Ficus nella tradizione foclorica mondiale

DiAlessandra Zarone

Ficus nella tradizione foclorica mondiale

Ficus nella tradizione folclorica mondiale

Ficus carica Linn. (Syn: Ficus sycomorous)

Ficus carica è generalmente conosciuto come fico, ed è un piccolo albero deciduo originario dell’Asia Minore, della Persia, della Siria e della regione mediterranea. Ficus carica Linn è il membro più popolare del genere Ficus, ed è conosciuto con più di 135 nomi. Sebbene sia originaria del tratto sub-himalayano, del Bengala e dell’India centrale, è stata ampiamente coltivata in tutto il mondo. Il Ficus carica è una specie temperata, originaria del sud-ovest asiatico e della regione mediterranea (dall’Afghanistan al Portogallo) ed è stata coltivata ampiamente fin dall’antichità per i suoi frutti (valore nutrizionale), indicati anche come fichi. I fichi hanno una notevole importanza culturale in tutti i tropici, sia come oggetti di culto che per i loro molteplici usi pratici.

Radici e foglie sono utilizzati nella medicina tradizionale per trattare le malattie gastrointestinali (coliche, indigestione, inappetenza, diarrea), respiratorie (mal di gola, tosse, malattie bronchiali) e cardiovascolari oltre al loro uso come farmaci antinfiammatori e antispasmodici. La reputazione e l’uso di Ficus carica come curativo tradizionale in vari campi ha attirato l’attenzione sulla sua composizione chimica:

Gli studi fitochimici sul Ficus carica si sono concentrati principalmente sui fitosteroli, antociani, amminoacidi, acidi organici, acidi grassi, composti fenolici, idrocarburi, alcoli alifatici, composti volatili e poche altre classi di metaboliti secondari derivati dalle sue diverse parti.

Le foglie hanno mostrato effetti benefici nelle malattie gastrointestinali, nelle malattie respiratorie e cardiovascolari, diabete, malattie della pelle, ulcere, dissenteria ed emorroidi

Altri studi hanno esaminato gli steroli, i composti fenolici, i composti volatili, la composizione dell’acido organico, la capacità antiossidante, il potenziale antimicrobico e il profilo degli acidi grassi del lattice del frutto e delle foglie, dei frutti e delle radici del fico. I frutti sono importanti come cibo e medicina, contengono sostanze lassative, flavonoidi, zuccheri, vitamine A e C, acidi ed enzimi.

Ficus carica è stato coltivato fin dai tempi più antichi. Era una coltura importante nell’antica Grecia, le sue proprietà furono e descritte da Plinio (23-79 d.C.). Il suo effetto benefico per la salute è stato menzionato in libri religiosi tra cui Bibbia e Corano. Nella sura al-Teen di Corano, il beneficio medicinale è discusso come “Giuro sul fico e sull’oliva” (Sura n. 95 versetto n. 1.) Inoltre, il suo effetto di promozione della salute è menzionato come Hazrat Abu Darda. Per i greci, il fico commestibile (Ficus carica Linn.) essendo uno dei primi alberi da frutto ad essere coltivato, era stato concesso da Dio. Gli atleti erano nutriti quasi interamente con fichiper aumentare forza e rapidità. I buddisti considerano F. religious L come il sacro ‘bodhivriksh’.

Il profeta Maometto ha detto: “Mangia il fico, cura le emorroidi ed è utile nei reumatismi”.

Nicholas Culpeper (1616-1654) scrisse: “Il latte (lattice) caduto sulle verruche le porta via. Il decotto di foglie è ottimamente buono per lavare le teste doloranti, croste e piaghe. Uno sciroppo fatto di foglie scioglie il sangue congelato, causato da lividi o cadute e aiuta il flusso sanguinante”.

Le foglie sono tradizionalmente utilizzate per vitiligine, diabete, tosse, asma, stitichezza e gengivite. Inoltre, le radici trattano leucodermia e tigna, i frutti mostrano hanno proprietà antipiretica, purgativa, afrodisiaca e curano infiammazioni e paralisi. Uno studio ha riportato che il lattice e i suoi derivati sono possono sopprimere la crescita di tumori trapiantati e spontanei.

I frutti vengono consumati crudi o in umido, raccolti a maturità e utilizzati freschi o secchi, sono trasformati in marmellata e utilizzati per aromatizzare il caffè. Costituiscono un medicinale interno per costipazione, mal di gola, tosse, infezioni bronchiali e infiammazione della trachea. Esternamente curano emorroidi, occhi doloranti (foglie), calli e verruche (linfa).

È stato usato per curare disturbi del sistema endocrino (diabete), del sistema respiratorio (malattie del fegato, asma e tosse), del tratto gastrointestinale (ulcera e vomito), del sistema riproduttivo (dolore mestruale) e delle malattie infettive (malattie della pelle, scabbia e gonorrea). F. carica mostra un ruolo di antitumorale, attraverso effetti inibitori sulla proliferazione di varie linee cellulari tumorali. Uno studio è stato condotto per verificare l’effetto antitumorale del lattice in diverse concentrazioni e la scoperta ha dimostrato che la concentrazione di 5 mg / ml ha avuto il maggiore effetto nell’inibizione della crescita della linea cellulare del cancro dello stomaco.

Studi basati su esperimenti hanno dimostrato che F. carica e il suo estratto hanno attività antidiabetica dovuto all’estratto metanolico di corteccia di gambo che protegge e abbassa i livelli di glucosio nel sangue

Gustav Heinrich Von Martius, medico tedesco nato nel 1781, aveva già menzionato la specie nelle sue attività medicinali a metà del XIX secolo. Quando era in Brasile incontrò le piante medicinali utilizzate dai residenti brasiliani, che includevano specie autoctone ed esotiche (Martius, 1852). In questa pubblicazione sulle piante medicinali, presenta informazioni sull’uso del fico, con l’uso di frutta fresca o secca, chiamata ficus passae, o nella forma Capvificus.

Nei paesi orientali il fico è un simbolo di fertilità. In Indù banyan e krishna bor (F. religiosa, F. benghalensis e F. krishnae rispettivamente) sono sacri.

È ampiamente usato nella medicina tradizionale marocchina per trattare malattie gastrointestinali (coliche, indigestione, inappetenza, diarrea), respiratorie (mal di gola, tosse, malattie bronchiali) e cardiovascolari oltre al loro uso come farmaci antinfiammatori e antispasmodici.

Nella medicina Unani, Anjeer, il fico, è usato come lieve lassativo, espettorante, diuretico; anche nelle malattie del fegato e della milza, come agente deostruente e antinfiammatorio. Ficus carica e Juglans regia (Akharot) formano un buon tonico afrodisiaco nella medicina Unani. La polpa del frutto viene riscaldata e applicata a gonfiori, tumori; gomma ad ascessi per alleviare il dolore e l’infiammazione. Nella medicina Unani, la corteccia radicale di Fico è usata come purificatore del sangue e come purgante drastico. È un ingrediente di Zimad-e-Kibreet, prescritto per l’applicazione esterna nell’indurimento della milza, come agente antinfiammatorio. Il lattice viene applicato sulla tigna; la pasta del frutto maturo in cso di gozzo. I frutti in polvere, mescolati con aceto, vengono applicati esternamente per il trattamento di affezioni cutanee, bolle e ulcere.

Le ceneri del legno, trasformate in un unguento, aiutano in caso di geloni. Uno sciroppo fatto di foglie o frutta verde è indicato per la tosse e tutte le malattie dei polmoni.

Ficus catappifolia

Creolo: bwa-fidjé, “albero-fico”, sia per la somiglianza dei frutti con quelli del fico del Vecchio Mondo (Ficus carica L.). o a causa della somiglianza del Ficus americano con ficus bengalesis L., chiamato nella letteratura antica.

II fico dell’India, Palikur; munu è il termine di base per tutti i Ficus.

Tra i Palikur, il lattice di questa specie è particolarmente ricercato per trattare i dolori addominali. E’ usato nel cotone imbevuto viene anche utilizzato dopo la coagulazione per estrarre i denti cariati. Sinonimi: Ficus clusiifolia Schott; Ficus erratica Stand/. ; Ficus pa rkeria fla (Miq.)

Ci sono più di 800 specie e 2000 varietà del genere Ficus, la maggior parte delle quali sono originarie dei tropici del vecchio mondo.   Ficus benghalensis (albero di Baniano), Ficus Religiosa (albero di Pipal) e Ficus carica (albero di Anjir) sono alcuni degli alberi comunemente presenti di questo genere appartenenti alla famiglia Moraceae.

Ficus benghalensis, F. religiosa e F. carica sono stati segnalati per avere potenziale antielmintico. Vari estratti di radici di F. benghalensis sono vermifughi. Estratti di stelo e corteccia di F. Religiosa si sono rivelati letali per Ascaridia galli in vitro. L’estratto metanolico di corteccia di F. Religiosa è letale al 100% per i vermi di Haemonchus contortus. Anche F. inspida e F. carica sono stati segnalati per avere attività antielmintica.  Sulla base di ciò si è tentato di confrontare e valutare la potenza antielmintica di estratti acquosi di frutti di F. benghalensis, F. religiosa e F. carica.

I frutti freschi di F. benghalensis, F. religiosa e F. carica sono stati raccolti dal distretto di Raipur, Chatttisgarh, India.    Questi materiali vegetali sono stati autenticati presso il Dipartimento di Botanica, di  Raipur.  I frutti freschi sono stati poi schiacciati e utilizzati per ottenere estratti acquosi. Sulla base dei risultati del presente studio si conclude che gli estratti acquosi di frutti di F. benghalensis possiedono una potente attività antielmintica, rispetto all’estratto acquoso di frutti di F. religiosa e F. carica.

Il gruppo dei Quattro Ficus, tutti produttori di lattice, secondo i testi ayurvedici, è costituito da Nyagrodha (Ficus benghalensis), Udumbara (Ficus glomerata/ Ficus racemosa), Plaksha (Ficus lacor/Ficus retusa) e Ashvattha (Ficus religiosa). La corteccia e le foglie di questo gruppo sono usate come astringenti, emostatiche, antinfiammatorie, antisettiche;

In Ayurveda, Ficus è prescritto per diarrea, dissenteria e nel trattamento di malattie della pelle, ulcere, disturbi vaginali, leucorrea, menorragia, allattamento carente, promuove la fertilità e curae la debilitazione, è un astringente urinario e riduce la glicemia nei diabetici. Charaka, medico indiano del VI – II secolo a.C.   prescrisse:

  • L’ estratto acquoso di gemme fogliari di Nyagrodha, Udumbara (Ficus glomerata) e Ashvattha (Ficus religiosa), mescolato con zucchero e miele per controllare la diarrea.
  • Un latte medicato con le radici o le gemme delle foglie di Nyagrodha in caso di emorragie e muco sanguinante;
  • La pasta di Lodhra (Symplocos racemosa) con il decotto di corteccia di Nyagrodha per leucorrea e altre perdite vaginali.
  • Un decotto di gemme dodi foglie e radici di Nyagrodha, mescolato con miele, per controllare il vomito e arsura, anche durante le febbri con sensazione di bruciore.
  • Le gemme delle foglie di Nyagrodha per promuovere il concepimento, disuria e poliuria malattie della pelle.

Charaka, medico indiano che visse tra il VI – II secolo a.C., prescrisse la pasta di fichi in caso di emaciazione e debilitazione, come diuretico in caso di calcoli urinari.

Sushruta, medico indiano dell ‘800 a.C., incluse il frutto in un burro chiarificato medicato per uso interno, in caso di febbre, consunzione, asma, epilessia e follia.

  • Il succo del frutto, con miele, fu da lui prescritto per l’emorragia.
  • Un decotto caldo di radice era una bevanda ad uso interno e ingrediente di un cerotto medicinale esterno, prescritto da Charaka e Sushruta per la leucodermia.
  • La radice, pestata con acqua di riso, era utile per l’emorragia. Il succo del frutto mescolato con miele è stato prescritto per leucorrea.
  • Le foglie tenere, pestate e cotte nel latte vaccino, aggiunte con un po ‘di Pippali (Piper longum), sono state prescritte per la tosse e l’asma.

Ficus religiosa Linn.

Charaka e Sushruta prescrissero un decotto della corteccia per emorragie; le foglie per coprire le ferite; la pasta di radici tenere o la corteccia per le infezioni della pelle.

Sushruta somministrò un decotto nei disturbi urinari e nelle perdite vaginali. Il latte cotto con il frutto, il germoglio delle foglie, la corteccia e la radice, con zucchero e miele, fu prescritto come afrodisiaco.

Ficus religiosa è un ingrediente in composti ayurvedici, prescritti per diarrea, dissenteria, erisipela e altre affezioni cutanee, disturbi vaginali, leucorrea, menorragia, emorragie, debilitazione sessuale, disturbi nervosi, diabete.

Medicina popolare indiana:

  • La polvere della corteccia essiccata era messa sulle ustioni, una pasta dia corteccia e foglie era prescritta nella stomatite.
  • L’acqua di cenere della corteccia essiccata è stata data per controllare il vomito
  • Il decotto della corteccia della radice con sale zucchero grezzo, per alleviare le coliche.
  • Nella medicina popolare, un decotto della corteccia tuttora viene somministrato nella pertosse e nell’asma, per promuovere il concepimento, viene somministrata la polvere del frutto.
  • La corteccia e i frutti sono prescritti in caso di diabete.

 

Inghilterra

I fichi sono utilizzati per la loro azione delicata e lassativa, e sono impiegati nella preparazione di confezioni lassative e sciroppi, di solito con senna alessandrina e carminativi. Le tre preparazioni di fico della Farmacopea britannica sono: Sciroppo di fichi, un blando lassativo adatto ai bambini; Sciroppo Aromatico di Fichi, Elisir di Fichi o Essenza Dolce di Fichi per bambini e persone delicate. Lo Sciroppo Composto di Fichi è una preparazione più forte, composta dallo sciroppo di fichi, estratto liquido di senna e sciroppo di rabarbaro (Rheum palmatum) ed è più adatto agli adulti. Il fico è considerato un demulcente per lenire i tessuti irritati e viene assunto per mal di gola, tosse e problemi bronchiali. Il lattice viene utilizzato solo esternamente per rimuovere le verruche.

Un ottimo rimedio contenente  Ficus  è Alato 29, disponibile qui : ALATO 29 (lafenicesas.it) o in farmacia. Alato 29 è indicato per turbe dispeptiche funzionali gastro-duodeno-coliche, meteorismo, aerofagia, colon irritabile, gastroduodenite, ulcera gastroduodenale, gastrite.

 

 

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta