Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda

DiAlessandra Zarone

Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda

Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda:

 

Vediamo insieme  le caratteristiche di Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda,  le differenze fra le tre costituzioni :

Pitta è un termine che deriva dalla parola sanscrita “pinj”, che significa “brillare”. Questo dosha, che è composto dall’elemento del fuoco, governa la funzione digestiva, chimica e metabolica ed è associato al calore e all’olio. La sua sede principale è l’intestino tenue, ed è il dosha che si ritiene aggiunga lucentezza agli occhi, ai capelli e alla pelle. In senso più figurato, pitta governa anche la nostra capacità di “digerire” non solo il cibo ma anche i concetti e le informazioni, che poi usiamo per percepire il nostro mondo. Le persone dominate da Pitta godono di un metabolismo efficiente e di un appetito sostanzioso. Sono considerati individui intelligenti e aggressivi. Le persone Pitta devono stare in guardia contro i disturbi emorragici, le infiammazioni, la nausea, il vomito, la diarrea, le eruzioni cutanee e la rabbia. Per ottenere l’equilibrio del dosha Pitta, l’Ayurveda consiglia di evitare il calore estremo e di mangiare cibi meno piccanti.

Kapha governa tutte le strutture e la lubrificazione nella mente e nel corpo. Controlla il peso, la crescita, la lubrificazione delle articolazioni e dei polmoni e la formazione di tutti e sette i tessuti: fluidi nutritivi, sangue, grasso, muscoli, ossa, midollo e tessuti riproduttivi.

Hai bisogno di bilanciare Kapha?

Kapha dosha governa la struttura e l’equilibrio dei liquidi nel corpo. Rispondi a queste domande per vedere se hai bisogno di bilanciare Kapha.

  1. Tendi ad essere sovrappeso?
  2. Sei spesso troppo sistemato e letargico?
  3. Hai problemi al seno?
  4. Dormi per ore e ore ma non ti svegli?
  5. La tua pelle e i tuoi capelli sono unti?
  6. Trovi che sei possessivo/a e troppo attaccato/a?
  7. Ti senti a disagio quando fa freddo?
  8. Ti senti pigro/a ?
  9. Soffri di gonfiore, ritenzione idrica?
  10. Ti senti rigido/a e pesante, specialmente al mattino?
  11. Hai problemi di congestione?
  12. Se hai risposto di sì alla maggior parte di queste domande, devi bilanciare Kapha.

 

Vata governa il movimento nel corpo, le attività del sistema nervoso e il processo di eliminazione.

La parola Vata significa “soffiare” o “muoversi come il vento”.

Costituito dagli elementi aria ed etere, è la principale forza motrice del corpo e della mente. Quando Vata dosha è sano, i movimenti del corpo sono aggraziati, senza impedimenti e tuttavia controllati. Se è fuori equilibrio, i movimenti diventano irregolari, eccessivi, diminuiti o bloccati .

Qualità di Vata:

  • Freddo
  • Leggero
  • Asciutto
  • Irregolare
  • Ruvido
  • In movimento
  • Presto
  • Variabile

Se predomina Vata dosha, il movimento e il cambiamento sono caratteristici della tua natura. Tendi ad essere sempre attivo, con una mente energica e creativa. Finché Vata sarà in equilibrio, sarai vivace ed entusiasta, con un corpo snello.

 

Se desideri prevenire disagi e ti sei ritrovato nelle problematiche descritte, non esitare a contattarmi per una Consulenza Naturopatica.

Attraverso un’alimentazione equilibrata, in sinergia con rimedi erboristici biologici, potrai risolvere e prevenire ciò che ti crea fastidio, migliorando nettamente  la tua vita con semplici passi.

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Per pubblicare un commento, devi accedere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi