Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

DiAlessandra Zarone

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Sedativi nervosi ed etnobotanica :Passiflora

Passiflora

La specie Passiflora incarnata L. è inclusa in molte farmacopee ed è la specie più utilizzata nell’industria alimentare, cosmetica e farmaceutica.  Le specie di Passiflora sono ricche di flavonoidi e hanno attività ansiolitica.

Passiflora agisce sul sistema nervoso centrale nel trattamento dei disturbi d’ansia e dei sintomi neuropsichici della menopausa, dolore, ansia, disfunzione sessuale e disturbi del sonno.

Il genere Passiflora incarnata è stato a lungo utilizzato nella medicina popolare in tutta Europa, per il trattamento dell’insonnia e dell’ansia in Europa ed è stato usato come tè sedativo nel Nord America. Inoltre, questa pianta è stata utilizzata per scopi analgesici, antispasmodici, antiasmatici, e sedativi nella medicina popolare brasiliana, come sedativo e narcotico in Iraq, e per il trattamento di disturbi come dismenorrea, epilessia, insonnia, nevrosi e nevralgia in Turchia. In Polonia, questa pianta è stata utilizzata per trattare isteria e neurastenia, in America, è stata usata per trattare diarrea, dismenorrea, nevralgia, ustioni, emorroidi e insonnia. Passiflora incarnata L. è stata anche utilizzata per curare i soggetti colpiti dalla dipendenza da oppiacei in India.

La passiflora è una delle piante utilizzate in Ayurveda per diversi rimedi come sedativo, ansia e ipertensione ecc. Nella medicina popolare veniva usata per curare molte malattie come diarrea, infezioni della gola, infezioni dell’orecchio, febbre e malattie della pelle.

Una volta essiccate, le foglie venivano affumicate. La Passiflora quadrangularis è utilizzata dai guaritori tradizionali per lenire i morsi di serpente, in quanto provocano la coagulazione del sangue e fanno scoppiare i vasi sanguigni intorno al morso, provocando emorragia.

Le piante di Passiflora utilizzate nella medicina tradizionale sono ricche fonti di emolisine e citolisine, che sono potenziali farmaci battericidi e antitumorali. Diverse specie di Passiflora sono state ampiamente utilizzate dalla medicina popolare a scopo sedativo, tranquillante e antidepressivo.

Nella medicina popolare, Passiflora viene impiegata per  astinenza da alcol, come antibatterico, anti-spasmo, afrodisiaco, asma, disturbo da deficit di attenzione e iperattività , ustioni (pelle), cancro, dolore cronico, tosse, tossicodipendenza, virus di Epstein-Barr, infezioni fungine, problemi  gastrointestinali, infezione da Helicobacter pylori, emorroidi, ipertensione, sintomi della menopausa (vampate di calore), dolore ai nervi, dolore in generale, infiammazione della pelle, tensione e prevenzione delle rughe.

Passiflora incarnata L. comunemente usata in molti rimedi erboristici è ben nota per le sue proprietà sedative, mentre diverse altre specie (P. edulis, P. quadrangularis, P. ligularis) sono coltivate per la produzione di succo di frutta.

Il passicolo può anche essere prodotto dalle scorze del frutto della passione, di colore viola. Il succo può essere addolcito e diluito con acqua o altri succhi (in particolare arancia o ananas), per fare bevande fredde.

In Sud Africa, il succo del frutto della passione viene miscelato con latte e un alginato; in Australia la polpa viene aggiunta allo yogurt. In Brasile, i frutti sono comunemente noti come “maracuja” e la polpa del frutto produce un delizioso succo che viene esportato in diversi paesi. La passiflora è disponibile sul mercato in una gamma di preparati diversi, principalmente in compresse (500 mg) dell’erba essiccata per uso orale o per infusione, come estratto liquido o come tintura.

Le foglie e le radici di P. incarnata hanno una lunga storia di utilizzo tra i nativi americani del Nord America. Le foglie fresche o secche sono usate per fare un infuso che viene usato per trattare l’insonnia, l’isteria e l’epilessia e come antidolorifico. Maracujá (P. edulis) e poche altre specie sono utilizzate in America centrale e meridionale per scopi simili. Molte specie contengono betacarbolina, harmala e alcaloidi che hanno proprietà antidepressive.

Le proprietà antibatteriche degli estratti di foglie e frutta (etanolo e acetone) di Passiflora foetida sono state sottoposte a screening contro quattro batteri patogeni umani Pseudomonas putida, Vibrio cholerae, Shigella flexneri e Streptococcus pyogenes. I risultati hanno mostrato che l’estratto di foglie ha una notevole attività contro tutti i patogeni batterici rispetto ai frutti: il 4-idrossi-2- ciclopentenone è citotossico per le cellule leucemiche. L’estratto di foglie di Passiflora tetrandra e P. aeruginosa sono responsabili dell’attività antibatterica contro i batteri E. coli, B. subtilis. Il frutto ha mostrato attività antitumorale.

Passiflora quadrangularis ha un’azione antielmintica ed è anche frequentemente usata per trattare la bronchite, l’asma, la pertosse, per il trattamento delle complicanze diabetiche e dell’ipertensione. Le piante utilizzate nella medicina popolare tradizionale hanno una vasta fonte di componenti farmacologicamente attivi, tra cui emolisine e citolisine, potenziali farmaci battericidi e antitumorali.

 

 

Un ottimo rimedio contenente Passiflora è  Alato 5, acquistabile in farmacia o direttamente qui:

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Lascia una risposta