Cancro e Ayurveda

DiAlessandra Zarone

Cancro e Ayurveda

Cancro e  Ayurveda

Nell’Ayurveda, i tumori non sono trattati esclusivamente come condizione fisica. La relazione tra fattori mentali, emotivi, fisici e spirituali sono tutti identificati nel trattamento del cancro. La definizione generale di cancro in Ayurveda è quando le cellule hanno dimenticato la memoria della funzione normale e corretta. Hanno perso il valore di smirti (memoria cellulare). Senza la memoria della funzione corretta le cellule non hanno regole.

Nell’Ayurveda, la causa di tutte le malattie è chiamata pragya paradh, che, tradotta, significa l’errore dell’intelletto: l’intelletto decide di vedere se stesso come separato dal campo di coscienza sottostante da cui tutti noi veniamo. La fisica quantistica riconosce l’esistenza di un tale campo unificante e l’Ayurveda riconosce quel campo come la nostra stessa coscienza. L’obiettivo dell’Ayurveda è ristabilire l’esperienza della coscienza o del silenzio in ogni cellula del corpo. Lo stress, l’inquinamento, lo stile di vita, le chemiotossine e la paura sono fattori importanti che privano il silenzio della coscienza dalla nostra esperienza. Quando il silenzio si perde a livello cellulare, le cellule si disconnettono dalle loro radici nella coscienza. Perdono la memoria e iniziano a funzionare a caso in modo sopravvissuto solo per sopravvivere.

In Ayurveda l’approccio funziona sulla base della pace, non della guerra. La storia ha dimostrato che per ogni guerra che sia mai stata combattuta, arriva un momento per fare pace e stringere la mano. Le cellule tumorali sono una parte del corpo che ha perso la memoria. Non sono necessariamente cellule cattive che devono essere distrutte, sono cellule che hanno perso la loro strada e devono essere ricollegate alle loro radici di coscienza. L’abuso di antibiotici negli ultimi 40 anni è la prova di ciò che accade alle cellule quando si tenta di ucciderli. I batteri, in nome della sopravvivenza, sono diventati resistenti agli antibiotici una volta letali. Le cellule tumorali, che sono implacabilmente ricercate per essere distrutte, troveranno anche modi per resistere agli aggressori, e in molti casi diventano più forti e più impegnati nella loro causa di sopravvivenza. Questo non vuol dire che non ci sia mai bisogno di chemioterapie. Infatti, in Ayurveda, le procedure chirurgiche radicali sono state descritte circa 3.000 anni fa nel Shushruta Samhita. Quando un cancro è diventato così prevalente, allora non c’è dubbio che il corpo ha bisogno di aiuto per ristabilire l’equilibrio: se un giardino non è mai diserbato, allora presto cessa di essere un giardino. A quel punto, dovrebbero essere prese in considerazione le chemioterapie. Ma è importante iniziare il processo di pace e ripristinare la memoria della coscienza in ogni cellula il prima possibile, preferibilmente prima della diagnosi del cancro.

La successiva espressione dell’errore dell’intelletto è innescata da costrizioni emotive che separano mente e corpo in nome della sopravvivenza.

La paura è la prima emozione che sentiamo quando perdiamo l’esperienza della coscienza a livello fisico. La coscienza, che naturalmente è vivace in ogni cellula, è immagazzinata nel cuore come una sostanza chiamata ojas. Ojas è considerata l’espressione fisica della coscienza.
Questa esperienza di coscienza è l’unica fonte di vera felicità. Quando lo perdiamo a causa della paura di farsi male, il corpo impiega la risposta di lotta o fuga del sistema nervoso simpatico per proteggere i delicati sentimenti del cuore. Quando questi sentimenti sono bloccati, cerchiamo di sostituire la felicità con mezzi più sensuali. Alcuni diventano dipendenti da droghe, alcool, denaro, fama e potere; e alcuni si ammalano. Il desiderio di vivere o guarire può essere perso a causa di una profonda mancanza di realizzazione. Queste costrizioni emotive si manifestano fisicamente nel corpo separando la coscienza (ojas) nel cuore dalla memoria (smirti) delle cellule. Di nuovo le cellule iniziano a funzionare a
caso. A seconda dei tipi di stress, esposizione chimica e / o suscettibilità genetica, il cancro del colon-retto può essere il risultato.

Lo stress è probabilmente il più grande fattore nella perdita di memoria cellulare. Lo stress ha un potente effetto sulle risposte fisiche e mentali nel corpo ed è stato recentemente identificato come causa dell’80% di tutte le malattie, incluso il cancro. Lo stress innesca gli ormoni che combattono lo stress che possono essere prodotti 24 ore al giorno a seconda della gravità e della durata dello stress. Questi ormoni che combattono lo stress sono degenerativi e producono radicali liberi come prodotti di scarto, che si ritiene siano la principale causa di invecchiamento, malattie, cancro e morte. Lo stress crea anche tensione mentale e muscolare, un afflusso di sangue compromesso e un aumento della produzione di rifiuti. Tutti questi fattori riducono la circolazione e la comunicazione a livello cellulare. Se le cellule non riescono a ricevere il sangue e a disperdersi in modo efficace, la comunicazione da e verso le cellule si rompe. Presto, le cellule perderanno la memoria della normale funzione e dovranno modificare la loro programmazione in nome della sopravvivenza. Se la circolazione cellulare lorda è diminuita,
le cellule inizieranno a riprodursi in un metodo alternativo. Se la predisposizione genetica è il cancro, o se l’esposizione a inquinanti ambientali è stata eccessiva, allora il cancro può essere il modo in cui un individuo si rompe. Nell’Ayurveda, questa stessa causa può scatenare una varietà di sintomi, a seconda della suscettibilità genetica individuale.

Tumore del colon retto

 

Nel Caraka Samhita, capitolo XIII , Chikitsasthanam, sono descritti otto tipi di malattia addominale o udara-roga. I tumori del colon-retto sono causati dall’accumulo di dosha (vata, pitta o kapha) o dall’ostruzione intestinale (che è il modo in cui vengono descritti quattro degli otto). Si afferma chiaramente che la malattia addominale deriva da un debole digestivo (potere di digestione) e un conseguente aumento di malas (prodotti di scarto). Se il cibo non è salutare, poichè  viene trasformato, congelato, irrancidito,  cotto in modo improprio, i dosha si accumulano, influenzando il prana (forza vitale), l’apana (forza verso il basso) e l’agni (forza digestiva). I prodotti di scarto si accumulano, l’energia si esaurisce e i passaggi del prana salgono e il malas (rifiuti) che scende e diventa ostruito.

Nel Caraka, capitolo V, Chikitsasthanum, viene descritto il trattamento del gulma (nodulo addominale). Questi noduli addominali sono causati da un vata aggravato (apana) nel colon a causa di evacuazione difettosa, dolore, cibo improprio. Il vata in disequilibrio  aggrava pitta e kapha, ostacolando i passaggi nell’addome. Il colon (pakvasaya) viene bloccato e vata, pitta o kapha si accumula in un gulma chiamato nodulo. Se le crescite sono di natura nodulare e situate nel muscolo e nella linfa esse sono denominate arbuda, o tumore (Ca. Chi. Ch XII, 87).

 

Rimedi per cancro dell’ intestino

A titolo informativo vi segnalo alcuni rimedi, il fai da te non è mai auspicabile.

Aglio
Selenio
Semi di lino
Mirtilli
Omega3
Salmone
Spinaci
Origano

Vitamina C – aiuta a riparare e rigenerare i tessuti e aiuta l’assorbimento del ferro.
Vitamina E – un potente antiossidante che aiuta il tuo corpo a combattere l’infezione.
Vitamina B6 – supporta la funzione surrenale ed è necessaria per i processi metabolici chiave.
Vitamina A – aiuta la funzione immunitaria e aiuta a fornire una barriera contro le infezioni.
Vitamina D3– modula la crescita cellulare, promuove la funzione neuromuscolare e immunitaria e riduce l’infiammazione.
Folato – chiave nello sviluppo dei globuli rossi (una mancanza di folato può rendere il corpo suscettibile al cancro)
Ferro– aiuta il tuo corpo a trasportare ossigeno alle cellule
Il selenio: rallenta le risposte iperattive del corpo a certe forme aggressive di cancro
Zinco– rallenta la risposta immunitaria e controlla l’infiammazione nel corpo
Vit B 12
Boswellia Serrata
Olio di cocco
Curcuma 
Reishi fungo
Ginseng
The verde
Olio di oliva
Ashwagandha
Chelidonia
Cranberry
Basilico sacro

Aloe vera
Zenzero

Trattamenti

Il cancro del colon-retto richiede un pacchetto completo di modalità terapeutiche. La mente, a causa dello stress e della paura, è stata scollegata dal corpo. Senza questa consapevolezza il processo di guarigione rimane bloccato. La meditazione rallenta la mente, permettendole di trascendere i propri pensieri e diventare consapevole di se stessa. È un processo di riconnessione della mente con la consapevolezza del corpo. L’attività metabolica diminuisce e lo stress è sostituito da un sistema nervoso calmo e da una maggiore consapevolezza del corpo. Fisicamente, ci sono molte erbe e terapie che aiuteranno a ridurre i tumori, aumentare l’agni digestivo e ripristinare i normali processi eliminativi.

 

Erbe per il cancro in linea generale:

 

  • È stato dimostrato che il tè verde (Camellia sinensis) riduce l’incidenza di una varietà di tumori, tra cui il più impossibile da curare, il cancro del pancreas e anche per prevenire il cancro allo stomaco, al colon e alla mammella e al polmone. Questa conclusione è stata basata su uno studio della popolazione della Cina, ha   dimostrato che con l’aumentare del consumo di tè, i tassi di cancro sono nettamente diminuiti. Uno studio in Giappone ha dimostrato che il tè verde riduce la probabilità di metastasi in pazienti con carcinoma mammario . Tuttavia, l’azione principale del tè verde sembra essere preventiva e i suoi effetti nei pazienti con cancro sono in gran parte sconosciuti.

  • L’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) ha dimostrato di ridurre effettivamente la crescita cellulare cancerosa. Questi studi sono stati condotti su linee cellulari leucemiche nel 1998.
  • Manjistha (Rubia cordifolia) ha mostrato di avere una lieve attività antineoplastica ed è spesso usato come parte delle formule uterine e del cancro ovarico.
  • La pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus) è un esempio di erba da cui sono stati prodotti farmaci antitumorali. Le foglie giovani contengono due sostanze fitochimiche utilizzate per produrre i farmaci vinblastina e vincristina. Questi farmaci aiutano a trattare la leucemia e il linfoma. È stato anche usato nel trattamento del cancro al seno.
  • Shatavari (Asparagus racemosus) e Brahmi (Bacopa monnieri) hanno anche dimostrato di possedere attività anticancerogena. Un estratto alcolico di entrambe le erbe ha dimostrato di essere efficace nel ridurre il carcinoma epidermico della  rinofaringe. Shatavari è un raro esempio di erba nutritiva con proprietà anticancerogene.

Panchakarma

 

Per qualsiasi condizione grave, le terapie a base di erbe da sole non dovrebbero essere considerate affidabili. Per il cancro di qualsiasi tipo, sono raccomandate una serie di terapie ringiovanenti al panchakarma. Esistono molte forme di panchakarma in diverse parti dell’India. Alcune sono forme di disintossicazione molto aggressive e potenti. Queste terapie, tuttavia, dovrebbero essere usate con cautela perché possono essere debilitanti e sono spesso limitate a persone sane. Altre forme di panchakarma, con cui sono più familiare e pratico, sono più ringiovanenti e trattano direttamente il pragya paradh (perdita della memoria cellulare del livello di coscienza); assomigliano più comunemente alle terapie conosciute in India come kya kalpa (terapie che trasformano le cellule sul piano della coscienza). La paura, la tossicità chimica e lo stile di vita e il cibo impropri, creano blocchi mentali, fisici ed emotivi nel corpo. Questi blocchi non solo bloccano i processi circolatori, bloccano
il flusso di prana (forza vitale) e della coscienza. Queste tossine legate allo stress e alla paura (ama) si insinuano profondamente nei tessuti del corpo. Sono difficili da disintossicare in quanto sono protette da una risposta del sistema nervoso di combattimento o fuga. Panchakarma è progettato per disarmare questa risposta protettiva del sistema nervoso e infiltrarsi e disintossicare i tessuti profondi del corpo. Se le terapie sono in qualche modo troppo aggressive o impoverenti, il corpo risponderà al trattamento come a un’emergenza e proteggerà i suoi tessuti profondi.

Le terapie dovrebbero durare un minimo di 7 giorni, ogni trattamento della durata di 1-3 ore di lunghezza con uno o due terapisti ayurvedici alla volta. I bastis, o clisteri alle erbe,somministrati dopo ogni terapia vengono assorbiti direttamente nel flusso sanguigno e sono le medicine che trasformeranno le cellule tossiche in cellule  più vitali. Con l’attività metabolica abbassata, la consapevolezza del corpo è intensificata e la coscienza può ora essere infusa di nuovo nei tessuti  che hanno perso la memoria della normale funzione a causa di stress e tossine.Questo ciclo completo di detossificazione e ringiovanimento
della coscienza deve essere eseguito sui tessuti più profondi del corpo al fine di trasformare totalmente la presa emotiva delle cellule tumorali.

Trattamenti corporei

 

  • I trattamenti Garshana consistono nello spazzolare la una pelle secca e linfatica con un guanto di lana o di seta. Questo migliora la circolazione e pulisce la pelle in modo che i successivi trattamenti a base di olio e erbe possano penetrare profondamente nei pori della pelle appena puliti.
  • Abhyanga è un massaggio a base di erbe e olio appositamente studiato per penetrare profondamente nella pelle, rilassare il corpo-mente, eliminare le impurità e stimolare la circolazione arteriosa e linfatica. Questo effetto aumenta la capacità dei nutrienti di raggiungere le cellule e di rimuovere i rifiuti stagnanti. Il risultato desiderato è uno stato elevato di consapevolezza che dirigerà il sistema di guarigione interna del corpo.
  • Vishesh è un massaggio ayurvedico muscolare profondo che rompe le aderenze e la circolazione compromessa in profondità all’interno dei fusi muscolari. Quando alcuni canali sono bloccati, né la consapevolezza né il sangue possono accedere ai tessuti posti profondamente. Per alcuni tipi di corpo e squilibri, questo è un approccio terapeutico essenziale.
  • Swedana è un bagno di vapore a base di erbe personalizzato. Lo swedana ayurvedico è unico  perché la testa e il cuore sono mantenuti molto freddi durante il bagno di vapore mentre il corpo viene riscaldato per rimuovere le tossine mentali, emotive e fisiche alloggiate profondamente nei tessuti. La testa e il cuore freschi donano un senso di calma e di apertura, mentre il vapore terapeutico su tutto il corpo penetra e pulisce in
    profondità senza surriscaldare o stressare il corpo.
  • Shirodhara viene somministrato delicatamente e metodicamente versando olio caldo a base di erbe sulla fronte. Questa procedura sincronizza le onde cerebrali e coordina e calma profondamente la mente, il corpo e lo spirito.
  • Pizichili è un flusso continuo di olio caldo a base di erbe che si riversa dolcemente sul corpo per due terapisti ayurvedici mentre massaggiano il corpo in perfetto unisono. Il calore dell’olio e la sincronicità del massaggio si combinano per una pulizia profonda dei tessuti, sostenendo allo stesso tempo un elevato stato di consapevolezza difficile da descrivere fino a quando non si ha l’esperienza.
  • Udvartana è un massaggio linfatico a base di erbe profondamente penetrante. Questo potente trattamento esfoliante condiziona magicamente la pelle mentre preme le tossine linfatiche stagnanti dal corpo.
  • Nasya consiste in erbe e gocce di olio singolarmente prescritte che vengono inalate attraverso il naso e liberano i seni di muco eccessivo. È anche una terapia molto importante quando si cura il sistema nervoso centrale. Questo trattamento combatte l’aridità profonda che esiste alla radice di molte condizioni respiratorie e allergiche.
  • Shiro-Abhyanga-Nasya è una lussuosa combinazione di massaggio profondo della testa, del collo e delle spalle e massaggio linfatico facciale, seguito da profonda inspirazione di vapore aromatico terapeutico e nasya nasale e sinusale
    con gocce nasali a base di erbe. Questo trattamento popolare è uno strumento inestimabile che bilancia la maggior parte dei disturbi della testa, del collo e delle vie respiratorie.

  • Pinda Swedana è un trattamento di pulizia profonda in cui il riso bollito nel latte e le erbe vengono massaggiate profondamente nei tessuti e nelle articolazioni. Il trattamento è profondamente rilassante e ringiovanente e disintossicante.
  • Vamana (emesi  terapia) e Rakta Mokshana (purificazione  del sangue) sono aspetti tradizionali del panchakarma e sono usati come parte dei più aggressivi trattamenti disintossicanti del panchakarma.
  • La terapia del suono utilizza inni e mantra vedici specifici raccomandati per ogni squilibrio.
  • La terapia tattile ravviva specifici punti vitali sul corpo chiamati punti marma. La terapia del gusto utilizza alcune medicine a base di erbe.
    La terapia del colore ayurvedico e l’odore utilizzano combinazioni di aromi rari.Usare i sensi in sinergia porta consapevolezza a mente e cuore .
  • Basti è un clistere di erbe appositamente preparato per estrarre le tossine dal colon. Questa è la fase finale di ogni trattamento quotidiano del panchakarma. Le impurità vengono espulse dal corpo attraverso gli effetti di basti. Basti è anche utilizzato per trasportare nel sangue e nei tessuti le medicine ayurvediche necessarie per trasformare le cellule danneggiate e tossiche. Basti è considerato uno degli aspetti più importanti e più potenti del trattamento. Può essere uno degli strumenti più preziosi nel trattamento del cancro del colon-retto.

 

Contattami per una Consulenza Naturopatica volta alla prevenzione e se desideri seguire un Programma Detox .

 

 

Riferimenti bibliografici

-Atha Vale, V.B. Basic Principles of Ayurveda. Bombay India Town Pinery. 1980.
-Bhishagratna, K.L. Shusshruta Samhita, Vol 1, 2. Varanasi, India.Chowkhamba Sanskrit Series. 1981.
-Chaukhambha Orientalia . Devaraj, T.L. The Panchakarma Treatment of Ayurveda. Dwanwantari Orientalia Publications, Bangalore, India. 1986.
-Frawley, D., Lad, V. The Yoga of Herbs. Lotus Press: Santa Fe New Mexico. 1986.
-Kapoor, L.D. Handbook of Ayurvedic Medicinal Plants. CRC Press: Boca Raton. FL. 1989.
-Sharma, P.V. Cakradatta, Chaukhambha Orientalia New Delhi, India. 1994.
-Sharma, P.V. Caraka Samhita, Vol 1, 2. Varanasi, India. 1981.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Per pubblicare un commento, devi accedere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi