Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Borragine

DiAlessandra Zarone

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse _Borragine

Rimedio per malanni di stagione, allergie, gastrite, cefalea, ansia, tosse

Borago offcinalis

Starflower “Borago officinalis L.” appartiene alla famiglia delle Boraginaceae , è disponibile anche in tutta la regione mediterranea, Asia Minore, Europa, Nord Africa e Sud America, Asia settentrionale.

Medicina Unani: Gaozabaan (persiano). Inglese: Beebread, Borage

La borragine fa parte della fitoterapia europea da secoli. Anticamente si diceva che le foglie e i fiori intrisi di vino dissipassero la “malinconia”. I suoi estratti danno sollievo a reumatismi, raffreddori e bronchiti, può indurre sudorazione e diuresi, aumentare la produzione di latte materno nelle donne; agire come rimedio nel cancro al seno e nel cancro del viso; migliorare la pelle secca. Alcune specie conosciute come Gavzabân in Asia e in alcuni paesi africani sono tradizionalmente utilizzate al posto di Borago. Le foglie di borragine fanno parte della fitoterapia europea da secoli. Durante il Medioevo, le foglie e i fiori erano immersi nel vino per dissipare la malinconia. I fiori erano usati per trattare bronchite e raffreddore, ha proprietà antinfiammatorie, diaforetiche, espettoranti e toniche. È usata per l’artrite reumatoide e i risultati dello studio mostrano un moderato miglioramento dei sintomi. L’olio di borragine cura la dermatite atopica, l’eczema e la dermatite seborroica infantile. Fu chiamata Euphrosinum da Plinio, a causa del suo effetto euforico.

Borago può derivare dal latino burra, un indumento peloso, che allude al fogliame ispido.

Bourra francese, che significa capelli o lana. Un’altra possibile soluzione è che prende il nome dalla parola latina buna, che significa “capelli alti”, a causa delle sue foglie ispide. Ancora un’altra teoria è che il nome derivi dal latino borrago che, a sua volta, deriva dalle parole cor ago, che significa “stimolo il cuore”. Qualunque sia la risposta corretta, è chiaro che la borragine è stata un ingrediente importante nella fitoterapia fin dai tempi. Il nome borago stesso appare per la prima volta nell'”Erbario” di Apuleio, che potrebbe risalire al IV secolo.

Bugloss, deriva dal greco Ζουζούνι, bous, un bue, e yXoiarcra, glossa, una lingua, attraverso la forma latina Buglossa, la traduzione Bovis lingua e il suo equivalente francese antico Lang de beef – ha avuto una lunga storia.  Plinio, usando il nome Bugloss, dice di esso: —

“La principale particolarità di questa pianta è che, se messa in vino, favorisce l’allegria e l’ilarità, da cui ha ottenuto il nome aggiuntivo di Euphrosynum (promuovere l’allegria).”

“Buglossum chiamato dai farmacisti borago, è chiamato in inglese borragine, in tedesco borretsch, in francese borache, borage è umido e caldo.”

E ‘ parte di un mazzo floreale medievale di erbe, insieme ad artemisia (Artemisia abrotanum), rue (Ruta graveolens), erba di San Giovanni (Hypericum perforatum), lavanda (Lavandula stoechas), lamium (Lamium maculatum), partenio (Tanacetum parthenium), finocchio (Foeniculum vulgare) l sono le note dominanti. Per l’uomo medievale, era molto importante fortificare e purificare la persona, si utilizzavano erbe aromatiche di montagna, in quanto considerate più potenti, i fiori delle erbe e i loro semi erano salvati in sacchettini o in scatole di legno in una cassapanca.

La documentazione più interessante è quella dell’affascinante e pittoresca “Anatomia della malinconia” di Robert Burton (1652).

 

Nel testo, usa i nomi Bugloss e Borage in modo intercambiabile:

“Bugloss è caldo e umido, e quindi degnamente annoverato tra quelle erbe che espellono la malinconia e esaltano il cuore …  Può essere usato in modo diverso; come nel brodo, nel vino, nelle conserve, negli sciroppi”

È un eccellente cordiale, un’erba davvero di tale sovranità, come attestano, come Diodoro, Plinio, Plutarco, Dioscoride e Celio.

È diffusa in tutto il mondo ed è apprezzata dalla medicina popolare come diuretico, demulcente, emolliente, espettorante, nervoso e tonico cardiaco, rimedio casalingo per la purificazione del sangue, per il trattamento di gonfiore e infiammazione, tosse e altri disturbi respiratori, malattie gastrointestinali e come preparazione culinaria.

Nella cultura popolare era consumata in insalata. In epoca medievale si credeva potesse confortare il cuore portando coraggio e gioia. Grazie alle proprietà antinfiammatorie e balsamiche, la borragine è un buon rimedio per alleviare e guarire raffreddori, tosse, gonfiore degli arti e problemi respiratori. Era usata dai medici arabi nella Spagna medievale, che la conoscevano come Abou-rach, che significa “padre del sudore”, e la usavano per indurre sudorazione.

Sardegna:

È utilizzata per insalate, fritture, ripieni per i ravioli. Dei fiori, per il loro sapore dolce, ne sono molto ghiotte le api. I bambini succhiavano i fiori freschi appena raccolti “suspi ….. suspi…..”. A Sadali la foglia viene prima sbollentata in acqua calda, quindi fritta con pastella di uova e farina. La pianta entra nella preparazione della favata logudorese. A Laconi nella preparazione dei ravioli, al posto degli spinaci ed entra nella composizione della minestra delle 18 erbe selvatiche della Barbagia. Viene utilizzato anche il fiore in insalate o sciroppato o anche candito. A Orani e Sarule si consumano direttamente gli steli, mondati della parte corticale, ricchi di mucillagine e di sapore dolciastro.

Un ottimo rimedio contenente Borragine è Alato 10, acquistabile in farmacia o qui 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta