Artrosi e rimedi naturali

DiAlessandra Zarone

Artrosi e rimedi naturali

Come affrontare l’artrosi attraverso i rimedi naturali:

Esistono svariati rimedi naturali per affrontare i disagi causati  dall’artrosi, ma vediamo innanzitutto di cosa si tratta: è una malattia degenerativa non infiammatoria che colpisce la cartilagine, quest’ultima viene danneggiata e compaiono i dolori.

Negli stadi avanzati di artrosi, la superficie della cartilagine articolare finisce per scomparire. Spesso ne consegue uno sviluppo o proliferazione ossea sotto la cartilagine.
L’artrosi di solito si verifica al livello del ginocchio (si parla in questo caso di gonartrosi ), dell’anca (coxartrosi ) o delle dita (poliartrosi digitale), ma può verificarsi anche in tutte le articolazioni vertebrali (spondilosi).
Si tratta di una malattia che non può essere curata, ma grazie ad alcuni rimedi naturali trattamenti può rallentare notevolmente il suo corso e alleviare i sintomi. Ecco perché si parla di un trattamento soprattutto sintomatico.
L’artrosi è caratterizzata da un’origine meccanica in cui il dolore aumenta con l’attività, mentre a riposo il dolore scompare (si veda la sezione sintomi dell’artrosi).

Le cause dell’artrosi possono essere:

  •  L’età, questo fattore sembra avere un ruolo molto importante nello sviluppo dell’artrosi.
  • Un problema ereditario (genetico)
  •  Una uso eccessivo delle articolazioni, per esempio quando si praticano sport ad alto livello o intensi (calcio, tennis, sci,…) o se si ha un lavoro stancante fisicamente.
  • Sovrappeso
  • Gotta

Per quanto riguarda il ginocchio e l’anca, l’artrosi è caratterizzata da un dolore al livello articolare, aumentato con la messa in movimento, il dolore può essere piuttosto intenso la sera e il giorno dopo. Spesso il volume dell’articolazione aumenta.

Un sintomo particolare dell’artrosi della anca è un dolore che segue la guida di un veicolo o la salita di uno scalino o i movimenti dovuti alle faccende domestiche, il dolore può anche irradiare al livello del ginocchio.

Per quanto riguarda l’artrosi delle dita, questa é caratterizzata da un dolore nel caso di compiti svolti con le dita.

Alcuni esempi di terapie naturali:

 

  •  L‘arpagofito (artiglio del diavolo, arpagofito), da prendere in generale sotto forma di compresse.
  • La rosa canina, da prendere sotto forma di polvere di rosa canina. L’arnica, da prendere in generale sotto forma topica (gel, crema, pomate).
  • L’erba di S. Lorenzo (consolida), da prendere in generale sotto forma di gel.
  • Il salice, da prendere in generale sotto forma di compresse, pillole, capsule.
  • Il capsicum frutescens, da prendere in generale sotto forma di crema o compresse. Il frassino, da prendere in generale sotto forma di capsule o pillole.

La Consolida, Symphytum officinale:

Nel passato si supponeva potessero contribuire a far risaldare le ossa fratturate. La Consolida, infatti, gode di una lunga tradizione popolare risalente ai tempi degli antichi greci i quali impiegavano, per uso esterno, proprio le radici della pianta per curare le ferite e, negli antichi campi di battaglia, spesso si immergevano delle garze nella pasta ricavata dai rizomi, per poi avvolgerle intorno alle ossa fratturate.
Il  nome deriva da una “cattiva” traduzione del termine greco originale (saldare = consolidare), ma anche dal fatto che essendo una pianta mucillaginosa durante la cottura dei cibi favorisce la loro adesione.

Elenco dei nomi più comuni italiani per la specie Symphytum officinale:

Consolidata maggiore o comune
Sinfito (o Simfito)
Orecchia d’asino
Alo
Erba di San Lorenzo
Naro
Borrana selvatica (o Borragina selvatica)
Erba pedocchiara
Erba del cardinale
L’azione antinfiammatoria della Consolida, dovuta in parte alla presenza di acidi fenolici (soprattutto acido rosmarinico) e in parte alla presenza di allontoina, la rende un ottimo rimedio per il riassorbimento di ematomi, azione che può essere rafforzata con l’associazione ad altre piante ad azione simile quali ArnicaSpirea e Artiglio del diavolo, per quanto riguarda l’azione antinfiammatoria, oppure Ippocastano, Centella asiatica e Iperico per completare l’azione cicatrizzante e favorire la circolazione a livello connettivale.

Se soffri di questo disturbo dolorose e vuoi più informazioni rispondi a questo articolo oppure contattami per un consulto direttamente da casa tramite videoconsulenza whatsapp

 

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

1 commento finora

Artrosi e rimedi naturali – Studio Naturopatico…Pubblicato il5:31 pm - Gen 19, 2016

[…] Come affrontare l'artrosi attraverso semplici rimedi erboristici, per diminuire il dolore e rallentarne l'avanzamento. Leggi l'articolo e commenta.  […]

Lascia una risposta