Erbe depurative ed etnobotanica _Equiseto

DiAlessandra Zarone

Erbe depurative ed etnobotanica _Equiseto

Erbe depurative ed etnobotanica

Equisetum:

Equisetum arvense L. (EA) apparttiene alla famiglia delle Equisetaceae. È una pianta erbacea perenne originaria dell’emisfero settentrionale che è stata a lungo utilizzata per scopi medicinali. Le varie specie di questa famiglia sono ampiamente distribuite in tutto il Canada, negli Stati Uniti (ad eccezione del sud-est), in Europa, Africa e Asia meridionale, tra cui Turchia, Iran, Himalaya, Cina (ad eccezione del sud-est), Corea e Giappone. Il genere Equisetum è costituito da 30 specie di erbe perenni simili a giunchi, vistosamente congiunte. Equisetum è l’unico genere vivente dell’ordine Equisetales e della classe Sphenopsida. L’Equisetum arvense, comunemente noto come equiseto di campo o equiseto comune, è un’erba perenne cespugliosa originaria dell’emisfero settentrionale. È un membro di una famiglia di piante molto primitiva. Il nome Equisetum deriva dal latino (equi = cavallo e setum = coda) e può essere spiegato dalla descrizione botanica della pianta. I gambi privi di foglie assomigliano agli asparagi e quando essiccati, diventano cavi, ruvidi e forti; i loro numerosi rami fini con foglie piccole e squamose assomigliano a un equiseto. Il termine “arvense” a sua volta deriva dall’aspetto generale ad albero della pianta.

Per generazioni, EA è stato utilizzato nella medicina popolare per il trattamento di diverse condizioni, tra cui la tubercolosi, le infezioni renali e della vescica; come emostatico per mestruazioni abbondanti, naso, polmone e sanguinamento gastrico; condizioni reumatiche; gotta; ferite e ulcere; gonfiore, fratture ossee e ustioni; unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, gotta, ferite e ulcere scarsamente cicatrizzanti, gonfiore e fratture e per congelamento. L’equiseto può produrre effetti tossici sul suo uso prolungato.

EA è tradizionalmente indicato come diuretico lieve, per gonfiore, infiammazione e re mineralizzazione.

Iran:

E. arvense è conosciuto come “Dom Asb” in Iran e distribuito nelle regioni settentrionali e nord-occidentali dell’Iran. È utilizzato nella medicina folklorica per tubercolosi, infiammazioni di rene e vescica, come emostatico per mestruazioni profuse, emorragie nasali, polmonari e gastriche, per unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, gotta, ferite e ulcere che faticano a cicatrizzare, gonfiore e fratture. Negli ultimi anni, sono emersi dati numerosi dati scientifici: E. arvense è fondamentale nel trattamento dell’infiammazione e del dolore e contiene sostanze anticonvulsivanti, antibatteriche, antifungini, antiemorragiche, astringente, diuretiche, epatoprotettive, antivirali (HIV), vaso rilassanti, cardioprotettive e vulnerarie.

Nella medicina popolare è indicato come trattamento diuretico lieve, anti-edematoso, antinfiammatorio e remineralizzante prostatica. L’infuso lava per ferite e piaghe, le infiammazioni della bocca e delle gengive. Grazie al suo contenuto minerale (silicio), l’equiseto è raccomandato per l’anemia e la debilitazione generale. Ha proprietà anti-aggregante piastrinica. L’effetto astringente e antiemorragico locale ne spiega l’efficacia in caso di sanguinamento di bocca naso e vagina. Viene utilizzato anche per dissenteria, sanguinamento dall’intestino e ferite a lenta guarigione, geloni, congiuntivite, uretrite, cistite con ematuria, riducendo le ferite emorragiche e cicatrizzanti, grazie all’alto contenuto di silice.

Fin dai tempi antichi, il brodo di Equisetaceae è stato usato in impacchi. Le proteine grezze estratte da Equisetum arvense L., inibiscono la proliferazione delle cellule tumorali in coltura. Gli antichi greci usavano l’equiseto nel trattamento delle ferite e i romani lo usavano come verdura, mangime per animali e medicina. Culpeper ha scritto che è “Molto potente per fermare il sanguinamento, sia verso l’interno che verso l’esterno, e allevia il gonfiore, il calore e l’infiammazione delle parti intime negli uomini e nelle donne”.

Come diuretico è particolarmente adatto all’edema metabolico o ormonale durante la menopausa.

Il contenuto di silice di Equiseto favorisce l’assorbimento e l’uso del calcio da parte del corpo, aiuta a proteggersi dai depositi di grasso nelle arterie. La sua influenza sul metabolismo lipidico porta a potenziali benefici per i problemi cardiovascolari. E’ considerato il miglior tonico per curare l’acne e l’eczema, migliora la consistenza e il tono della pelle, è un potente anti-age, migliora la consistenza e il tono dei capelli, ne stimola la crescita, anche in caso di alopecia e psoriasi. Riduce l’’osteoporosi, cura l’incontinenza urinaria e la vescica iperattiva.

 

Turchia

La parte aerea di Equisetum telmateia Ehrh. è usata contro mal di stomaco e ulcera peptica nella medicina popolare turca. Il genere Equisetum (Equisetaceae) è distribuito in modo diverso in Anatolia e rappresentato da 7 specie nella flora turca. Tutte le specie di Equisetum comprendono un’importante risorsa biologica nella medicina popolare. È stato usato come espettorante e diuretico; per calcoli renali; disturbi urinari, come pielonefrite, ipertrofia prostatica o cistite; per emorroidi, asma; contro mal di stomaco o ulcere peptiche; per eczema, acne, reumatismi; contro il dolore delle ossa rotte, per rafforzare i capelli, la pelle e le unghie, infezione in bocca; infezioni fungine e parassitarie e arteriosclerosi.

 

India:

In Ayurveda, EA è tradizionalmente usato per il trattamento dell’infiammazione e dell’ipertrofia a prostatica, dell’incontinenza urinaria e dell’enuresi notturna nei bambini.

Nella medicina popolare, Equisetum ramosissimum è usato per la tubercolosi, infiammazioni renali e della vescica, come emostatico per mestruazioni profuse, emorragie nasali, polmonari e gastriche, per unghie fragili e perdita di capelli, per malattie reumatiche, per il sistema del SNC, come diuretico, per HIV e sistema immunitario, come citotossico, epatoprotettivo, cosmetico, astringente, anticancro, per gonfiore e fratture, per fermare il sanguinamento e per osteoporosi.

Europa:

Le fronde sterili di E. arvense (conosciute come Equiseti herba) sono utilizzate nella medicina tradizionale tedesca, francese e svizzera come diuretico e tonico remineralizzante.

Georgia, Russia:

L’uso di piante medicinali in Georgia ha una storia antica. Il primo giardino medicinale, noto come Giardino di Ecate, si trovava nella Colchide. Equisetum arvense L. Perennial è stato usato per le malattie renali.

Messico e Brasile:

L’equiseto gigante messicano, Equisetum myriochaetum è stato tradizionalmente usato come per trattare il diabete nello stato meridionale di Rio Grande do Sul in Brasile.

Pakistan:

Equistem debile Roxb, è ampiamente distribuito in Africa e in Asia. Ha ha una grande importanza medicinale e usato come medicina popolare per il trattamento di dolori articolari e ittero, nefrite, dalla congiuntivite epidemica, uretrite, epatite, blefarite ulcerosa e diarrea. E’ altamente efficace nel trattamento delle infezioni del tratto urinario, sanguinamento intestinale, emorroidi, problemi mestruali, apoptosi della muscolatura liscia, calcoli renali, gonorrea e frattura ossea.

Nativi Americani:

I Potawatomi sono un popolo di nativi americani   composto da circa 28.000 individui e linguisticamente appartenenti al gruppo delle popolazioni algonchine. Equiseto era da essi utilizzato per il trattamento di problemi a reni, vescica e schiena.

Un ottimo rimedio contenente Equiseto è Alato 7, acquistabile in farmacia o qui

 

 

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta