Sedativi nervosi ed etnobotanica: Salice

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica: Salice

Sedativi nervosi ed etnobotanica: Salice

Salice

La specie Salix è del Medio Oriente: Egitto e Turchia, Iran, Iraq, Armenia, Turkmenistan e Afghanistan, ma si è diffusa come pianta ornamentale fino in Europa, America e
Australia.

Il genere Salix (salice) comprende circa 400 specie di alberi e arbusti decidui. La pianta decidua, Salix mucronata Thunb (comunemente chiamata salice argentato del capo o salice safsaf), è ampiamente distribuita lungo il fiume Nilo in Egitto. Come altri alberi di salice, anche gli estratti di safsaf sono stati utilizzati nella medicina folclorica, nel trattamento del mal di stomaco, febbre e mal di testa con radici, un tè preparato con le foglie è utile per i reumatismi, mentre la corteccia in polvere per lenire e curare le ustioni. Nella medicina popolare è usato come diuretico, stimolante, antireumatico, infezioni renali e calcoli, infertilità maschile, diarrea e infezioni del fegato.

Salix tetrasperma Roxb. (salice indiano), appartenente alla famiglia delle Salicaceae, è un sottoabusto deciduo o un piccolo albero che si trova distribuito in vari paesi come India, Cina, Penisola malese e Arcipelago. Nella medicina popolare, la pianta è usata per trattare disturbi come diabete, febbre, epilessia, reumatismi, gonfiori, calcoli alla vescica, ferite, dolore all’orecchio, dissenteria, tosse e raffreddore. In India è comunemente noto come salice indiano, Neeruvanji in kannada e Jalavetasa in sanscrito. La pianta è distribuita in India, Cina, Nepal, Afghanistan, Laos, Cambogia, Vietnam, Singapore, Myanmar, Penisola della Malesia e Arcipelago. La pianta S. tetrasperma è ben nota per essere utilizzata per vari scopi come foraggio, legante del suolo, per la realizzazione di utensili agricoli, cesti, articoli sportivi e trattamento di varie malattie o disturbi. In Punjab, Pakistan, Bagladesh, la corteccia è usata come febbrifugo. In India, le foglie sono consumate con zucchero per reumatismi, epilessia, malattie veneree, calcoli della vescica, gonfiori. Le radici sono utilizzate in caso di diabete (India e Pakistan), le foglie vengono usate in un impacco per le ferite.

Nel Punjab centrale la corteccia è usata come febbrifugo. Le tribu Tharu, nella regione Terai dell’Himalaya, utilizzano la corteccia per la febbre. Nel Kerala, in India, e in Himalaya, salice è usato per reumatismi, epilessia, gonfiori, emorroidi, calcoli alla vescica. A Burma, la radice è usata come febbrifugo. In Pakistan le foglie sono usate in impiastro per le ferite, il succo delle foglie per otite, le radici per tosse e raffreddore, i semi per dissenteria. In Pakistan, le foglie sono usate come foraggio per il bestiame.

Salix tetrasperma:

La corteccia e le foglie hanno proprietà lassative, diuretiche, analgesiche, antipiretiche, insetticida, antiossidante, antinfiammatorio, antibatterico, antifungino nei confronti di Aspergillus niger e Candida albicans. Il salice tetrasperma è stato ed è tuttora usato in vari sistemi di medicina tradizionale come Ayurveda, Unani e Siddha.

 

Sud Africa:

Salice è usato per trattare le malattie del bestiame, vale a dire mal di gallina, acqua rossa, acqua cardiaca, infiammazione degli occhi, placenta trattenuta, marciume del piede, estro, parassiti interni (elmintiasi).

Pakistan:

Salix acmophylla Boiss., Salix denticulata Andersson, Salix iliensis Regel, Salix sericocarpa, Salix turanica Nasarov (nome locale: Brawoon). Tutte le specie di Salix sono conosciute con lo stesso nome locale e anche i loro usi sono gli stessi. I rami sono usati per fare cesti e spazzolini da denti. Lo stelo viene utilizzato per la produzione di manici di attrezzi agricoli e il legno è la principale fonte di combustibile. La corteccia dello stelo viene bollita in acqua e utilizzata in febbre, mal di testa e paralisi. Foglie e rami sono utilizzati esternamente per prurito e allergia.

Kashmir:

Le piante medicinali sono ancora ampiamente utilizzate per l’assistenza sanitaria dai locali del distretto pakistano Kotli. Mentre le giovani generazioni sono dirottate verso le medicine allopatiche, le conoscenze etnobotaniche di importanti piante medicinali sono limitate solo agli anziani. I farmaci che si ottengono dalla pianta sono efficaci e hanno pochi effetti collaterali. Questo può essere meglio spiegato dal confronto tra l’aspirina della droga sintetica e la corteccia dell’importante pianta medicinale Salix alba (salice bianco). È chiaro da diversi studi che l’aspirina provoca molti effetti collaterali che possono essere evitati utilizzando l’estratto di corteccia di Salix alba. Quindi la conoscenza etnobotanica non è solo utile per la conservazione della biodiversità e delle culture tradizionali, ma anche utile nello sviluppo di farmaci e nell’assistenza sanitaria. Nonostante la grande importanza delle piante, è stato fatto pochissimo lavoro sull’enumerazione etnobotanica delle piante e solo il medico sanitario locale ha conoscenza delle piante medicinali.

Albania:

Le comunità Gorani attribuiscono un valore molto alto al salice (S. alba), parte integrante di diverse pratiche culturali inerenti varie festività, in cui Salice viene usato nei rituali di corteggiamento, per promuovere la salute di bambini, del bestiame, propiziare un raccolto abbondante, creare amuleti che vengono esposti in case e aziende.

Gli estratti di Salice erano originariamente e utilizzati in tutta la regione come antipiretici e diuretici. Nella medicina popolare, gli infusi di Salice servono per il trattamento di dissenteria, gastrite, colite, sanguinamento, malattie femminili, febbre, nevrosi, tubercolosi, febbre tifoide e reumatismi. Usati esternamente, gli estratti sono impiegati per risciacqui della bocca, della gola e ferite sanguinanti. La corteccia di salice è una delle poche sostanze vegetali con un così ampio spettro d’azione, ha proprietà analgesiche, antipiretiche, antinfiammatorie, antitrombotiche, antireumatiche, antibatteriche e antimicrobiche. Il più noto dei rimedi botanici per il trattamento del mal di testa è il salice.

Il medico greco Ippocrate prescrisse la corteccia in polvere amara per alleviare il mal di testa, alleviare i dolori del travaglio e ridurre la febbre.

I nativi americani:

Usavano regolarmente il salice per trattare la febbre e il dolore. Il reverendo Edmund Stone riferì il primo studio sul salice nel 1763 dopo aver trattato con successo 50 parrocchiani affetti da febbre reumatica.

Acido salicilico e Spirea salicifolia

Nel 1829, Henri Leroux, un farmacista francese, isolò la salicina, un precursore che può essere metabolizzato in acido salicilico. Nel 1860, Kolbe e Lautemann sintetizzarono l’acido salicilico. Dal 1860 al 1898, l’acido salicilico fu ampiamente usato come medicina, tuttavia, l’acido bruciava la bocca, per questo motivo venne aggiunto il sodio per formare il salicilato di sodio, che aveva ancora un sapore orribile ma non causava la sensazione di bruciore dovuta all’ acido salicilico. Nel frattempo, il farmacista svizzero Johann Pagenstecher distillò fiori di prato (Spiraea salicifolia) e ottenne una sostanza chiamata salicilaldeide. Hoffman, un chimico che lavorava per l’azienda farmaceutica Bayer, era insoddisfatto del disagio allo stomaco sperimentato da suo padre artritico durante l’assunzione di salicilato di sodio. Nel tentativo di trovare un modo meno sgradevole per somministrare acido salicilico, Hoffman riesaminò la reazione di acetilazione, condotta per la prima volta dal chimico francese Gerhardt nel 1853, e scoprì che l’acido acetilsalicilico funzionava efficacemente come il salicilato di sodio, ma che era molto più delicato sullo stomaco. Il materiale sintetico, chiamato aspirina (“a” per il gruppo acetilico e “spirin” per il genere botanico Spiraea) mostrò le proprietà desiderabili dell’acido salicilico, senza la forte acidità e sapore sgradevole del suo sale sodico. L’aspirina rimane uno degli analgesici più efficaci disponibili.

 

 Salix aegyptiaca:

E’ ‘conosciuto come “Bidmeshk” in Iran e distribuito in molte parti dell’Iran, specialmente a Urmia, nel nord-ovest dell’Iran. Il distillato di infiorescenze maschili della pianta è utilizzato nella medicina folclorica iraniana come cardiotonico, nel trattamento dell’anemia e delle vertigini, nonché additivo per fragranze. L’estratto acquoso e l’olio essenziale di queste infiorescenze vengono utilizzati anche in dolciumi, sciroppi saporiti e soprattutto nella preparazione di una caramella locale. I dolori reumatici, che colpiscono principalmente gli anziani, possono essere alleviati da un decotto o da un’infusione di corteccia di S. aegyptiaca. Il decotto delle foglie o delle cortecce è anche usato come rimedio antielmintico e vermifugo. Le foglie di Salix, insieme al germoglio di chiodi di garofano e alla Nigella, vengono utilizzati nel trattamento della verruca comune. Inoltre, S. aegyptiaca è usato come lassativo, sedativo, ipnotico, afrodisiaco, oressigenico, carminativo e gastro protettivo. Il decotto di foglie di S. aegyptiaca con miele è ancora usato come tonico del sistema nervoso. Il decotto con aggiunta di zucchero è usato tra Iraniani e Turchi per la depressione, il dolore neuropatico e l’artrite reumatoide.

Nella medicina Unani, S. aegyptiaca vienen prescritto per colelitiasi, colecistite, artrite e reumatismi. L’olio essenziale di S. aegyptiaca è febbrifugo ed è utilizzato dal popolo iraniano per il suo effetto calmante sul cuore e antipertensivo. Nella medicina foclorica iraniana della comunità popolare di Kerman, nella provincia nel sud-est dell’Iran, S. aegyptiaca è stato prescritto per disturbi come colecistite e colelitiasi.

Studi clinici

Gli studi sui componenti chimici di diverse parti del genere Salix (salice) hanno rivelato la presenza di composti come catecolo, salicina e suoi derivati. La pianta è risultata ricca di miscele di flavonoidi e derivati dell’acido fenolico. La pianta ha attività antimicrobica, antiossidante, citotossica, analgesica, antinfiammatoria, antipiretica, del SNC, attività lassativa e diuretica.

Dagli attuali studi farmaceutici, ulteriori applicazioni farmaceutiche di S. aegyptiaca hanno rivelato effetti antiossidanti, antinfiammatori, analgesici, ansiolitici e anti-ipercolesterolemia.

Un ottimo rimedio è costituito da Alato 5, contiene Salice, è acquistabile in farmacia o direttamente qui.

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta