Archivio mensile Giugno 2018

DiAlessandra Zarone

Estate e visione ayurvedica

Estate e visione ayurvedica

Le caratteristiche più sorprendenti dell’estate nella visione ayurvedica sono il caldo, le lunghe giornate di sole splendente, la forte intensità e la natura trasformativa della stagione, aspetti direttamente in linea con Pitta, motivo per cui l’estate è considerata una stagione Pitta. E, nonostante il fatto che alcuni climi siano eccezionalmente umidi in questo periodo dell’anno, l’effetto cumulativo del calore intenso è quello di asciugare le cose, quindi anche l’estate è considerata secca. A un livello più sottile, l’estate è un periodo di espansione e mobilità più caratteristiche di Vata.

Ti consiglio di…
L’estate è piena di energia vibrante e molte persone trovano più facile alzarsi presto al mattino in questo periodo dell’anno. La mattina presto è anche il momento migliore per l’esercizio. Prima di fare il bagno è bene massaggiare la pelle con un leggero strato di olio lenitivo Pitta, come olio di cocco o di girasole, per calmare il sistema nervoso e raffreddare il corpo. Oli essenziali di gelsomino e khus, olio essenziale ottenuto dall’essicazione delle radici di Vetiveria zizanoides. Entrambi sono buoni profumi per l’estate o si può assaporare una bevanda con acqua di rose per calmare e rinfrescare la mente.

Uno stile di vita che aggrava Pitta è caratterizzato da un eccesso di lavoro, pressioni e attività orientate alla scadenza, i lunghi spostamenti diventano due volte più stressanti nella calura estiva. Equilibra il lavoro con il tempo libero, organizza la tua vacanza per l’estate, goditi le attività divertenti nei fine settimana e prenditi del tempo per goderti la vita. Quando lavori, concediti il tempo necessario per rispettare le scadenze e impara a dire di no. Dormi con le finestre aperte, se puoi.

Consigli pratici:

Ti consiglio di vestire con abiti leggeri e traspiranti in cotone o seta e favorire i colori freddi come bianco grigio, blu, viola e verde, ciò ti aiuterà

a contrastare l’intensità e il calore. L’estate è l’ideale per trascorrere il tempo in mezzo alla natura, ma quando vai fuori, indossa un cappello a tesa larga e occhiali da sole per ripararti dal sole intenso.

La sera prima di andare a letto, lava e asciuga i piedi massaggiandoli con un leggero strato di olio di Brahmi per riassestare la tua energia e ridurre il calore.

Esercizio stagionale Pitta

L’estate può motivare il miglioramento della forma fisica ed è generalmente una grande stagione per essere attivi, purché si eserciti nei momenti appropriati e con un’intensità appropriata. Metti con una goccia di olio di rosa sul terzo occhio, sulla gola e sull’ombelico per aiutare il corpo a 
rinfrescarsi.Fai una passeggiata di 10-15 minuti al sorgere del sole, quando i dolci raggi che cadono sul viso e sulla pelle stimoleranno il Sadhaka Pitta, un principio energetico che, secondo l’ayurveda, risolleva l’umore, similmente alla serotonina e alla melatonina, promuove creatività e gioia. La rosa equilibra Sadhaka Pitta, il subdosha di Pitta che governa le emozioni e il loro effetto sul cuore. Sadhaka Pitta può andare fuori equilibrio più facilmente in estate, con il caldo umido.
La rosa è rinfrescante e supporta l’agni, il fuoco digestivo.
La luce solare aiuta anche a stimolare la produzione di vitamina D del corpo, una vitamina liposolubile che svolge un ruolo importante ell’assorbimento del calcio, che a sua volta porta a ossa più forti.

Il tuo obiettivo principale nei mesi estivi sarà quello di mantenere il Pitta equilibrato, addolcendo l’intensità del calore con il rilassamento e radicando la tua energia. Può anche essere utile imparare a riconoscere i primi segni di squilibrio di pitta in modo da poter prendere provvedimenti per affrontarli rapidamente, se si presentano. Ma l’estate ha anche caratteristiche distintamente Vata, quindi è necessario rimanere idratati, favorire la stabilità e bilanciare la naturale espansività e mobilità di Vata con attività tranquille e riposanti. Le seguenti raccomandazioni per Pitta sono appropriate per la maggior parte delle persone durante l’estate.

Parliamo di alimentazione:

Durante l’estate, i nostri corpi bramano naturalmente cibi leggeri e piccoli pasti facili da digerire perché il fuoco digestivo – una forte fonte di calore interno – si disperde per aiutarci a farci raffreddare.
E’ importante essere pienamente presenti mentre assapori il gusto degli alimenti e la consistenza del cibo, questo ti aiuterà a minimizzare il rischio di eccesso di cibo. L’estate è un momento per favorire i gusti dolci, amari e astringenti e per assaporare cibi freddi, liquidi, anche leggermente oleosi.

Idratazione:

Il calore intenso dell’estate toglie l’umidità dalle piante, dalla terra e dai nostri corpi. Ecco perché è giusto aggiungere un pizzico di sale in più nel cibo in estate per compensare la sudorazione e prevenire l’affaticamento. Inoltre, è necessario bere almeno sei tazze d’acqua al giorno.
Dopo la doccia, mescolare un cucchiaino ciascuno di olio di cocco biologico non raffinato e olio di ricino in una bottiglia di vetro con un tappo.

Mettere la bottiglia in acqua calda fino a quando l’olio è tiepido (non caldo!). Applicare su tutto il corpo per mantenere la pelle elastica, morbida e fresca. Puoi anche usare questo trattamento prima di nuotare per proteggere la pelle dall’acqua salata o dal cloro.

Aromaterapia:

Tamponare una goccia di olio essenziale di sandalo sulle tempie, sul centro del sopracciglio, sul centro della gola (sull’incavo della gola), sui polsi e sull’ombelico. Secondo i sottili principi ayurvedici, tutta la tua aura sarà caricata di una fragranza dolce che pacifica il Pitta.

In Ayurveda, la rosa è rinomata per il suo potente effetto rinfrescante sulla fisiologia. Molti composti ayurvedici a base di erbe che contengono un’alta percentuale di erbe riscaldanti sono bilanciati con petali di rosa essiccati. La rosa aumenta il soma – l’elemento energetico lunare di raffreddamento, per contrastare l’agni(l’elemento solare di riscaldamento nella fisiologia) . Un cucchiaio di petali di rosa biologica ogni giorno, da solo o mescolato al latte, è un modo delizioso per sperimentare l’azione rinfrescante della rosa.

La cura della pelle con aromaterapia alla rosa:

Usa il sapone alle erbe per la pulizia e l’acqua di rose organica come un puro tonico. Se i tuoi occhi bruciano dal calore o a causa di lunghe ore al computer, sdraiati per 10 minuti con batuffoli di cotone imbevuti di acqua di rose biologica, sugli occhi chiusi, sentirai la tensione scorrere via. Spruzza un po ‘di acqua di rose biologica nella vasca da bagno.

Sonno

Puoi andare a letto un po ‘più tardi nelle sere d’estate, verso le 23:00. quando parte del calore del sole si è dissipato. Dormi sul fianco destro per

aprire la narice sinistra, che corrisponde all’ida nadi, il sottile canale di energia che corrisponde alla luna, dal potere rinfrescante.

Goditi le bevande estive rinfrescanti

I liquidi freddi aiutano a pacificare Pitta ma non bere liquidi ghiacciati o gassati, perché interrompono la digestione. Bevi succhi di frutta dolci (l’uva dolce o l’ananas dolce sono scelte rinfrescanti); latte bollito e raffreddato con un pizzico di cardamomo o una piccola petali di rosa biologica; o un lassi, fatto mescolando una parte di yogurt fresco e tre parti di acqua fresca, un cucchiaio o due cucchiai di petali di rosa essiccata e un pizzico di cardamomo rinfrescante (filtrare prima di bere). Bevi molta acqua fresca e pura durante il giorno per reintegrare l’umidità persa dal calore.

Contattami e prenota una Consulenza .

DiAlessandra Zarone

Detox e Medicina Tradizionale Cinese

Detox e Medicina Tradizionale Cinese

Detossinare significa rimuovere veleni o tossine. Il nostro corpo ha un sistema di gestione dei rifiuti naturali, i rifiuti vengono eliminati attraverso l’espirazione, l’urina, il sudore e le feci. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tubo digerente, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

I problemi sorgono quando sovraccarichiamo. Bere caffè e alcol tutti i giorni, respirare aria carica di piombo inquinata, mangiare cibi trasformati pieni di additivi e zuccheri, eccesso di cibo e non dormire a sufficienza, sentirsi stressati. Questi fattori esauriscono il nostro corpo e
gradualmente la loro capacità di eliminare i rifiuti diminuisce e le tossine si accumulano. Smettiamo di prosperare.

Devi sapere che…

  1. È importante sapere quando è il momento di eliminare il disequilibrio psicofisico e snellire il tuo corpo come faresti al tuo guardaroba alla fine di ogni stagione.
    

  2. E’importante mantenere una dieta sana e ben bilanciata, fare esercizio regolarmente, riposare a sufficienza e rimanere positivi per mantenere le tossine nel corpo al minimo.

Quali sono le tossine?

Le tossine sono le sostanze che sconvolgono l’ambiente interno del corpo e creano disarmonia del sistema di organi.

Includono prodotti di scarto dalle normali attività metaboliche del corpo, come materiale fecale, anidride carbonica e urea, nonché inquinanti ambientali come metalli pesanti, radicali liberi, batteri e virus. Le tossine portano a malattie e persino all’invecchiamento precoce.

Sintomi da accumulo di tossine:

Un lungo elenco di sintomi è associato all’ accumulo di tossine nel corpo, tra cui mal di testa, dolori alle spalle e alla schiena, crampi mestruali, gonfiore, arti gonfi, senso di costrizione toracica, eruttazione eccessiva, reflusso, scarso appetito, stitichezza o diarrea, occhi iniettati di sangue, sete, alitosi, ulcere e problemi della pelle.

Secondo i principi della MTC, le tossine sono classificate in quattro categorie principali:

1.qi e ristagno del sangue
2.accumulo di catarro
3.indigestione
4.accumulo di calore interno

Ogni categoria di tossine ha varie cause. Ad esempio…

a.L’eccesso di cibo può causare indigestione e danneggiare le funzioni della milza e dello stomaco.

b.Mangiare cibo non pulito o cibo freddo interrompe le funzioni di milza e stomaco e provoca il ristagno di qi nel corpo, portando a dolori addominali.

c.Il cibo oleoso e piccante può portare all’accumulo di “calore-umidità” nell’intestino.

d.Gli sbalzi emotivi possono anche causare la formazione di squilibri interni e tossine.
f. Fattori esterni come vento, freddo, caldo, umidità, secchezza e fuoco (o un clima che crea calore) possono invadere il corpo e causare l’accumulo di tossine.

Una disintossicazione ciclica ripristina il corpo a uno stato di armonia e allevia il disagio.

L’approccio della Medicina Cinese TCM consiste nel valutare il tipo di accumulo di tossine e dagli organi interessati. Esistono sette metodi principali per rimuovere le tossine dal corpo:

Sudore

Elimnina le tossine con l’esercizio fisico o in una sauna.

Eliminazione del calore

Le erbe di natura rinfrescante possono cancellare la sensazione di calore nel corpo. Adatto per coloro che hanno febbre alta, secchezza delle fauci, mal di gola e sintomi simili. I tè di raffreddamento possono ottenere questo effetto.

Rifornimento di energie

Potenzia il tuo qi e la circolazione sanguigna e ripristina l’armonia yin-yang per riportare il tuo corpo in uno stato equilibrato.


Spurgo

Distribuisce le tossine nello stomaco e nell’intestino.

Riscaldamento

Dissipa le tossine che si accumulano a causa del freddo, combattendole con cibi di natura riscaldante.

Eliminazione

Se si soffre di nausea o gonfiore a causa dell’indigestione, la MTC utilizza erbe per ridurre, sciogliere o eliminare l’accumulo di tossine. Questo

metodo viene anche utilizzato per sbarazzarsi di catarro e congestione del sangue all’interno del corpo.

Armonizzazione

A volte, più d’ uno dei tuoi organi è responsabile dell’accumulo di tossine. Ciò richiede una combinazione di erbe specifiche per ripristinare l’equilibrio nel tuo corpo.

I sistemi di disintossicazione del nostro corpo:

Dal punto di biologico, il nostro corpo è già dotato di diversi sistemi di disintossicazione, grazie a tre organi critici:

Fegato – La prima linea di difesa contro le tossine, il tuo fegato agisce come un filtro per impedire che sostanze tossiche contenute negli

alimenti passino nel tuo sangue.

Colon – Questo organo ha batteri che producono sostanze chimiche sia sane che malsane. È necessario mantenere regolarmente il colon in

movimento poiché il suo ruolo principale è quello di eliminare le sostanze chimiche tossiche prima che possano farti del male.

Reni: i reni filtrano costantemente il sangue e si liberano delle tossine sotto forma di urina.

Rimuovendo ed eliminando le tossine e poi nutrendo il tuo corpo con sostanze nutritive sane, si avrà una disintossicazione che proteggerà dalle malattie e ti consentirà di mantenere la salute ottimale. Un programma di disintossicazione può aiutare il naturale processo di pulizia del corpo:

Riposo degli organi attraverso il digiuno.
Stimolare il fegato a guidare le tossine fuori dal corpo.
Promuovere l’eliminazione attraverso l’intestino, i reni e la pelle.
Migliorare la circolazione del sangue.
Rifornimento del corpo con nutrienti sani.

Le diete disintossicanti devono essere appropriate all’individuo sostenere le singole costituzioni, in armonia con i bisogni di ciascuna persona.
Dal punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese ogni persona è diversa con esigenze diverse, ci sono alcuni passaggi fondamentali comuni a tutti:

Mangia cibo biologico e fresco.
Un giorno a settimana evita le proteine animali.
Bevi acqua ogni mattina.
Riduci gli zuccheri ed evita cibi spazzatura e mangiare a tarda notte.
Trascorri del tempo libero.
Esercitati, medita o intraprendi un hobby coinvolgente e rilassante.
Smetti di bere caffè e tè.
Dormi meglio e più a lungo.
Prendi in considerazione l’utilizzo di prodotti per la pulizia e cosmetici naturali.
Spegni il cellulare e il modem di notte.
Evita il pettegolezzo.
Fai sesso, ciò migliora l’energia, riduce lo stress, aiuta a dormire e rallegra.


Prenota una Consulenza in Dietetica Cinese.

DiAlessandra Zarone

Disarmonia di Swadhisthana chakra e disturbi femminili

Disarmonia di Swadhisthana chakra e disturbi femminili

ll surrene è talvolta coinvolto nella disarmonia di Swadhisthana chakra e nei disturbi femminili. E’ una ghiandola endocrina che, come suggerito dal nome, è situata sopra il rene. Si tratta, in realtà, di due piccole ghiandole (4-6 grammi), di forma piramidale, presenti bilateralmente a destra e a sinistra.
Le ghiandole surrenaliche sono costituite per il 90% da una zona più esterna (zona corticale) e per il 10% da una più interna (zona midollare). La zona corticale produce determinati ormoni (aldosterone, cortisolo e ormoni sessuali); la zona midollare, invece, produce altri ormoni (adrenalina e noradrenalina).
Tutti questi ormoni svolgono delle funzioni molto importanti; sono fondamentali, infatti, nelle risposte acute agli eventi stressanti e improvvisi, nello sviluppo dei caratteri sessuali, o addirittura nell’impedire una caduta per terra quando si passa dalla posizione sdraiata a quella eretta.

Le ghiandole surrenaliche, quindi, sono indispensabili per la sopravvivenza. Infatti, chi è stato sottoposto ad asportazione chirurgica di entrambi i surreni deve necessariamente effettuare una terapia sostitutiva, cioè deve prendere dei farmaci che sostituiscano, in tutto e per tutto, gli ormoni che normalmente vengono prodotti dai surreni.
Le ghiandole surrenaliche, inoltre, possono causare dei disturbi, nel caso in cui funzionino o troppo o troppo poco; le cause di queste disfunzioni sono molteplici, variano dalle condizioni più benigne a quelle più aggressive.
L’iperfunzione dei surreni si può manifestare in diversi modi. Nel caso della Sindrome di Cushing prevalgono l’obesità addominale con arti sottili, volto lunare, presenza di smagliature rosse sull’addome, ipertensione arteriosa e astenia.
L’iperproduzione di ormoni sessuali può verificarsi sia in età infantile che adulta (sindromi adrenogenitali) e, nelle donne, si manifesta con irregolarità mestruali e con la comparsa di peli in aree dove quest’ultimi normalmente non dovrebbero essere presenti.

E’ importante riportare in equilibrio queste funzioni ghiandolari, attraverso oligoterapia, fitoterapia, floriterapia, cromoterapia e alimenti adatti al riequilibrio psicofisico.

Sintomi di stanchezza surrenalica :

I sintomi includono svogliatezza e mancanza di energia, specialmente al mattino. Le persone che soffrono di affaticamento surrenalico amano anche fare un sonnellino pomeridiano per “ricaricare le batterie”. Sembrano sempre mancare l’energia di cui hanno bisogno per svolgere i compiti quotidiani della vita. Spesso bramano cibi ricchi di carboidrati, zucchero e caffeina. Un altro sintomo della stanchezza surrenalica è non riuscire a dormire abbastanza. Per qualche ragione, l’affaticamento surrenale si presenta più spesso nelle donne rispetto agli uomini. Alcuni studi dimostrano che l’affaticamento surrenalico può anche essere collegato alla fibromialgia e all’ipotiroidismo.

L’affaticamento surrenale è una condizione fisica in cui le ghiandole surrenali non sono in grado di produrre quantità adeguate di ormoni necessari per una corretta funzione del corpo. Questa mancanza di ormoni provoca cambiamenti nel metabolismo dei carboidrati, delle proteine ​​e dei grassi del corpo, nell’equilibrio dei liquidi e degli elettroliti, nel cuore e nel sistema cardiovascolare e persino nel desiderio sessuale. Il risultato di questo squilibrio comporta che l’individuo viva le normali sollecitazioni quotidiane come opprimenti, con conseguente esaurimento che non sembra mai essere alleviato, indipendentemente dal riposo. Non è possibile vedere la stanchezza surrenalica, poiché non ci sono sintomi visibili, tuttavia si tratta di una condizione paralizzante e devastante. Gli individui che soffrono di affaticamento surrenale possono sembrare e sembrare sani, ma si sentono come la loro energia e la vita sta scivolando via.

Cause di affaticamento surrenale

La causa alla base dell’affaticamento surrenale è uno stress continuo non risolto. Lo stress può essere emotivo, mentale, fisico o esterno, così come cattiva alimentazione, tossicità da metalli pesanti, shock estremi e traumi emotivi, eccessivo esercizio fisico, traumi fisici, lavoro troppo duro senza abbastanza riposo, eccessivo consumo di stimolanti come caffè, tè, tabacco e droghe, uso eccessivo di terapie cortisoniche, mancanza di sonno o infezioni. Sfortunatamente, il corpo reagisce allo stesso modo alle minacce reali e immaginarie. Per esempio, la costante preoccupazione per la fine di una relazione può causare eccessivo stress alle ghiandole surrenali con conseguente soppressione del sistema immunitario . Il pensiero ha un impatto importante sulla salute surrenale e quindi sul benessere generale. Quando il cervello interpreta un evento come minaccioso (stressante) le ghiandole surrenali iniziano a funzionare e segnalano al sistema nervoso di prepararsi a combattere o fuggire. Anche se l’evento stressante può essere finito, il corpo continua a combattere. Quando questo stato di emergenza viene mantenuto per lunghi periodi di tempo, le riserve corporee si esauriscono, il sistema immunitario e le ghiandole surrenali sono indeboliti.

Durante le prime fasi di affaticamento surrenale, il corpo produce una quantità eccessiva di cortisolo per far fronte alla costante lotta o risposta allo stress. Livelli elevati di cortisolo possono causare obesità, aumento del colesterolo e della pressione sanguigna, alterazioni della chimica del cervello che causano depressione e ansia, insulinoresistenza e osteoporosi. Se non si riesce ad affrontare lo stress, le ghiandole surrenali diventano così esauste che non sono più in grado di produrre una quantità adeguata di cortisolo o altri ormoni necessari per mantenere la normale funzione fisiologica. L’affaticamento surrenale può diventare una condizione cronica, quindi per evitarlo, in primo luogo, è importante ascoltare il proprio corpo. In caso di stanchezza, è inutile cercare di ribellarsi a ciò che il corpo sta dicendo. Bisogna fermarsi e riposare.

Medicina Cinese

In Medicina Cinese, le ghiandole surrenali fanno parte dell’elemento acqua e sono correlate all’energia dei reni che “immagazzinano l’Essenza”. L’Essenza presiede allo sviluppo, alla salute, alla riproduzione. Ciò che può essere definito genetico è sinonimo di ancestrale. Però oltre alla genetica il Qi e l’Essenza vengono influenzati dall’età e dalla salute dei genitori, dalle condizioni in gravidanza e durante il parto, dal periodo post-parto in cui si è legati con un filo invisibile al Qi materno (primi 6 mesi). Tutto ciò influisce sul Qi originario e sull’Essenza del neonato. Perciò la salute sarà influenzata in modo vario dalle circostanze. Il Qi originario e l’Essenza non possono essere accresciuti, ma possono essere conservati e integrati tramite la respirazione e l’alimentazione. Perciò per conservare l’Essenza è necessaria la moderazione: evitare di sovraffaticarsi, evitare lo stress, evitare le droghe e gli eccitanti, mangiare e fare attività fisica moderata e regolare, respirare correttamente e mantenersi mentalmente tranquilli.

I Reni controllano l’Acqua:

lo yang del rene controlla lo scarico dell’acqua in eccesso da parte della Vescica.
Lo yin consente agli organi e ai tessuti di trattenere l’acqua necessaria per mantenerli lubrificati e idratati.

Lo Yang del Rene ha il compito di promuovere l’azione :

  • Dà calore e attiva lo yang di Milza e Cuore.

Lo Yin del Rene ha il compito di promuovere il rilassamento :

  • Dà freschezza e stabilità e attiva lo yin di Fegato, Cuore e Polmone

In Psicosomatica, la paura dei reni è quella della fuga, è la paura animale di essere mangiati, di essere aggrediti, uccisi, che si tratti di un serpente, un drago o qualsiasi altra forma di vita non importa, essa è la prima paura fondamentale del corpo fisico, quella su cui si lavora in questo seminario. E questa trascina con sé tutta un’altra serie di paure che sono paure di emozioni, paure di ricordi, che sono però di tipo secondario.

Sintomi di stanchezza surrenale:

Sensazione di freddo
Ansia
Infezioni croniche di basso grado
Diminuzione del desiderio sessuale
Sudorazioni notturne
Minzione notte
Depressione
Fibromialgia
Mal di testa
Ipoglicemia
Incapacità di concentrarsi
Aumento delle allergie
Insonnia
Sensazione di testa vuota
Dolore lombare nella zona renale e sacro
Bassa pressione sanguigna
Debolezza muscolare
Scarsa memoria
Scarsa traspirazione
Sensibilità alla luce, rumore, tocco, movimento.
Sensazione totale di esaurimento
Aumento di peso o perdita.
Sentirsi sopraffatto da piccole cose
Nausea

Un approccio fitoterapico:

Il secondo chakra è chiamato Svadhishthana, che significa “dimora del sé”. È associato al colore arancione, all’elemento acqua e al senso del gusto. Questo chakra allinea la persona con gli organi procreativi, il bacino, il sacro e le piante dei piedi. I modelli di squilibrio associati a questo centro energetico sono stagnazione creativa, paura, sterilità, lussuria, inerzia e ricordi somatici inconsci.

Se desideri una Consulenza in  Naturopatia con Medicina Cinese, Fitoterapia, Floriterapia, Oligoelementi , volto alla soluzione di questi disagi psicofisici, contattami.

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi