Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

DiAlessandra Zarone

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Piante adattogene ed etnobotanica: Ginseng

Ginseng:

Il ginseng è un’erba medicinale utilizzata in Estremo Oriente sin dalla Preistoria, in particolare in Corea e in Cina per il mantenimento della vitalità fisica. Il nome del genere Panax (Pan = tutto + axos = medicina) significa ‘curare tutto’ in greco. La radice di erbe è così chiamata ginseng, perché ha la forma di un uomo, e si crede che incarni le sue tre essenze (cioè corpo, mente e spirito) ed è conosciuto come il signore o re delle erbe. Il ginseng era stato usato principalmente come tonico per rinvigorire i corpi deboli, ma solo raramente come medicina curativa, anche se, secondo la Bancao Gangmu, Enciclopedia delle erbe, scritta da Li Shizhen in Cina, nel 1596 d.C., era incluso come ingrediente per curare 23 malattie. È incluso anche in 653 delle 3.944 prescrizioni totali della   Dongeui Bogam, Farmacopea clinica coreana, scritta dall’erborista coreano Huh Joon, nel 1610 d.C. In Cina, Shennong (Divino Contadino) noto anche come Imperatore Yan, l’Imperatore Giallo, o uno dei “Tre Imperatori” .SI tratta dell’Imperatore che si dice abbia iniziato l’uso delle erbe circa 5.500 anni fa. Si dice che abbia assaggiato centinaia di piante per scoprire molte erbe medicinali. L’opera originale è andata perduta molto tempo fa, tuttavia, gli studi eseguiti da Shennong sono stati tramandati verbalmente per molte generazioni e sono stati raccolti in un libro di commento Shennong Bencao Jing, Erbario di Shennong di Tao Hongjing, risalente alla dinastia Liang, 502-557 d.C. Sono elencati trecentosessantacinque tipi di erbe, divise in tre classi in base al grado di tossicità. Le classi superiori non sono tossiche, servono a rafforzare l’energia vitale e possono essere assunti regolarmente. Gli esempi includono Radix Ginseng. Il ginseng è stato anche menzionato in Jijuzhang, Interpretazione delle creature, scritto da Shi You in Cina, già tra il 48 e il 33 a.C. Le prescrizioni di ginseng si trovano anche nel Shanghan Lun, Trattato sulle febbri, redatto tra il 196 e il 200 d.C. Ci sono molte storie mitiche relative al Ginseng. Una storia leggendaria racconta che un giovane la cui madre soffriva di una malattia incurabile trovò un rimedio miracoloso nella montagna: Lo spirito di montagna gli presentò una pianta di ginseng.

Il principale nome cinese: Panax ginseng, Jen-shen, deriva da una fantasiosa somiglianza della radice con la forma umana e da alcune influenze astrali che si dice derivino dalla costellazione di Orione. Si racconta che durante il regno di Wenti, della dinastia Sui (fra il 581 e il 601 d.C.), a Qhangtang nello Shensi, sul retro della casa di una certa persona, si udì ogni notte la voce implorante di un uomo, e quando fu fatta la ricerca della fonte di questo suono, a una certa distanza, apparve una pianta di ginseng.  Scavando nella terra fino alla profondità di cinque piedi, si scoprì che la radice aveva la forma di un uomo, con quattro estremità perfette e complete, quindi venne chiamata T’u-ching, “Spirito della terra”. Il ginseng migliore è la varietà selvatica che cresce in Manciuria, e il secondo è quello proveniente dalla Corea. Il primo è praticamente tutto riservato all’uso imperiale. Anche il ginseng giapponese e americano si trovano in quantità, ma questi, specialmente quest’ultimo, sono considerati molto inferiori al tipo coreano.

Le foglie, (Seni) sono vendute in fasci del fogliame verde e usate come rimedio emetico ed espettorante. Nel Shen-nung pen-ts’ao-ching (un’enciclopedia di erbe medicinali del I secolo d.C.), si afferma che le radici della pianta “schinseng” (che significa forma umana) aumentino la longevità, la resistenza, illuminino la mente, aumentino la saggezza e agiscano come afrodisiaco. L’erba era considerata così preziosa che potenti signori e persino eserciti governativi centralizzati combatterono e mantennero il controllo sui territori che coltivavano ginseng. Le culture antiche di tutto il mondo adottarono indipendentemente la convinzione che la forma delle piante o la forma delle loro parti determinassero quale parte del corpo potevano curare. Era come se la natura avesse assegnato la forma della pianta come suggerimento all’uomo delle sue proprietà curative. La gente credeva che se l’uso di una pianta era rivelato dai suoi attributi fisici, sicuramente Dio aveva posto la sua “firma “sulla pianta, una filosofia spesso indicata come la Dottrina delle Signature. Questa dottrina era ben consolidata ai tempi in cui il medico greco Dioscoride (chirurgo per l’esercito di Nerone 50-70 d.C.) stava praticando a Roma. Nel caso del ginseng, le radici di questa pianta matura sembrano un uomo con braccia e gambe. Erboristi e medici credevano, quindi, che potesse essere usato per guarire tutto l’uomo.

Il Ginseng americano nel Nuovo Mondo, Panax quinquefolius, strettamente correlato alle specie asiatiche, è stato utilizzato anche dai nativi americani. I cacciatori di Menominee masticavano la radice aromatica per attirare i cervi, mentre le donne delle nazioni Meskwaki e Pawnee la usavano per attirare un amante o un marito. Le donne Penobscot bevevano un’infusione della radice per aumentare la loro fertilità e i cacciatori Ojibwa la portavano con sé come portafortuna. Gli irochesi lo usavano per il lavaggio degli occhi doloranti dei bambini, inoltre veniva bevuta un’infusione per alleviare le piaghe del corpo. La radice polverizzata era anche un trattamento per l’asma da parte di alcune tribù, mentre il Delaware, stato federato degli Stati Uniti d’America situato sulla East Coastusava le radici e altre parti della pianta come tonico generale. I nativi americani raccoglievano la radice di ginseng tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, poco prima che le bacche rosse mature fossero pronte a lasciare i gambi dei fiori a forma di ombrello. Nel XVIII secolo, i gesuiti canadesi divennero i primi esportatori di ginseng americano in Cina. Fu nel 1714 che padre Jartoux, un sacerdote gesuita che viveva in Cina, inviò a padre Lafitau, un gesuita canadese, un esemplare essiccato della radice e dell’erba cinese e gli chiese se crescesse nel Nuovo Mondo. Padre Lafitau cercò e trovò il ginseng americano strettamente imparentato (Panax quinquefolius).

Attualmente, diciassette piante sono state raggruppate sotto il genere Panax. Le specie più comuni utilizzate per le preparazioni botaniche sono Panax Ginseng (ginseng coreano), è coltivato in Corea e Cina, Panax quinquefolius (ginseng americano) è coltivato negli Stati Uniti (Virginia e Wisconsin) e in Canada.

La coltivazione di Panax ginseng C.A. Meyer in Corea è iniziata intorno all’XI Secolo d. C. trapiantando ginseng selvatico. Nel 1122 d.C., durante l’era del re In Jong della dinastia Koryo, la coltivazione del ginseng fu tentata anche attraverso la propagazione del ginseng trapiantato dai semi. Il ginseng coreano C A Meyer è utilizzato principalmente per mantenere l’omeostasi del corpo, e l’efficacia farmacologica del ginseng coreano, identificato dalla scienza moderna, include una migliore funzione cerebrale, anti-affaticamento e anti-stress, effetti preventivi contro i tumori, potenziamento del sistema immunitario, ha effetti anti-diabetici, migliora la funzionalità epatica, regola la pressione sanguigna, disturbi del  climaterio e sessuali, effetti antiossidanti e anti-invecchiamento.

Il Panax ginseng, Jen-shen, svolge un ruolo cruciale nella modulazione dei disturbi dell’umore. Diversi studi recenti hanno identificato un ruolo importante nella prevenzione e trattamento della depressione. Il farmaco viene talvolta preparato per l’uso come estratto o come decotto, i vasi d’argento di solito vengono impiegati per questo scopo.

Panax ginseng è commercializzato e utilizzato per mantenere l’energia, aumentare le capacità mentali e fisiche, migliorare l’umore, promuovere la salute generale e il benessere. Panax ginseng è stato studiato in una serie di studi clinici randomizzati che indagano il suo effetto sulle prestazioni fisiche e psicomotorie, sulla funzione cognitiva, sull’immunomodulazione, sul diabete mellito e sulle infezioni da herpes simplex di tipo II.

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

 

Un ottimo rimedio naturale con Ginseng è  Alato 6, acquistabile direttamente qui   o in farmacia.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta