziati sanno che gli integratori di teanina – L fanno diverse cose. Il suo meccanismo d’azione prevede l’innalzamento dei livelli di acido gamma-amminobutirrico (GABA), serotonina e dopamina. Tutti e tre i composti sono neurotrasmettitori responsabili della regolazione di molte funzioni cognitive. Queste funzioni includono umore, energia e sensazioni di vigilanza. GABA abbassa i segnali di stress nel cervello, aiutando a sentirsi più rilassati, molto indicato per le persone che soffrono di ansia o insonnia. Gli aumenti di serotonina e dopamina contribuiscono a un umore e un senso di benessere complessivamente migliori.

Sebbene tutto il tè contenga antiossidanti benefici, i tè verdi e bianchi di alta qualità li hanno in concentrazioni maggiori rispetto al tè nero. Oggi, gli scienziati credono che i principali principi attivi del tè verde includano i polifenoli, in particolare le catechine e l’amminoacido, la teanina.

La teanina è un amminoacido non proteico che si trova naturalmente nella pianta del tè (Camellia sinensis) e contribuisce al suo gusto gradevole. La teanina è efficace nel rilassamento, migliora la concentrazione e le capacità di apprendimento. Agisce sul SNC grazie al suo ruolo anti-stress e neuroprotettivo nelle demenze senili, in particolare l’ Alzheimer.

La teanina può influenzare i livelli di alcune sostanze chimiche nel cervello, serotonina e dopamina, che influenzano l’umore, il sonno, e cortisolo, che aiuta il corpo ad affrontare lo stress.

Agisce sul cervello alterando i livelli di GABA, serotonina e dopamina, aumenta l’attività delle onde alfa-cerebrali, fattore che indica uno stato rilassato.

La teanina :

  • Previene la compromissione della memoria indotta da ripetuta ischemia cerebrale.
  • Protegge il morbo di Parkinson
  • Allevia i sintomi di ansia nei pazienti con schizofrenia e disturbo schizoaffettivo.
  • Bere tè verde contribuisce a combattere i tipi diversi di tumori che interessano stomaco, esofago, ovaie, colon, seno, fegato e prostata.
  • Previene le lesioni al fegato, migliorando la capacità antiossidante dell’epatocita e induce l’attivazione dello stato antiossidante cellulare.
  • Ha un effetto protettivo sulla lesione cerebrale da riperfusione
  • Riduce i livelli di colesterolo in entrambi gli esseri umani
  • Ha proprietà antinfiammatorie

Sistema Immunitario

Le prove suggeriscono che il tè può aiutare a rafforzare la nostra capacità di combattere le malattie, perché uno dei metaboliti della teanina, l’ammina etile (antigene non peptidico) attiva un elemento del sistema immunitario chiamato cellula T gamma-delta.

Malattie cardiovascolari

Il consumo regolare di tè verde o nero riduce significativamente il rischio di malattie cardiovascolari, incluso l’ictus ischemico. La somministrazione di teanina -L ha mostrato una notevole riduzione della pressione sanguigna.

Migliore concentrazione mentale

Sonno e rilassamento

Favorisce il rilassamento senza sonnolenza. A differenza dei sonniferi convenzionali non è un sedativo ma induce una buona qualità del sonno, permette di rilassarsi prima di coricarsi, e a dormire più profondamente.

Aumento delle prestazioni cognitive

Nel 2016, i ricercatori hanno esaminato la ricerca esistente sui benefici della teanina in quanto ha  effetti neuroprotettivi, che migliorano la funzione cerebrale. Migliora l’attenzione e i tempi di reazione di una persona.

Pressione sanguigna

Aiuta a ridurre lo stress, una riduzione dello stress e un maggiore rilassamento possono abbassare la frequenza cardiaca. A sua volta, questo può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna.

Riduce lo stress e l’ansia

I benefici di teanina   sono più importanti per coloro che cercano di migliorare il loro umoreo. Teanina -L funziona riducendo i segnali prodotti chimicamente e responsabili delle emozioni negative. Inoltre, ti aiuta a rilassarti senza sentirti affaticato o stanco. Molti integratori anti-stress hanno il problema di renderti troppo sedato.

Uno studio del 2007 ha esaminato 12 studenti universitari sani che hanno fatto un test di matematica stressante di 20 minuti. Un gruppo aveva 200 mg di teanina -L oralmente prima del processo, un altro gruppo non ha preso nulla. Le persone che hanno assunto teanina -L avevano tutti i biomarcatori associati a uno stress inferiore. Non solo, ma lo stesso gruppo ha sperimentato una riduzione della frequenza cardiaca.

Interazioni:

Può interagire con i seguenti farmaci e integratori:

  • farmaci per il trattamento dell’ipertensione
  • altri integratori che abbassano la pressione sanguigna
  • stimolanti per trattare il disturbo da deficit di attenzione e iperattività
  • integratori contenenti caffeina

 

Possibili effetti collaterali:

  • Nausea
  • Crampi allo stomaco
  • Gonfiore
  • Diarrea
  • Bocca secca
  • Affaticamento

Un ottimo prodotto contenente Bacopa e Teanina L è Alato 19, disponibile qui ALATO 19 (lafenicesas.it) o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta