Equiseto e medicina folclorica

DiAlessandra Zarone

Equiseto e medicina folclorica

Equiseto e medicina folclorica

 

Originario dell’Europa, del Nord Africa, dell’Asia settentrionale e delle Americhe, l’equiseto è una pianta comune, che preferisce il terreno umido.

L’equiseto è una pianta primitiva che discende da enormi alberi vissuti durante il Paleozoico (600-375 milioni di anni fa). L’alto contenuto di silice dell’erba la rende abrasiva e in passato veniva utilizzata per lucidare metallo e legno. Il suo nome comune, bottlebrush, (scovolino, spazzola) indica un altro dei suoi usi. Aiuta ad accelerare la riparazione del tessuto connettivo danneggiato, migliorandone la forza e l’elasticità. L’erba è anche prescritta per trattare problemi reumatici e artritici, disturbi al torace (come l’enfisema), gonfiore cronico delle gambe. Un decotto delle parti aeree dell’erba aggiunto a un bagno cura distorsioni e fratture a lenta guarigione, così come l’eczema.

Era legato alle code del bestiame per allontanare le mosche. È stata a lungo considerata un’erba che guarisce le ferite dai Greci.

È ricco di silice, le sue ha proprietà abrasive sono state utilizzate dal Medioevo fino al XVIII secolo per pulire pentole e padelle, in particolare il peltro. La varietà (E. hyemale) un tempo veniva esportato dai Paesi Bassi, dove cresce abbondantemente. L’uso dell’equiseto comune o campestre può essere fatto risalire all’antichità, per “hippuris” (la parola greca per equiseto, a causa della comparsa dei germogli sterili), menzionato da Dioscoride (circa 50 d.C.). Alberto Magno, frate tedesco vissuto nel 1200 e autore diDe vegetabilibus et plantis . È un rimedio importante nella medicina popolare: un “purificatore del sangue” in primavera e in autunno, un mezzo per curare i reumatismi e la gotta e un rimedio per la tosse e l’asma.

Nicholas Culpeper, un erborista inglese del diciassettesimo secolo, scrisse delle proprietà benefiche dell’equiseto nel fermare il sanguinamento e nel trattamento delle ulcere.

Richiude le ferite, ferma il sangue da naso e riduce l’espettorato di sangue della tosse. Inoltre, ha un effetto astringente sul sistema genito-urinario, dimostrandosi particolarmente prezioso dove c’è sanguinamento all’interno del tratto urinario, in caso di cistite, uretrite e prostatite.

La raccomandazione di tale rimedio come vulnerario risale a Galeno nella medicina classica.

In Scozia, Isole Ebridi e nell’Isola di Man, una o più specie di questo genere sono parte dei rimedi popolari per fermare il flusso di sangue.

Nello Yorkshire, viene utilizzato per il lavaggio della schiena sporca, nelle Shetland come rimedio per l’indigestione e nell’Isola di Man come diuretico. Solo dalle Ebridi e dall’Isola di Man sono emerse testimonianze del suo utilizzo in caso di sanguinamento.

I popoli nativi nordamericani usavano l’equiseto per trattare una serie di disturbi renali e della vescica. La Tribù Cherokee usava l’equiseto per aiutare i reni. I Chippewa, in America Settentrionale, facevano   un decotto con steli di equiseto per trattare la minzione dolorosa o difficile. Chiamato anche “giunco abrasivo” a causa dei suoi steli carichi di silice, l’equiseto era usato sia dagli indiani che dai coloni per la perlustrazione e la lucidatura. Alcune tribù indiane tessevano anche gli steli in stuoie. Presso la tribù Blackfeet tale rimedio si chiamava “sa-po-tun-a-kio-toi- yis” (erba d’acqua snodata). I Mesquaki preparavano un tè dall’intera pianta come cura per la gonorrea). I Crees fecero un rimedio per le irregolarità mestruali facendo bollire l’equiseto con due radici sconosciute, una delle quali era Acorus Calamus.

I Menominee preparavano un tè per curare i problemi renali. Le donne lo hanno bevuto dopo il parto per “chiarire il sistema”

E’ stato usato come medicina popolare in Quebec, un tè era bevuto come diuretico, emostatico e remineralizzatore. I popoli Okanagan-Colville e Potowatami in Canada facevano un infuso di equiseto come diuretico per aiutare la funzione renale.

Decotti, impacchi e tè sono usati per varie forme di cancro, tra cui polipi, tumori addominali e orali. In Guatemala, usato per il cancro alle ossa. Inoltre, è usato per il cancro al seno, intestino, rene, labbra, fegato, stomaco e lingua.  Il decotto  è astringente ed è usato per ridurre il gonfiore delle palpebre. Ceneri di pianta erano utilizzate per l’acidità di stomaco e la dispepsia.

È usato per ulcerazioni cistiche, emorragie e ulcere nelle vie urinarie. Esternamente, il decotto riduce il gonfiore delle palpebre. Fratturale ossa sono ~ aiuto per guarire più velocemente quando viene preso l’equiseto. Si dice che l’alto contenuto di silicio aiuti per la consunzione polmonare. La radice data ai bambini in fase di dentizione.

Gli strobili sono bolliti e mangiati in Giappone, anche bollito, salato, e tenuto in aceto e mescolato con soia.

 

Un ottimo prodotto è Alato 16, acquistabile qui o in farmacia.

.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta