Archivio per Categoria RIMEDI NATURALI E FLORITERAPIA – Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Scegliere di stare bene

Buongiorno a tutti, oggi vi parlerò del concetto di “Stare Bene” e per farlo cito il Dottor Morelli:”Scegliere di stare bene vuol dire anche non avere più alcun rapporto con il passato. Quello che è accaduto è accaduto e io non devo più cercarlo o ricercarlo. Scegliere di stare bene significa avere la mente pronta a cavalcare l’onda di quel che accade adesso, bello o brutto che sia, ricordando che le cose dipendono da me, o meglio dal mio sguardo. Goethe, il grande scrittore e poeta tedesco, amava guardare il suo orto, il giardino le piante, ma non affrettatamente, in modo superficiale, ma le osservava attentamente per cogliere la magia nascosta in quell’ambiente naturale. Così dovremmo fare noi: un fiore che fiorisce, un animale che passa, anche questo è scegliere di stare bene”.

stare bene studio naturopatico donadoni inverigo como

Epicuro descrive molto bene il concetto di felicità e di piacere:

 

Epicuro afferma che il solo vero piacere è in quiete è caratterizzato dall’assenza di dolore, che permette all’uomo di raggiungere la felicità .

Secondo Epicuro la felicità inizia stando bene con se stessi.
La felicità è strettamente legata all’imperturbabilità che consente un’autentica libertà.
La felicità si lega ai piaceri naturali e necessari : quelli che hanno a che fare con la propria condizione e di cui ho bisogno per mantenermi in vita, lo stretto indispensabile.

floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo como

Anche Osho  fornisce molte risposte al nostro stato di disequilibrio ed infelicità, che conducono evidentemente ad uno stato di malessere:

 

Credere negli altri

 

Non ti chiedo di credere negli altri. Quello è solo il risultato di una mancanza di fiducia in se stessi.

Cercare fuori di sè

 

E’ tempo che tu smetta di cercare fuori di te, tutto quello che a tuo avviso potrebbe renderti felice. Guarda in te, torna a casa.

benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Le persone non sono comprensive

 

L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione.
In una società migliore, formata da persone più comprensive, nessuno vorrà cambiarti. Tutti ti aiuteranno ad essere te stesso perché essere te stesso è la cosa più preziosa al mondo.

Attaccarci agli altri

 

La causa dell’infelicità risiede nel nostro attaccarci agli altri, nelle aspettative che abbiamo nei loro confronti, nella speranza che siano gli altri a darci la felicità. E ogni volta che la speranza ti abbandona, ti senti frustrato.

L’ego vuole sempre controllare ogni cosa

 

Il reale è sempre imprevedibile ed è sempre caotico. Qualsiasi ordine è imposto con la forza. Nel caos esiste un ordine spontaneo che ha una sua bellezza. Ma, poichè è imprevedibile, non può essere controllato e l’ego ne resta spaventato. L’ego vuole sempre controllare ogni cosa: ama l’ordine e ha paura del caos. Il caos è la morte dell’ego, ma il divino è caos, ed è imprevedibile. Sprigiona la tua realtà!

benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Si diventa qualsiasi cosa si pensa

 

Il Buddha diceva e lo ripeté continuamente per quarant’anni, che si diventa qualsiasi cosa si pensa. Il pensiero determina tutto ciò che sei. Se sei finito dipende dal tuo punto di vista: abbandona questa opinione e diventa infinito.

Non avere radici

 

Metti radici nella terra così potrai ergerti alto nel cielo; metti radici nel mondo visibile così da poter raggiungere l’invisibile.

 

Sentirsi in colpa

 

Smettila di sentirti in colpa! Sentirsi in colpa è come vivere all’inferno. Non sentirti colpevole, e avrai la freschezza delle gocce di rugiada al primo sole del mattino, avrai la bellezza dei petali del fiore di loto nel lago, avrai lo splendore delle stelle nella notte. Quando il senso di colpa svanisce, avrai una vita completamente diversa, radiosa e colma di luce. I piedi inizieranno a danzare e il cuore canterà mille canzoni.

benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Non pensare a ciò che piace veramente

 

Dimentica per un momento la felicità, non è possibile conquistarla in modo diretto. Pensa piuttosto a cosa ti piace, a che cosa ti diverte di più quando la fai: falla e lasciati assorbire; allora la felicità sorgerà in te spontaneamente. Se ti piace nuotare, nuota e gioisci; se ti piace spaccare la legna, spaccala e gioisci. Fà qualsiasi cosa ti piace fare e lasciati assorbire. Mentre sarai assorto in quel fare, improvvisamente sentirai accadere in te quell’atmosfera, la calda e soleggiata atmosfera della felicità. D’un tratto ti sentirai avvolgere dalla felicità.

essenze floreali studio naturopatico donadoni inverigo como

La felicità ed il Benessere tramite le Essenze floreali 

 

Le essenze floreali aiutano a ritrovare benessere autentico e duraturo, riequilibrano lo stato d’animo, ritemprano lo spirito e infondono una piacevolissima sensazione di pace, serenità, quel sentirsi a posto con il Tutto, in armonia.

benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Il cibo può modificare positivamente il tuo stato d’animo

 

La Dietetica Cinese è un aspetto del complesso terapeutico proprio della Medicina Tradizionale Cinese. La dietetica cinese si occupa dello sfruttamento a fini terapeutici degli alimenti siano essi assunti in forma unica o in combinazioni con altri alimenti.

benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

 

Ti offro la possibilità di riequilibrare le tue energie e il tuo stato d’animo con un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica o una Riequilibrio Degli Stati D’Animo:

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Timo, disinfettante naturale

Timo, disinfettante naturale

Fu tradotto nel latino thymus che ha dato il nome alle due specie principali, Thymus vulgaris e Thymus serpillum: la prima, che vive prevalentemente nei luoghi aridi,
presenta i fusti ascendenti o eretti e i fiori rosei o bianchi; la seconda ha i fiori rosei con foglioline punteggiate di piccole ghiandole che contengono olii essenziali. Quest’ultima è stata chiamata serpillum perché, scriveva Plinio, «serpeggia, il che avviene nella specie selvatica, soprattutto nei terreni rocciosi; mentre in effetti quello coltivato
non striscia, ma cresce in altezza fino a un palmo».

Siccome il nome ricorda i serpenti, si diceva anticamente che fosse efficace contro il morso dei rettili.

timo naturopatia como

Medicina antica

Nel Rinascimento, come testimonia Castore Durante, lo si consigliava, cotto nel vino, per gli asmatici e i podagrosi, ma anche per curare le irritazioni della vescica, eliminare la tenia, guarire dagli avvelenamenti  e provocare le mestruazioni. Lo si usava, secco, polverizzato e mescolato ad argilla, come dentifricio e disinfettante delle gengive.

Thymus_serpyllum_L studio naturopatico donadoni inverigo como

Rimedio erboristico moderno

Ancora oggi lo si adopera per la pulizia del corpo e la disinfezione in soluzioni detergenti saponose. È inoltre un componente delle lozioni per capelli.
Dal timo si estrae un olio essenziale, costituito da timolo e carvacrolo
e da  terpeni e derivati terpenici, con proprietà antisettiche e antispasmodiche.

Un tempo lo si consigliava quale farmaco adatto a curare, per via orale, tifo e dissenterie o, inalato, la tubercolosi, la bronchite e la pertosse.

Thymus_serpyllum_coccineum miglior naturopata milano

 

Floriterapia

 

L’ essenza floreale  viene utilizzata quando si ha la sensazione di non avere abbastanza tempo. Esso ha la capacità di alterare la percezione del flusso del tempo, permettendo di accelerare o rallentare. Può essere utilizzato per la vita lavorativa . E ‘anche un amplificatore di altre essenze, accelera il processo di guarigione . Timo aiuta ad accrescere i nostri sensi, ad essere più ricettivi alle informazioni che  ci circondano e potrebbero migliorare le nostre scelte e le risposte alla vita . E’ utile quando questi sensi superiori sono stati disattivati o diminuiti. Timo ci ricorda quei sensi e ci porta ad un nuovo livello di conoscenza . E’ utile per  scoprire nuovi talenti.

Se vuoi approfondire le tematiche emerse in questo articolo, prenota una Consulenza Naturopatica o un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica.

thyme-naturopata lecco

DiAlessandra Zarone

Origano, antisettico naturale

L’origano (Origanum vulgare), antisettico naturale appartiene alla famiglia delle Labiatae e al genere Origanum: ha infatti molte proprietà in comune con essa.

Etimologia

Il suo nome deriva dal greco origanos, composto da óros, montagna, e da gànos, splendore: «splendore di montagna» perché allo stato spontaneo è una pianta che alligna soprattutto nelle zone alte. Fu molto apprezzato fin dall’antichità – come testimoniano DioscorideColumella e Plinio – per le qualità terapeutiche delle sommità
fiorite e delle foglie che contengono timolo, carvacrolo, terpinene, tannini e sostanze amare.

origanum-naturopata como

Proprietà curative

  • antalgico
  • antisettico
  • antispasmodico
  • espettorante
  • parassiticida
  • stomachico
  •  tonico

Origanum_vulgare naturopata lecco

Lo si usa per curare o preservare l’apparato respiratorio e digerente. 

E’ perciò utile contro:

  • infiammazioni repiratorie 
  • riequilibrio delle funzioni digestive

 

Ha  azione stimolante sull’apparato nervoso; ma non manca di altre virtù: si può guarire rapidamente un torcicollo applicando sulla parte un cuscinetto delle sue sommità fiorite, appena colte e riscaldate per brevissimo tempo in padella.

Origanum_vulgare_naturopatia milano

Lo si aggiunge infine alle vivande per ottenere una buona secrezione dei succhi
gastrici e un miglior funzionamento del fegato.

Simbologia

L’origano ha suscitato il simbolo del Conforto.
Una leggenda diffusa fin dal Medioevo narrava che la cicogna, quando soffriva di stomaco per avere mangiato qualche cibo nocivo, si curava con origano.

Floriterapia

Oreganum vulgare bianco, ha un’energia curativa che avvolge e si dirige laddove è
necessario, ripristina  l’equilibrio a seguito di eventi stressanti e situazioni disarmoniche che hanno interrotto bruscamente il naturale flusso dell’energia psico-fisica. Origano individua ciò che necessita armonia, riportando così benessere e salute.

Origanum_vulgare_studio naturopatico donadoni inverigo co

Prenota una Consulto Naturopatico o Floreale per affrontare le tematiche emerse in questo articolo, oppure un Programma Detox  con alimentazione adeguata e rimedi ayurvedici, volto al riequilibrio psico-fisico.

DiAlessandra Zarone

Primula, rilassante e diuretico naturale

La Primula più diffusa nel nostro Paese è quella vulgaris i cui fiori presentano invece il capino eretto. Sia l’una sia l’altra, come le circa 200 specie, è apprezzata anche per le non poche proprietà medicinali.
L‘infuso di radici, foglie e fiori cura vertigini, palpitazioni, emicranie.
Il cosiddetto «vino di primula», che si ottiene mettendo i fiori in una bottiglia e coprendoli di vino bianco, favorisce la buona circolazione.
I fiori essiccati forniscono un tè aromatico ma privo di azione eccitante. Servono inoltre a profumare la birra e a migliorare il bouquet del vino; canditi, sono dolci deliziosi.

Primula naturopatia como

 

Proprietà curative:

  • antispasmodiche (attenua gli spasmi muscolari)
  • rilassa  il sistema nervoso
  • calmanti (agisce sul sistema nervoso diminuendo l’irritabilità
  • favorisce il sonno
  • diuretiche (facilita il rilascio dell’urina)
  • lassative (ha proprietà purgative)
  • pettorali e sudorifere (agevola la traspirazione e favorisce la sudorazione)

Nel passato veniva usata più largamente contro l’emicrania e i reumatismi.

cowslip- naturopata milano

In Floriterapia:

Primula è indicata in questi casi….

  • sentirsi rifiutati
  • indesiderati
  • evitare di impegnarsi nei rapporti,
  • paura di esser genitore
  • repressione sessuale ed emotiva

Ridona …

  • consapevolezza e cura delle memorie passate assimilate dalla propria madre
  • capacità di aprirsi emotivamente e creare rapporti impegnati e profondi .

Studio Naturopatico Donadoni Inverigo como

Prenota una Consulenza Naturopatica o un Programma Detox Primaverile, per approfondire le tematiche di questo articolo:

 

DiAlessandra Zarone

Salsapariglia Smilax aspera L, depurativo naturale

Salsapariglia Smilax aspera L, depurativo naturale

La Salsapariglia è un depurativo naturale,  appartenente alla numerosa famiglia delle Liliacee, ed è conosciuto comunemente anche con il nome di “smilace spinoso” e “straccia brache”. Originaria degli altopiani della Cina, del Giappone, della Corea e del Messico e conosciuta già da Dioscoride e da Teofrasto nel I secolo d.C., questa pianta raggiunse la massima notorietà nel XVII secolo, quando gli Spagnoli la indussero in Europa.

Smilax_aspera_flowers naturopata como

La varietà Americana di Salsapariglia era usata dagli indigeni come pianta depurativa e, poiché era ritenuta capace di curare la sifilide, suscitò grandi ma purtroppo infondate aspettative. Tra diverse specie di Salsapariglia si ricordano: Smilax aristolochiifolia, che cresce in Messico; S. regelii e S. officinalis, proprio del Centroamerica e delle Antille; S. china, comunque in Cina e Giappone. Oggi la pianta è diffusa in tutte le regioni tropicali e nelle regioni temperate, compresa quella del Mediterraneo; in Italia cresce spontanea ovunque.

Quest’erba prende il nome dalla parola spagnola “Zalzaparilla“. Strofinata vigorosamente, fa della schiuma saponosa, che assomiglia a quella dei cavalli quando sudano abbondantemente, da cui il nome di Salsa (schiuma) della pariglia (coppia di cavalli usata per traino carri, ecc.).

studio naturopatico donadoni inverigo (co)

Proprietà medicamentose della Salsapariglia:


La radice contiene numerosi principi attivi tra cui la smilacina, la salsasaponina, l’acido salsasapinico.

  • Ha proprietà sudoripare e depurative. Può essere utilizzata in infusi e decotti per la prevenzione e l’ausilio in caso di influenza,raffreddorereumatismi, l’eczema.
  • Ha inoltre proprietà espettoranti ed emetiche (se somministrata in dosi abbondanti) e gli estratti vengono usati in formulazioni galeniche per migliorare l’assorbimento dei principi attivi farmacologici.Ha inoltre proprietà diuretiche.
  • Rappresenta un ottimo rimedio  naturale contro asma, gotta, nefrite.Stimola le funzioni dell’apparato renale, favorisce l’eliminazione di liquidi in eccesso, quale urea e acido urico, abbassa il colesterolo del sangue.
  • E’ un ottima regolatrice delle funzioni epatiche e agisce come fluidificante del sangue.

Decotto depurativo della pelle:

Fare bollire 20 grammi di radice di salsapariglia in circa 2 litri di acqua. Filtrate e fate riposare. Il decotto andrà assunto nella misura di 1 o 2 tazze al giorno, da sorbire lentamente.

Decotto per problemi articolari:

Fare bollire 30 grammi di radice di salsapariglia e 5 grammi di saponaria in 1 litro di acqua. Dopo venti minuti circa, bisogna spegnere e far riposare. La posologia è di 2 tazze al giorno per due settimane.

Cattiva digestione, inappetenza:

Assumere all’occorrenza nel corso della giornata, un’ora prima dei pasti principali, una tazza di infuso di radice o di rizoma, prendere, 3 volte nel corso della giornata, 10 g di polvere della pianta disciolta in una bevanda calda.
In dosi elevate la Salsapariglia può causare attacchi di vomito, pertanto non superare le dosi indicate. Fare attenzione, inoltre, a non confondere le bacche di Salsapariglia con quelle di edera o di tamaro.

Smilax_aspera naturopata lecco

Tonico emolliente e riattivante per pelli sensibili, facilmente irritabili dagli agenti atmosferici:

Mettere a macerare 2-3 cucchiaini di polvere di radice essiccata di Salsapariglia in 3 cucchiaini di alcool etilico ( o in 6 cucchiai di vodka); dopo 15 giorni di macerazione filtrare, sciogliere ½ cucchiaio di borace in 2 cucchiai di amamelide e aggiungere il composto all’alcool filtrato, mescolare bene, aggiungere 10 gocce di glicerina e travasare in una bottiglietta con tappo sottovuoto, applicare come di consueto sulla pelle del viso.

La Salsapariglia viene impiegata per rendere spumeggianti molte bibite rinfrescanti.

Puoi approfondire le problematiche trattate con un Consulto Naturopatico:

DiAlessandra Zarone

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbo – Sorbus domestica L. – Fam. Rosaceae.

Fioritura: Aprile-maggio -Parti raccolte: frutti, corteccia, gemme -Tempo balsamico: ottobre-novembre.

I frutti, non commestibili se acerbi, ma dolci e profumati se lasciati maturare a lungo, e le marmellate che se ne possono fare, erano un classico, infallibile toccasana contro i “mali del ventre“.

I frutti, chiamati sorbe o sorbole, sono ricchi di vitamina C e hanno sapore acidulo per il rilevante contenuto di acido malico.

Rowan_tree_ naturopatia como

Folklore:

Nel calendario arboreo dei Celti dava il nome al mese compreso fra la terza decade
di gennaio e la metà di febbraio, Luis  in cui cadeva una delle quattro grandi feste annuali, quella da noi chiamata la Candelora. Essi  consideravano il suo frutto, insieme
con la mela, nutrimento degli dei e amuleto contro fulmini e sortilegi. Nell’antica Irlanda, prima di una battaglia i Druidi accendevano fuochi con legno di sorbo e lanciavano incantesimi sopra di essi chiedendo agli spiriti di partecipare alla battaglia.

Rowanberries_ naturopata milano

Medicina  Popolare

Nell’antichità, dopo aver fatto fermentare i frutti con il grano, se ne ricavava una bevanda simile al sidro, prodotta ancora oggi nell’Europa centrale.
I Romani la chiamavano cerevisia.
Nella tradizione popolare esiste un infuso di corteccia di sorbo e foglie di vite, assunto oralmente, per aiutare a normalizzare la circolazione ed anche un infuso o decotto di frutti e corteccia per regolarizzare le funzioni intestinale.

Sorbus_domestica_ Studio Naturopatico Donadoni Inverigo


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione, contattami

DiAlessandra Zarone

Il porro, diuretico e disintossicante naturale

Il porro, diuretico e disintossicante naturale:

Il porro, diuretico e disintossicante naturale  è una pianta erbacea monocotiledone tradizionalmente classificata nella famiglia delle Liliaceae, che la moderna classificazione APG colloca tra le Amaryllidaceae.
La varietà Allium ampeloprasum var. kurrat chiamato comunemente kurrat è coltivata in Egitto e Medio Oriente. Viene largamente utilizzato nella cucina araba e maghrebina principalmente per le foglie.
allium studio naturopatico donadoni inverigo

Medicina Antica:

Il porro ha proprietà simili a quelle della cipolla e dell’aglio che, secondo la medicina antica e medievale, sarebbe anche un utile medicamento contro i morsi dei serpenti non velenosi.allium-ursinum naturopata como

Avendo un bulbo tunicato molto allungato, ha evocato l’immagine del fallo, sicché gli si sono attribuite anche virtù afrodisiache. Un porro è anche l’emblema del Galles a causa del verde e del bianco che sono gli antichi colori celtici.

Nella Medicina Tradizionale Cinese e in macrobiotica il porro è considerato un alimento riscaldante.

Allium_ursinum naturopatia lecco

Si usa l’intera pianta

Proprietà :

  • rinfrescanti
  • disintossicanti
  • diuretiche
  •  per abbassare la pressione arteriosa
  • Il decotto dell’intera pianta si beve con diuretica

programma detox naturopata milano

Se desideri approfondire le tematiche trattate, prenota qui una Consulenza Naturopatica

DiAlessandra Zarone

Il Narciso: utilizzi in Fitoterapia e Floriterapia

Simbologia orientale:

In Cina il Narciso è simbolo di Felicità e Prosperità e viene donato in segno augurale di buon anno. Ma vi è chi, come Angelo De Gubernatis, vede nel fiore dai petali gialli un’immagine del sole. Solare è anche il simbolismo nella Bibbia, dove il narciso insieme con il giglio caratterizza la primavera e l’era escatologica. In queste due culture il simbolismo s’ispira non alle proprietà narcotizzanti della pianta, ma ai suoi luminosi colori, in cui predominano il giallo e il bianco.

daffodil-studio naturopatico donadoni inverigo

Mito di Omero:

Nel mito omerico il narciso viene generato non dal corpo del giovane, ma semplicemente «per compiacere il dio che molti uomini accoglie »: fiore infero, parrebbe dunque, fiore che conduce agli inferi.
Il suo nome greco, narkissos, che deriva dalla stessa radice di narkdo (intorpidisco, irrigidisco), nàrke (torpore, irrigidimento), ndrkesis (torpore), sembra avere una valenza infera.

Echo_and_Narcissus naturopata como

La visione psicologica del mito di Narciso: 

lo psicologo Henry Ellis, alla fine del secolo scorso, si servì del mito per designare col termine «narcisismo» un atteggiamento patologico della sessualità per cui il soggetto gode nell’ammirare il proprio corpo. Sigmund Freud lo reinterpretò in chiave psicoanalitica indicando con questo termine l’amore e l’interesse, pur soltanto psicologici, rivolti a se stessi.
Egli distingueva un narcisismo primario, in cui manca l’amore per l’oggetto, da un narcisismo secondario in cui l’amore ritorna al soggetto.

naturopata lecco

Il Narciso in Botanica:

Da un punto di vista botanico il Narcissus nelle sue varie specie è una amarillidacea bulbosa il cui bulbo è tossico poiché contiene la narcissina, un potente alcaloide che probabilmente è la causa degli improvvisi e inspiegabili decessi di animali al pascolo nei prati mediterranei, dove il fiore è diffuso. Il profumo può provocare una specie di torpore, come avevano già osservato i naturalisti antichi, da Dioscoride a Plinio.

Il Narciso negli Erbari:

Fin dall’antichità il suo bulbo si è usato in medicina mentre ancora oggi se ne consiglia
il fiore essiccato come sedativo, antispasmodico e antidiarroico.

naturopatia milano

I bulbi dei narcisi, ma anche le foglie, contengono un alcaloide velenoso – la narcisina – che provoca, se ingerito accidentalmente, disturbi neuronali e infiammazioni gastriche negli animali al pascolo o nell’uomo e, se non curato in meno di 24 ore, può provocare la morte.

Il Narciso in Floriterapia:

L‘essenza floreale di Narciso, è indicata per per l’identificazione e la risoluzione dei conflitti andando al centro del problema/paura. Da lì le problematiche possono essere affrontate stabilendo cosa è essenziale e nutriente per il Sè, tramite una sua identificazione con l’oggetto amato.

floriterapia psicosomatica studio naturopatico donadoni como

Puoi prenotare un Consulto Naturopatico per risolvere le tematiche trattate, oppure un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica:

DiAlessandra Zarone

Alchemilla, antico rimedio femminile

Alchemilla, deriva, da alchimia perché gli alchimisti medievali utilizzavano le grosse perle di rugiada che si depositavano sulle foglie durante la notte, ed erano dette “acqua celestiale” o “acqua dei saggi”. All’origine del fenomeno, abbastanza singolare, vi è
un processo conosciuto come “guttazione”, che si verifica quando in condizioni di eccessiva umidità l’acqua non evapora: in questa occasione l’Alchemilla perde l’acqua da alcuni stomi fogliari, diversi però da quelli che servono ai normali scambi gassosi. “Gli alchimisti, riferiva il Durante affermano con ostinata verità con quest’erba congelasi
Mercurio.”

Alchemilla_mollis naturopata como

Non erano soltanto gli alchimisti a utilizzare l’Alchemilla, ma anche i medici che la consigliavano per curare le infermità femminilirassodare il seno.

“Dassi per venti giorni continui un cucchiaro per volta la polvere della secca in vino, o veramente in brodo con felice successo alle donne sterili, ove per lubricità d’humori non li rimanga il seme nella matrice “

  • Alchemilla ha proprietà vulnerarie e astringenti e si adoperano in infuso per riequilibrare l’intestino e il ciclo mestruale abbondante  in dose di 60 gr. in 1 litro d’acqua.

Alchemilla_vulgaris naturopatia lecco

 

  • È indicata nelle gengive infiammate e sanguinanti, ma anche per lavare le ferite, calmare le irritazioni e le infiammazioni delle mucose.
  • Esternamente si usa nelle contusioni.
  • Il decotto serve per tutti i dolori di testa, specialmente per indigestione di acqua nella stagione estiva, nei raffreddori, nelle infiammazioni degli occhi e nel mal di denti, facendo gargarismi.

Approfondisci le tematiche trattate con un Consulto Naturopatico

Alchemilla_alpina_naturopata milano

DiAlessandra Zarone

Bardana, riequilibrante della cute

Bardana, riequilibrante della cute

Di questa pianta si usa foglia, radice e semi.

  • Si beve il decotto fatto con la radice oppure con i semi, risultando un buon diuretico, ed è ritenuto un ottimo coadiuvante per il ripristino delle funzionalità epatiche
  • Il decotto della radice assunto per via orale, viene usato per affrontare problematiche del cuoi capelluto, si usa inoltre le foglie cotte oppure la polpa fresca della radice applicata sulla pelle per la stessa cura.
  • Le foglie, messe a macerare per una notte in aceto e sale, vengono poste dove abbiamo forti dolori reumatici.

Arctium_lappa_ naturopata milano

La Bardana ha proprietà sudorifere, depurative e cicatrizzanti:

  • Il decotto di radice in dose di  60 gr. in i litro d’acqua, fino a ridurlo a metà è purificante, risolvente, rinfrescante; giova nei disturbi delle vie urinarie, disarmonie a carico del sistema renale, giova ancora nei catarri polmonari, e in tutte le disarmonie  della  pelle.

  • Con le foglie fresche pestate, unite a chiaro d’uovo, si fanno impacchi sulle piaghe, indurimenti e ferite. Si possono adoperare anche le foglie secche, polverizzate, ma in dose alquanto più elevata.
  • Il sapone si prepara pestando radici e foglie, che si cuociono nel burro, filtrando il ricavato. E indicatissimo nelle scottature.
  • La tisana si prepara con 25 gr. di radici in ‘/2 litro di acqua. È un risolutivo efficace per i bambini colpiti da rosolia, dandone a bere un cucchiaino ogni 5  minuti. In due ore l’ eruzione è completa, e il bambino, tenendolo ben caldo, in tre giorni è guarito.

bardana studio naturopatico como

  • Un empiastro ben caldo di foglie cotte nel latte fa cessare i dolori locali ordinari, risana in breve le ferite.
    Per le ulcere (vene) delle gambe, si unisce a un mezzo bicchiere di succo di foglie mezzo bicchiere di olio d’olivo; si agita fortemente fino a renderlo a consistenza d’unguento; si applica all’ulcera con una fascia di  cotone trasparente, ricoprendo con una foglia fresca di bardana.
  • Per far crescere i capelli: In un litro di acqua si aggiungano tre litri di aceto; vi si cuocia insieme il quantitativo di 3-4 grosse radici di Bardana per lo spazio di 15-20 minuti; si filtri e si lavi, fregando fortemente a guisa di massaggio, la testa 2-3 volte il dì, e se il bulbo non è morto, si ottiene realmente la crescita dei capelli.

Arctium_lappa_ naturopata lecco

 

Se vuoi approfondire le tematiche trattate, prenota il tuo Consulto Naturopatico o un Programma Detox:

DiAlessandra Zarone

Eleuterococco _ Eleutherococcus senticosus, tonico naturale

Eleuterococco _ Eleutherococcus senticosus, , tonico naturale:

Eleutherococcus senticosus è un tonico naturale. La radice di Eleuterococco viene usata in erboristeria in forma di gocce o compresse in quanto le vengono riconosciute proprietà toniche ed adattogene, in grado di ottimizzare la secrezione degli ormoni.

Acanthopanax_leucorrhizum_Studio NAturoptico Donadoni Inverigo
L’utilizzo della pianta è indicata negli stati di stress e sovraffaticamento, rinforza il sistema immunitario aumentando il numero dei linfociti T e stimolando l’attività dei globuli bianchi, utile in caso di debolezza, convalescenza, nell’esaurimento psicofisico, nella stanchezza, nella attività sportiva, previene l’insorgenza delle malattie, indicato nei periodi di ridotta capacità di rendimento, di concentrazione e di attenzione, stimola il metabolismo e aiuta nelle spasmofilie.

eleuterococco naturopata como

Ha proprietà adattogene, stimolanti del sistema nervoso centrale, antidepressive, toniche generali e stimolante dell’attività endocrina.

Agisce sulle ghiandole surrenali, diminuendo il contenuto intraghiandolare di colesterolo e di vitamina C, aumentando la produzione di ormoni surrenalici.

E’ capace di stimolare la sintesi proteica a livello del fegato, del pancreas e della corteccia surrenalica, azione anabolizzante probabilmente legata a un aumento dell’ormone della crescita.


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla risoluzione delle patologie descritte, contattami.

eleuterococco naturopata milano

 

DiAlessandra Zarone

Ficus carica L. , rimedio naturale per calli e verruche

Fico – Ficus carica L. ; Fam. Moraceae, rimedio naturale per calli e verruche:

Fico – Ficus carica L. ; Fam. Moraceae, rimedio naturale per eliminare calli e verruche,

fioritura maggio-settembre. Parti raccolte: foglie e frutti. Tempo balsamico: estate.

Simbologia biblica:

Un pianta fruttifera, simbolo, nei tempi biblici, di libertà, di prosperità, di vita gioiosa e ampiamente citata nei Vangeli e nel Corano, come realtà botanica e come simbolo della fertilità, della vita serena .

fig naturopatia como

Utilizzi e consigli :

  • Il decotto veniva usato come coluttorio in caso di problematiche dentali e stomatiti e la foglia contusa oppure il lattice venivano applicate su un porro, la cui base era legata con un filo per favorirne il distacco, applicato in impacco sugli ascessi; il lattice sulle punture d’insetti. La foglia contusa veniva applicata direttamente su un porro.
  • Gemme fresche: l’attività è da attribuirsi agli enzimi digestivi contenuti; regolarizza la motilità e la secrezione gastroduodenale, soprattutto in soggetti con reazioni psicosomatiche a livello gastrointestinale.

ficus studio naturopatico donadoni inverigo

  • Foglie: raccolte da maggio ad agosto e fatte essiccare lentamente, contengono furocumarine, bergaptene, psoralene, cumarine, lattice; hanno proprietà emmenagoghe, antinfiammatorie, espettoranti e digestive; le furocumarine possono creare problemi con fenomeni di fotosensibilizzazione.
  • Frutti acerbi: le  parti verdi e  i giovani rametti: il lattice che sgorga dai tagli contiene amilasi e proteasi, viene applicato per uso esterno per  calli e verruche per l’azione caustica e proteolitica; va usato con cautela: è ustionante ed irritante per la pelle.
  • Frutti freschi: assunti in quantità hanno un effetto lassativo. 
  • Frutti essiccati: ricchi di vitamine A e B, proteine, zuccheri, e sali minerali (potassio, magnesio, calcio) hanno proprietà emollienti, espettoranti e lassative.

figs naturopata lecco

Si ricorda comunque che anche le foglie hanno in parte caratteristiche irritative per il contatto di fregamento con la pelle, la sensibilizzazione è enfatizzata dal calore e dalla esposizione ai raggi ultravioletti, soprattutto in soggetti predisposti; è invece limitata da semplice risciacquo con acqua e permanenza lontano dall’irraggiamento solare, anche indiretto, per qualche ora.

È diffusa la credenza che il lattice del fico aiuti ad abbronzarsi. L’applicazione di lattice di fico sulla pelle e successiva esposizione di questa alla luce solare intensa comporta invece lesioni ed ustioni, anche gravi.


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione delle patologie trattate, contattami.

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per depressione e stress

Rimedi naturali per depressione e stress:

 

Ginseng

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

Panax_quinquefolium,_ginseng naturopata como

 

Iperico

L’Iperico o Erba di San Giovanni o scacciadiavoli (Hypericum perforatum), è una pianta officinale del genere Hypericum con proprietà antidepressive e antivirali. Plinio e Ippocrate, somministravano l’erba nel trattamento di molte malattie. Il suo nome latino, Hypericum perforatum, deriva dal greco e significa “più che un’apparizione,” con un riferimento alla credenza popolare legata all’erba, ritenuta altamente ripugnante dagli spiriti maligni, contro i quali bastava un soffio per cacciarli.

Nella medicina popolare, l’erba è stata sempre utilizzata nel trattamento delle ferite (ha potenti proprietà antibatteriche e antivirali), nei disturbi renali e polmonari, e in ciò che noi oggi chiameremmo depressione.”Medioevo si credeva che dormire con un rametto di Erba di San Giovanni sotto il cuscino la notte di S. Giovanni (la notte prima marea di San Giovanni), facesse apparire il Santo in sogno, per dare la sua benedizione, e per impedire a chi lo vedeva di morire durante l’anno successivo.

Alcuni studi clinici randomizzati hanno dimostrato che l’Iperico ha un’efficacia paragonabile ad alcuni psicofarmaci nella cura della depressione lieve e moderata . A volte è utilizzato, associato ad altri prodotti, anche per il trattamento fitoterapico di alcune forme d’ansia. Il principio inizialmente ritenuto attivo era l’ipericina.

iperico naturopata milano

Banisteria caapi

 

Banisteria caapi, conosciuta anche come yagè, ayahuasca o capii è una pianta rampicante dagli effetti psicoattivi, appartenente alla famiglia delle Malpighiaceae, che cresce nelle regioni tropicali del Sud America. E’indicata in caso di depressione, invecchiamento e morbo di Parkinson. La pianta contiene alcaloidi armalinici noti come: armina, tetraidroarmina e armalina. Questi MAO-Inibitori vengono associati a piante contenenti dimetiltriptamina per la preparazione di bevande utilizzate per rituali sciamanici.

naturopata lecco

Desideri approfondire queste tematiche? contattami, puoi scegliere ciò che reputi sia più adatto a te :

 

DiAlessandra Zarone

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione:  

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione .

È conosciuta per le sue proprietà medicinali già ai tempi di Plinio il vecchio, utilizzata per le affezioni al fegato. In particolare le sommità fiorite sono usate contro l’insufficienza epatica. È poi utilizzata come stimolante del flusso biliare e nelle enteriti catarrali, oltre che come depurativo generale e decongestionante.

 

La si può impiegare, per uso esterno, contro congiuntivite, infiammazioni del cavo orale e nasale e soprattutto contro moltissime malattie della pelle, grazie alla presenza di una sostanza, l’acido ursolico, che ha un’attività paragonabile al cortisone.

Di questa pianta si usa la foglia.

Agrimonia_eupatoria_miglior naturopata como

Proprietà curative :

naturopatia milano

  • In caso di diarrea si beve il decotto delle foglie. Il decotto dell’intera pianta si beve come antidiarroico e come antinfiammatorio del cavo oro-faringeo.
  • L’infuso delle foglie viene bevuto come depurativo per detossicare l’organismo in caso di ubriachezza e lo stesso infuso lo si ritiene spasmolitico nelle coliche intestinali. Come ipoglicemizzante si assume l’infuso dell’intera pianta.

Illustration_Agrimonia_eupatoria naturopata lecco

Puoi contattarmi e prenotare un Consulto Naturopatico o un Programma Detox:

DiAlessandra Zarone

Avena, rimedio naturale per insonnia ed altre patologie

Avena, rimedio naturale per insonnia ed altre patologie:

L’avena comune (Avena sativa) è un rimedio naturale per insonnia ed altre patologie . Fa parte della famiglia delle Poacee (o Graminacee) ed è la specie più nota del genere Avena.

E’ un cereale appartenente alla famiglia delle Graminacee; conosciuta sin dai tempi antichi sia per l’alimentazione umana che per il foraggio del bestiame viene oggi particolarmente apprezzata per le sue proprietà e benefici per la salute dell’organismo umano.

Avena_sativa Studio Naturopatico Donadoni Inverigo

L’origine dell’avena è incerta e la sua provenienza è contesa tra India, Cina ed Egitto.

Le vitamine presenti la B1, B2, B3, B5 e B6 per quanto riguarda il gruppo B ed a cui si aggiungono la vitamina K e J, mentre, in piccolissima quantità, troviamo la vitamina E.

È utile come integratore a chi soffre di insonnia, depressione e disordini dell’appetito.
Questo perché contiene due alcaloidi: la gramina, un composto indolico che pare agire sul recettore del neurotrasmettitore acido gamma-amminobutirrico o GABA; e l’avenalumina, che sembra agire positivamente sul metabolismo delle catecolammine.
Regola il colestrolo attraverso la presenza di alcuni composti steroidei : triterpenoidi e saponine chiamati avenacine e avenacosidi A e B.
A dosi alte può dare luogo a cefalea, soprattutto localizzata nella zona della nuca, per l’elevato contenuto di vitamina B12.
Tra le sostanze minori, troviamo l’avenina, con proprietà tonificanti, apporta benefici alla ghiandola tiroidea, e la auxina, una sostanza vegetale simile agli ormoni.
Recenti studi hanno avvalorato la tesi che sostiene le proprietà benefiche dell’avena nei confronti della riduzione del colesterolo “cattivo” e la conseguente prevenzione per quanto riguarda il morbo di Parkinson e l’Alzheimer; il suo basso indice glicemico invece lo rende un alimento adatto per i soggetti diabetici.

Avena_sativa_naturopata como

Uno studio condotto sui fiocchi d’avena e pubblicato sul British Journal of Nutrition, ha dimostrato come l’assunzione di avena sin dai primi mesi di vita sia in grado di ridurre il rischio di diventare asmatici addirittura del 66%.

I fiocchi di avena, insieme a quelli di altri cereali e frutta secca, vengono utilizzati nella preparazione del muesli.
La farina di avena può essere utilizzata insieme a quella di frumento, o da sola per fare biscotti e altri prodotti da forno.

Avena_sativa naturopatia lecco

Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione delle patologie descritte, contattami.

DiAlessandra Zarone

Fragola, rimedio naturale per metrorragie ed altri disturbi

Fragola, rimedio naturale per metrorragie ed altri disturbi:

Fragola, è un rimedio naturale per metrorragie ed altri disturbi.

L’uso alimentare e terapeutico della fragola affonda nella notte dei tempi: era conosciuta e consumata persino dalle popolazioni palafitticole migliaia di anni fa. Presente già sulle tavole dell’antica Roma: questo frutto compariva in coincidenza con le feste in onore di Adone, alla morte del quale, come narra la leggenda, Venere pianse copiose lacrime, che, giunte sulla terra, si trasformarono in piccoli cuori rossi: le profumatissime fragole.

Fragola Studio Naturopatico Donadoni Inverigo
La fragola sarebbe in grado di proteggere dal morso di vipere e serpenti: per scongiurare il pericoloso veleno di questi animali, si dice che si debba raccogliere le foglie della piantina il giorno di San Giovanni. Chi avesse dunque raccolto le foglie il 24 di giugno, le avesse fatte essiccare al sole e poi le avesse intrecciate per farne una cintura, sarebbe stato tutelato da eventuali morsi, spesso letali, di vipere e serpenti .

Proprietà erboristiche:

  • La fragola è dominata dal pianeta Sole e da Marte, che governano l’apparato femminile, Cistifellea,Tiroide, Paratiroide e Sangue. Nella funzionalità secondaria è dominata da Venere che governa sull’apparato renale.
  • E’ un buon diuretico, si usa nei casi di artriti, reumatismi e gotta, problemi epatici e biliari, cistiti e blenorragia. Il decotto di foglie si usa per angine, leucorree, metrorragie, attraverso irrigazioni vaginali o uretrali .
  • La fragola è un ottimo emostatico  è indicata in caso di emorragie intestinali.
    Contiene pochi zuccheri, ricca di potassio, calciofosforo, magnesio, cloro, zolfo, iodio e bromo, tracce di vitamine del gruppo B e di vitamina A, buone quantità di vitamina C,  acidi organici, polifenoli (ottimi antiossidanti).
  • La presenza della pectina, infine, che come una spugna assorbe glucidi e lipidi nell’intestino, ne fa l’alimento ideale per chi soffre di diabete e colesterolo alto.

Fragaria_vesca naturopatia Como

  • La tisana si rivela utile in caso di dissenteria e come diuretico
  • Il succo di fragola si può applicare sulla pelle in caso di leggere scottature solari.
  • Il decotto si può usare anche per applicazioni esterne, in caso di afte e lesioni della bocca.
  • Grazie al loro contenuto di acido folico, le fragole sono utili per il mantenimento della memoria.

Walderdbeeren_-_Fragaria_vesca naturopatia Lecco

 

  • Ricche di fibre che aumentano il senso di sazietà, regolarizzano l’intestino e fanno assorbire meno grassi e meno zuccheri.

L’essenza floreale:

Dà forza, percezione di sé,senso di sé e autostima; radicamento; affidabilità; serve per lasciare l’infanzia nel passato; dona equilibrio, leggiadria, consente di essere pienamente presenti e sentirsi nel proprio corpo.

Indicata per:

Sensi di colpa mancanza di autostima, sentirsi indegni, immeritevoli, irresponsabili; sradicati, insicurezza di sé, violenza verbale ricevuta dai genitori a danno del piano emotivo, ipersensibilità psichica; continuo confronto con gli altri e desiderare di essere come gli altri,vissuti e percepiti come migliori di noi.

miglior naturopata milano

www.public-domain-image.com (public domain image)

Puoi approfondire le tematiche trattate con una ConsulenzaNaturopatica o una Consulenza di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica

 

 

 

.

DiAlessandra Zarone

La Consolida, rimedio naturale per le infiammazioni

La Consolida, rimedio naturale per le infiammazioni:

La Consolida, Symphytum officinale, è un rimedio naturale per le infiammazioni. Il nome Consolida dal greco symphuò e cioè  “saldare, unire” è in relazione al potere cicatrizzante delle radici, che nel passato si supponeva potessero contribuire a far risaldare le ossa fratturate.

Consolida_regalis naturopatia como

Rimedio naturale dell’Antica Grecia:

La Consolida, infatti, gode di una lunga tradizione popolare risalente ai tempi degli antichi greci i quali impiegavano, per uso esterno, proprio le radici della pianta per curare le ferite e, negli antichi campi di battaglia, spesso si immergevano delle garze nella pasta ricavata dai rizomi, per poi avvolgerle intorno alle ossa fratturate. Una volta essiccata, ne risultava una primitiva, ma efficace ingessatura.

Consolida_regalis Studio Naturopatico Donadoni Inverigo

Uno dei primi botanici a designare questa pianta col nome di Symphytum fu Dioscoride.
Il nome Consolida lo troviamo invece in Plinio. Nome che forse deriva da una “cattiva” traduzione del termine greco originale (saldare = consolidare), ma anche dal fatto che essendo una pianta mucillaginosa durante la cottura dei cibi favorisce la loro adesione. L’azione antinfiammatoria della Consolida, dovuta in parte alla presenza di acidi fenolici (soprattutto acido rosmarinico) e in parte alla presenza di allantoina, la rende un ottimo rimedio per il riassorbimento di ematomi, azione che può essere rafforzata con l’associazione ad altre piante ad azione simile. 

Consolida_regalis Studio Naturopatico Donadoni Inverigo @blognaturopatia.com

Se desideri un consulto naturopatico volto alla prevenzione, contattami.

 

DiAlessandra Zarone

Quercia, rimedio naturale per capelli grassi ed infiammazioni

Quercia, rimedio naturale per capelli grassi ed infiammazioni:

Quercia, rimedio naturale per capelli grassi ed infiammazioni, era la  quercia di Zeus,  o Quercus robur, un albero forte e maestoso che raggiunge i 35 metri. I Romani chiamavano robur sia la quercia sia il vigore fisico e quello morale: da cui l’aggettivo robustus. I Romani chiamavano robur sia la quercia sia il vigore fisico e quello morale: da cui l’aggettivo robustus. Con le ghiande eduli si faceva anche una specie di pane.Veniva preparato mescolando la farina di ghiande con un tipo di argilla, secondo una tecnica usata a Roma per la preparazione dell’alica, un pane di grano duro.

naturopatia como

Simbologia:

L’albero era anche l’emblema della sovranità. Una coroncina di foglie di quercia figurava sulle insegne degli antichi re di Alba Longa e dei loro successori, i re di Roma. Quegli alberi maestosi erano dedicati a Thor, un dio della stirpe degli Asi che in epoca precristiana contendeva la supremazia a Odino, il dio del tuono e della folgore, analogo ad altri della tradizione indoeuropea: Indra, Taranis, Giove, Dagda. Presso i Finni la quercia era considerata l’Albero cosmico i cui rami d’oro riempivano il cielo: l’abbondanza sulla terra era frutto della sua presenza.

quercus robur naturopata milano
Germani e Celti  consideravano la Quercia una rappresentazione visibile della divinità.

Nel secolo VIII san Bonifacio sradicò quella sacra al dio supremo Thor nei pressi di Gheisemer, per dimostrare ai pagani l’impotenza dei loro dei, e con il suo legname costruì una cappella in onore di san Pietro. Ma il culto per l’albero persistette.

Quercus_robur naturopatia lecco

Proprietà curative :

Per uso esterno: il decotto concentrato, serve per curare i geloni, le scottature e le infiammazioni in genere.
La corteccia cura le infiammazioni intestinali e le diarree. E’ indicata per le irritazioni delle gengive, delle emorroidi, le irritazioni della pelle e delle mucose, per i capelli grassi, infiammazioni della bocca, della gola. Attenua l’ eccessiva sudorazione dei piedi e delle ascelle, deterge le zone intime arrossate, tonifica e pulisce il cuoio capelluto grasso e con forfora.

oak- naturopata monza

Puoi approfondire le problematiche trattate con un Programma Detox. In omaggio una miscela floreale adatta a te.

DiAlessandra Zarone

Alloro, rimedio naturale per stomaco e intestino

Alloro, rimedio naturale per stomaco e intestino:

Laurus nobilis, L,  rimedio naturale per stomaco e intestino,deriva dal latino “laurus” al quale venne anteposto il suffisso ‘al’ con il significato di ‘quella’ ad indicare una specifica varietà di lauro con foglie particolarmente piccole.

Alloro_naturopata como

Alloro nell’Antichità:

Il “laurus nobilis” era sacro per i Romani e i Greci, che lo consideravano l’albero del dio Apollo; da sempre è simbolo di gloria. Il lauro è una pianta sempre verde, i cui rametti venivano intrecciati a guisa di corone che venivano poste sulla testa ai capitani militari, così come ai preti e ai sacerdoti, a simboleggiare vittoria, onori e trionfi.

alloro naturopatia milano

Proprietà curative dell’Alloro:

L’alloro ha proprietà stimolanti, antisettiche, digestive e sudorifiche.
È utilizzato sotto forma di infuso per combattere la fatica e l’astenia e per facilitare la digestione. Si dimostra altrettanto efficace nella prevenzione del raffreddore e delle affezioni bronchiali.
Le foglie del lauro (Laurus nobilis), essiccate e adoperate in infuso o in decotto, sono infatti stimolanti e antisettiche, adatti per gonfiore di pancia e stomaco. Proprio grazie all’olio essenziale svolge un’efficace azione antisettica molto utile nelle  Infatti, si tende a considerare l’alloro più un rimedio erboristico che una spezia da cucina, anche se in cottura può dare un eccellente contributo alla digeribilità dei pasti, in particolare dei legumi.

Laurus_nobilis_- naturopatia lecco
Le bacche, raccolte in ottobre o novembre, contengono una materia grassa chiamata “olio d’alloro” impiegata in esterno contro i dolori articolari e i reumatismi.
L’infuso di alloro svolge funzioni espettoranti,  rilassanti e contrasta efficacemente i disturbi dell’apparato respiratorio.
L‘infuso delle foglie giova anche nella debolezza di stomaco e nelle gastralgie. Nella paralisi si danno 8 gocce dell’essenza delle bacche.
Puoi approfondire le tematiche trattate prenotando una consulenza naturopatica o un Programma Detox con miscela floreale in omaggio.

DiAlessandra Zarone

Castagno, rimedio naturale coadiuvante nelle afflizioni reumatiche

Castagno, Castagno, rimedio naturale coadiuvante nelle afflizioni reumatiche:

Il Castagno, è un rimedio naturale per i dolori reumaticiIl suo nome è la traduzione del latino Castanea, identico al greco che a sua volta derivava da Castanis, una città del Ponto, in Asia Minore, dalla quale la  pianta passò in Grecia e poi in Italia.
Il castagno (Castanea saliva), originario dell’Iran, è una specie che può facilmente acclimatarsi in ogni regione del nostro continente, tranne nei terreni calcarei.

Castanea_sativa naturopatia milano

Nella Roma Antica:

Le castagne erano consumate abbondantemente dai Romani, come testimoniano Columella e Apicio. Quest’ultimo offriva anche la ricetta di un piatto di castagne che poteva sostituire le lenticchie.

Nel Medioevo:

Nell’alto Medioevo le castagne entrarono nel patrimonio alimentare del popolo come elemento integrativo o sostitutivo del grano grazie alla farina che se ne ricavava, o come frutti da minestra al pari dei legumi o abbinati ai legumi, specialmente alla fava.

naturopatia lecco

Proprietà curative:

Durante  disse:”Le castagne arrostite sotto la cenere, e mangiate con pepe, con sale, o con zuccaro, sono men dure a digerire [rispetto a quelle crude], meno stiticano
il corpo, generano ventosità e fanno minor dolore di testa”.

miglior naturopata como

Contiene tannini, la corteccia ha proprietà astringenti, impiegabile in fitocosmesi per il trattamento della pelle. Le foglie, hanno proprietà astringentiantisettiche e sedative della tosse.

La polpa delle castagne, cotta e setacciata, trova impiego in fitocosmesi per la preparazione di maschere facciali detergenti ed emollienti.

Castanea_sativa naturopatia milano

Il Castagno è indicato come integratore naturale per:

  • pertosse
  • diarrea
  • cellulite
  • faringite
  • rinofaringite
  • reumatismi
  • dolori reumatici
  • Prenota la tua consulenza naturopatica in Studio oppure on line

DiAlessandra Zarone

Betulla e depurazione naturale primaverile

Betulla  e depurazione naturale primaverile:

La Betulla è indicata nella depurazione naturale primaverile. Il nome Betulla ha derivazioni celtiche o latine e significa “verga”. E’ una pianta di importanza notevole, oggetto di numerose citazioni antiche, definita nel Rinascimento “Albero nefritico d’Europa”.

naturopatia lecco

Betulla e Sciamanesimo Siberiano:

La betulla (Betula alba) è considerata fra gli sciamani siberiani l’Albero cosmico.  Sono probabilmente il colore bianco-argenteo del tronco, l’aerea luminosità e anche la resistenza al freddo, che le consente di giungere sino al limitare della tundra, ad aver evocato questo simbolo.

miglior naturopata lecco

Folklore celtico:

La betulla era considerata dai Celti l’albero preposto al mese che cominciava col solstizio d’inverno: dunque, un albero “aurorale”, il primo nella foresta nordica a mettere le foglie insieme con il sambuco. Per questo motivo nei riti contadini si adoperavano verghe di betulla per scacciare lo spirito del vecchio anno.

naturopata milano

La Betulla nella Roma Antica:

Nell’antica Roma, durante la cerimonia d’insediamento dei consoli che si svolgeva in quel periodo, i dodici littori reggevano i fasci che, formati da verghe di questa pianta, erano gli emblemi del potere coercitivo dei magistrati romani.

Simbologia medievale:

Nel Medioevo venne considerato, forse sulla scia di arcaiche tradizioni celtiche, simbolo di saggezza. Tant’è vero che la bacchetta dei maestri di scuola era costituita da ramoscelli di betulla intrecciati.

Proprietà curative e tradizione popolare :

La sua corteccia è diuretica e febbrifuga, guarisce le infiammazioni della pelle e stimola la digestione; le gemme attivano la secrezione biliare; le foglie fresche preservano dalla gotta; la linfa raccolta in primavera (detta anche «acqua o sangue di betulla») cura le problematiche dell’apparato osteo-articolare e delle vie urinarie favorendo l’eliminazione dell’acido urico. Una volta se ne estraeva persino un dolcificante e un vino dolce e frizzante.

Nel XVI secolo, Mattioli afferma che la Betulla ha grandi proprietà e virtù di “rompere i sassi” (reni-vescica). La tradizione popolare usava distendere sulle foglie seccate al forno bambini debilitati per ridare loro vigore.

miglior naturopata como

 

Betulla è indicata come integratore naturale per :


Se desideri un consulto naturopatico volto alla prevenzione e al riequilibrio psico- fisico, se ti ritrovi nelle patologie descritte, contattami .

DiAlessandra Zarone

Nocciolo, Corylus avellana: rimedio naturale per il fegato

 Corylus avellana: rimedio naturale il fegato

Corylus avellana è un  rimedio naturale per cirrosi epatica e altre patologie.

Il Nocciolo, il cui termine latino Corylus avellana è stato adottato in botanica, era chiamato dai Romani  abellana – dal nome della città di Abella i cui ruderi esistono ancora nei pressi di Avella, mentre Corylus deriva dal greco córys, che significa casco perché la nocciola è racchiusa in una brattea verde che somiglia a un casco ma anche a una barba; tant’è vero che la si è soprannominata “noce barbata”.

Simbologia nell’Antica Roma:

I Romani chiamavano il nocciolo nux pontica, come riferisce Plinio, sostenendo che l’albero era arrivato in Asia e in Grecia dal Ponto. I Romani donavano piante di nocciolo come augurio di prosperità e di pace.

_Corylus_avellana naturopatia como

Folklore celtico:

Per i Celti il nocciolo, chiamato Coll, dava il nome, nel calendario arboreo, al mese lunare che corrispondeva all’epoca della raccolta delle nocciole, dai primi di agosto sino alla fine del mese. Questi frutti erano considerati il simbolo della Saggezza concentrata: dolce e compatta nello stesso tempo, racchiusa in un piccolo guscio duro, ovvero impermeabile alle mutevoli opinioni del volgo. La lettera Coll rappresentava per i Bardi il nove, un numero sacro alla Muse e collegato al nocciolo perché si diceva che l’albero fruttificasse dopo nove anni. Il nocciolo dava anche il nome a un dio, Mac Coll, “Figlio di Coll”, che fu uno dei primi tre sovrani d’Irlanda sposati con la Triplice Dea, colei che concedeva Saggezza e I’ispirazione poetica. I Druidi e i Bardi usavano tavolette divinatorie di nocciolo come supporto per la loro ispirazione: vi incidevano gli ogam, le lettere magiche.

hazelnut-naturopatia como

L’albero con i suoi frutti sferici è un simbolo della Luna.

Il Nocciolo negli antichi erbari:

Dioscoride e  Plinio, sostenevano che provocavano, oltre a emicrania e flatulenza, un ingrassamento inverosimile del corpo; ma tostati curavano il catarro e, bevuti nell’idromele, la tosse cronica. Santa Ildegarda consigliava le nocciole contro l‘impotenza, mentre il Mattioli affermava che sbucciate e mescolate col grasso d’orso fossero infallibili per la crescita dei capelli. Durante, pur ribadendo che causavano emicranie, le consigliava come astringenti e anticatarrali, e sosteneva che, mangiate al principio del pranzo, liberavano dal dolore alle reni e dalla renella.

corylus-avellana-naturopatia como

Proprietà curative del Nocciolo:

Il Nocciolo è utile in caso di…

  • problematiche della pelle
  • problematiche di stomaco
  • infiammazioni dell’apparato genitale
  • infiammazioni dell’apparato respiratorio

 

Contiene  Omega-3, utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue.

hazelnut-naturopatia como

Risolvi  le problematiche trattate con rimedi naturali, prenota  una consulenza naturopatica.

 

DiAlessandra Zarone

La purificazione del corpo con i rimedi naturali

La purificazione del corpo con i rimedi naturali:

Gilbertus Anglicus (c 1180 -.. C 1250), si occupò di purificazione del corpo con i rimedi naturali.Egli è noto anche come Gilbert d’Inghilterra, è stato un medico inglese del periodo medievale. Egli è conosciuto soprattutto per il suo lavoro enciclopedico il Compendio di Medicina, (Compendio Medicinae) molto probabilmente scritto tra il 1230 e il 1250.

detox naturopatia como

Nella purificazione dell’intestino, affetto da vermi e parassiti notiamo l’impiego, da parte di Gilbert, di miscele aromatiche, amare o acide, tra le quali Genziana, Serpentaria, Tithymalus (vedere anche qui)  e cucumis agrestis e clisteri di Assenzio, Lupinus, Scammonium, Aloe.

Per la purificazione del fegato affaticato, Gilbert usava la Sarracenia Trifera, l’ Electuarium psilliticum  e soprattutto la Dyantos Besonis. Erbe che non riesco a tradurvi.

purificazione del corpo naturopatia como

Per la purificazione della milza, Gilbert dice,  che “Si tratta è un organo spugnoso contenente  la bile nera, prodotta dal fegato per la sua pulizia. Quindi la milza soffre di conseguenza di diverse malattie, quali  ostruzione, tumori, indurimento, ascessi, e talvolta flatulenza o pienezza. “I sintomi e il trattamento di ciascuna di queste patologie,
derivanti sia da calore o freddo, sono risolte con l’uso di vari rimedi erboristici composti recanti titoli di Dyasene, Dyacapparis, Dyaceraseos (una miscela di succo di ciliegia, miele, Cannella, Lentisco  e Scammonium) .

Oggi la purificazione del corpo avviene con altri rimedi, da me personalizzati in base alla tua costituzione,  ad esempio:

Tarassaco, Cicoria, Carciofo, Cardo Mariano, Bardana, Fumaria,Ortica, Frassino, Betulla e tante altre erbe.

purificazione del corpo naturopatia como

Quali sono i criteri con cui ti suggerisco un rimedio erboristico?

  • In base alla tua costituzione ippocratica ( nel corpo circolano quattro umori: il flegma (la linfa), il sangue, la bile gialla e la bile nera. Se tra i quattro fluidi c’è equilibrio, si dà uno stato di salute, mentre con la prevalenza dell’uno o dell’altro umore, si crea uno squilibrio che determina la tendenza a malattie dell’uno o dell’altro tipo: malattie catarrali per la prevalenza del flegma, sanguigne per la prevalenza del sangue, biliose per la prevalenza della bile gialla, diatesiche per la prevalenza della bile nera…approfondisci questo argomento nel mio articolo precendente)
  • In base alle piante connesse al tuo archetipo, di cui parlo qui:  non tutte le erbe posso andare bene per tutti. Difatti la Spagyria ha rivalutato uno dei principi di Ippocrate, secondo il quale l’organo umano può essere curato da ciò che più gli è simile, quindi meglio assimilabile. Pertanto si ritiene che gli organi dell’uomo si ritrovino nelle forme e nei colori di alcuni prodotti della natura e che la rassomiglianza fra gli uni e gli altri indichi la presenza del medesimo archetipo regolatore, il cui potere può essere estratto e introdotto nell’organo carente di tale potere, quindi malato, per ripristinarne le funzioni.

purificazione del corpo naturopatia como

Se vuoi approfondire questa tematica, prenota il tuo Programma Detox nel mio Studio, oppure  on line tramite Skype.

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Disarmonie del 5°chakra Vishudda e rimedi naturali

Disarmonie del 5°chakra Vishudda e rimedi naturali:

Una disarmonia  alla tiroide  può essere risolto con l’aiuto di  rimedi naturali. Può essere causato da problemi all’interno della ghiandola tiroidea che provoca una scarsa circolazione dell’ormone tiroideo. I sintomi comprendono affaticamento, perdita di vitalità e di squilibrio ormonale complessiva. Quando la tiroide non viene curata per lungo tempo, l’Ipotiroidismo per lungo tempo, può provocare mixedema, con conseguente gonfiore di pelle e tessuti.

Tiroide naturopatia como

Cause:

La disarmonia ipotiroidea e’ una condizione derivante dall’inattività della tiroxina, da una carenza di iodio o da disfunzioni all’ipofisi o all’ipotalamo 

I sintomi sono :

  • Alti livelli di letargia
  • Freddo nelle mani e / o piedi
  • Costipazione frequente
  • Frequenti mal di testa
  • Anemia
  • Pelle secca
  • Squilibri del ciclo mestruale
  • L’obesità è talvolta legata alla disarmonia del 5°chakra Vishudda

ipotiroidismo naturopatia como

 

Il trattamento ayurvedico:

Il trattamento ayurvedico è volto a riequilibrare le energie del corpo e ripristinare la circolazione della tiroxina. I preparati vegetali vengono somministrati per aumentare il fuoco digestivo a livello cellulare, ripristinando il corretto metabolismo .

ipotiroidismo naturopatia como

Alimentazione e stile di vita :

  • Evitare  lo stress
  • Assumere adeguate quantità di latte .
  • Aumentare l’assunzione di riso rosso,orzo, moong dal e cetrioli .
  • L‘olio di cocco aiuta a migliorare il metabolismo del corpo in pazienti tiroidei.
  • Evitare cibi pesanti e aspri .
  • Esistono svariati rimedi erboristici da abbinare ad  una corretta alimentazione.

ipotiroidismo naturopatia como

Se soffri di Ipotiroidismo, prenota una Consulenza Ayurvedica nel mio Studio o via Skype.

 

DiAlessandra Zarone

Disturbi uterini e rimedi naturali

 Disturbi uterini e rimedi naturali:

E’ possibile risolvere problematiche di Endometriosi, tramite i rimedi naturali. Secondo la Medicina tradizionale Cinese, l’Endometriosi si deve a un’alterazione del Sistema Circolatorio e dei tessuti legati a Fegato e Rene. La terapia quindi mira alla regolarizzazione del ciclo mestruale, alla mobilizzazione dell’energia di Xue e alla tonificazione di Yin di Fegato e di Jing di Rene.

Endometriosis_naturopatia como

Di cosa si tratta:

L’Endometriosi è caratterizzata dalla presenza di tessuto uterino (l’endometrio, appunto, la parte interna della cavità uterina) in altre sedi. Generalmente, le sedi più frequenti rimangono in ambito pelvico. Quindi possiamo trovare presenza di tessuto endometriosico (uterino) a livello della zona delle ovaie, della vagina, delle tube, anche se è possibile ritrovarlo in sedi extrapelviche, soprattutto a livello intestinale. E’ molto raro, ma si può trovare anche a livello delle coane (cavità) nasali.

Cosa accade:

L’endometrio fuori sede risponde anch’esso agli stimoli ormonali, per cui durante il ciclo mestruale sanguina. L’Endometriosi può causare alterazioni mestruali, dolore durante i rapporti e sterilità. In termini medici si definisce come Dolore Infiammatorio Pelvico Cronico (Chronic Pelvic Inflammatory Disease) che si presenta soprattutto durante il ciclo mestruale, ma anche durante l’ovulazione. Il sintomo per il quale, però, più spesso riscontrato è la dispareunia, il dolore durante il rapporto sessuale che è presente fino al 70% dei casi. Considerando il fatto che il tessuto endometriosico si può ritrovare anche nella vescica e nell’intestino, possono essere presenti  anche delle cistiti fastidiose o la sindrome del colon irritabile. L’irritabilità del colon di per sè produce tutta una serie di sintomi emotivi accessori: nervosismo, stato di costrizione e di insoddisfazione profonda. Inoltre, se l’Endometriosi è legata all’aspetto mestruale, possono essere presenti tutti i sintomi della sindrome premestruale. Di conseguenza, ci saranno estrema tensione nervosa e stati di vera e propria depressione.

naturopatia como

Il significato psicosomatico dell’Endometriosi:

Il timore di concepire un bimbo e/o di concepire se stessa come donna.
Lo sviluppo da parte dell’organismo di tessuto endometriale al di fuori della sede uterina ruota intorno al tema della paura. Una paura dovuta a una profonda insicurezza della donna, che teme di perdere ciò che la tiene in equilibrio, in particolare il partner.L’endometrio fuori sede può essere letto anche come una fuga dal concepimento, portandolo in luoghi dove esso non può avvenire. Può anche essere presente la paura di non saper essere donna, moglie e madre al contempo. Può essere interpretato anche come difficoltà a crescere, a uscire dall’adolescenza e diventare donna adulta.

naturopatia como endometriosi

Donne con tratti psicologici adolescenziali che vivono l’uomo come l’eroe che le viene a salvare e con cui formare una coppia “chiusa”, centrata su se stessa e in qualche modo autosufficiente sia rispetto alle relazioni con l’esterno che alla creazione di una eventuale prole. Queste donne hanno di solito un legame di dipendenza sia dalla madre che dal partner. La donna malata di endometriosi è una donna bisognosa d’affetto e di conferme, che investe le sue energie femminili nel posto sbagliato (da qui l’endometrio che cresce dove non dovrebbe crescere), quindi una donna che si svaluta, per niente cosciente delle proprie capacità.

rimedi naturali per endometriosi naturopatia como

Il tempo da dedicare a se stesse è la chiave per acquisire sicurezza.
Se desideri affrontare questa problematica ed eliminare i disagi che ne conseguono, prenota ora una Consulenza Naturopatica o un consulto in Alimentazione Cinese, che ti consentirà di ritrovare il tuo benessere naturale, con il validissimo aiuto di una alimentazione appropriata, in sinergia a rimedi erboristici e floreali.

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per la salute dei tuoi capelli

Rimedi naturali per la salute dei tuoi capelli:

Fra i rimedi naturali per la salute dei tuoi capelli ci sono gli alimenti stessi, che producono effetti positivi nel corpo e nella salute in generale, compresi gli alimenti che sono ricchi di proteine, con basso contenuto di carboidrati e che hanno un ridotto contenuto di grassi . Ciò che si mette nel piatto non può essere messo sui capelli o sulla testa, ma può aiutare i capelli a rimanere sani più a lungo.

hair-naturopatia como

Cosa mangiare :

Un’altra esigenza importante nella dieta sono acidi grassi essenziali che si trovano in alimenti come noci, olio di canola, pesce e soia. Gli acidi grassi omega 3 sono considerati grassi “buoni” poiche’ presentano proprietà anti-infiammatorie e possono effettivamente svolgere un ruolo importante nella salute capelli. Nelle donne vi è un deficit potenziale, cioè una carenza di ferro che si verifica spesso durante gli anni riproduttivi, che può portare ad anemia, una riduzione dei globuli rossi che spesso non viene diagnosticata come una delle cause di perdita di capelli nelle donne.
E’ fondamentale aumentare in particolare il consumo di quella frutta e di quella verdura ricche di vitamine C, come arance, limoni,kiwi, broccoli e spinaci, visto che sono essenziali nella produzione del collagene, componente dei capelli, e di altri tessuti.

hair food naturopatia como

La visione Ayurvedica:

Secondo Ayurveda, il capello è derivato sia come sottoprodotto o prodotto come prodotto di degradazione di asthi (tessuto osseo). Qualsiasi disturbo in questo metabolismo dei tessuti , molto dipende dal fuoco digestivo, può influenzare la salute dei capelli . In una certa misura, la qualità dei capelli dipende dalla costituzione del corpo .

Ayurveda_naturopatia como

Le principali cause della caduta dei capelli:

Le principali cause della caduta dei capelli sono ormonali, carenze nutrizionali e complicazioni ad altre malattie e farmaci . La caduta dei capelli può anche derivare da una maggiore sensibilità dei follicoli piliferi agli ormoni maschili o per maggior numero di recettori ormonali maschili attaccati ai follicoli piliferi . Questa è la componente che viene ereditata attraverso i geni – definita come costituzione Pitta . Secondo l’Ayurveda , l’eccesso di Pitta dosha nel corpo è aumentato dalle condizioni climatiche calde, da eccessiva assunzione di piccante, salato e cibo acido, caldo e pungente ,, caffè, alcol , carni e fumo eccessivo . Mangiare troppo fritti, cibi grassi , grassi , acidi aggrava anche Pitta .

Vuoi approfondire questa tematica? Ti consiglierò una dieta personalizzata, in sinergia a rimedi erboristici ayurvedici oppure occidentali. Prenota subito una consulenza ayurvedica,  un consulto naturopatico o una consulenza in Alimentazione Cinese.

DiAlessandra Zarone

Ortica, rimedio naturale

Ortica, rimedio naturale 

Ortica è un rimedio naturale. E’ una pianta erbacea perenne e spontanea, frequente nei luoghi incolti, tra siepi, ruderi e macerie.
Ortica è  nota fin dall’antichità per le sue proprietà astringenti e per la polarità d’azione a livello delle pelvi. Nel secolo xvi viene utilizzato nella leucorrea e nelle metrorragie.

364_Urtica_dioeca naturopatia como

Proprietà curative dell’Ortica :


Ha azione diuretica, depurativa, antiinfiammatoria intestinale, normalizza il cuoio capelluto. Una pianta dalle molte proprietà poiché contiene proteine, zolfo, calcio, ferro e potassio. Ha azione  emostatica. Le sue radici bollite per mezz’ora nel latte sono un efficace rimedio contro i calcoli biliari; i cataplasmi di foglie pestate curano le ferite.
Il decotto d’ortica è mano santa contro tosse e raffreddori, come ricordava già Catullo.

Urtica_dioica_001 naturopatia como

La lozione di radici tritate in acqua e aceto, serve per per arrestare la caduta dei capelli ed eliminare la forfora. I biscotti fatti con semi pestati e lavorati con farina di segale, miele e acqua frenano l’incontinenza; i fiori a loro volta curano catarri, idropisia.

Ortica e Plinio il Vecchio:

L’ortica ha anche un’altra virtù già ricordata da Plinio: quella di eccitare alla voluttà e di facilitare i parti. In realtà il naturalista latino si limitava a scrivere che il seme bevuto con la sapa apriva l’utero in caso di contrazioni isteriche, mentre le foglie sfregate sui genitali spingevano le femmine dei quadrupedi riluttanti ad accoppiarsi: forse perché li infuocavano .

Castore Durante dice che…

Castore Durante, medico e botanico rinascimentale, credeva alle sue virtù afrodisiache: “Le frondi delle ortiche, cotte in vino e bevute provocano l’orina, purgano i lombi e eccitano venere”.

CastoreDurante_HerbarioNuovo_naturopatia como

Se desideri approfondire le tematiche emerse, prenota un consulto naturopatico o un Programma Detox.

DiAlessandra Zarone

Lino, antico rimedio naturale per bronchi ed intestino

Lino, antico rimedio naturale per bronchi ed intestino:

Il Lino, è un antico rimedio naturale per bronchi ed intestino. E’ considerato simbolo solare e dunque del divino, il lino è stato adottato dai sacerdoti in India, in Egitto, in Asia Minore, in Roma e nella cristianità.

naturopatia como -aspetti_di_vita_quotidiana,abbigliamento_lino,Taccuino_Sa

Il Lino nella cultura mediterranea:

A Roma lo indossarono per un certo periodo soltanto le vestali come simbolo di purezza. La dea egizia Iside fu detta “linigera” perché i suoi sacerdoti vestivano di lino Il lino oggi più coltivato è il Unum usitatissimum, un’erba annuale dal fusto eretto, ramificata soltanto superiormente, alta fino a un metro, con foglie lisce al margine e fiori sommitali con petali azzurri.

fiori di lino naturopatia como

Il Lino nell’Historia Naturalis:

Plinio lo apprezzava moltissimo, tanto da intitolare una sezione della sua Naturalis Historia «Caratteristiche e proprietà sorprendenti del lino», enumerandovi quelle che considerava proprietà meravigliose, prima fra tutte la sua utilizzazione come tessuto per le vele veniva usata per confezionare gli stoppini delle lucerne.

Castore Durante, medico e botanico, cita il Lino:

Era ed è apprezzato per le sue proprietà curative. «Il seme del lino pesto» scrive Castore Durante «e mescolato con pepe e mele, messo alla quantità d’una noce, mitiga la tosse e provoca gli appetiti venerei. Cotto in acqua melata e bevuto, giova all’infiammationi interne, e mitiga ogni sorta di dolori. Tolto con mele in forma di lettuario,purga il petto, facendo sputare, e lenisce la tosse.

I semi di lino sono emollienti, lassativi, vermifughi; leniscono le infiammazioni di bronchi, denti, pelle, intestino.
La farina ottenuta con la loro macinazione, una polvere di color giallo- bruno, untuosa al tatto, serve per preparare quei cataplasmi che da applicare sul petto.

Illustration_Linum_usitatissimum naturopatia como

Folklore:

In Germania,quando un bambino stentava a crescere o a camminare, nella notte solstiziale di San Giovanni Battista lo si metteva tutto nudo su un prato, poi si seminava il lino su di lui e sull’erba.

Soffri di problematiche bronchiali e intestinali? contattami per una consulenza naturopatica volta al riequilibrio naturale, tramite una corretta alimentazione (ne parlo qui e qui   in sinergia con i  rimedi erboristici più adatti alla tua tipologia. Leggi il mio articolo sull’importanza della personalizzazione dei rimedi  in base alla tua persona.

Blausen_0620_Lungs_NormalvsInflamedAirway

 

DiAlessandra Zarone

Noce, antico rimedio naturale per la cute

Noce, antico rimedio naturale per la cute:

Il noce, è un antico rimedio naturale per psoriasi e dermatiti. E’ connessa alla Grande Madre ed il noce ha sempre avuto una duplice valenza, di vita e di morte, luminosa e cupa. Il frutto venne consacrato anche a Giove. Nux iuglans, Iovis glans, ghianda di Giove: nome rimasto nella classificazione botanica, in cui il noce è detto Juglans regia. Dioscoride intuì l’azione dell’olio di Noce nella Tenia (Parassita intestinale).

Jupiter

Il Noce nelle cure antiche:

Nel medioevo il frutto, simile all’encefalo, secondo la “similitudine delle signature” ne suggerì l’impiego nella cefalea. Anticamente,  le foglie ed il mallo venivano usati come “elisir” della giovinezza” per la marcata attività depurativa ed eudermica. E altresì indicato per diabete, linfatismo, diarrea, leucorrea (uso esterno), acne, dermatiti, psoriasi.

Noyer_centenaire naturopatia como
«Furono queste noci» riferisce Castore Durante :”Chiamate ghiande di Giove ne i primi tempi del mondo dagli uomini”

Cosa contiene:

Contiene glucidi, protidi, sali minerali (soprattutto zincorame), e le vitamine A, B2, PP, B5. Anche le foglie e il mallo dei frutti hanno proprietà medicinali, come notavano già gli Antichi e ha confermato la moderna fitoterapia.

Tradizione foklorica:

La convinzione che streghe e demoni prediligessero il noce per i loro sabba era diffusa in tutta l’Italia.
A Roma una leggenda narra che la chiesa di Santa Maria del Popolo fu costruita per ordine di Pasquale II nel luogo in cui precedentemente vi era un noce intorno al quale migliaia di diavoli danzavano nel cuore della notte. Anche a Bologna si credeva fino al secolo scorso che le streghe si riunissero sotto queste piante, specialmente nella notte di San Giovanni.
In Sicilia, si credeva che, portata in tasca, preservasse dai fulmini e da ogni sortilegio, accelerasse i parti lenti, propiziasse il successo, debellasse la febbre. Nella terra d’Otranto le donne la portavano in tasca per difendersi dal malocchio e dalle malattie.

Juglans_regia_-_Köhler–s_Medizinal-Pflanzen naturopatia como
Nelle campagne si dice ancora oggi che non conviene riposare e tanto meno dormire all’ombra di un noce perché è facile risvegliarsi con una forte emicrania se non addirittura con la febbre. E si crede che, se le radici dell’albero penetrano nelle stalle, faranno deperire il bestiame.
Effettivamente le sue radici, come le foglie, contengono una sostanza tossica, la iuglandina, capace di provocare la morte di molte piante che crescono nelle vicinanze.

Le signature ed il Noce:

Nel XVII secolo, sulla scia della teoria dei segni secondo la quale il simile cura o colpisce il simile, si sosteneva che la noce fosse in grado di curare i disturbi del cervello perché ne era la riproduzione vegetale: l’involucro esterno, verde e carnoso, avrebbe rappresentato il cuoio capelluto, il guscio duro il cranio, la pellicola interna le meningi e la pia mater, mentre il nocciolo interno, convoluto e diviso in due, avrebbe simboleggiato gli emisferi del cervello.

walnut naturopatia como

E’ possibile prevenire le problematiche trattate, attraverso una corretta alimentazione in sinergia con i rimedi erboristici, prenota ora la tua consulenza naturopatica.

DiAlessandra Zarone

Il melo_rimedio naturale per colesterolo

Il melo_rimedio naturale per colesterolo :

Il melo, rimedio naturale per colesterolo ed altre patologie, è strettamente connesso alla Grande Madre. Ciò traspare anche in alcuni miti celtici dove la mela o un ramo dell’albero viene portato al protagonista da una messaggera dell’altro mondo. Quando Condla, il figlio di Conn Cetchathach, viene invitato a partire per l’Aldilà da una fanciulla di meravigliosa bellezza, il padre si rivolge ai Druidi perché lo trattengano:
«Allora il Druida cantò un incantesimo contro la voce della donna sicché nessuno udì più la voce di lei e Condla non vide più la donna a partire da quel momento. Ma la donna, prima di svanire per l’incantesimo del Druida, riuscì a lanciare una mela a Condla; il quale non prese né cibo né bevanda perché gli sembrava che nulla fosse più degno di essere consumato all’infuori della sua mela. La mela non diminuiva, per quanto egli ne mangiasse, e restava intera ». Quel frutto a poco a poco fu in grado di neutralizzare l’incantesimo: quando la fanciulla si presentò per la seconda volta, egli balzò sulla barca di cristallo per partire con lei.

Purple_prince_crabapple_tree naturopatia como

Il significato celtico del Melo:

Il significato celtico del Melo è pienezza, purezza, buona volontà.I Celti decoravano le stanze nuziali con rami di melo, per propiziare la fertilità e la rinascita. A tal proposito venivano bruciate delle mele durante i rituali funebri, quale cibo per il defunto. Il legno di melo veniva altresì bruciato nei riti di fertilità, per propiziare il ritorno della Primavera e infondere prosperità e salute sulle famiglie celtiche.

crab-apple-naturopatia como

La mela simboleggia la vita:

La mela come frutto della vita e della scienza appare in un testo del XV secolo, il Libro di Fermoy: «Poi remarono per molto tempo fino a quando non apparve loro un’altra isola meravigliosa dove sorgeva una magnifica foresta di meli odorosi. Un bellissimo fiume divino scorreva in mezzo alla foresta. Quando il vento scuoteva le cime degli alberi, la musica cantata da loro era più melodiosa di ogni altra cosa. Gli Ui Corra mangiarono qualche mela e bevvero un poco al fiume di vino. Immediatamente furono sazi e non sentirono più né ferita né malattia.

albero della vita naturopatia como

La simbologia greco-romana:

La rotondità della mela ha ispirato il simbolo del globo terrestre e in senso traslato della Sovranità. Per questo motivo gli imperatori romani, che si vantavano fra l’altro di discendere da Venere, portavano una mela d’oro, raffigurazione dell’orbis terrae.

terra

Proprietà curative :

Da Ippocrate, fino al XVII secolo era considerato da sempre uno dei frutti più salutari e utili, come testimoniano lo stesso Plinio e nel Rinascimento vari autori, dal Mattioli al Durante, che la raccomandavano anche come antidoto efficacissimo contro gli avvelenamenti. Oggi i frutti sono impiegati soprattutto nell’industria dolciaria, mentre hanno conservato un posto modesto nella fitoterapia, usati soprattutto come antidiarroici e astringenti.
E’ un frutto ricco di vitamine dei gruppi A, B e C, è sconsigliata ai diabetici. Contiene pectina e per questo combatte il colesterolo, l’arteriosclerosi, previene l’infarto e le malattie cardiache, migliora la circolazione sanguigna e la pressione arteriosa. Favorisce l’assorbimento del ferro.

Malus_domestica_Sturm naturopatia como

Puoi approfondire le tematiche trattate,prenotando ora una consulenza naturopatica.

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi