Sequoia e tradizione folclorica

DiAlessandra Zarone

Sequoia e tradizione folclorica

Sequoia Sequoiadendron Giganteum

Le sequoie sono un tipo di albero principalmente di conifere delle famiglie Taxodiaceae e Cupressaceae e sono composte da tre generi: Metasequoia, Sequoia e Sequoiadendron. Sebbene la maggior parte delle sequoie siano considerate conifere, le sequoie Meta sono insolitamente decidue. La più antica delle sequoie – la sequoia dell’alba (Metasequoia glyptosroboides) – è stata fatta risalire al tempo del periodo Cretaceo (136 milioni di anni fa) e si estende nel periodo terziario di 26 milioni di anni fa. È stata originariamente scoperta in Cina ed è originaria della remota regione della valle del Sichuan-Hubei. I suoi semi sono stati portati negli Stati Uniti a metà del XX secolo, per poi essere coltivati nel 1948 a Boston, nel Massachusetts. La Dawn Redwood è una varietà resistente e a crescita rapida, può raggiungere i 66 piedi, il che la rende la più piccola delle sequoie. La sequoia costiera (Sequoia sempervirens), nota anche come Sequoia della California, è considerata l’albero più alto del mondo. È anche considerato la crescita più rapida delle conifere. Le sequoie sono originarie della costa settentrionale della California e sono principalmente all’interno del Redwood National Park, vicino a Eureka.

Il primo riferimento alle Sequoie apparve nei primi anni del 1800, quando un esploratore di nome J. K. Leonard inciampò su di loro. Tuttavia, questo incredibile albero non ha avuto molta attenzione fino alla metà del 1800, quando un cacciatore vagò nel North Grove di quello che ora è il Calaveras State Park. Quando inizialmente lo disse ai suoi compagni, nessuno gli credette fino al momento in cui non videro con i loro occhi l’enorme altezza di questo albero. Le tribù locali a quel tempo chiamavano l’albero Waawona, una parola che suona come il richiamo di un gufo che vive in questi alberi quale spirito guardiano della foresta. John Muir, il fondatore del Sierra Club, è riuscito a portare questi giganti aggraziati sotto la protezione nazionale del parco. I nativi americani spesso chiamavano la Sequoia “Nonna”, in quanto li riconnetteva agli antenati. Considerato che la Sequoia viveva al tempo dei dinosauri, la designazione sembra molto appropriata. La storia ci racconta di un giovane guerriero sfacciato che amava vantarsi della sua abilità. La sua tribù, tuttavia, lo trovò molto sgradevole. Alla fine, un gruppo decise di ucciderlo. Il giovane guerriero, mostrando una certa saggezza, corse il più lontano e veloce possibile fino a raggiungere il mare. Sapendo che non c’era speranza, si umiliò e pregò la Dea della Morte affinchè la sua morte fosse indolore. La Dea gli risparmiò la vita facendogli una sequoia, la cui corteccia corrispondeva ai suoi capelli rubicondi.

Un colorante marrone è ottenuto dalla corteccia, in quanto, sia la corteccia che il legno, contengono tannino, ma in una concentrazione troppo bassa per l’utilizzo commerciale. I germogli delle radici sono stati usati nella realizzazione di cesti. La pianta sviluppa una spessa copertura di una corteccia morbida e fibrosa (puoi colpirla forte senza ferire la mano). La corteccia fibrosa viene utilizzata anche per la produzione di carta. I rami possono essere raccolti in qualsiasi momento dell’anno da alberi disboscati, la corteccia viene tagliata in pezzi utilizzabili e immersa in acqua, prima che avvenga la sua cottura per sei o più ore con liscivia.  Le fibre vengono battute per sei ore in un mulino a sfere e la carta è di colore marrone. Il legname di alta qualità e facilmente lavorabile, viene utilizzato per falegnameria, pali di recinzione, costruzioni ecc. Le fibre vengono battute per sei ore in un mulino a sfere e la carta è di colore marrone.

Sequoia gigantea (Lindl.)

Cresce in Sierra Nevada, è alta 95 metri.

Nessun altro albero è stato così importante per lo sviluppo della civiltà in California, perché il legno, abbondante ed economico, è molto utile per tutti i tipi di costruzioni e proprietà industriali e nelle manifatture e nelle arti.

Il genere Sequoia è rappresentato da due specie viventi, Sequoia gigantea Dec. (Big Tree) e Sequoia sempervirens Endl. (Redwood), confinati rispettivamente alla Sierra Nevada e alle Coast Ranges della California. Il numero di specie estinte non è conosciuto, anche se ne sono state descritte circa 80. La sequoia fa la sua prima apparizione nel Cretaceo inferiore dove si trova frequentemente. È anche frequente negli strati del Cretaceo superiore e del Miocene, essendo ampiamente distribuita in Nord America, Europa e Asia. Il genere è ben rappresentato nel Cretaceo inferiore e superiore e nel Miocene della Groenlandia. Tra la Groenlandia con le sue specie fossili e la California con le sue specie viventi sono state scoperte molte stazioni fossili intermedie, come alla foce del fiume Mackenzie, in Alaska, Montana, Oregon e California. Cinque delle 35 specie estinte sono state finora rivelate dall’esplorazione delle rocce in California. Sequoia langsdorfii Heer è stata trovata a Tyampum; si verifica anche nel Miocene nel John Day Basin in Oregon e nel Parco di Yellowstone. Questa specie aveva un’ampia distribuzione sia nello spazio che nel tempo, poiché si estendeva dall’Europa occidentale alla Manciuria, alla Groenlandia e al Nord America, dal Cretaceo al Pliocene, ma  è più abbondante nel Miocene. Di tutte le specie estinte, è quella più simile a Sequoia sempervirens. La seconda specie è Sequoia angustifolia Lesqx:  il materiale proveniente da Hyampum, Hay Fork e Corral Hollow (Contea di San Joaquin) è attribuito a questa specie.

Una terza specie è Sequoia fairbanksii Fontaine, conosciuta solo dalla località in cui si trova: Slate Springs, in Sierra Nevada. Il quarto è Sequoia penhallowii Jeffrey, nel Blue Gap della Sierra Nevada. La quinta è Sequoia reichenbachii Heer, che si trova a Horsetown, nella contea di Shasta ed ebbe, un’ampia distribuzione sul Nord America, si estese nelle regioni artiche.

La Sequoia sempervirens è la specie caratteristica della lignite in Germania, di età terziaria.

La Sequoia gigantea abita una regione di estati lunghe, per lo più senza pioggia, con sole caldo continuo,  inverni freddi con precipitazioni moderate, neve profonda diversi metri e una temperatura che spesso in inverno raggiunge lo zero o è inferiore allo zero.

Sequoia sempervirens, supera i 100 metri d’altezza, abita una regione di grandi precipitazioni invernali, estati quasi senza pioggia, ma estremamente nebbiose, e temperature moderate, con un leggero intervallo giornaliero e annuale. L’età della Sequoia gigantea è in media compresa tra 900 e 2100 anni, è davvero il più antico albero sul pianeta. In non pochi casi probabilmente raggiunge un’età di 3000 anni.

Le popolazioni indigene usavano solo legname caduto naturalmente, senza mai danneggiare gli alberi viventi.

Usi medicinali:

La Sequoia è un tonico e agisce chiaramente sulla sfera uro-genitale. È indicato nel caso di fibromi, nelle donne, e ipertrofia della prostata, negli uomini.

Il tè è utile nella cura delle infezioni polmonari. La sequoia disinfetta le membrane della mucosa e il tratto urinario.

Le tribù usano impacchi di fogliame di sequoia riscaldato per i dolori alle orecchie e assumono la linfa gommosa con acqua come stimolante e tonico. Gli Houma bevono infusi di corteccia interna per trattare l’itterizia.

In tutte le condizioni reumatiche Sequoia gigantea (gemme dell’albero di sequoia della California) è un anti-senescente.

I nativi americani della costa occidentale hanno a lungo venerato la maestosa sequoia. I Mono sono un popolo di nativi americani che abitano le montagne della Sierra Nevada nel nord della California, vicino all’odierno lago Mono. Una leggenda Paiute della sequoia Mono afferma che le sequoie della California sono who-who-nau,  sacre, e protette dal gufo. I Mono credono che la sfortuna arriverà a coloro che abbattono gli enormi alberi o che sparano a/ o in presenza di un gufo. I Mono dissuasero i coloni non nativi dall’abbattere gli alberi; si credeva che coloro che abbattevano gli alberi sarebbero stati per sempre maledetti da un gufo.

Un ottimo prodotto contenente  Sequoia è Alato 30 disponibile qui ALATO 30 (lafenicesas.it) o in farmacia.

La sinergia delle piante contenute lo rende un rimedio straordinario per debilitazione psico-fisica, stati depressivi, astenia sessuale, difficoltà di concentrazione e perdita di memoria.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta