Erbe depurative ed etnobotanica _Salsapariglia

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Salsapariglia

Erbe depurative ed etnobotanica

Salsapariglia:

Hemidesmus indicus (L.) R. Br. ex Schult. (Apocynaceae), noto anche come Salsapariglia indiana, è ampiamente utilizzata nella medicina popolare del subcontinente indiano per il trattamento di morsi di serpente, punture di scorpione, diabete, malattie urinarie, dispnea, menorragia, oligospermia, anoressia, febbre, coliche addominali e dolore, dissenteria, diarrea, tosse, reumatismi, mal di testa, infiammazione, pirosi, malattie della pelle, lebbra, malattie sessualmente trasmissibili e cancro.

In Ayurveda, la pianta viene utilizzata nel trattamento della perdita ossea, del basso peso corporeo, della febbre, dello stress, della ferita topica e della psoriasi. Inoltre, la letteratura ayurvedica descrive anche il suo uso come agente anti-aterogeno, antispasmodico, che migliorano la memoria, immunopotenziante e antinfiammatorio.

Studi sistematici sul profilo farmacologico di H. indicus sono iniziati più di 50 anni fa, e molti studi attuali in vitro, in vivo ed ex vivo, hanno spiegato alcuni usi tradizionali ed esplorato il potenziale antitumorale di H. indicus. Gli estratti di radice alcolica o acquosa si sono rivelati efficaci su diversi tumori, come leucemia, cancro al seno, fegato, colon e pelle. Le principali proprietà farmacologiche di H. indicus includono proprietà epatoprotettive, anticancro, antidiabetiche, antiossidanti, antiofidiche, cardioprotettive, nefroprotettive, anti-ulcerogene, antinfiammatorie e antimicrobiche.

Brasile:

Smilax aspera L. (salsapariglia o edera spinosa) è un rampicante perenne della famiglia delle Smilacaceae. La sua radice e il rizoma sono usati come alterativo, demulcente, depurativo, diaforetico, diuretico, stimolante e tonico. Il genere Smilax L. è l’unico genere della famiglia delle Smilacaceae con più di 350 specie, di cui 80 crescono in Cina, più di 20 specie crescono in India, fino a 30 – in America Centrale, altre – in Africa, in Europa crescono da 1 a 3 specie. Smilax comune – Smilax excelsa L. (Smilax aspera) o Sarsaparilla (Sarsaparilla excelsa L.) cresce in Europa e nel Caucaso. La pianta è distribuita nella regione mediterranea, Asia Minore, Caucaso, Iran. La salsapariglia cresce sia nelle foreste paludose che sulle rocce calcaree.

Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per molte malattie diverse, come il sudore, la purificazione del sangue, diuretico, e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea, artrite, febbre, tosse e ipertensione. Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per molte malattie diverse, come il sudore, la purificazione del sangue, diuretico e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea. Le radici e le foglie della pianta, in forma di tè, sono utilizzate nella medicina popolare per la purificazione del sangue, come diuretico e anche per il trattamento di malattie della pelle, gotta, sifilide, gonorrea, artrite, febbre, tosse e ipertensione. Il tè di radici aiuta anche a combattere l’obesità; un tè con foglie e rami aiuta la digestione e allevia i dolori di stomaco, l’influenza, il raffreddore e i reumatismi. I guaritori della città di Cáceres vendono la radice della pianta per purificare il sangue e come antireumatico. Ci sono pochi studi scientifici su questa relazione di specie con gli usi indicati nella medicina popolare.

Portata dal Nuovo Mondo in Spagna nel 1563, la salsapariglia fu annunciata come una cura per la sifilide, essendo stata usata nei Caraibi con un certo successo. Le affermazioni, tuttavia, furono grossolanamente gonfiate e la popolarità dell’erba presto diminuì. La salsapariglia è antinfiammatoria e purificante, l’erba può portare sollievo ai problemi della pelle come eczema, psoriasi e prurito generale, e aiutare a trattare i reumatismi, la gotta. La sua azione estrogenica la rende benefica in caso di problemi premestruali e in menopausa, in caso di debilitazione e depressione.

I popoli nativi amazzonici assumono salsapariglia per migliorare la virilità e per trattare i problemi della menopausa. In Messico, la radice è ancora frequentemente consumata per le sue rinomate proprietà toniche e afrodisiache. Alcune delle saponine steroidee hanno dimostrato di legarsi alle tossine all’interno dell’intestino, riducendo il loro assorbimento nel flusso sanguigno. Questo può spiegare l’utilità della salsapariglia in condizioni autoimmuni come la psoriasi, l’artrite reumatoide e la colite ulcerosa, che può essere associata a questo tipo di tossicità. La ricerca clinica in Cina suggerisce che la salsapariglia potrebbe avere un potenziale nel trattamento della leptospirosi, una malattia rara trasmessa all’uomo dai ratti, e lo stadio acuto della sifilide.

Nelle piante di Smilax sono stati segnalati flavoni, flavononi, flavonoli, stilbeni, smilasidi, saponine, resine, sostanze amare. Smilax aspera L. accumula antociani: pelargonidina e cianidina. Radix Sarsaparillae excelsae e altre specie di Sarsaparilla sono state a lungo utilizzate nella medicina popolare antica come agenti diuretici e disintossicanti per il trattamento dell’artrite reumatoide, della sifilide, del diabete, della gotta, delle ulcere, del cancro, dell’infiammazione, delle malattie oftalmiche. Alcuni composti di Smilax, vale a dire, riparoside B e timosaponina J invertono il danno al tessuto renale nell’iperuricemia e nella concomitante nefropatia da urato. Allo stesso tempo, viene ripristinata la struttura delle cellule epiteliali e dei tubuli renali.

Smilax glabra (SG) Roxb., una nota medicina tradizionale cinese, è stata ampiamente utilizzata in tutto il mondo per le sue marcate attività farmacologiche per il trattamento di piaghe avvelenate sifilitiche, ipertonicità degli arti, leucorrea morbosa, eczema prurito, carbonchio.

Un ottimo rimedio contenente Salsapariglia è Alato7, disponibile  in farmacia o qui

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta