Archivio annuale 2018

DiAlessandra Zarone

Menopausa e accorgimenti

Menopausa e accorgimenti

Care lettrici, in caso di Menopausa, il fai da te è sconsigliato per una serie di motivi. Alcune piante, tanto commercializzate come fossero acqua fresca, in realtà non lo sono.

Trifoglio Rosso

  1. Non assumere in caso di patologie tumorali che riguardano il seno o l’apparato genitale femminile, o anche in caso di endometriosi o presenza di fibromi all’utero.
  2. Non assumere se si utilizzano medicinali anticoagulanti, estrogeni e contraccettivi.

Cimicifuga:

 

  1. Non è indicato per le donne affette o precedentemente affette da cancro al seno o all’utero, le donne affette da endometriosi, malattie epatiche, disturbi epilettici o a rischio elevato di ictus o coaguli di sangue, allergia all’aspirina.

Provoca:

  1. ingiallimento della pelle e degli occhi
  2. forte dolore allo stomaco o crampi
  3. nausea e vomito
  4. estrema stanchezza non legata all’esercizio fisico o alla mancanza di sonno.
  5. urina scura.

Il sonno è importante per la donna che entra in menopausa o durante la menopausa, perché sia ​​gli squilibri di Vata che quelli di Pitta possono causare problemi di  sonno che peggiorano  gli squilibri della menopausa. Per mantenere entrambi i dosha in equilibrio e dormire più profondamente di notte, assicurati di essere a letto prima delle 22. 00 . È l’ora della notte in cui il sonno si fa più facile ed è più riposante. Se rimani sveglia oltre quest’ora,sarà più difficile addormentarsi e aumenterai  ogni squilibrio di Pitta, perché dalle 22.00 alle 2.00 è l’ora del dosha Pitta. L’abhyanga mattutino, o massaggio ayurvedico con olio, è estremamente importante per prevenire i problemi della menopausa.  Per entrambi i dosha Pitta e Vata, è importante non saltare i pasti e consumare il pasto principale a mezzogiorno, quando la digestione è  più forte. Prova a mangiare a alla stessa ora tutti i giorni,  vai a letto e svegliati alla stessa ora.  Assicurati di riposarti molto durante il ciclo mestruale mentre ti avvicini alla menopausa, perché questo manterrà l’equilibrio di Apana Vata ed eviterà complicazioni più gravi della menopausa.

La menopausa è nota per scatenare sbalzi d’umore, rabbia e depressione. Alcune donne dicono di sentirsi impazzire. La pre-menopausa, con i suoi estrogeni fluttuanti, è come una tempesta perfetta caratterizzata da:

  1. un  basso livello di estrogeni, che armeggia direttamente con il funzionamento della serotonina cerebrale così come la funzione cognitiva e altri sistemi tra cui il metabolismo dell’insulina e i livelli di colesterolo.

2 . mancanza di  sonno, vampate di calore, sudorazioni notturne e secchezza vaginale.

 

Circa il 75% delle donne manifesta vampate di calore durante la menopausa, rendendolo il sintomo più comune. Le vampate di calore possono verificarsi durante il giorno o di notte.

A tal proposito ti consiglio di evitare :

  1. consumo di alcol o caffeina
  2. cibo piccante
  3.  lo stress
  4. luoghi caldi
  5.  sovrappeso
  6. fumare

Alcune donne possono anche provare dolore muscolare e articolare, noto come artralgia o sbalzi d’umore.

Il calo della produzione di estrogeni può influenzare la quantità di calcio nelle ossa. Ciò può causare una significativa riduzione della densità ossea, portando a una  condizione nota come osteoporosi. Può anche renderti più sensibile ai dolori all’anca, alla colonna vertebrale. Molte donne sperimentano una perdita ossea accelerata nei primi anni dopo l’ultimo periodo mestruale.

Per mantenere le tue ossa sane:

  • Mangia cibi con molto  calcio, come prodotti caseari o verdure a foglia verde scuro.
  • Assumere integratori di vitamina D.
  • Fai movimento regolarmente.
  • Riduci il consumo di alcol.
  • Evita di fumare.

La menopausa è un aspetto naturale del ciclo di vita di una donna. È un momento in cui i livelli di estrogeni e progesterone diminuiscono. Dopo la menopausa, il rischio di determinate condizioni come l’osteoporosi o le malattie cardiovascolari può aumentare. Per gestire i sintomi,  è importante seguire  un programma alimentare sano a e fare molto esercizio fisico per evitare l’aumento di peso non necessario.

Contattami per un Programma Menopausa secondo i principi di Medicina Tradizionale Cinese, Ayurveda, Fitoterapia, Floriterapia.

 

DiAlessandra Zarone

Le erbe nell’antichità

Le erbe nell’antichità

Fin dall’antichità l’uomo è stato affascinato dall’uso delle piante e erbe medicinali. Gli uomini, fin dalla preistoria, hanno potuto trarre dalle piante il loro cibo ma anche le loro medicine. L’etimologia si lega al mondo latino: ”Officina” erano gli antichi laboratori in cui si estraevano le droghe usate dalla medicina popolare. Le piante officinali attualmente, comprendono sia quelle medicinali che quelle aromatiche. Le radici di quest’arte si trovano anche nella saggezza della tradizione. Nell’antichità la conoscenza delle piante e delle loro virtù era spesso legata a figure particolari come gli stregoni che somministravano pozioni ritenute magiche.

Piante officinali usate dall’uomo di Neanderthal 60.000 anni fa, secondo la testimonianza archeologica di Shanidar, in Iraq Si racconta che nella sepoltura dell’uomo di Neanderthal, vissuto sessantamila anni fa, gli archeologi abbiano rinvenuto pollini di piante con virtù terapeutiche: Achillea, Altea, Centaurea e Malvone. Sono risalenti al Neolitico (età della pietra nuova: da 2.000.000 a 10.000 anni fa) alcuni semi di papavero e di cumino. Per altri studiosi le prime notizie risalirebbero a un periodo compreso tra 5000 e 8000 anni fa.Per identificare l’epoca giusta di raccolta si rifacevano ad esperienze empiriche: le piante non dovevano essere raccolte né troppo giovani né troppo vecchie .

Nella Genesi si parla dell’albero della conoscenza del bene e del male, un simbolo del potere e della forza che le piante possono avere. Le piante hanno svolto un ruolo fondamentale per l’alimentazione ma anche per la cura di molteplici patologie. Nel 2700 a.C. in Cina si era provveduto a compilare un erbario; successivamente se ne compilò un altro, molto ricco (52 volumi) in cui erano descritte in dettaglio le proprietà delle erbe e delle piante officinali. In Cina venivano usati il rabarbaro , l’olio di ricino, la canfora e la canapa.

 

Gli imperatori cinesi facevano largo uso di questi preparati. I Sumeri utilizzavano il cumino (Carum carvi L.) dei prati o il timo, come pianta. Gli ideogrammi dei Sumeri si possono far risalire in via presuntiva al 2500 a.C.; essi elencavano numerose medicine di origine vegetale includendo l’oppio, noto come pianta della felicità e gli Assiri annoveravano nella loro farmacopea almeno 200 specie di piante. Ancora una volta i papiri egiziani ci offrono interessanti spunti per comprendere un’epoca che sarebbe destinata all’oblio se non si fossero conservate queste testimonianze che ci offrono un interessante spaccato sugli usi e i costumi del tempo .

Un famoso egittologo e romanziere tedesco Georg Moritz Ebers ( 1837-1898) scoprì a Luxor un papiro medico egiziano risalente al 1850 a.C. In un bassorilievo del XIV secolo a.C., una regina d’Egitto è raffigurata con in mano un fiore di mandragola allora si riteneva che questa pianta avesse molte qualità medicinali. Gli Egizi, in particolar modo, conoscevano le proprietà delle erbe e piante officinali di tipo aromatico molto utili nel processo di mummificazione. Su alcuni reperti sono presenti donne egizie che raccolgono i gigli per spremerli e ricavarne i frutti.

Nei papiri egiziani sono raccolti un gran numero di ricette e di prescrizioni, si elencano: canapa, oppio, incenso, mirra, ginepro, finocchio, semi di lino, timo e henné. A Karnak, 1500 anni prima di Cristo, gli egiziani coltivarono un giardino per scopi medicinali. Pare che già in questa remota epoca molte spezie provenissero dall’india; nei ritrovamenti a seguito degli scavi risultano tracce di anice e cardamomo, cumino, aneto e zafferano .

Nel codice di Hammurabi, ( 1728 – 1686 a.C.) risalente al 1700 avanti Cristo, venivano trattate le piante medicinali: si tratta di una delle fonti scritte più importanti a livello storico. Si fa riferimento a: liquirizia, menta, cassia e giusquiamo. Nell’Antico e nel Nuovo Testamento si tratta dell’uso medicinale delle piante e tra le altre sono indicate: aglio, l’oleandro, il cumino, l’alloro, la mandragola, la menta e l’ ortica. Pare che gli ebrei utilizzassero meno le piante officinali rispetto agli altri popoli del Mediterraneo e del medio oriente .

L’apporto profuso della civiltà greca fu certamente notevole in ogni campo: dalla scienza, alla filosofia, dalla letteratura all’arte; anche nell’ambito delle erbe officinali e aromatiche i Greci svolsero un ruolo di rilevante importanza. Diocle di Caristo, allievo di Aristotele, medico greco e principale rappresentante della scuola dogmatica (384-383 A.C 322 a.C.) pubblicò il più antico erbario greco. Presso i Greci le conoscenze sulle erbe si mescolavano con quelle medico filosofiche. Aristotele (384 322 a.C. ) giunse a codificare le proprietà e le virtù di ciascuna pianta allora conosciuta. Un posto degno di nota, nella cucina greca antica, avevano le spezie e le erbe aromatiche, tanto che Sofocle le definisce “artumata”, “condimenti della nutrizione”.

Svolgevano una funzione importante nei rituali di iniziazione, nonché, nelle pratiche funebri. Con l’origano, la menta e il rosmarino si usava frizionare i cadaveri, per preservarli più a lungo. Una pratica, questa, mutuata dalla tecnica culinaria di aromatizzare le carni prima della cottura. L’uso delle erbe è una delle prerogative della cucina greca antica. Oltre a quelle sopra citate, ritroviamo il mirto caro ad Afrodite, il lauro apollineo, il timo sacrificale, l’odorosa maggiorana, il carvi dei prati, il sedano afrodisiaco, il digestivo finocchio, i semi di papavero, il costosissimo pepe, il raro terebinto e il lentisco. Mancavano dalle tavole greche il prezzemolo ed il basilico, usati per scopi ornamentali e per scacciare gli insetti. La malva e l’asfodelo, come ci ricorda Esiodo, venivano consumate in tempo di carestia. Nelle “Opere e giorni”, l’autore decanta “il beneficio della malva e dell’asfodelo” rispetto ad un tenore di vita artificioso, fatto di ingordi doni. Due erbe umili, dunque, emblema di una vita parca, semplice. Per questa ragione erano predilette da Pitagora che le mangiava bollite .

Omero nell’Odissea (Libro X, vv. 257-306), narra di una misteriosa “erba moly” identificata dai botanici come ruta, probabilmente; nel passato fiorirono le interpretazioni allegoriche e si giunse a dire che quest’erba fosse il simbolo stesso dell’uomo, dell’eterno Odisseo. Un’altra spezia amata dal filosofo per le stesse seducenti motivazioni della ruta, era lo zafferano. Ricavato dal fiore del croco, la sua polvere era alla base di un potente filtro d’amore. Legato alla sfera femminile, lo zafferano propiziava l’unione coniugale, tanto che la sua polvere veniva sparsa sul letto nuziale la prima notte di nozze. Il Dio Imeneo, protettore del matrimonio, della coppia, era raffigurato ammantato di una cappa giallo-zafferano.

In Grecia, Asclepio veniva venerato come il Dio della medicina, delle guarigioni e dei serpenti. Molti riferimenti ad Asclepio sono stati ritrovati anche in ambito “occulto”: la sua capacità di riportare in vita i morti lo rendeva difatti anche il dio invocato dai negromanti. Il suo culto aveva il suo centro a Epidauro, ma era onorato anche a Pergamo, è stato rinvenuto un affresco in cui egli scopre l’ “erba Vettonica” .

Gli autori antichi indicano l’alloro come pianta oracolare sacra ad Apollo, ma è probabile che fra i fumi inalati dalla profetessa Pizia vi fossero anche quelli del giusquiamo (Hyoscyamus). Nell’antichità i giardini non erano solo considerati tali (giardini sacri-oliveti) ma potevano svolgere un ruolo nell’ambito dell’erboristeria. I greci offrivano l’aglio alla dea Ecate, e gli antichi egizi usavano l’ aglio per il culto dei morti. Aezio, uno scrittore greco della prima metà del secolo sesto d.C. sosteneva che la salvia fosse un’erba sacra utile anche le donne incinte per facilitare il parto. In un giardino botanico ad Atene, il direttore Teofrasto, nel 350 a.C., introdusse molti semi “utili”, di cui alcuni medicinali.

Dioscoride Pedanio fu un grande medico del primo secolo d.C. e considerato il padre fondatore della farmacologia. Scrisse “De Materia Medica” (perí hyles iatrichès), una summa enciclopedica per l’epoca in cui raccolse lo scibile in ambito terapeutico traendo ispirazione dallo stato dell’arte egiziano, medio orientale e greco romano. Una versione pervenuta fino da noi è conservata nella Biblioteca nazionale di Napoli: si possono ammirare le fini miniature che illustrano, in forma di erbario, le proprietà e i relativi impieghi di 409 specie vegetali. Queste opere sono la prova che gli antichi, dovendo lottare contro la morte, affrontare le tribolazioni e le sofferenze, utilizzarono sostanze vegetali per la preparazione di utili medicamenti.

Nell’opera di Dioscoride dal titolo “ Trattato delle erbe e delle altre sostanze semplici aventi efficacia terapeutica”, egli implementò le sue conoscenze botaniche avendo avuto l’incarico di medico militare al seguito delle truppe che costituivano l’esercito. Dioscoride esercitò una notevole influenza fino al Rinascimento sia nella medicina che nella botanica; in un erbario del 1845 egli era rappresentato circondato dai grandi erboristi dell’antichità fino al Medioevo: si riconoscono Plinio e un medico erborista arabo .

In ambito di classificazione scientifica la medicina romana trasse i suoi insegnamenti dalle conoscenze greche aggiungendo capacità organizzative ed empirismo. Non si può quindi dimenticare Ippocrate (460 a.C. -377 a.C.) che classificò circa 400 specie di specialità medicinali,in base all’azione esercitata. Tra queste si annoverano il Basilico, la Ruta, la Salvia e la Menta. Egli riconobbe le proprietà digestive della menta; riteneva la Belladonna un buon analgesico, considerava la ruta utile per interrompere la gravidanza e l’issopo adatto a curare la tosse. Non erano però i rimedi naturali a rappresentare il fulcro del suo pensiero. In alcuni bassorilievi romani sono rappresentati delle farmacie, nelle quali si evince che la grandezza di recipienti è adatta contenere decotti e tisane, non certo per farmaci da assumere a gocce.

Gaio Plinio Cecilio Secondo (23-24 d.C. 79 d.C.), Plinio il Vecchio, scrisse la “Naturalis Historia”, che costituì la sua opera più importante. Orazio (65 a.C. – 8 a.C.) scrisse un’invettiva contro l’aglio in un epodo dedicato a Mecenate “ se mai qualcuno con empia mano la gola squarciasse al genitore, l’aglio mangi, più micidiale della cicuta”. I Romani incoronavano con rosmarino le statuette dei Lari, protettori della casa. Già in Cina, nel 2700 a.C., narra la leggenda, che un imperatore abbia redatto un grande erbario, e, per tale opera si meritò il nome di “Agricoltore Celeste”.Egli si occupò anche di botanica e descrisse le proprietà curative di numerosissime piante e alberi, sia coltivate che spontanee. Fu un acuto osservatore della realtà, lavorò a ritmi frenetici, con vigore e rigoroso metodo d’investigazione. Plinio si avvale di fonti romane e greche e ci permette la conoscenza di un mondo che sarebbe andato irrimediabilmente perduto senza la sua preziosa opera compilativa e divulgativa. Plinio fu una persona di smisurata cultura ma non fu uno scienziato. Sono interessanti alcuni riferimenti ad erbe allora comuni che l’autore realizza. L’achillea ricorda il nome di Achille, che avrebbe appreso le proprietà terapeutiche dell’erba dal centauro Chirone, che avrebbe utilizzato l’erba per medicare un compagno ferito (invenisse et Achilleus discipulus Chironis qua vulneribus mederetur). Plinio dedicò molto spazio alla trattazione dell’Alloro: le foglie giovano per la tosse e l’asma e sono utili contro le punture di insetti, la scorza delle radice scioglie i calcoli e giova al fegato.

Nel quarto secolo le conquiste di Alessandro Magno aprirono la via dell’India, incrementando gli scambi tra Occidente e Oriente: le spezie giungevano regolarmente ad Alessandria per essere poi smistate in tutto il Mediterraneo. Pepe, cannella, cardamomo, zenzero, curcuma, chiodi di garofano, noce moscata, vaniglia divennero condimenti richiesti da tutti coloro che potevano acquistarli a caro prezzo. Anche nel Medioevo continuarono ad essere apprezzate e si tentò di scoprire una via verso occidente per raggiungere più facilmente le Indie; questa ricerca portò alla scoperta dell’America e alla circumnavigazione dell’Africa. Il re delle spezie era il pepe e Teofrasto lo citò nel quarto secolo avanti Cristo; per i Romani veniva chiamato “Piper” era la droga più richiesta e più costosa e questo fatto portò alla diffusione del motto “caro come il pepe”.

Nel Medioevo, con il venire meno della capillare organizzazione romana, il flusso di informazioni sulle cure e sulle erbe si arrestò ma in Europa furono i monaci a coltivare i giardini di piante medicinali. Nel medioevo il fuoco di Sant’Antonio era il nome dato a una violenta manifestazione causata dall’ingestione della “segale cornuta” che a volte veniva accidentalmente macinata insieme alla farina causando una sorta di avvelenamento di massa. In questo periodo alcune piante come le solanacee, la belladonna, giusquiamo e la mandragola esercitarono una certa influenza anche nella stregoneria e nelle pratiche magiche. Vi sono pitture del periodo che testimoniano che il medioevo fu consumatore di erbe benefiche e malefiche e in cui vengono raffigurati alberi intrecciati e persone vestite con abiti di fattezze medievali che recano in mano arbusti, fronde e fiori. In altre pitture vengono rappresentate delle attrezzature usate in quell’epoca per la distillazione delle erbe e in un’erboristeria.

Durante le Crociate si conobbero gli scritti dello scienziato arabo Avicenna (980-1037 d.C.). Il suo testo suscitò anche nuova motivazione per gli studi, per giungere poi alla creazione della Scuola Salernitana, prima scuola medica in Europa. Si dice che l’Imperatore Carlo Magno abbia fatto compilare una lista di piante medicinali e aromatiche utile per scopi terapeutici e culinari. Con la costituzione dei conventi e l’istituzione degli ordini monastici, si determinò il proseguimento dell’arte fitoterapica. Nei monasteri si poteva accedere a vecchi testi greci e romani.

I monaci benedettini dedicarono particolare cura ed attenzione al trattamento fitoterapico di malattie, alla produzione di distillati e bevande. L’“Orto dei semplici” era un’area, all’interno del monastero, deputato alla cura e alla coltivazione delle erbe officinali (“medicamentum simplex” in latino medioevale era un’erba medicinale o un medicamento fatto con erba). Il “monacus medicus” dirigeva l’infermeria e la farmacia detta “armaria pigmentarium”, selezionava e coltivava sementi e si poneva in rapporto con altri conventi per la coltivazione di nuove piante.

All’inizio del ‘500 fanno la loro comparsa i primi erbari secchi che permettono l’identificazione delle piante. Paracelso (1493-1541), medico e alchimista svizzero che può essere considerato un primo erborista e farmacista moderno, si avvalse dell’uso sistematico di principi attivi delle piante e postulò una forma semplice di fitoterapia, scagliandosi contro “i ciarlatani” del tempo. Si deve ricordare che nei secoli XV e XVI, la “caccia alle streghe” era uno strumento di “pulizia” politica per proteggere le corporazioni di medicina tradizionale, contro l’uso delle erbe, di cui le “streghe” erano accusate di fare uso. Secondo la dottrina dei segni, che fu studiata nel XVI secolo, le caratteristiche di una pianta dovevano permettere la possibilità di capire le sue proprietà: ad esempio se una pianta era fatta a forma di coda di scorpione doveva essere utile per curare i morsi di questo animale.

Il Rinascimento per gli erboristi costituì un età dell’oro essendo un’epoca di grande risveglio, fervore culturale e creativo e quindi di innovazione anche in medicina ed in erboristeria .
Se vuoi approfondire questa tematica, prenota i miei corsi on line via Skype

DiAlessandra Zarone

Estate e visione ayurvedica

Estate e visione ayurvedica

Le caratteristiche più sorprendenti dell’estate nella visione ayurvedica sono il caldo, le lunghe giornate di sole splendente, la forte intensità e la natura trasformativa della stagione, aspetti direttamente in linea con Pitta, motivo per cui l’estate è considerata una stagione Pitta. E, nonostante il fatto che alcuni climi siano eccezionalmente umidi in questo periodo dell’anno, l’effetto cumulativo del calore intenso è quello di asciugare le cose, quindi anche l’estate è considerata secca. A un livello più sottile, l’estate è un periodo di espansione e mobilità più caratteristiche di Vata.

Ti consiglio di…
L’estate è piena di energia vibrante e molte persone trovano più facile alzarsi presto al mattino in questo periodo dell’anno. La mattina presto è anche il momento migliore per l’esercizio. Prima di fare il bagno è bene massaggiare la pelle con un leggero strato di olio lenitivo Pitta, come olio di cocco o di girasole, per calmare il sistema nervoso e raffreddare il corpo. Oli essenziali di gelsomino e khus, olio essenziale ottenuto dall’essicazione delle radici di Vetiveria zizanoides. Entrambi sono buoni profumi per l’estate o si può assaporare una bevanda con acqua di rose per calmare e rinfrescare la mente.

Uno stile di vita che aggrava Pitta è caratterizzato da un eccesso di lavoro, pressioni e attività orientate alla scadenza, i lunghi spostamenti diventano due volte più stressanti nella calura estiva. Equilibra il lavoro con il tempo libero, organizza la tua vacanza per l’estate, goditi le attività divertenti nei fine settimana e prenditi del tempo per goderti la vita. Quando lavori, concediti il tempo necessario per rispettare le scadenze e impara a dire di no. Dormi con le finestre aperte, se puoi.

Consigli pratici:

Ti consiglio di vestire con abiti leggeri e traspiranti in cotone o seta e favorire i colori freddi come bianco grigio, blu, viola e verde, ciò ti aiuterà

a contrastare l’intensità e il calore. L’estate è l’ideale per trascorrere il tempo in mezzo alla natura, ma quando vai fuori, indossa un cappello a tesa larga e occhiali da sole per ripararti dal sole intenso.

La sera prima di andare a letto, lava e asciuga i piedi massaggiandoli con un leggero strato di olio di Brahmi per riassestare la tua energia e ridurre il calore.

Esercizio stagionale Pitta

L’estate può motivare il miglioramento della forma fisica ed è generalmente una grande stagione per essere attivi, purché si eserciti nei momenti appropriati e con un’intensità appropriata. Metti con una goccia di olio di rosa sul terzo occhio, sulla gola e sull’ombelico per aiutare il corpo a 
rinfrescarsi.Fai una passeggiata di 10-15 minuti al sorgere del sole, quando i dolci raggi che cadono sul viso e sulla pelle stimoleranno il Sadhaka Pitta, un principio energetico che, secondo l’ayurveda, risolleva l’umore, similmente alla serotonina e alla melatonina, promuove creatività e gioia. La rosa equilibra Sadhaka Pitta, il subdosha di Pitta che governa le emozioni e il loro effetto sul cuore. Sadhaka Pitta può andare fuori equilibrio più facilmente in estate, con il caldo umido.
La rosa è rinfrescante e supporta l’agni, il fuoco digestivo.
La luce solare aiuta anche a stimolare la produzione di vitamina D del corpo, una vitamina liposolubile che svolge un ruolo importante ell’assorbimento del calcio, che a sua volta porta a ossa più forti.

Il tuo obiettivo principale nei mesi estivi sarà quello di mantenere il Pitta equilibrato, addolcendo l’intensità del calore con il rilassamento e radicando la tua energia. Può anche essere utile imparare a riconoscere i primi segni di squilibrio di pitta in modo da poter prendere provvedimenti per affrontarli rapidamente, se si presentano. Ma l’estate ha anche caratteristiche distintamente Vata, quindi è necessario rimanere idratati, favorire la stabilità e bilanciare la naturale espansività e mobilità di Vata con attività tranquille e riposanti. Le seguenti raccomandazioni per Pitta sono appropriate per la maggior parte delle persone durante l’estate.

Parliamo di alimentazione:

Durante l’estate, i nostri corpi bramano naturalmente cibi leggeri e piccoli pasti facili da digerire perché il fuoco digestivo – una forte fonte di calore interno – si disperde per aiutarci a farci raffreddare.
E’ importante essere pienamente presenti mentre assapori il gusto degli alimenti e la consistenza del cibo, questo ti aiuterà a minimizzare il rischio di eccesso di cibo. L’estate è un momento per favorire i gusti dolci, amari e astringenti e per assaporare cibi freddi, liquidi, anche leggermente oleosi.

Idratazione:

Il calore intenso dell’estate toglie l’umidità dalle piante, dalla terra e dai nostri corpi. Ecco perché è giusto aggiungere un pizzico di sale in più nel cibo in estate per compensare la sudorazione e prevenire l’affaticamento. Inoltre, è necessario bere almeno sei tazze d’acqua al giorno.
Dopo la doccia, mescolare un cucchiaino ciascuno di olio di cocco biologico non raffinato e olio di ricino in una bottiglia di vetro con un tappo.

Mettere la bottiglia in acqua calda fino a quando l’olio è tiepido (non caldo!). Applicare su tutto il corpo per mantenere la pelle elastica, morbida e fresca. Puoi anche usare questo trattamento prima di nuotare per proteggere la pelle dall’acqua salata o dal cloro.

Aromaterapia:

Tamponare una goccia di olio essenziale di sandalo sulle tempie, sul centro del sopracciglio, sul centro della gola (sull’incavo della gola), sui polsi e sull’ombelico. Secondo i sottili principi ayurvedici, tutta la tua aura sarà caricata di una fragranza dolce che pacifica il Pitta.

In Ayurveda, la rosa è rinomata per il suo potente effetto rinfrescante sulla fisiologia. Molti composti ayurvedici a base di erbe che contengono un’alta percentuale di erbe riscaldanti sono bilanciati con petali di rosa essiccati. La rosa aumenta il soma – l’elemento energetico lunare di raffreddamento, per contrastare l’agni(l’elemento solare di riscaldamento nella fisiologia) . Un cucchiaio di petali di rosa biologica ogni giorno, da solo o mescolato al latte, è un modo delizioso per sperimentare l’azione rinfrescante della rosa.

La cura della pelle con aromaterapia alla rosa:

Usa il sapone alle erbe per la pulizia e l’acqua di rose organica come un puro tonico. Se i tuoi occhi bruciano dal calore o a causa di lunghe ore al computer, sdraiati per 10 minuti con batuffoli di cotone imbevuti di acqua di rose biologica, sugli occhi chiusi, sentirai la tensione scorrere via. Spruzza un po ‘di acqua di rose biologica nella vasca da bagno.

Sonno

Puoi andare a letto un po ‘più tardi nelle sere d’estate, verso le 23:00. quando parte del calore del sole si è dissipato. Dormi sul fianco destro per

aprire la narice sinistra, che corrisponde all’ida nadi, il sottile canale di energia che corrisponde alla luna, dal potere rinfrescante.

Goditi le bevande estive rinfrescanti

I liquidi freddi aiutano a pacificare Pitta ma non bere liquidi ghiacciati o gassati, perché interrompono la digestione. Bevi succhi di frutta dolci (l’uva dolce o l’ananas dolce sono scelte rinfrescanti); latte bollito e raffreddato con un pizzico di cardamomo o una piccola petali di rosa biologica; o un lassi, fatto mescolando una parte di yogurt fresco e tre parti di acqua fresca, un cucchiaio o due cucchiai di petali di rosa essiccata e un pizzico di cardamomo rinfrescante (filtrare prima di bere). Bevi molta acqua fresca e pura durante il giorno per reintegrare l’umidità persa dal calore.

Contattami e prenota una Consulenza Personalizzata in Alimentazione Ayurvedica. in sinergia con Fitoterapia adatta alla tua persona.

DiAlessandra Zarone

Detox e Medicina Tradizionale Cinese

Detox e Medicina Tradizionale Cinese

Detossinare significa rimuovere veleni o tossine. Il nostro corpo ha un sistema di gestione dei rifiuti naturali, i rifiuti vengono eliminati attraverso l’espirazione, l’urina, il sudore e le feci. Filtriamo l’aria che respiriamo, il cibo e le bevande che consumiamo e tutto ciò che assorbiamo attraverso la nostra pelle. La nostra circolazione sanguigna, il tubo digerente, il fegato, i reni e i polmoni sono tutti sistemi che funzionano in modo efficiente ed efficace nelle giuste condizioni.

I problemi sorgono quando sovraccarichiamo. Bere caffè e alcol tutti i giorni, respirare aria carica di piombo inquinata, mangiare cibi trasformati pieni di additivi e zuccheri, eccesso di cibo e non dormire a sufficienza, sentirsi stressati. Questi fattori esauriscono il nostro corpo e
gradualmente la loro capacità di eliminare i rifiuti diminuisce e le tossine si accumulano. Smettiamo di prosperare.

Devi sapere che…

  1. È importante sapere quando è il momento di eliminare il disequilibrio psicofisico e snellire il tuo corpo come faresti al tuo guardaroba alla fine di ogni stagione.
    

  2. E’importante mantenere una dieta sana e ben bilanciata, fare esercizio regolarmente, riposare a sufficienza e rimanere positivi per mantenere le tossine nel corpo al minimo.

Quali sono le tossine?

Le tossine sono le sostanze che sconvolgono l’ambiente interno del corpo e creano disarmonia del sistema di organi.

Includono prodotti di scarto dalle normali attività metaboliche del corpo, come materiale fecale, anidride carbonica e urea, nonché inquinanti ambientali come metalli pesanti, radicali liberi, batteri e virus. Le tossine portano a malattie e persino all’invecchiamento precoce.

Sintomi da accumulo di tossine:

Un lungo elenco di sintomi è associato all’ accumulo di tossine nel corpo, tra cui mal di testa, dolori alle spalle e alla schiena, crampi mestruali, gonfiore, arti gonfi, senso di costrizione toracica, eruttazione eccessiva, reflusso, scarso appetito, stitichezza o diarrea, occhi iniettati di sangue, sete, alitosi, ulcere e problemi della pelle.

Secondo i principi della MTC, le tossine sono classificate in quattro categorie principali:

1.qi e ristagno del sangue
2.accumulo di catarro
3.indigestione
4.accumulo di calore interno

Ogni categoria di tossine ha varie cause. Ad esempio…

a.L’eccesso di cibo può causare indigestione e danneggiare le funzioni della milza e dello stomaco.

b.Mangiare cibo non pulito o cibo freddo interrompe le funzioni di milza e stomaco e provoca il ristagno di qi nel corpo, portando a dolori addominali.

c.Il cibo oleoso e piccante può portare all’accumulo di “calore-umidità” nell’intestino.

d.Gli sbalzi emotivi possono anche causare la formazione di squilibri interni e tossine.
f. Fattori esterni come vento, freddo, caldo, umidità, secchezza e fuoco (o un clima che crea calore) possono invadere il corpo e causare l’accumulo di tossine.

Una disintossicazione ciclica ripristina il corpo a uno stato di armonia e allevia il disagio.

L’approccio della Medicina Cinese TCM consiste nel valutare il tipo di accumulo di tossine e dagli organi interessati. Esistono sette metodi principali per rimuovere le tossine dal corpo:

Sudore

Elimnina le tossine con l’esercizio fisico o in una sauna.

Eliminazione del calore

Le erbe di natura rinfrescante possono cancellare la sensazione di calore nel corpo. Adatto per coloro che hanno febbre alta, secchezza delle fauci, mal di gola e sintomi simili. I tè di raffreddamento possono ottenere questo effetto.

Rifornimento di energie

Potenzia il tuo qi e la circolazione sanguigna e ripristina l’armonia yin-yang per riportare il tuo corpo in uno stato equilibrato.


Spurgo

Distribuisce le tossine nello stomaco e nell’intestino.

Riscaldamento

Dissipa le tossine che si accumulano a causa del freddo, combattendole con cibi di natura riscaldante.

Eliminazione

Se si soffre di nausea o gonfiore a causa dell’indigestione, la MTC utilizza erbe per ridurre, sciogliere o eliminare l’accumulo di tossine. Questo

metodo viene anche utilizzato per sbarazzarsi di catarro e congestione del sangue all’interno del corpo.

Armonizzazione

A volte, più d’ uno dei tuoi organi è responsabile dell’accumulo di tossine. Ciò richiede una combinazione di erbe specifiche per ripristinare l’equilibrio nel tuo corpo.

I sistemi di disintossicazione del nostro corpo:

Dal punto di biologico, il nostro corpo è già dotato di diversi sistemi di disintossicazione, grazie a tre organi critici:

Fegato – La prima linea di difesa contro le tossine, il tuo fegato agisce come un filtro per impedire che sostanze tossiche contenute negli

alimenti passino nel tuo sangue.

Colon – Questo organo ha batteri che producono sostanze chimiche sia sane che malsane. È necessario mantenere regolarmente il colon in

movimento poiché il suo ruolo principale è quello di eliminare le sostanze chimiche tossiche prima che possano farti del male.

Reni: i reni filtrano costantemente il sangue e si liberano delle tossine sotto forma di urina.

Rimuovendo ed eliminando le tossine e poi nutrendo il tuo corpo con sostanze nutritive sane, si avrà una disintossicazione che proteggerà dalle malattie e ti consentirà di mantenere la salute ottimale. Un programma di disintossicazione può aiutare il naturale processo di pulizia del corpo:

Riposo degli organi attraverso il digiuno.
Stimolare il fegato a guidare le tossine fuori dal corpo.
Promuovere l’eliminazione attraverso l’intestino, i reni e la pelle.
Migliorare la circolazione del sangue.
Rifornimento del corpo con nutrienti sani.

Le diete disintossicanti devono essere appropriate all’individuo sostenere le singole costituzioni, in armonia con i bisogni di ciascuna persona.
Dal punto di vista della Medicina Tradizionale Cinese ogni persona è diversa con esigenze diverse, ci sono alcuni passaggi fondamentali comuni a tutti:

Mangia cibo biologico e fresco.
Un giorno a settimana evita le proteine animali.
Bevi acqua ogni mattina.
Riduci gli zuccheri ed evita cibi spazzatura e mangiare a tarda notte.
Trascorri del tempo libero.
Esercitati, medita o intraprendi un hobby coinvolgente e rilassante.
Smetti di bere caffè e tè.
Dormi meglio e più a lungo.
Prendi in considerazione l’utilizzo di prodotti per la pulizia e cosmetici naturali.
Spegni il cellulare e il modem di notte.
Evita il pettegolezzo.
Fai sesso, ciò migliora l’energia, riduce lo stress, aiuta a dormire e rallegra.


Prenota una Consulenza in Dietetica Cinese.

DiAlessandra Zarone

Disarmonia di Swadhisthana chakra e disturbi femminili

Disarmonia di Swadhisthana chakra e disturbi femminili

ll surrene è talvolta coinvolto nella disarmonia di Swadhisthana chakra e nei disturbi femminili. E’ una ghiandola endocrina che, come suggerito dal nome, è situata sopra il rene. Si tratta, in realtà, di due piccole ghiandole (4-6 grammi), di forma piramidale, presenti bilateralmente a destra e a sinistra.
Le ghiandole surrenaliche sono costituite per il 90% da una zona più esterna (zona corticale) e per il 10% da una più interna (zona midollare). La zona corticale produce determinati ormoni (aldosterone, cortisolo e ormoni sessuali); la zona midollare, invece, produce altri ormoni (adrenalina e noradrenalina).
Tutti questi ormoni svolgono delle funzioni molto importanti; sono fondamentali, infatti, nelle risposte acute agli eventi stressanti e improvvisi, nello sviluppo dei caratteri sessuali, o addirittura nell’impedire una caduta per terra quando si passa dalla posizione sdraiata a quella eretta.

Le ghiandole surrenaliche, quindi, sono indispensabili per la sopravvivenza. Infatti, chi è stato sottoposto ad asportazione chirurgica di entrambi i surreni deve necessariamente effettuare una terapia sostitutiva, cioè deve prendere dei farmaci che sostituiscano, in tutto e per tutto, gli ormoni che normalmente vengono prodotti dai surreni.
Le ghiandole surrenaliche, inoltre, possono causare dei disturbi, nel caso in cui funzionino o troppo o troppo poco; le cause di queste disfunzioni sono molteplici, variano dalle condizioni più benigne a quelle più aggressive.
L’iperfunzione dei surreni si può manifestare in diversi modi. Nel caso della Sindrome di Cushing prevalgono l’obesità addominale con arti sottili, volto lunare, presenza di smagliature rosse sull’addome, ipertensione arteriosa e astenia.
L’iperproduzione di ormoni sessuali può verificarsi sia in età infantile che adulta (sindromi adrenogenitali) e, nelle donne, si manifesta con irregolarità mestruali e con la comparsa di peli in aree dove quest’ultimi normalmente non dovrebbero essere presenti.

E’ importante riportare in equilibrio queste funzioni ghiandolari, attraverso oligoterapia, fitoterapia, floriterapia, cromoterapia e alimenti adatti al riequilibrio psicofisico.

Sintomi di stanchezza surrenalica :

I sintomi includono svogliatezza e mancanza di energia, specialmente al mattino. Le persone che soffrono di affaticamento surrenalico amano anche fare un sonnellino pomeridiano per “ricaricare le batterie”. Sembrano sempre mancare l’energia di cui hanno bisogno per svolgere i compiti quotidiani della vita. Spesso bramano cibi ricchi di carboidrati, zucchero e caffeina. Un altro sintomo della stanchezza surrenalica è non riuscire a dormire abbastanza. Per qualche ragione, l’affaticamento surrenale si presenta più spesso nelle donne rispetto agli uomini. Alcuni studi dimostrano che l’affaticamento surrenalico può anche essere collegato alla fibromialgia e all’ipotiroidismo.

L’affaticamento surrenale è una condizione fisica in cui le ghiandole surrenali non sono in grado di produrre quantità adeguate di ormoni necessari per una corretta funzione del corpo. Questa mancanza di ormoni provoca cambiamenti nel metabolismo dei carboidrati, delle proteine ​​e dei grassi del corpo, nell’equilibrio dei liquidi e degli elettroliti, nel cuore e nel sistema cardiovascolare e persino nel desiderio sessuale. Il risultato di questo squilibrio comporta che l’individuo viva le normali sollecitazioni quotidiane come opprimenti, con conseguente esaurimento che non sembra mai essere alleviato, indipendentemente dal riposo. Non è possibile vedere la stanchezza surrenalica, poiché non ci sono sintomi visibili, tuttavia si tratta di una condizione paralizzante e devastante. Gli individui che soffrono di affaticamento surrenale possono sembrare e sembrare sani, ma si sentono come la loro energia e la vita sta scivolando via.

Cause di affaticamento surrenale

La causa alla base dell’affaticamento surrenale è uno stress continuo non risolto. Lo stress può essere emotivo, mentale, fisico o esterno, così come cattiva alimentazione, tossicità da metalli pesanti, shock estremi e traumi emotivi, eccessivo esercizio fisico, traumi fisici, lavoro troppo duro senza abbastanza riposo, eccessivo consumo di stimolanti come caffè, tè, tabacco e droghe, uso eccessivo di terapie cortisoniche, mancanza di sonno o infezioni. Sfortunatamente, il corpo reagisce allo stesso modo alle minacce reali e immaginarie. Per esempio, la costante preoccupazione per la fine di una relazione può causare eccessivo stress alle ghiandole surrenali con conseguente soppressione del sistema immunitario . Il pensiero ha un impatto importante sulla salute surrenale e quindi sul benessere generale. Quando il cervello interpreta un evento come minaccioso (stressante) le ghiandole surrenali iniziano a funzionare e segnalano al sistema nervoso di prepararsi a combattere o fuggire. Anche se l’evento stressante può essere finito, il corpo continua a combattere. Quando questo stato di emergenza viene mantenuto per lunghi periodi di tempo, le riserve corporee si esauriscono, il sistema immunitario e le ghiandole surrenali sono indeboliti.

Durante le prime fasi di affaticamento surrenale, il corpo produce una quantità eccessiva di cortisolo per far fronte alla costante lotta o risposta allo stress. Livelli elevati di cortisolo possono causare obesità, aumento del colesterolo e della pressione sanguigna, alterazioni della chimica del cervello che causano depressione e ansia, insulinoresistenza e osteoporosi. Se non si riesce ad affrontare lo stress, le ghiandole surrenali diventano così esauste che non sono più in grado di produrre una quantità adeguata di cortisolo o altri ormoni necessari per mantenere la normale funzione fisiologica. L’affaticamento surrenale può diventare una condizione cronica, quindi per evitarlo, in primo luogo, è importante ascoltare il proprio corpo. In caso di stanchezza, è inutile cercare di ribellarsi a ciò che il corpo sta dicendo. Bisogna fermarsi e riposare.

Medicina Cinese

In Medicina Cinese, le ghiandole surrenali fanno parte dell’elemento acqua e sono correlate all’energia dei reni che “immagazzinano l’Essenza”. L’Essenza presiede allo sviluppo, alla salute, alla riproduzione. Ciò che può essere definito genetico è sinonimo di ancestrale. Però oltre alla genetica il Qi e l’Essenza vengono influenzati dall’età e dalla salute dei genitori, dalle condizioni in gravidanza e durante il parto, dal periodo post-parto in cui si è legati con un filo invisibile al Qi materno (primi 6 mesi). Tutto ciò influisce sul Qi originario e sull’Essenza del neonato. Perciò la salute sarà influenzata in modo vario dalle circostanze. Il Qi originario e l’Essenza non possono essere accresciuti, ma possono essere conservati e integrati tramite la respirazione e l’alimentazione. Perciò per conservare l’Essenza è necessaria la moderazione: evitare di sovraffaticarsi, evitare lo stress, evitare le droghe e gli eccitanti, mangiare e fare attività fisica moderata e regolare, respirare correttamente e mantenersi mentalmente tranquilli.

I Reni controllano l’Acqua:

lo yang del rene controlla lo scarico dell’acqua in eccesso da parte della Vescica.
Lo yin consente agli organi e ai tessuti di trattenere l’acqua necessaria per mantenerli lubrificati e idratati.

Lo Yang del Rene ha il compito di promuovere l’azione :

  • Dà calore e attiva lo yang di Milza e Cuore.

Lo Yin del Rene ha il compito di promuovere il rilassamento :

  • Dà freschezza e stabilità e attiva lo yin di Fegato, Cuore e Polmone

In Psicosomatica, la paura dei reni è quella della fuga, è la paura animale di essere mangiati, di essere aggrediti, uccisi, che si tratti di un serpente, un drago o qualsiasi altra forma di vita non importa, essa è la prima paura fondamentale del corpo fisico, quella su cui si lavora in questo seminario. E questa trascina con sé tutta un’altra serie di paure che sono paure di emozioni, paure di ricordi, che sono però di tipo secondario.

Sintomi di stanchezza surrenale:

Sensazione di freddo
Ansia
Infezioni croniche di basso grado
Diminuzione del desiderio sessuale
Sudorazioni notturne
Minzione notte
Depressione
Fibromialgia
Mal di testa
Ipoglicemia
Incapacità di concentrarsi
Aumento delle allergie
Insonnia
Sensazione di testa vuota
Dolore lombare nella zona renale e sacro
Bassa pressione sanguigna
Debolezza muscolare
Scarsa memoria
Scarsa traspirazione
Sensibilità alla luce, rumore, tocco, movimento.
Sensazione totale di esaurimento
Aumento di peso o perdita.
Sentirsi sopraffatto da piccole cose
Nausea

Un approccio fitoterapico:

Il secondo chakra è chiamato Svadhishthana, che significa “dimora del sé”. È associato al colore arancione, all’elemento acqua e al senso del gusto. Questo chakra allinea la persona con gli organi procreativi, il bacino, il sacro e le piante dei piedi. I modelli di squilibrio associati a questo centro energetico sono stagnazione creativa, paura, sterilità, lussuria, inerzia e ricordi somatici inconsci.

Se desideri una Consulenza in  Naturopatia con Medicina Cinese, Fitoterapia, Floriterapia, Oligoelementi , volto alla soluzione di questi disagi psicofisici, contattami.

DiAlessandra Zarone

Perchè rivolgersi a me?

Perchè rivolgersi a me?

Caro lettore, oggi ti spiegherò perchè rivolgersi a me, in qualità di Naturopata .Le consulenze mi permettono di fare domande specifiche e tu puoi fare qualsiasi domanda per comprendere meglio i tuoi disagi.


Il naturopata non si sostituisce al medico, una volta che hai una diagnosi, potrò istruirti su tutte le opzioni di trattamento disponibili . Potro’ darti  consigli dietetici, supplementi nutrizionali, rimedi a base di erbe, tutti finalizzati all’ottimizzazione della salute, attraverso un approccio olistico.
Quando si visita un naturopata, è importante determinare la causa principale dei problemi di salute. Senza conoscere la fonte, è più probabile che maschererai solo i sintomi e i tuoi disturbi potrebbero persistere.

Approccio olistico

Il mio approccio ai tuoi disagi è sempre delicato e rispettoso, valuterò i messaggi del tuo corpo e non mi limiterò ai sintomi, poichè il corpo è una rete complessa dove, in piena salute, ogni cosa è in sinergia. Quando un singolo aspetto della rete del corpo è fuori equilibrio, tende a influenzare l’intero sistema. Con la mia formazione olistica, sarò in grado di vedere dove c’è uno squilibrio e dove il trattamento può aiutarti a ritrovare a una salute ottimale.

Le persone spesso cercano un naturopata quando hanno provato ogni altra possibile via senza successo.Ti informo che nelle malattie croniche, i trattamenti potrebbero richiedere del tempo per avere un cambiamento visibile, i trattamenti sono mirati alla causa principale dei tuoi problemi di salute, e la guarigione i può richiedere del tempo. Se puoi avere pazienza, allora sentiti sicuro di essere nelle mani giuste quando prendi appuntamento da me.

Quando ci vedremo, avrai l’opportunità di sederti e prenderti del tempo per farmi sapere come ti senti, cosa stai passando e cosa sta succedendo al tuo corpo. Il colloquio e’ il momento in cui parlare loro delle tue preoccupazioni, quali sono state le tue esperienze passate e che

cosa esattamente stai cercando. Sarai trattato come persona e non cliente, potrai rilassarti e ti dedicherò tutto il tempo necessario, senza fretta .

Quando occorre rivolgersi a un naturopata?

  • Stai sempre male

Sembra che ogni due settimane hai una specie di raffreddore o infezione. Se sembra che il tuo sistema immunitario non funzioni correttamente, è probabile che non lo sia. Contattami per migliorare il tuo sistema immunitario, attraverso alimenti e rimedi erboristici.

  • Il tuo stomaco è sempre sottosopra

Una cattiva salute digestiva può essere un sintomo di molti problemi potrò aiutarti a scoprire. Che si tratti di una costante sensazione di gonfiore o di un bisogno urgente di usare il bagno, approfondiremo insieme per giungere scoprire le cause e trovare le soluzioni adatte alla tua

costituzione.

  • Ti senti depresso o ansioso

Vorrei precisare che non mi occupo di patologie psichiatriche ma posso fornirti rimedi naturali per migliorare il tuo stato emotivo, identificando le cause dello stress e suggerendoti rimedi a base di erbe.

  • I tuoi ormoni sono fuori controllo

L’acne adulta o un ciclo mestruale irregolare indicano che i tuoi ormoni sono in disequilibrio. La naturopatia ti offre rimedi a base di erbe e integratori nutrizionali che possono aiutare.

  • Vuoi un consiglio sugli integratori in base alle tue esigenze specifiche

I multivitaminici non sono una soluzione adatta a tutte le tue esigenze specifiche del corpo . Potrò aiutarti a conoscere quali oligoelementi aggiungere alla tua alimentazione e fornirti spunti per la tua alimentazione quotidiana.

  •  Vuoi una seconda opinione

Se la medicina convenzionale non sembra fornire terapie sono vantaggiose per te o contrarie alla tua ideologia, puoi rivolgerti a me per una consulenza e avere un punto di vista diverso su ciò che ti affligge.

  • Vuoi stabilire basi a lungo termine per la tua salute

Creare un insieme salutare di abitudini quotidiane è un passo necessario nella cura preventiva che ti porta sulla buona strada per la salute a lungo termine. Lavorare con un naturopata ti consente di creare un piano di trattamento personalizzato per raggiungere i tuoi obiettivi di salute anche in chiave futura.

  • Vuoi adottare un approccio naturale alla guarigione

Non tutti i disturbi richiedono una prescrizione di farmaci o antibiotici per essere curati. Se vuoi conoscere i rimedi naturali dell’antica tradizione ayurvedica o cinese, contattami.

  • Vuoi capire quali cibi sono adatti a te

Non sei sicuro di cosa mangiare. Non riesci proprio a limitarti nel cibo .

Posso aiutarti a mantenere uno stile di vita sano e ti sosterrò, con la corretta alimentazione, durante le fasi difficili della vita e i periodi di stress.Ti aiuterò a prenderti cura di te. Chiarirò i tuoi dubbi sulla salute e ti suggerirò come vivere in modo sano.

  • Soffri di problemi ciclici

Hai frequenti emicranie ma non vuoi assumere farmaci. Tendi a gonfiarti. I tuoi muscoli sono tesi . Il tuo cervello  è annebbiato.  Hai meno energia di quanto desideri. La naturopatia ha una soluzione per tutti. Solo perché il tuo sintomo non è un problema “reale”, secondo la medicina ufficiale,  non significa che devi imparare a conviverci.

  • Vuoi gestire una malattia cronica

Ti è già stata diagnosticata una condizione cronica e stai assumendo farmaci.

La naturopatia può aiutarti a gestire la tua malattia e aiutare il tuo corpo a ripristinare l’equilibrio, riducendo al minimo i sintomi ed evitando l’aggravamento dello stato cronico. Posso risalire alla causa della malattia e ridurre i disagi, aiutandoti a gestire i sintomi in modo naturale per rendere la tua vita più piacevole.

  • Sindrome Premestruale

Che ci crediate o no, il ciclo non dovrebbe essere doloroso, i crampi sono intensificati da una dieta sbilanciata e possono essere alleviati attraverso un programma di disintossicazione naturopatica.

  • Sollievo dalle allergie

Forse non sai che esistono alimenti e rimedi fitoterapici in grado di ridurre le allergie.

Ciò che ti chiedo…

Avrai bisogno di essere paziente poiché si tratta di un approccio olistico, molti trattamenti richiedono un cambiamento dello stile di vita e una iniziale disintossicazione del tuo corpo, in modo che il corpo possa iniziare un processo di guarigione. Potrebbero essere necessarie 6

settimane o più prima di iniziare a vedere miglioramenti  nei sintomi cronici, ma ne vale davvero la pena.

Ti aspetto!

Per approfondimenti e prenotazioni clicca  qui

 

DiAlessandra Zarone

Consulenze naturopatiche on line

La Naturopatia olistica, attraverso le mie consulenze naturopatiche online, si basa sulla sinergia fra Medicina Cinese, Ayurveda, Fitoterapia, Floriterapia, Aromaterapia, Cromoterapia. Tale sodalizio offre:

 

  • Risultati duraturi.
  • Nessun effetto collaterale.
  • Ringiovanimento.
  • Benessere del corpo e della mente.
  • Purificazione del corpo.
  • Eliminazione  delle tossine.
  • Peso forma.
  • Eliminazione di disturbi  ciclici o stagionali quali gastrite, cefalea, sinusite, colite, dolori ecc.
  • Rimozione  di rifiuti / detriti e sostanze chimiche tossiche (conservanti, coloranti artificiali, pesticidi, erbicidi, ecc) dal colon e altre cellule del corpo.
  • Miglioramento della digestione (rimozione di materiale putrido associata a gas, e cattivi odori corporei.
  • Riequilibrio del sistema intestinale.
  • Aumento dei livelli di energia e sensazione di benessere.
  • Assorbimento delle sostanze nutritive.
  • Efficienza dei sistemi del corpo e funzioni degli organi.

 

 

 

Perchè ho ideato Consulenze online?

  1. permettere a qualsiasi persona di rivolgersi a me, eliminando il problema delle distanze.
  2. Farti risparmiare tempo e denaro in spostamenti, restando comodamente a casa .

Cosa devi fare per richiedere la tua Consulenza Online?

  1. Acquista la tua Consulenza online al costo di 60 euro  QUI .
  2. Dopo l’acquisto ti ricontatterò via email per fissare data e ora,in base alla tua disponibilità.
  3. La durata della consulenza è di 60 minuti e si svolgerà tramite videochiamata su Skype ( clicca qui per scaricare Skype).

 

Il bello delle consulenze naturopatiche online è che possono essere svolte ovunque e in qualsiasi momento. La qualità delle cure e delle terapie nelle consulenze naturopatiche online non è diversa da quando vediamo i clienti  faccia a faccia.

Durante la sessione ci sarà:

  • Spiegazione  dettagliata della causa principale dei problemi di salute e delle mie motivazioni terapeutiche.
  • Modifiche dietetiche personalizzate, inclusi piani pasto .
  • Regolazioni specifiche dello stile di vita per migliorare la salute.
  • Supplemento di rimedi fitoterapici .
  • Follow-up via email gratuito per assicurarti di avere una comprensione completa del tuo piano di trattamento.
  • Strategie di gestione della salute a lungo termine.
  • Le sessioni sono personalizzate per ciascuna persona, attraverso la sinergia di Medicina Cinese, Ayurveda, Fitoterapia, Essenze floreali, Aromaterapia, Cromoterapia.

 

Se desideri contattarmi, clicca qui.

DiAlessandra Zarone

Dolori mestruali e visione ayurvedica

Dolori mestruali e visione ayurvedica

 

I sintomi tipici di uno squilibrio Vata durante il periodo premestruale sono ansia, tensione nervosa e sbalzi d’umore . Per Pitta, tuttavia, l’umore è più rabbia e irritazione. Kapha, come sempre, è caratterizzato da letargia.

Come ci si potrebbe aspettare, le donne con uno squilibrio Vata ottengono i migliori risultati dal riposo, dalla meditazione e da una routine regolare. Quelli con uno squilibrio Pitta rispondono meglio alla pulizia interna mensile, e quelli con uno squilibrio di Kapha trovano beneficio negli integratori a base di erbe e una dieta detossinante che riduce le impurità.

Circa il 70% di tutte le donne ha dolore e crampi durante i cicli mestruali mensili. Tuttavia, questi sintomi di solito non sono abbastanza gravi da disturbare la vita quotidiana.

Il crampo e il dolore di solito iniziano un giorno o due prima che il periodo inizi con il disagio più grave che si verifica il primo giorno delle mestruazioni.

 

Ci sono più di 150 sintomi conosciuti e alcuni dei più comuni includono depressione, gonfiore, affaticamento, scoppi d’ira, tensione al seno, dolori vaghi, emicranie mestruali e aumento di peso.

Alcune delle cause sospette sono:

  • Livello di estrogeni in eccesso nel sangue
  • Ritenzione di liquidi
  • Carenza di vitamina B6
  • Deficit di progesterone
  • Anomalia tiroidea
  • Ipoglicemia (riduzione del livello di glucosio nel sangue)
  • Carenza di serotonina

Sebbene nulla sembra curare la SPM Sindrome Premestruale, ci sono alcuni alimenti che sembrano aggravare i sintomi, mentre altri tendono ad alleviarli. Attenersi a un regime a basso contenuto di sale mentre aumenta l’assunzione di liquidi e alimenti ricchi di potassio è spesso efficace nel prevenire il gonfiore. Potresti anche provare sollievo limitando il consumo di alcol e caffeina, poiché l’alcol  può peggiorare il mal di testa e l’affaticamento della PMS e  accentuare la depressione. La caffeina, d’altra parte, è uno stimolante e può contribuire ad ansia, irritabilità e dolori al seno.

Alimentarsi nel modo corretto:

Diversi studi hanno dimostrato che una dieta ricca di calcio e vitamina B6 durante la SPM può anche aiutare a ridurre la ritenzione idrica e alleviare i cattivi stati d’animo. Le più alte fonti di calcio sono latte e prodotti a base di latte come yogurt, gelato e formaggio. Ma è bene scegliere opzioni a basso contenuto di grassi. Inoltre, è possibile ottenere il calcio da verdure come broccoli, verdure scure (come le cime di rapa), cavolo verde o rosso (crudo), cavolo riccio, pesce, prodotti di soia e tofu. Gli alimenti ricchi di vitamina B6 includono le banane; patate al forno; legumi come soia e lenticchie; carni, in particolare pollo, ma anche carne di manzo o maiale; cereali e cereali con crusca; e pesce, soprattutto salmone.

Alcune ricerche hanno suggerito che l’assunzione di integratori vitaminici o minerali può essere utile anche per alleviare il gonfiore e la depressione. Tra i più promettenti ci sono il calcio, il magnesio, la vitamina B6 e la vitamina E.

Molte donne hanno voglie di cibo durante la SPM, e le voglie di solito si concentrano su dolci e snack come gelato, cioccolato e patatine. Mangiare carboidrati complessi è probabilmente il modo migliore per allontanare quelle voglie di cibo. Questi alimenti sono una buona fonte di fibre, che aiuta a eliminare gli estrogeni in eccesso dal tuo corpo. È stato dimostrato che alti livelli di estrogeni contribuiscono alla sindrome premestruale. Inoltre, la ricerca ha scoperto che i cibi ricchi di carboidrati alleviano effettivamente tensione, ansia e sbalzi d’umore che accompagnano la sindrome premestruale.

Buone fonti di carboidrati complessi includono pane, pasta,patate, riso, mais e legumi come piselli, ceci e lenticchie.

 Ci sono cose che puoi fare a casa per sentirti meglio :

  • Ridurre il sale e il sodio nella dieta per ridurre la ritenzione di liquidi
  • Seguire una dieta equilibrata
  • Prendere integratori di calcio e magnesio durante il periodo mestruale per alleviare il dolore e i crampi
  • Ridurre l’assunzione di zucchero e caffeina
  • Evitare alcol e sigarette
  • Fare esercizio fisico come camminare per favorire la respirazione profonda
  • Fare un bagno caldo
  • Bere tè caldi e alle erbe
  • Massaggiare la schiena per rilassare i muscoli massaggiando con olii riscaldanti sull’addome

 

Se ti ritrovi nelle problematiche descritte e vuoi iniziare un Programma Naturopatico con rimedi fitoterapici della tradizione erboristica occidentale e orientale, prenota una Consulenza anche via Skype.

DiAlessandra Zarone

Cancro e Ayurveda

Cancro e  Ayurveda

Nell’Ayurveda, i tumori non sono trattati esclusivamente come condizione fisica. La relazione tra fattori mentali, emotivi, fisici e spirituali sono tutti identificati nel trattamento del cancro. La definizione generale di cancro in Ayurveda è quando le cellule hanno dimenticato la memoria della funzione normale e corretta. Hanno perso il valore di smirti (memoria cellulare). Senza la memoria della funzione corretta le cellule non hanno regole.

Nell’Ayurveda, la causa di tutte le malattie è chiamata pragya paradh, che, tradotta, significa l’errore dell’intelletto: l’intelletto decide di vedere se stesso come separato dal campo di coscienza sottostante da cui tutti noi veniamo. La fisica quantistica riconosce l’esistenza di un tale campo unificante e l’Ayurveda riconosce quel campo come la nostra stessa coscienza. L’obiettivo dell’Ayurveda è ristabilire l’esperienza della coscienza o del silenzio in ogni cellula del corpo. Lo stress, l’inquinamento, lo stile di vita, le chemiotossine e la paura sono fattori importanti che privano il silenzio della coscienza dalla nostra esperienza. Quando il silenzio si perde a livello cellulare, le cellule si disconnettono dalle loro radici nella coscienza. Perdono la memoria e iniziano a funzionare a caso in modo sopravvissuto solo per sopravvivere.

In Ayurveda l’approccio funziona sulla base della pace, non della guerra. La storia ha dimostrato che per ogni guerra che sia mai stata combattuta, arriva un momento per fare pace e stringere la mano. Le cellule tumorali sono una parte del corpo che ha perso la memoria. Non sono necessariamente cellule cattive che devono essere distrutte, sono cellule che hanno perso la loro strada e devono essere ricollegate alle loro radici di coscienza. L’abuso di antibiotici negli ultimi 40 anni è la prova di ciò che accade alle cellule quando si tenta di ucciderli. I batteri, in nome della sopravvivenza, sono diventati resistenti agli antibiotici una volta letali. Le cellule tumorali, che sono implacabilmente ricercate per essere distrutte, troveranno anche modi per resistere agli aggressori, e in molti casi diventano più forti e più impegnati nella loro causa di sopravvivenza. Questo non vuol dire che non ci sia mai bisogno di chemioterapie. Infatti, in Ayurveda, le procedure chirurgiche radicali sono state descritte circa 3.000 anni fa nel Shushruta Samhita. Quando un cancro è diventato così prevalente, allora non c’è dubbio che il corpo ha bisogno di aiuto per ristabilire l’equilibrio: se un giardino non è mai diserbato, allora presto cessa di essere un giardino. A quel punto, dovrebbero essere prese in considerazione le chemioterapie. Ma è importante iniziare il processo di pace e ripristinare la memoria della coscienza in ogni cellula il prima possibile, preferibilmente prima della diagnosi del cancro.

La successiva espressione dell’errore dell’intelletto è innescata da costrizioni emotive che separano mente e corpo in nome della sopravvivenza.

La paura è la prima emozione che sentiamo quando perdiamo l’esperienza della coscienza a livello fisico. La coscienza, che naturalmente è vivace in ogni cellula, è immagazzinata nel cuore come una sostanza chiamata ojas. Ojas è considerata l’espressione fisica della coscienza.
Questa esperienza di coscienza è l’unica fonte di vera felicità. Quando lo perdiamo a causa della paura di farsi male, il corpo impiega la risposta di lotta o fuga del sistema nervoso simpatico per proteggere i delicati sentimenti del cuore. Quando questi sentimenti sono bloccati, cerchiamo di sostituire la felicità con mezzi più sensuali. Alcuni diventano dipendenti da droghe, alcool, denaro, fama e potere; e alcuni si ammalano. Il desiderio di vivere o guarire può essere perso a causa di una profonda mancanza di realizzazione. Queste costrizioni emotive si manifestano fisicamente nel corpo separando la coscienza (ojas) nel cuore dalla memoria (smirti) delle cellule. Di nuovo le cellule iniziano a funzionare a
caso. A seconda dei tipi di stress, esposizione chimica e / o suscettibilità genetica, il cancro del colon-retto può essere il risultato.

Lo stress è probabilmente il più grande fattore nella perdita di memoria cellulare. Lo stress ha un potente effetto sulle risposte fisiche e mentali nel corpo ed è stato recentemente identificato come causa dell’80% di tutte le malattie, incluso il cancro. Lo stress innesca gli ormoni che combattono lo stress che possono essere prodotti 24 ore al giorno a seconda della gravità e della durata dello stress. Questi ormoni che combattono lo stress sono degenerativi e producono radicali liberi come prodotti di scarto, che si ritiene siano la principale causa di invecchiamento, malattie, cancro e morte. Lo stress crea anche tensione mentale e muscolare, un afflusso di sangue compromesso e un aumento della produzione di rifiuti. Tutti questi fattori riducono la circolazione e la comunicazione a livello cellulare. Se le cellule non riescono a ricevere il sangue e a disperdersi in modo efficace, la comunicazione da e verso le cellule si rompe. Presto, le cellule perderanno la memoria della normale funzione e dovranno modificare la loro programmazione in nome della sopravvivenza. Se la circolazione cellulare lorda è diminuita,
le cellule inizieranno a riprodursi in un metodo alternativo. Se la predisposizione genetica è il cancro, o se l’esposizione a inquinanti ambientali è stata eccessiva, allora il cancro può essere il modo in cui un individuo si rompe. Nell’Ayurveda, questa stessa causa può scatenare una varietà di sintomi, a seconda della suscettibilità genetica individuale.

Tumore del colon retto

 

Nel Caraka Samhita, capitolo XIII , Chikitsasthanam, sono descritti otto tipi di malattia addominale o udara-roga. I tumori del colon-retto sono causati dall’accumulo di dosha (vata, pitta o kapha) o dall’ostruzione intestinale (che è il modo in cui vengono descritti quattro degli otto). Si afferma chiaramente che la malattia addominale deriva da un debole digestivo (potere di digestione) e un conseguente aumento di malas (prodotti di scarto). Se il cibo non è salutare, poichè  viene trasformato, congelato, irrancidito,  cotto in modo improprio, i dosha si accumulano, influenzando il prana (forza vitale), l’apana (forza verso il basso) e l’agni (forza digestiva). I prodotti di scarto si accumulano, l’energia si esaurisce e i passaggi del prana salgono e il malas (rifiuti) che scende e diventa ostruito.

Nel Caraka, capitolo V, Chikitsasthanum, viene descritto il trattamento del gulma (nodulo addominale). Questi noduli addominali sono causati da un vata aggravato (apana) nel colon a causa di evacuazione difettosa, dolore, cibo improprio. Il vata in disequilibrio  aggrava pitta e kapha, ostacolando i passaggi nell’addome. Il colon (pakvasaya) viene bloccato e vata, pitta o kapha si accumula in un gulma chiamato nodulo. Se le crescite sono di natura nodulare e situate nel muscolo e nella linfa esse sono denominate arbuda, o tumore (Ca. Chi. Ch XII, 87).

 

Rimedi per cancro dell’ intestino

A titolo informativo vi segnalo alcuni rimedi, il fai da te non è mai auspicabile.

Aglio
Selenio
Semi di lino
Mirtilli
Omega3
Salmone
Spinaci
Origano

Vitamina C – aiuta a riparare e rigenerare i tessuti e aiuta l’assorbimento del ferro.
Vitamina E – un potente antiossidante che aiuta il tuo corpo a combattere l’infezione.
Vitamina B6 – supporta la funzione surrenale ed è necessaria per i processi metabolici chiave.
Vitamina A – aiuta la funzione immunitaria e aiuta a fornire una barriera contro le infezioni.
Vitamina D3– modula la crescita cellulare, promuove la funzione neuromuscolare e immunitaria e riduce l’infiammazione.
Folato – chiave nello sviluppo dei globuli rossi (una mancanza di folato può rendere il corpo suscettibile al cancro)
Ferro– aiuta il tuo corpo a trasportare ossigeno alle cellule
Il selenio: rallenta le risposte iperattive del corpo a certe forme aggressive di cancro
Zinco– rallenta la risposta immunitaria e controlla l’infiammazione nel corpo
Vit B 12
Boswellia Serrata
Olio di cocco
Curcuma 
Reishi fungo
Ginseng
The verde
Olio di oliva
Ashwagandha
Chelidonia
Cranberry
Basilico sacro

Aloe vera
Zenzero

Trattamenti

Il cancro del colon-retto richiede un pacchetto completo di modalità terapeutiche. La mente, a causa dello stress e della paura, è stata scollegata dal corpo. Senza questa consapevolezza il processo di guarigione rimane bloccato. La meditazione rallenta la mente, permettendole di trascendere i propri pensieri e diventare consapevole di se stessa. È un processo di riconnessione della mente con la consapevolezza del corpo. L’attività metabolica diminuisce e lo stress è sostituito da un sistema nervoso calmo e da una maggiore consapevolezza del corpo. Fisicamente, ci sono molte erbe e terapie che aiuteranno a ridurre i tumori, aumentare l’agni digestivo e ripristinare i normali processi eliminativi.

 

Erbe per il cancro in linea generale:

 

  • È stato dimostrato che il tè verde (Camellia sinensis) riduce l’incidenza di una varietà di tumori, tra cui il più impossibile da curare, il cancro del pancreas e anche per prevenire il cancro allo stomaco, al colon e alla mammella e al polmone. Questa conclusione è stata basata su uno studio della popolazione della Cina, ha   dimostrato che con l’aumentare del consumo di tè, i tassi di cancro sono nettamente diminuiti. Uno studio in Giappone ha dimostrato che il tè verde riduce la probabilità di metastasi in pazienti con carcinoma mammario . Tuttavia, l’azione principale del tè verde sembra essere preventiva e i suoi effetti nei pazienti con cancro sono in gran parte sconosciuti.

  • L’artiglio del gatto (Uncaria tomentosa) ha dimostrato di ridurre effettivamente la crescita cellulare cancerosa. Questi studi sono stati condotti su linee cellulari leucemiche nel 1998.
  • Manjistha (Rubia cordifolia) ha mostrato di avere una lieve attività antineoplastica ed è spesso usato come parte delle formule uterine e del cancro ovarico.
  • La pervinca del Madagascar (Catharanthus roseus) è un esempio di erba da cui sono stati prodotti farmaci antitumorali. Le foglie giovani contengono due sostanze fitochimiche utilizzate per produrre i farmaci vinblastina e vincristina. Questi farmaci aiutano a trattare la leucemia e il linfoma. È stato anche usato nel trattamento del cancro al seno.
  • Shatavari (Asparagus racemosus) e Brahmi (Bacopa monnieri) hanno anche dimostrato di possedere attività anticancerogena. Un estratto alcolico di entrambe le erbe ha dimostrato di essere efficace nel ridurre il carcinoma epidermico della  rinofaringe. Shatavari è un raro esempio di erba nutritiva con proprietà anticancerogene.

Panchakarma

 

Per qualsiasi condizione grave, le terapie a base di erbe da sole non dovrebbero essere considerate affidabili. Per il cancro di qualsiasi tipo, sono raccomandate una serie di terapie ringiovanenti al panchakarma. Esistono molte forme di panchakarma in diverse parti dell’India. Alcune sono forme di disintossicazione molto aggressive e potenti. Queste terapie, tuttavia, dovrebbero essere usate con cautela perché possono essere debilitanti e sono spesso limitate a persone sane. Altre forme di panchakarma, con cui sono più familiare e pratico, sono più ringiovanenti e trattano direttamente il pragya paradh (perdita della memoria cellulare del livello di coscienza); assomigliano più comunemente alle terapie conosciute in India come kya kalpa (terapie che trasformano le cellule sul piano della coscienza). La paura, la tossicità chimica e lo stile di vita e il cibo impropri, creano blocchi mentali, fisici ed emotivi nel corpo. Questi blocchi non solo bloccano i processi circolatori, bloccano
il flusso di prana (forza vitale) e della coscienza. Queste tossine legate allo stress e alla paura (ama) si insinuano profondamente nei tessuti del corpo. Sono difficili da disintossicare in quanto sono protette da una risposta del sistema nervoso di combattimento o fuga. Panchakarma è progettato per disarmare questa risposta protettiva del sistema nervoso e infiltrarsi e disintossicare i tessuti profondi del corpo. Se le terapie sono in qualche modo troppo aggressive o impoverenti, il corpo risponderà al trattamento come a un’emergenza e proteggerà i suoi tessuti profondi.

Le terapie dovrebbero durare un minimo di 7 giorni, ogni trattamento della durata di 1-3 ore di lunghezza con uno o due terapisti ayurvedici alla volta. I bastis, o clisteri alle erbe,somministrati dopo ogni terapia vengono assorbiti direttamente nel flusso sanguigno e sono le medicine che trasformeranno le cellule tossiche in cellule  più vitali. Con l’attività metabolica abbassata, la consapevolezza del corpo è intensificata e la coscienza può ora essere infusa di nuovo nei tessuti  che hanno perso la memoria della normale funzione a causa di stress e tossine.Questo ciclo completo di detossificazione e ringiovanimento
della coscienza deve essere eseguito sui tessuti più profondi del corpo al fine di trasformare totalmente la presa emotiva delle cellule tumorali.

Trattamenti corporei

 

  • I trattamenti Garshana consistono nello spazzolare la una pelle secca e linfatica con un guanto di lana o di seta. Questo migliora la circolazione e pulisce la pelle in modo che i successivi trattamenti a base di olio e erbe possano penetrare profondamente nei pori della pelle appena puliti.
  • Abhyanga è un massaggio a base di erbe e olio appositamente studiato per penetrare profondamente nella pelle, rilassare il corpo-mente, eliminare le impurità e stimolare la circolazione arteriosa e linfatica. Questo effetto aumenta la capacità dei nutrienti di raggiungere le cellule e di rimuovere i rifiuti stagnanti. Il risultato desiderato è uno stato elevato di consapevolezza che dirigerà il sistema di guarigione interna del corpo.
  • Vishesh è un massaggio ayurvedico muscolare profondo che rompe le aderenze e la circolazione compromessa in profondità all’interno dei fusi muscolari. Quando alcuni canali sono bloccati, né la consapevolezza né il sangue possono accedere ai tessuti posti profondamente. Per alcuni tipi di corpo e squilibri, questo è un approccio terapeutico essenziale.
  • Swedana è un bagno di vapore a base di erbe personalizzato. Lo swedana ayurvedico è unico  perché la testa e il cuore sono mantenuti molto freddi durante il bagno di vapore mentre il corpo viene riscaldato per rimuovere le tossine mentali, emotive e fisiche alloggiate profondamente nei tessuti. La testa e il cuore freschi donano un senso di calma e di apertura, mentre il vapore terapeutico su tutto il corpo penetra e pulisce in
    profondità senza surriscaldare o stressare il corpo.
  • Shirodhara viene somministrato delicatamente e metodicamente versando olio caldo a base di erbe sulla fronte. Questa procedura sincronizza le onde cerebrali e coordina e calma profondamente la mente, il corpo e lo spirito.
  • Pizichili è un flusso continuo di olio caldo a base di erbe che si riversa dolcemente sul corpo per due terapisti ayurvedici mentre massaggiano il corpo in perfetto unisono. Il calore dell’olio e la sincronicità del massaggio si combinano per una pulizia profonda dei tessuti, sostenendo allo stesso tempo un elevato stato di consapevolezza difficile da descrivere fino a quando non si ha l’esperienza.
  • Udvartana è un massaggio linfatico a base di erbe profondamente penetrante. Questo potente trattamento esfoliante condiziona magicamente la pelle mentre preme le tossine linfatiche stagnanti dal corpo.
  • Nasya consiste in erbe e gocce di olio singolarmente prescritte che vengono inalate attraverso il naso e liberano i seni di muco eccessivo. È anche una terapia molto importante quando si cura il sistema nervoso centrale. Questo trattamento combatte l’aridità profonda che esiste alla radice di molte condizioni respiratorie e allergiche.
  • Shiro-Abhyanga-Nasya è una lussuosa combinazione di massaggio profondo della testa, del collo e delle spalle e massaggio linfatico facciale, seguito da profonda inspirazione di vapore aromatico terapeutico e nasya nasale e sinusale
    con gocce nasali a base di erbe. Questo trattamento popolare è uno strumento inestimabile che bilancia la maggior parte dei disturbi della testa, del collo e delle vie respiratorie.

  • Pinda Swedana è un trattamento di pulizia profonda in cui il riso bollito nel latte e le erbe vengono massaggiate profondamente nei tessuti e nelle articolazioni. Il trattamento è profondamente rilassante e ringiovanente e disintossicante.
  • Vamana (emesi  terapia) e Rakta Mokshana (purificazione  del sangue) sono aspetti tradizionali del panchakarma e sono usati come parte dei più aggressivi trattamenti disintossicanti del panchakarma.
  • La terapia del suono utilizza inni e mantra vedici specifici raccomandati per ogni squilibrio.
  • La terapia tattile ravviva specifici punti vitali sul corpo chiamati punti marma. La terapia del gusto utilizza alcune medicine a base di erbe.
    La terapia del colore ayurvedico e l’odore utilizzano combinazioni di aromi rari.Usare i sensi in sinergia porta consapevolezza a mente e cuore .
  • Basti è un clistere di erbe appositamente preparato per estrarre le tossine dal colon. Questa è la fase finale di ogni trattamento quotidiano del panchakarma. Le impurità vengono espulse dal corpo attraverso gli effetti di basti. Basti è anche utilizzato per trasportare nel sangue e nei tessuti le medicine ayurvediche necessarie per trasformare le cellule danneggiate e tossiche. Basti è considerato uno degli aspetti più importanti e più potenti del trattamento. Può essere uno degli strumenti più preziosi nel trattamento del cancro del colon-retto.

 

Contattami per una Consulenza Naturopatica volta alla prevenzione e se desideri seguire un Programma Detox .

 

 

Riferimenti bibliografici

-Atha Vale, V.B. Basic Principles of Ayurveda. Bombay India Town Pinery. 1980.
-Bhishagratna, K.L. Shusshruta Samhita, Vol 1, 2. Varanasi, India.Chowkhamba Sanskrit Series. 1981.
-Chaukhambha Orientalia . Devaraj, T.L. The Panchakarma Treatment of Ayurveda. Dwanwantari Orientalia Publications, Bangalore, India. 1986.
-Frawley, D., Lad, V. The Yoga of Herbs. Lotus Press: Santa Fe New Mexico. 1986.
-Kapoor, L.D. Handbook of Ayurvedic Medicinal Plants. CRC Press: Boca Raton. FL. 1989.
-Sharma, P.V. Cakradatta, Chaukhambha Orientalia New Delhi, India. 1994.
-Sharma, P.V. Caraka Samhita, Vol 1, 2. Varanasi, India. 1981.

DiAlessandra Zarone

Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda

Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda:

 

Vediamo insieme  le caratteristiche di Pitta, Kapha e Vata in Ayurveda,  le differenze fra le tre costituzioni :

Pitta è un termine che deriva dalla parola sanscrita “pinj”, che significa “brillare”. Questo dosha, che è composto dall’elemento del fuoco, governa la funzione digestiva, chimica e metabolica ed è associato al calore e all’olio. La sua sede principale è l’intestino tenue, ed è il dosha che si ritiene aggiunga lucentezza agli occhi, ai capelli e alla pelle. In senso più figurato, pitta governa anche la nostra capacità di “digerire” non solo il cibo ma anche i concetti e le informazioni, che poi usiamo per percepire il nostro mondo. Le persone dominate da Pitta godono di un metabolismo efficiente e di un appetito sostanzioso. Sono considerati individui intelligenti e aggressivi. Le persone Pitta devono stare in guardia contro i disturbi emorragici, le infiammazioni, la nausea, il vomito, la diarrea, le eruzioni cutanee e la rabbia. Per ottenere l’equilibrio del dosha Pitta, l’Ayurveda consiglia di evitare il calore estremo e di mangiare cibi meno piccanti.

Kapha governa tutte le strutture e la lubrificazione nella mente e nel corpo. Controlla il peso, la crescita, la lubrificazione delle articolazioni e dei polmoni e la formazione di tutti e sette i tessuti: fluidi nutritivi, sangue, grasso, muscoli, ossa, midollo e tessuti riproduttivi.

Hai bisogno di bilanciare Kapha?

Kapha dosha governa la struttura e l’equilibrio dei liquidi nel corpo. Rispondi a queste domande per vedere se hai bisogno di bilanciare Kapha.

  1. Tendi ad essere sovrappeso?
  2. Sei spesso troppo sistemato e letargico?
  3. Hai problemi al seno?
  4. Dormi per ore e ore ma non ti svegli?
  5. La tua pelle e i tuoi capelli sono unti?
  6. Trovi che sei possessivo/a e troppo attaccato/a?
  7. Ti senti a disagio quando fa freddo?
  8. Ti senti pigro/a ?
  9. Soffri di gonfiore, ritenzione idrica?
  10. Ti senti rigido/a e pesante, specialmente al mattino?
  11. Hai problemi di congestione?
  12. Se hai risposto di sì alla maggior parte di queste domande, devi bilanciare Kapha.

 

Vata governa il movimento nel corpo, le attività del sistema nervoso e il processo di eliminazione.

La parola Vata significa “soffiare” o “muoversi come il vento”.

Costituito dagli elementi aria ed etere, è la principale forza motrice del corpo e della mente. Quando Vata dosha è sano, i movimenti del corpo sono aggraziati, senza impedimenti e tuttavia controllati. Se è fuori equilibrio, i movimenti diventano irregolari, eccessivi, diminuiti o bloccati .

Qualità di Vata:

  • Freddo
  • Leggero
  • Asciutto
  • Irregolare
  • Ruvido
  • In movimento
  • Presto
  • Variabile

Se predomina Vata dosha, il movimento e il cambiamento sono caratteristici della tua natura. Tendi ad essere sempre attivo, con una mente energica e creativa. Finché Vata sarà in equilibrio, sarai vivace ed entusiasta, con un corpo snello.

 

Se desideri prevenire disagi e ti sei ritrovato nelle problematiche descritte, non esitare a contattarmi per una Consulenza Naturopatica.

Attraverso un’alimentazione equilibrata, in sinergia con rimedi erboristici biologici, potrai risolvere e prevenire ciò che ti crea fastidio, migliorando nettamente  la tua vita con semplici passi.

DiAlessandra Zarone

Rimedi ayurvedici per la Menopausa

Rimedi ayurvedici per la Menopausa:

 

La menopausa accoglie e celebra l’inizio di un periodo radioso di saggezza e grazia. I rimedi naturali ayurvedici, insieme a un’alimentazione specifica, evitano al Vata dosha bruschi cambiamenti psichici, instabilità emotiva.

Ojas- è una sostanza responsabile della costruzione del sistema immunitario, infonde stabilità e nutrimento. E il prodotto finale della nutrizione nel nostro corpo, dopo essere passato attraverso i sette strati di tessuti, tra cui l’ultimo strato dei nostri organi riproduttivi, è ojas. Il nostro sistema immunitario ci dà la capacità di tollerare il nostro ambiente esterno, così come i cambiamenti al nostro ecosistema interno. Le persone con un basso ojas sono più inclini a squilibri e malattie. Ad esempio, vampate di calore.

Tejas-As ojas aiuta a dirigere Pitta; è un’intelligenza insista in ogni  cellula del corpo ed è attraverso questa “intelligenza,”   ogni cellula comprende cosa deve fare e quando fare. Senza tejas, non vi è alcuna indicazione su dove Pitta e il calore dovrebbero fluire, in modo che possa servire al suo scopo.

Poiché gli ormoni svolgono funzioni vitali di Pitta e Kapha, è molto importante che questi due dosha, in particolare, siano bilanciati quando entrano in menopausa.

La perdita di ormoni in Menopausa

Durante la menopausa, ojas è ridotto e quindi abbiamo una minore capacità di mantenere l’equilibrio, anche nello stesso ambiente e con lo stesso fattore di stress, se ciò è associato a uno squilibrio di Vata, il nostro corpo non è in armonia e si perde il delicato equilibrio fra sistema nervoso simpatico ( funzione di autoconservazione ) e quello parasimpatico

( funzione di rilassamento), essi funzionano come sistemi opposti, ma complementari. A causa del basso ojas, durante la menopausa, aumenta il livello di cortisolo, la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.Questo stato di stress spinge Pitta in tutto il corpo, che si prepara così ad attaccare qualsiasi minaccia.
Inoltre, questo Vata elevato, senza equilibrio, si disperde in tutto il corpo, portando il fuoco digestivo centrale, agni, lontano dalla sua sede naturale, ossia stomaco e intestini. Questo causa difficoltà di digestione e cattivo nutrimento.


Il calore che viaggia nel sistema circolatorio provoca vampate di calore, insonnia e malattie cardiache.
Anche Vata scorre verso il basso, causando secchezza vaginale, nel colon e altri tessuti più profondi, creando  l’osteoporosi.
Il tejas , anch’esso diminuito, porta a disturbi di memoria e concentrazione e a una maggiore predisposizione ai tumori.

Alcuni Kapha durante la menopausa sono bilanciati, a patto che non siano in eccesso di ama, con conseguenti  malattie cardiache.
Bisogna stare calmi, equilibrare il Vata e il Pitta al suo centro, calmando il sistema nervoso simpatico.
Rafforzare  Agni poichè, quando funziona in modo ottimale, tutto il tuo corpo funziona in modo ottimale perché è ben nutrito .

 Squilibri Vata:

  • Sbalzi d’umore
  • Pelle secca o mucose (compresa la vagina)
  • Sanguinamento scarso durante la pre-menopausa
  • Stitichezza o intestino irritabile
  • Insonnia
  • Ansia, preoccupazione, paura
  • Diminuzione della concentrazione
  • Libido ridotta
  • Perdita di massa ossea

Squilibri Pitta:

  • Vampate
  • Irritabilità
  • Sanguinamento intenso durante la pre- imenopausa
  • Eruzioni cutanee e malattie
  • Rabbia, irritazione, gelosia, critica, competitività
  • Ipertensione e malattie cardiache

Squilibri Kapha:

  • Aumento di peso
  • Sovrappeso
  • Ritenzione idrica
  • Edema
  • Depressione, tristezza, avidità
  • Diminuzione della concentrazione
  • Colesterolo alto o trigliceridi

Con l’avanzare della menopausa, le nostre ovaie vengono liberate dal loro ruolo di centri per la maturazione degli ovuli e la produzione di ormoni. I livelli di estrogeni e progesterone, i due ormoni femminili dominanti, decadono.

E necessario un approccio olistico per alleviare molti malesseri e potenziare la gioia di vivere .

Consigli :

  • Fai pace col passato e crea l’accettazione del presente e del futuro

Questo è l’elemento più importante della transizione. Non c’è nulla che aumenti  il nostro stress come rabbia, risentimento e irritazioni, specialmente del passato.

  • Prenditi del  tempo e fai pace con te stessa, con tutti quelli con cui hai incrociato nella tua vita in generale.

Salute delle ossa:

Le ossa crescono intorno ai vent’anni. Intorno ai 35 anni, si inizia a perdere lentamente la massa ossea, negli anni intorno all’ultimo periodo mestruale, assistiamo alla più grande perdita di tessuto osseo.Dato che le ossa sono un tessuto dinamico, prima si inizia a supportare le ossa, meglio è.

Il dhara kala, o membrana del colon è intimamente connesso al dhara kala delle ossa.

Quindi non è una sorpresa quando scopriamo che le malattie intestinali, come il morbo di Crohn o la colite ulcerosa, sono fattori di rischio significativi per l’osteoporosi. Anche i disturbi del colon, senza lesioni strutturali, come la sindrome dell’intestino irritabile, hanno legami con l’osteoporosi.

L’assunzione di calcio è molto importante. Gli studi clinici stanno riscontrando, che potrebbero esserci differenze nel bisogno, a seconda della dieta.

Ad esempio, la dieta a predominanza proteica dell’Occidente può richiedere più calcio poiché le proteine possono ridurre l’assorbimento di calcio.
Vi consiglio di mangiare verdure ad alto contenuto di fibre che sono anche una buona fonte di calcio, come verdure a foglia verde, in equilibrio con le proteine.
Anche i semi di sesamo sono eccellenti fonti di calcio.

Dose giornaliera di vitamina D:

Ci sono una serie di integratori, ma la fonte migliore e più nutriente è il sole poichè quando interagisce con la pelle. I tempi ideali sono il mattino presto o la  tarda serata,  durante la tarda primavera fino all’inizio dell’autunno, quando il sole ha il suo maggiore impatto.

Nel gestire la menopausa, l’Ayurveda considera lo stile di vita e le abitudini alimentari.Sebbene i sintomi di un eccesso di Vata prevalgano è necessario considerare la tipologia della singola persona, suggerendo un’alimentazione appropriata.

Esistono diversi tipi di squilibri:

  1. L’accumulo di tossine e impurità nei tessuti.
  2. Blocco dei canali di circolazione responsabili del nutrimento e della pulizia dei tessuti.
  3. Squilibrio dei processi digestivi e metabolici.
  4. Squilibrio e deterioramento della forza e della stabilità del sistema nervoso.
  5. Accumulo di stress fisico e mentale.
  6. Abbassamento del sistema immunitario.
  7. Interruzione dei ritmi biologici naturali attraverso schemi impropri relativi a cibo, sonno ed esercizio fisico.

Gli squilibri di Vata, Pitta o Kapha creano sintomi molto diversi:

 

  • Lo squilibrio di Pitta può creare vampate di calore mentre Pitta controlla il livello di digestione, metabolismo e produzione di calore nel corpo.
  • Lo squilibrio del Vata porta a più ansia, disturbi del sonno e secchezza vaginale, pelle secca e sottile, perché lo squilibrio Vata disturba il sistema nervoso e asciuga i tessuti corporei.
  • Lo squilibrio di Kapha crea sintomi di pesantezza nel corpo, depressione e rallentamento della digestione, difatti Kapha
    controlla l’accumulo di pesantezza e struttura all’interno del corpo.

 

Pulizia del corpo da tossine e impurità:

 

Secondo l’Ayurveda, il ciclo mestruale non solo aiuta a mantenere armonia nel sistema riproduttivo, ma agisce anche come pulizia interna, molto importante nel processo fisiologico . Quando le mestruazioni si fermano, il corpo perde un prezioso meccanismo di pulizia naturale. Se c’è un accumulo di tossine, le impurità si accumulano rapidamente in maggiore quantità e iniziano a creare molti dei sintomi negativi della menopausa.

L’accumulo di tossine e impurità crea sintomi indesiderati:

Localizzate nei tessuti, interrompono  la loro delicata biochimica.
Localizzate nei in canali circolatori, bloccano i processi naturali di nutrizione e di eliminazione delle scorie in tutto il corpo.

La prevenzione e i trattamenti ayurvedici:

  • Allentano le impurità che sono state incorporate nei tessuti e aiutano a liquefarle attraverso il massaggio con olii a base di erbe.
  • Ammorbidiscono e aprono i canali di circolazione e di eliminazione in modo che un nutrimento adeguato possa raggiungere i tessuti e le impurità possano essere  eliminate più facilmente.
  • Attivano il processo di eliminazione, grazie alla pulizia più accurata dell’intera fisiologia.

L’auto massaggio:

L’uso quotidiano dell’auto massaggio con olio a base di erbe fornisce un effetto profondamente lenitivo ed equilibrante per l’intera fisiologia.
Inoltre, il movimento del massaggio crea calore e sfregamento  che migliorano la circolazione e aiutano a pulire il corpo dalle di impurità. L’olio e le erbe  nutrono i tessuti, accelerando così lo sviluppo e la riparazione degli stessi.
Inoltre, le varie erbe che sono state bollite in un olio di base e l’olio stesso, sono scelti appositamente per il bilanciamento  dei tre dosha Vata, Pitta o Kapha.

Nutrizione, digestione e metabolismo:

Una corretta alimentazione mantiene l’equilibrio nel corpo mentre un’alimentazione scorretta può disturbare la digestione e portare alla creazione di tossine. La maggior parte delle impurità che si localizzano nei tessuti originariamente provengono da cibi scarsamente digeriti e indebitamente eliminati.

Nutrizione e digestione ayurvedica:

Il principio fisiologico alla base dei processi digestivi e metabolici è chiamato Pitta. Molte condizioni, tra cui alcuni sintomi della

menopausa, sono causati da un Pitta squilibrato. Questi includono:

  • La maggior parte dei disturbi della pelle, eruzioni cutanee, infiammazione.
  • Bruciore di stomaco e ulcere
  • Rabbia e irritabilità eccessive
  • Colite
  • Vampate di calore eccessive
  • Equilibri ormonali

Gestione dello stress:

Serve per mantenere un equilibrio a livello di sistema nervoso e immunitario. E’ risaputo che un eccessivo stress mentale, emotivo e fisico può peggiorare molti dei sintomi della menopausa. Lo stress peggiora la capacità del corpo di guarire se stesso. Ciò è dovuto ai cambiamenti ormonali e ad altre risposte biochimiche allo stress che aggravano il metabolismo, creano dolore e abbassano le difese immunitarie.

I disturbi del sonno spesso creati dai sintomi della menopausa aumentano la fatica, che a sua volta aumenta la suscettibilità allo stress, che a sua volta aggrava i sintomi della menopausa. La risultante è una spirale discendente.

Stile di vita e routine quotidiana:

Uno dei fattori più importanti per mantenere un’elevata resistenza allo stress e alla stabilità nel sistema nervoso è avere uno stile di vita che non
disturbi i ritmi corporei naturali. La regolarità nella nostra routine quotidiana è importante prima, durante e dopo il periodo di vita della menopausa.

Erbe Ayurvediche e riduzione dei radicali liberi:

Durante il mio Consulto suggerisco erbe appropriate per aiutare il processo di guarigione, al fine di equilibrare digestione e metabolismo e aiutare il corpo a purificarsi dalle tossine, compresi i radicali liberi.

I radicali liberi sono le più dannose di tutte le impurità, essendo estremamente irritanti per la fisiologia. La loro presenza crea e peggiora molti disturbi e può influire sui sintomi della menopausa. I radicali liberi sono un classico esempio di tossicità di tipo Pitta e possono spesso essere creati dalle  erbe sono più efficaci dopo che una persona segue

Programma Detossinante

La menopausa è un momento di grande transizione nella vita di una donna. Molti cambiamenti stanno accadendo, sia fisicamente che psicologicamente e può essere un momento molto difficile per molte donne.

Problemi diffusi in menopausa:

Il problema del peso è il risultato di uno squilibrio di Kapha, e ancora più specifico, uno squilibrio digestivo di Kapha conosciuto come “Manda Agni” o fuoco digestivo lento. Poiché i livelli di estrogeni iniziano a scendere appena prima e durante la menopausa, anche il metabolismo viene spostato, rallentando piuttosto velocemente. Salvo precauzioni, il risultato è l’aumento di peso in genere intorno alla parte centrale. Questo spiega perché la dieta e il livello di attività può rimanere lo stesso, ma il peso inizia a salire costantemente.

Anche se questo problema è comune a tutte le donne nei loro anni 40 e 50, non è detto che tutte ne soffrano. Con l’aiuto dell’ Ayurveda si può

aumentare il metabolismo della digestione, impedendo ogni ulteriore aumento di peso e riducendo i chili che si sono già accumulati.

Il miglior consiglio che posso dare su questo argomento è di fare alcuni cambiamenti permanenti nella tua  dieta e abitudini alimentari.
Sarà importante seguire un’alimentazione specifica per Kapha, al fine di aumentare il fuoco digestivo, stimolare il metabolismo e a ridurre l’aumento di peso accumulato.

Dosha Vata

Per molte donne con Vata dosha dominante, la menopausa è una sfida difficile. Quindi, spesso si sentono sopraffatte da tutto intorno a loro, sia a livello psico-emotivo che fisico. Appaiono in modo permanente “nuovi fastidi”, tutto è confuso. Quindi, specialmente a livello emotivo, ci sono forti sbalzi. Le paure e l’instabilità interiore fanno sentire molto a disagio, al punto da entrare in depressione. Fisicamente le forze lo sono ridotte, la routine quotidiana più semplice sembra un ostacolo insormontabile. Inoltre, a volte il sudore e il calore sono
accompagnati da paure e brividi. Le mestruazioni diventano più irregolari del solito, ci sarà assenza totale per diversi mesi o si presenteranno  ogni 14 giorni. L’emorragia si alterna tra molto forte a quasi assente.

I disagi più frequenti nella donna Vata:

  • Attacchi di panico e paure
  • Instabilità interiore e nervosismo
  • Depressione
  • Sbalzi emotivi
  • Insonnia
  • Esordio improvviso di intenso calore secco
  • Sensazione di freddo o brividi.
  • Tachicardie nervose
  • Secchezza vaginale
  • Pelle secca
  • Stipsi
  • Perdita di elasticità della pelle
  • Dolori alle articolazioni
  • Osteoporosi
  • Diminuzione del desiderio sessuale
  • Emicrania

Dosha Pitta

Le donne con dosha Pitta dominante soffrono principalmente di sudorazioni molto calde e umide. Il fuoco di Pitta sembra letteralmente uscire da ogni poro del corpo. Quindi, a volte i sudori improvvisi compaiono più volte per un’ora. Inoltre, anche i sudori notturni aumentano.Vi è la sensazione di calore intenso sotto la pelle o in alcune parti del corpo . Le emozioni sono roventi, con attacchi di rabbia molto forti. C’è un maggiore propensione a discutere per qualsiasi assurdità.

I disagi più frequenti nella donna Pitta:

  • Attacchi di calore con molto sudore
  • Sensazione di calore interna molto forte
  • Sudori notturni intensi
  • Rabbia
  • Diarrea improvvisa
  • Emorroidi.
  • Suscettibilità a qualsiasi commento.
  • Sanguinamento mestruale molto intenso
  • Eruzioni cutanee
  • Acne
  • Herpes
  • Vaginite
  • Intolleranza al sole
  • Alta pressione sanguigna
  • Mal di testa da tensione

Dosha Kapha

La donna con il dosha Kapha dominante soffre principalmente di aumento di peso, accompagnato da pesantezza e letargia nel corpo e nella mente. Così, l’inerzia e la fatica permanente fanno parte della vita di tutti i giorni. Solo con un’attività fisica questo stato può essere migliorato. Inoltre, aumenta la ritenzione di liquidi , le forme di edema, gonfiore generale e pesantezza alle gambe, tanto sudore, stati di malinconia, tristezza e persino depressione, il desiderio di isolarsi e la solitudine interiore è accentuata.

I disagi più frequenti nelle donne Kapha:

  • Aumento di peso
  • Pesantezza
  • Letargia
  • Apatia e inerzia
  • Affaticamento costante
  • Ritenzione idrica
  • Infezioni fungine
  • Digestione molto lenta e pesante
  • Depressione e tristezza

 

Modi per affrontare la menopausa:

Lo stile di vita olistico dell’ Ayurveda che include una dieta sana, erbe, yoga e meditazione quotidiana, può aiutare le donne ad alleviare molti dei disagi della menopausa e attraversare questo stadio naturale  della vita.

Nell’Ayurveda, la menopausa è legata all’invecchiamento, che è uno stadio della vita dominato da Vata (aria). Pertanto, i sintomi della menopausa vissuti da alcune donne sono simili ai sintomi osservati quando il Vata Dosha aumenta e sconvolge il normale equilibrio del corpo.

Vata

I sintomi della menopausa comprendono depressione, ansia e insonnia. La menopausa può anche manifestarsi come un aumento degli altri due dosha.

Pitta

Le donne con sintomi di Pitta (fuoco) sono spesso arrabbiate e soffrono di vampate di calore.

Kapha

I sintomi del Kapha (acqua) includono l’apatia, l’aumento di peso, e sentimenti di pesantezza mentale e fisica.

In sintesi 

Il trattamento ayurvedico della menopausa si concentra sul rafforzamento e ringiovanimento del sistema riproduttivo. I preparati a base di erbe sono suggeriti per regolare gli ormoni, calmare lo stress mentale e mantenere una digestione efficace.
Tonici naturali sono  consigliati  per aumentare il sistema immunitario e garantire ringiovanimento.

Se ti ritrovi nelle problematiche descritte, vorresti prevenire alcuni disagi  e desideri affrontare  la Menopausa con una corretta alimentazione, in base alla tua tipologia, con l’apporto di rimedi erboristici biologici, prenota una Consulenza Naturopatica comodamente via Skype

 

DiAlessandra Zarone

Germogliare in sintonia con la Primavera

Germogliare in sintonia con la Primavera:

 

Ogni stagione è caratterizzata da un’azione, stiamo abbandonando l’Inverno e l’azione di “conservare, accumulare” per aprirci a una rinnovata energia, germogliare in sintonia con la Primavera, in cui  il nostro pacchetto energetico si allinea in modo naturale ai fiori che sbocciano, alle gemme che si schiudono, ma siamo davvero pronti ad accogliere in noi questa ventata di rinnovamento e di energia ? Abbiamo le risorse per schiudere i  nostri boccioli interni o i nostri semi faticano ad uscire dal buio dell’Inverno?

I rimedi erboristici aiutano a  far fronte a tutto ciò ma bisogna  fare molta attenzione perchè non tutto ciò che Natura ci offre , è indirizzato a tutti.

A quale albero ci associamo? siamo Abete, Betulla, Quercia o Melo? Sappiamo intuire da soli quale rimedio è adatto a  noi? Non sempre siamo in gradi di farlo, siamo troppo bombardati di notizie sul cosi detto Detox primaverile e ci lasciamo condizionare da tutto ciò che il web ci propone, senza più comprendere ciò che è  realmente valido per noi, in quanto esseri unici ed irripetibili.

Il processo di detossificazione è qualcosa di delicato,se il nostro corpo è un vaso di porcellana, di certo non utilizzeremo un prodotto aggressivo.Se invece è un calice di bronzo,  potremo utilizzare qualcosa di più invasivo , ma sempre con i dovuti accorgimenti.

Non possiamo fare nostri rimedi che non ci appartengono e  che sono lontani anni luce dalla nostra costituzione, dalla nostra tipologia, giacche’ ciascuno è diverso e unico.

Attraverso una consulenza mirata, potrò consigliarti i rimedi adatti a te.

Gli strumenti che maggiormente utilizzo sono Ayurveda e Medicina Cinese.

L’Ayurveda è un antico sistema indiano che ha come fondamento il concetto dei tre dosha, o tre diversi tipi fondamentali di costituzione. Si basa sul concetto che tutti i cinque elementi del corpo sono in equilibrio e indica l’insorgere della malattia quando questi dosha sono fuori equilibrio.

Al fine di stabilire la salute e curare le malattie in Ayurveda, il biotipo della persona, o dosha, deve prima essere stabilito. Il biotipo determina il modo in cui noi come individui siamo predisposti a determinate malattie e come rispondiamo alle stesse. Quando le bioenergie che costituiscono il biotipo sono fuori equilibrio, il corpo è più suscettibile alle malattie. Ogni biotipo tende a manifestare sintomi di malattia con caratteristiche in parti specifiche del corpo e ha una debolezza intrinseca in queste aree corporee.

Gli elementi che comprendono i tre dosha sono:

terra, acqua, fuoco, aria ed etere.

Ogni dosha ha una predominanza di due di questi cinque elementi e delinea alcune caratteristiche dell’individuo. L’individuo viene consigliato in base al suo dosha, grazie a  una combinazione di alimentazione specifica, in sinergia a suggerimento di erbe e stile di vita armonioso, per riportare in equilibrio questi elementi e consentire il ripristino della salute di quella persona.

Ogni erba ha una particolare combinazione di questi elementi, denominata “energetica”, ed è selezionata per bilanciare questi elementi nel corpo.

Per essere efficaci, i consigli erboristici, richiedono il supporto aggiuntivo dell’alimentazione corretta .

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, la Primavera è il momento migliore per disintossicare il corpo, in particolare il fegato. La ragione principale è biologica, la natura supporta la pulizia del corpo durante la stagione primaverile. Con l’avvicinarsi della primavera, la maggior parte delle persone noterà un notevole cambiamento nel sonno e nelle abitudini alimentari, oltre ai livelli di energia, all’umore e persino ai propri sensi. Man mano che questi cambiamenti avvengono, anche gli organi del corpo sono pronti per il cambiamento, quindi vengono intensificati tutti gli sforzi per disintossicare il fegato.

I cinque elementi sono un modello universale che organizza tutti i fenomeni naturali in cinque gruppi principali o modelli in natura. Ciascuno dei cinque gruppi è  connesso all’elemento Legno, Fuoco, Terra, Metallo e Acqua .

Per disintossicare il corpo e purificare il fegato, prendere in considerazione l’inclusione degli alimenti elencati di seguito nella dieta. Molti sono ricchi di glutatione, che ha la straordinaria capacità di condurre le tossine fuori dal corpo.

Alimenti per la disintossicazione del fegato

Asparago
Avocado
Cavoletti di Bruxelles
Carote
Dente di leone
Aglio (fresco)
Pompelmo
pomodori crudi
Spinaci
Noci

 

Se desideri iniziare un Programma detossinante in base  alla Fitoterapia e Floriterapia Ocidentale, prenota qui

Se desideri iniziare un Programma detossinante in base all’Ayurveda  prenota qui

Se desideri iniziare un Programma detossinante in base alla Medicina Cinese, prenota qui  , anche via Skype per chi abita distante.

DiAlessandra Zarone

Armonia del corpo e Ayurveda

 

Armonia del corpo e Ayurveda

 

Tutte le cose nell’universo, sia viventi che non viventi, sono unite insieme. In realtà, tutto nell’universo è realtà costituito dagli stessi cinque elementi naturali : spazio, aria, fuoco, acqua e terra.
C’è una profonda connessione tra il sé e l’ambiente: inizialmente siamo collegati a noi stessi, alle persone che ci circondano, al nostro ambiente immediato e all’universo. Questa connessione equilibrata garantisce una buona salute.


Ci conserviamo sani se manteniamo l’equilibrio, interagendo con il nostro ambiente in modo efficace e salutare.Tuttavia, il nostro equilibrio iniziale è spesso interrotto dal nostro stile di vita.

Le nostre scelte su alimentazione, esercizio fisico, professione e relazioni hanno tutte le potenzialità per creare squilibri fisici, emotivi o spirituali. 

Questo squilibrio causa una mancanza di armonia e ci rende più suscettibili alle malattie.Gli esseri umani sono responsabili delle loro scelte e azioni. Siamo in grado di raggiungere e mantenere una buona salute se facciamo scelte equilibrate che promuovono l’armonia.

Prakriti e dosha:

La filosofia ayurvedica sostiene che le persone nascono con una costituzione specifica, che è chiamata prakriti. Il prakriti, stabilito al momento del concepimento, è visto come una combinazione unica di caratteristiche fisiche e psicologiche che influenzano il modo di essere di una persona.

Nel corso della vita, il prakriti di un individuo rimane lo stesso. Tuttavia, il proprio prakriti è costantemente influenzato da vari fattori interni, esterni e ambientali come il giorno e la notte, i cambiamenti stagionali, la dieta, le scelte di vita e altro ancora. L’Ayurveda pone grande enfasi sulla prevenzione della malattia e raccomanda il mantenimento della salute attraverso un’alimentazione specifica che crea equilibrio.

Esistono tre qualità, chiamate dosha, che formano il prakriti o costituzione. Questi dosha sono chiamati vata, pitta e kapha e hanno tutti un impatto specifico sulle funzioni corporee.

I dosha individuali fluiscono costantemente e il loro equilibrio dipende dal cibo, dal movimento e dalle relazioni con il mondo esterno.
Lo squilibrio dei dosha produce sintomi diversi, correlati a quel dosha .

Ad esempio, se la è persona aggressiva, avrà un Pitta dominante sugli altri dosha e potrà sviluppare un eritema pungente o una gastrite. Molti fattori possono causare squilibrio, tra cui una dieta povera, troppo o troppo poco esercizio fisico/mentale/, sostanze chimiche o germi.

Metodi di approccio ayurvedico al disagio psico-fisico:

  • Misure interne, tra cui Shodhana (detossificazione) .
  • Shamana (metodi utilizzati per migliorare la qualità della vita).
  • Misure esterne, tra cui Snehana (trattamenti con olio).
  •  Svedana (terapia a vapore erbe) e uso di paste vegetali.
  • Terapie mentali e spirituali, chiamate Daivya Chikitsa.
  • Assunzione di erbe, tra cui rasa shashtra (l’uso di varie formulazioni di erbe e minerali).

Maggiori informazioni su doshas:

Ogni dosha comprende due dei cinque elementi di base, ciascuno con qualità specifiche. Questi elementi sono:

  • Spazio (associato all’espansività).
  • Aria (associata a gassosità, mobilità e mancanza di forma).
  • Fuoco (associato a trasformazione, calore e fuoco).
  • Acqua (associata a liquidità e instabilità).
  • Terra (associata a solidità e stabilità).

Inoltre, ogni dosha è associato a una specifica struttura corporea o forma ed è collegato a certi tratti della personalità. L’Ayurveda collega anche ogni dosha a particolari tipi di problemi di salute.

Qual è lo stato normale dei tridosha?

Quando i tridosha sono equilibrati, l’individuo sperimenta la salute a tutti i livelli: mentale, fisico e spirituale.

L’Ayurveda considera salute:

  • Felicità: senso di benessere.
  • Emozioni – stati emotivi equilibrati in modo uniforme.
  • Funzioni mentali: buona memoria, comprensione, intelligenza e capacità di ragionamento.
  • Sensi – corretto funzionamento di occhi, orecchie, naso, gusto e tatto
    Energia: abbondante energia mentale e fisica.
  • Digestione: facile digestione di cibo e bevande.
  • Eliminazione – eliminazione normale dei rifiuti: sudore, urina, feci e altro.
  • Corpo fisico: tessuti, organi e sistemi corporei sani.

Squilibrio

Lo squilibrio naturale è dovuto al tempo e all’età. Vata, Pitta e Kapha aumentano e diventano predominanti durante la propria vita, durante una stagione e durante certe ore del giorno. Ad esempio:

  • Vata è predominante durante l’ultima parte della propria vita, durante la stagione autunnale e durante il tardo pomeriggio, così come durante l’ultima parte della notte e l’ultima parte della digestione.
  • Pitta è predominante durante la mezza età, durante la stagione estiva, a mezzogiorno, a mezzanotte e durante la parte centrale della digestione.
  • Kapha è predominante durante l’infanzia, durante la stagione primaverile, nella tarda mattinata, nella prima parte della sera e durante la prima parte della digestione.

Gli squilibri non naturali dei dosha possono essere causati da:

  • Alimentazione inappropriata
  • Stile di vita inappropriato,
  • Trauma (come un incidente d’auto),
  • Virus, parassiti, ecc.

Mentre alcuni di questi elementi sono al di fuori del nostro controllo, il tipo di stile di vita che noi viviamo e i cibi che mangiamo sono sotto il nostro controllo.

L’energia di Kapha (terra) è responsabile della stabilità, della struttura, dell’immagazzinare, della crescita. Kapha controlla la forza, le dimensioni,

il tasso di crescita del corpo e memorizza le informazioni in mente. Tipicamente, quando l’energia di kapha viene disturbata, il corpo inizia a

ingrassare immagazzinando più grasso, inspessendo tessuti e sangue e trattenendo fluidi corporei extra. Ciò porta allo sbilanciamento dell’energia vata. Di conseguenza, gli squilibri creano funzioni compromesse e inefficienti che portano a malattie e disagi.

Sintomi tipici; il corpo diventa pesante, opaco, lento e soffocante con muco.

Malattie correlate allo squilibrio di kapha:

  • Allergie / Muco
  • Asma
  • Raffreddori
  • Colesterolo
  • Diabete
  • Edema
  • Crescita (indesiderata) come i tumori.
  • Obesità

Tutti i disturbi relativi al kapha devono essere affrontati con un’alimentazione appropriata.

Spesso quando l’energia di kapha viene disturbata, anche vata viene disturbata.

 

L’energia Pitta (fuoco) è responsabile della fornitura di “calore” per l’elaborazione delle funzioni nel corpo. Tutte le funzioni metaboliche,

cataboliche e altre funzioni di elaborazione, va sottolineato che le informazioni nella mente sono eseguite da pitta. Quando l’energia di pitta

(dosha) è squilibrata, il principale “fuoco” digestivo e persino un “fuoco” cellulare possono essere disturbati. Le funzioni di elaborazione come la

rottura del cibo, l’assorbimento dei nutrienti e il metabolismo a livello cellulare sono compromesse. Questo porta ad esaurimento di forza e secchezza nel corpo che può alterare il bilancio energetico vata.

Le malattie scatenate dallo squilibrio di Pitta sono:

  • Infiammazione articolare
  • Diarrea
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Bruciore di stomaco
  • Ipertensione
  • Infiammazioni (interne o esterne)
  • Malattie della pelle

Kapha è in genere il più grande dei tipi di corpo. Fisicamente, hanno fianchi larghi / spalle; folti capelli ondulati; buona resistenza fisica.

Mentalmente, i tipi di kapha tendono a imparare lentamente, ma hanno grandi ricordi. Dal punto di vista emotivo, tendono ad essere molto

leali, stabili e affidabili – sono spesso indicati come “rocce” in una relazione.

In mancanza di equilibrio, gli individui kapha hanno una tendenza alla congestione sinusale, cattiva circolazione e digestione pigra che può

facilmente portare all’obesità. Per aiutare a migliorare la circolazione, possono fare un massaggio stimolante del corpo secco, chiamato

garshana, eseguito con guanti di seta grezza – è possibile utilizzare una spugna luffa come sostituto. Il massaggio aiuta a sbarazzarsi del peso in eccesso di acqua ed è una cura naturale per la cellulite.

Le sei fasi del disequilibrio :

Fase uno: accumulo

La malattia inizia con l’accumulo di uno o più dosha. I tre dosha, vata, pitta e kapha, sono tre aspetti del corpo mentale che governano il

funzionamento del corpo. Quando i tre dosha sono in equilibrio, la persona gode di buona salute. Tuttavia, attraverso un’alimentazione squilibrata, lo stile di vita e l’esposizione a stress e fattori ambientali, uno o più dosha possono perdere equilibrio. Nel primo stadio di questo squilibrio  il dosha aumenta in quantità,ossia “accumula”.

Nella prima fase, il dosha si accumula nella sua sede naturale . Ad esempio, il dosha vata può accumularsi nel colon, nei nervi o negli spazi vuoti e nei canali del corpo. Pitta dosha può accumularsi nel tratto digestivo, negli occhi o nella pelle. Il kapha può accumularsi nel torace e nelle sostanze fluide del corpo, come i liquidi articolari e il sistema circolatorio.

Fase due: aggravamento

Mentre la fase uno comporta un cambiamento quantitativo nei dosha, questa fase comporta un cambiamento qualitativo nei dosha. Nella

seconda fase il dosha acquisisce la tendenza a diffondersi dalla sua sede normale. Questo cambiamento interno qualitativo può rovinarsi e diventare anomalo.

Terza fase: diffusione

Ora il dosha esce dalla sa sede naturale e inizia a circolare nel corpo. Non ci sono ancora sintomi specifici. Tuttavia, nella terza fase possono

esserci sintomi vaghi e non specifici di basso grado, come  dolori transitori o malessere lieve. La persona può lamentare stanchezza o lieve depressione, o dire “Non mi sento bene”.

Fase quattro: localizzazione

In questa fase il dosha ora si localizza in un tessuto fuori dalla sua sede principale e inizia a interrompere la funzione di quel tessuto (dhatu) o

organo.

Ci sono diversi fattori che determinano dove si localizzerà il dosha disseminante. Uno è un’anomalia nei canali micro circolatori (srotas) in quel

tessuto. Ad esempio, se vi è un restringimento dei vasi sanguigni o dei canali linfatici in un’area del corpo, il dosha può stabilirsi lì e iniziare a

interrompere il funzionamento dei tessuti circostanti.

Il secondo fattore sono le tossine digestive chiamate ama:è il prodotto della digestione squilibrata ed è descritto come una sostanza appiccicosa che può facilmente ostruire i canali micro circolatori del corpo. Il dosha disseminante porta ama insieme ad esso, e l’ama appiccicosa diventa “bloccata” in un punto in cui gli srotas si restringono. Allora l’ama appiccicosa, insieme al dosha viziato, diventa un terreno fertile per la malattia in quella zona.

Ad esempio, se il kapha dosha, che è pesante e freddo, si è accumulato e disseminato, può localizzare, insieme con ama, nei canali della testa e del collo. Nella Quarta Fase, questo inizierà ad essere vissuto come una gola irritata o una sensazione di pesantezza nella testa.

Fase 5: manifestazione

In questa fase la malattia si manifesta nella sua forma completa, chiaramente identificabile. Il funzionamento dei tessuti è interrotto dal

complesso di ama mescolato con il dosha squilibrato. Nell’esempio di kapha dosha e ama localizzato nella testa e nel collo, la gola irritata e pesantezza nella testa è ora vissuta come  raffreddore, mal di gola, sinusite, attacco allergico.

Fase Sei: cronicità

In questa fase, la malattia diventa così incorporata nei tessuti che i meccanismi naturali di riparazione del corpo non sono in grado di

capovolgerla. Quindi l’interruzione del funzionamento diventa un disturbo permanente o a lungo termine. Ad esempio, il disturbo da kapha potrebbe diventare sinusite cronica o perenne o rinite.

Se ti ritrovi nei disagi descritti e vuoi intraprendere un percorso naturopatico volto alla prevenzione e alla risoluzione in modo naturale di disagi e disturbi, prenota una Consulenza Personalizzata.

 

DiAlessandra Zarone

Prevenzione dei disequilibri Vata in Ayurveda

Prevenzione dei disequilibri Vata  in Ayurveda

L’Ayurveda  si occupa degli squilibri Vata con rimedi naturali e  si concentra sul benessere  esso fisico, psicologico e spirituale. L’Ayurveda considera la disintossicazione come una parte primaria del trattamento. I rimedi ayurvedici decontaminano tutto il corpo, bilanciando le tre energie (vata, pitta e kapha). L’aggravamento del Vata indebolisce il sistema nervoso.

I disturbi del dosha Vata  includono anche i disturbi emotivi.
Nell’antico sistema indiano di medicina ayurvedica, un certo numero di piante sono state descritte per usi specifici per una serie di disturbi mentali, tra cui emicrania, epilessia, convulsioni, isteria, paralisi, perdita di memoria (Alzheimer), insonnia, ansia, morbo di Parkinson, follia,depressione, ecc. Le formulazioni ayurvediche contengono sia la singola pianta o una miscela di rimedi vegetali e sono dimostrati molto utili contro tali disturbi.
I materiali vegetali prescritti per questi problemi vanno dalle erbe agli alberi perenni con varie parti di piante, alla pianta intera, radici, gambo, corteccia, foglie, fiori, frutti ai semi. La struttura chimica di queste piante includono acidi grassi a catena lineare, terpenoidi, steroidi, flavonoidi, alcaloidi, peptidi, ecc.

Quando le droghe sintetiche non sono efficaci o mostrano effetti collaterali gravi, è la medicina delle piante che porta sollievo. Molte delle specie di piante distribuite in tutto il mondo, hanno qualche azione farmacologica sul corpo.

Il cervello ha 100 miliardi di cellule nervose (neuroni) e ognuna di esse si connette con molte altre per formare reti di comunicazione. Queste cellule nervose hanno il compito di far pensare, imparare, ricordare, vedere, ascoltare e annusare. Le cellule cerebrali  elaborano e memorizzano le informazioni per comunicare con altre cellule.
Mantenere tutto funzionale, richiede grandi quantità di energia e ossigeno . Una volta che il sistema è disturbato, inizia ad apparire una serie di disturbi del cervello umano, ad esempio Morbo di Alzheimer, morbo di Parkinson, malattia di Huntington, depressione, epilessia, schizofrenia, ansia, ecc. Queste malattie sono caratterizzate da un disturbo molto complesso nella funzione cerebrale .

Sintomi di squilibrio Vata:

  • Asma
  • Insonnia
  • Mal di testa
  • Sciatica
  • Mal di schiena lombare
  • Artrite reumatoide
  • Sistema nervoso squilibrato
  • Mestruazioni dolorose
  • Costipazione e gas
  • Depressione
  • Paura
  • Ansia

Fattori responsabili dell’aumento di Vata:

  • Mangiare troppi cibi amari, astringenti e pungenti come cavoli, cavolfiori, broccoli, germogli, fagioli, frutta secca, funghi e cibi crudi.
  • Viaggiare troppo
  • Stare svegli fino a tarda notte o non dormire affatto.
  • Mangiare cibo spazzatura, cibi surgelati e cibo che è stato cotto al microonde.
  • Eccessiva esposizione a livelli elevati di rumore o suoni elevati.
  • Troppa televisione e esposizione eccessiva ai computer o qualsiasi altro tipo di dispositivi elettrici.
  • Indulgere in troppe attività sessuali.
  • Immaginazione eccessiva, lavoro eccessivo o troppo sport.
  • Prendere troppe medicine, ricostituenti e stimolanti.
  • Soppressione di impulsi naturali come minzione, defecazione, starnuti, tosse, lacrime ecc.
  • Emozioni come paura e dolore.

 

Altri sintomi causati dall’eccesso di Vata nel corpo sono:

Dolori articolari, costipazione, pelle secca, perdita di memoria, palpitazioni, insonnia, rigidità dei muscoli, perdita di peso, perdita di forza, emicrania, vertigini, tremori, dolore e

paura ecc.

Metodi naturali di riequilibrio della mente ( Vata Dosha):

Con il passare del tempo, vengono reintrodotte nuove tecniche nel campo medico che includono guarigione a base di erbe, yoga, meditazione, naturopatia, digitopressione, ecc. È dimostrato che le erbe hanno proprietà eccellenti nel trattamento di panico e ansia, senza causare effetti collaterali . Limone è ottimo per alleviare lo stress e l’ansia. Le radici di Kava sono usate per l’ansia e sono anche ben note nel trattamento dell’ insonnia. La Passiflora viene usata come rimedio per l’ansia .
I Cinesi utilizzano il Ginseng da molto tempo per l’ansia e sistema immunitario.
La Cannabis sativa è solitamente affumicata e può essere mangiata per alleviare l’ansia. Le persone di tutto il mondo sono consapevoli di questo  sollievo ma a volte abusano del rimedio. La Valeriana è usata in tutto il mondo come un sedativo naturale, è usata per l’insonnia e gli attacchi di panico. È anche un lieve antidolorifico.
Il Ginkgo biloba e l ‘Iperico perforatum hanno proprietà neuroprotettive e sono utili per migliorare la memoria .

L’Ayurveda descrive l’uso di centinaia di piante individualmente o in combinazione per il trattamento di disturbi legati al cervello.

Alimentazione riequilibrante per la Mente:

Quando si tratta di pacificare Vata, il modo in cui mangiamo potrebbe essere altrettanto importante di quello che mangiamo. Scegliamo di mangiare in un ambiente tranquillo, in cui possiamo offrire la nostra piena attenzione all’atto di essere nutriti. Assicurarsi che i cibi siano  che siano ben cotti, serviti caldi e guarniti  con olio o burro chiarificato. Infine, poiché Vata richiede nutrimento regolare, è meglio evitare il digiuno.

L’alimentazione dovrebbe essere costituita da cibi integrali appena cotti, di consistenza morbida o pastosa, ricchi di proteine e grassi, conditi con una varietà di spezie riscaldanti e serviti caldi . Questi alimenti calmano il Vata, lubrificando e nutrendo i tessuti, preservando l’umidità e mantenendo il calore, il tutto sostenendo la corretta digestione e l’eliminazione delle scorie.

Evitare i rimedi chimici:

La maggior parte delle droghe mentali sintetiche agiscono nel cervello e producono effetti euforici. A volte causano anche danni dovuti a convulsioni, ictus e effetti tossici diretti sulle cellule cerebrali. Un cervello è in disordine a causa di un consumo ripetuto di droghe, è soggetto a cambiamenti nella funzione di più circuiti cerebrali (che controllano stress,  processo decisionale, piacere, controllo degli impulsi, memoria, apprendimento e altre funzioni). Questi cambiamenti rendono più difficile per chi ha una dipendenza, sperimentare il piacere, in risposta a ricompense naturali, come il cibo, interazioni sociali positive, sesso, ecc. Se stai attraversando un momento difficile e ti ritrovi nei disagi descritti o vuoi prevenire tali disturbi, contattami per una Consulenza personalizzata in Alimentazione Ayurvedica e rimedi naturali.

 

DiAlessandra Zarone

Prevenzione e Ayurveda

Prevenzione e Ayurveda:

L’Ayurveda è la scienza che crea armonia nelle nostre vite. Dove c’è armonia, c’è salute; dove c’è disarmonia, c’è malattia. Il termine armonia, in questo contesto significa, creare una relazione armoniosa con il nostro ambiente, attraverso i nostri cinque sensi. Esporre noi stessi a gusti armoniosi (cibi ed erbe), Natura, Aromaterapia , suoni (musica e mantra) e tocco (massaggio e oli) crea uno stato di armonia all’interno dei nostri corpi. Questo stato di armonia previene la malattia.

L’Ayurveda considera la crescita della malattia come la crescita di un albero. C’è un seme che germoglia e sviluppa radici. Il gambo cresce e il tronco si ispessisce. I rami si espandono e le foglie crescono. La maggior parte di ciò che chiamiamo malattia o sintomi sono le foglie, distanti dalla loro origine o dalle loro radici.
Il seme, o radice di tutte le malattie, da una prospettiva ayurvedica, è la disarmonia delle nostre azioni. Mangiare cibi impropri, ascoltare musica disarmonica, ecc. Ciò può produrre uno stress fisico diretto. Un corpo indebolito non può tollerare lo stress continuo e si sgretola nell’oscurità della malattia.

La malattia psichica può essere vista come lo stesso albero. Le foglie lontane dalle radici sono malattie gravi come la psicosi e la schizofrenia. I rami più vicini sono le condizioni più miti come l’ansia da panico e le condizioni ancora più vicine del tronco, malattie lievi come rabbia, preoccupazione, dolore e attaccamento. L’Ayurveda vede una persona come se avesse dimenticato la propria vera natura connessa a Dio.

 

Quando nasce il disagio:

Le condizioni disarmoniche, all’interno dell’utero, lo stato di salute della madre incinta e i fattori ambientali della prima infanzia hanno un profondo impatto sulla salute negli anni a venire . Charaka Samhita , un testo del II secolo a C, descriveva la donna incinta come una “Dau Hridya” – una con due cuori. Pertanto, si raccomanda una cura vigile per il benessere del nuovo cuore delicato.  Charaka spiega che la cura della nuova vita inizia prima del concepimento, con la preparazione dei genitori per ottimizzare la qualità dello sperma e dell’uovo.
In Ayurveda, sia la madre che il padre sono sottoposti a 40 giorni di programmi di purificazione per purificare il loro corpo, mente e spirito, in preparazione al concepimento. Questo aiuta a ridurre il carico tossico e consente la più pura forma di trasferimento di materiale genetico.

Laddove manca questa preparazione, si creeranno i presupposti per lo sviluppo di malattie croniche. Fattori come il basso peso alla nascita, l’assunzione di cibo errato da parte della madre e stress concorrono allo sviluppo di malattie malattie cardiache, diabete, nonché uno squilibrio di ormoni e neurotrasmettitori.
E necessario evitare di esporre la madre a cibi tossici, pensieri e cattive notizie per prevenire shock e stress che possono influire negativamente sulla salute del bambino. La famiglia deve sostenere la madre e il bambino con cibi nutrienti e cure amorevoli.

Alimentazione:

Tutte le parti del corpo fisico derivano dal nostro cibo. Pertanto, la qualità e l’equilibrio del nostro tessuto corporeo dipendono direttamente dalla qualità della nostra dieta e dall’equilibrio del nostro apporto nutrizionale. Una dieta sana ricca di verdure, frutta, con quantità moderate di proteine (fagioli, carne, latticini, noci / semi, uova, ecc.) e bassa quantità di carboidrati semplici (pane raffinato, cereali, caramelle / zucchero, ecc.) ha un effetto molto benefico nel controllare l’infiammazione nel corpo.

Digestione:

La digestione è la chiave per convertire il buon cibo in una buona alimentazione per il corpo, separando ed eliminando lo spreco. La qualità della digestione si basa sulla salute di Agni, il fuoco digestivo. Quando Agni è equilibrato e forte, completa la trasformazione del cibo in nutrienti utili e “pacchetti” di rifiuti da eliminare. Quando Agni è troppo debole o troppo forte, produce prodotti di scarto intermedi chiamati Ama che si accumulano e causano blocchi. Senza un’adeguata eliminazione, i vasi sanguigni del corpo, la linfa, il canale spinale, i canali sottili all’interno di vari organi diventano tutti suscettibili all’accumulo di rifiuti.

 


In Ayurveda, il processo digestivo è considerato centrale per lo sviluppo di tejas (intelligenza), ojas (vitalità) e prana (forza vitale). Il processo digestivo è un termine ampio che include la nostra digestione grossolana di cibo, la digestione di elementi (zucchero, amminoacidi, grassi), il metabolismo cellulare, così come la digestione di pensieri e idee.

Abbiamo circa 33-100 miliardi di cellule e abbiamo batteri nel nostro intestino crasso, il principale “magazzino” di questi microbi. Se il microbioma (ambiente batterico intestinale) cambia, si svilupperanno molte tossine e il corpo non saprà come reagire normalmente e produrrà infiammazione.

I fondamenti della salute:

Nella medicina ayurvedica, il fondamento della salute si basa su quattro pilastri:

  • Dieta / digestione
  • Esercizio fisico
  • Sonno / riposo
  • Benessere mentale / emotivo

Stress:

E importante prevenire che gli effetti dello stress ci danneggino. Ciò ha portato all’uso di un vasto assortimento di prodotti nutrizionali, tra cui vitamine dello stress (principalmente B-vitamine), antiossidanti (che riducono la distruzione cellulare e l’invecchiamento), supporto ai micronutrienti (alghe, alghe blu-verdi) e altri nutrienti.

Purificazione:

E necessario purificare i nostri corpi e tenere a bada i veleni ambientali (pesticidi, metalli pesanti, prodotti chimici industriali.).

E altresì necessario rimuovere le tossine dai nostri corpi con rimedi erboristici per purificare sangue,  fegato e colon, ovviamente in periodi distinti.

Ti offro un Programma Ayurvedico Olistico, utilizzando varie erbe e minerali, trattamenti e alimentazione adatta, in cui la sinergia con le erbe ti aiuterà a ritrovare Benessere. 


 

DiAlessandra Zarone

Menopausa precoce e rimedi naturali

Menopausa precoce e rimedi naturali

Il termine menopausa, dal greco menos, mese, mestruo, e pausis cessazione, può essere associata a disturbi quali leucorrea, menometrorragie, vampate di calore, sudorazione, palpitazioni, ipertensione arteriosa, emorroidi, artrosi, osteoporosi, inquietudine, ansia, apatia, gelosia, frigidità.

Si tratta di un disagio che interessa persone sensibili, insicure, ansiose e con bassa autostima, che vivono nel terrore di rimanere incinta, conducono una vita stressante, per alcune la menopausa precoce è accolta con  sollievo  da una vita di mestruazioni dolorose. Donne che vivono in modo conflittuale la sessualità, traumi psichici, periodi prolungati di malattia e carenza di denaro,vivono costantemente preoccupate.

I principali disagi sono:

  • disturbi del sonno
  • secchezza vaginale
  • alterazioni del tono dell’umore
  • difficoltà di concentrazione
  • aumento di peso
  • riduzione dei capelli e aumento dei peli sul viso

In tali circostanze, sarebbe bene assumere uno stile di vita meno stressante, dedicare più tempo a sè stesse.

Alimentazione

E importante curare l’alimentazione, verdura e frutta ricche di vitamine A e C,legumi,calcio , mandorle, noci, verdure a foglie verdi, pesce, olio di sesamo.

Un ottimo trattamento naturale consiste nell’associare un corretto stile  alimentare a rimedi fitoterapici e rimedi floreali .

Se stai attraversando questo delicato momento della tua vita, ti ritrovi nei disagi descritti e sei interessata a un Programma Naturopatico, prenota una Consulenza.

 

La visione auyurvedica

La menopausa è il culmine di tutti e tre i dosha del corpo della donna. Le mestruazioni stesse sono pitta, la donna può aumentare di peso durante questo periodo, il che indica uno squilibrio di kapha. Poiché la donna può diventare lunatica e soffrire di insonnia, durante la menopausa, c’è una forte predominanza del vata dosha.

  • I sintomi della menopausa di tipo Vata tendono a includere depressione, ansia e insonnia.
  • Le donne con sintomi tipo Pitta sono spesso arrabbiate e soffrono di vampate di calore.
  • I sintomi di tipo Kapha includono svogliatezza, aumento di peso e sensazione di pesantezza mentale e fisica

Ti offro un Programma Ayurvedico Olistico, utilizzando varie erbe e minerali, trattamenti e alimentazione adatta, in cui la sinergia con  le erbe ti aiuterà a gestire i sintomi della menopausa e i disagi che essa provoca. I fitoestrogeni  si collegano ai recettori degli estrogeni del corpo , in modo da consentire agli ormoni di funzionare correttamente. Quando il corpo è ostruito da scorie o Ama, gli ormoni non possono  funzionare correttamente e si verificano i sintomi della menopausa. Le erbe raccomandate variano da persona a persona a seconda del dosha in squilibrio e dei sintomi predominanti nel disagio.

La visione della Medicina Cinese

A seconda della sua natura, una donna svilupperà sintomi diversi.

Se il rene yin è già debole prima della menopausa (e quindi lo yang è più forte), questo evento favorirà l’ascesa dello yang, accentuando lo squilibrio. Una donna in questo caso sperimenterà irritabilità, vampate di calore e una diminuzione delle secrezioni vaginali. La pelle diventerà secca. Il rene yin non sarà più in grado di inumidire il corpo, e lo yang allora disturberà l’energia del cuore, causando calore, ansia.

Anche il rene yin è legato al midollo, quindi il suo indebolimento influisce anche sulla struttura ossea.

Alcune donne, il cui yang è debole, possono manifestare sintomi diversi. L’indebolimento dello yin avrà ripercussioni sull’energia yang. Il freddo nel corpo domina, causando dolore alla schiena e alle articolazioni, gonfiore o perdita di libido.

La pre-menopausa e la menopausa sono periodi di vita che vengono percepiti in modo diverso dalle donne. Alcune possono sentire una mancanza di energia, una certa stanchezza o addirittura depressione. Nella medicina cinese, questo tipo di emozione è legata al Rene, che ospita la volontà. Un rene indebolito diminuirà la forza di volontà, la motivazione e la creatività di una persona. Il sangue è una sostanza yin. Con la cessazione del ciclo, lo yin diminuisce e anche il sangue. Il fegato che gestisce sulla circolazione del sangue nel corpo. Un volume più basso di sangue può danneggiare il fegato e bloccare la sua energia. Essendo il Fegato l’organo legato alla rabbia, la persona tenderà a cedere più facilmente al nervosismo. La pre-menopausa e la menopausa possono quindi essere fonte di irritabilità a causa  del fegato.

Ti offro la possibilità di seguire una dieta adatta, in base ai dettami della Medicina Tradizionale Cinese, che prevede di eliminare alimenti che influiscono sullo yin, come caffè o alcol.

 

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Ansia_Un approccio psicosomatico tramite la Floriterapia

Ansia_Un approccio psicosomatico tramite la Floriterapia

L’ansia è uno stato psichico prevalentemente cosciente, di un individuo caratterizzato da una sensazione di preoccupazione o paura, più o meno intensa e duratura, che può essere connessa o meno a uno stimolo specifico immediatamente individuabile (interno o esterno) ovvero una mancata risposta di adattamento dell’organismo a una qualunque determinata e soggettiva fonte di stress per l’individuo stesso.


E’ una complessa combinazione di emozioni negative che includono paura, apprensione e preoccupazione, ed è spesso accompagnata da sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al petto e/o respiro corto, nausea, tremore interno.  Per questo l’ansiolitico per eccellenza del sistema floreale è Agrimony, il fiore che “maschera” ciò che nascondiamo dentro di noi e lo porta a galla, diminuendo la pressione interna.
L’azione di Agrimony si concentra sul “Falso Sé , la maschera sociale che nasconde la scissione tra il ruolo che la persona ha assunto dietro pressione della società e la sua realtà privata, relegata in secondo piano per il bisogno di essere accettati.


Ciò manifesta un costante sentimento di inadeguatezza, insicurezza, la sensazione di mancare sempre e comunque l’obbiettivo, qualunque cosa faccia. L’ansia che monta è il segnale di una rabbia profonda inconfessata, di un conflitto, tra il bisogno di raggiungere un’autonomia che consenta lo sviluppo del Sé autentico e l’impossibilità di abbandonare il falso Sé sociale, per la paura di essere abbandonati.

La Floriterapia psicosomatica propone una lettura simbolica del corpo e dei suoi disagi. Secondo tale visione, i disturbi che ci affliggono non sono mai eventi casuali, bensì ”messaggi “ di un un preciso malessere interiore.

consulto floreale studio naturopatico donadoni inverigo como
L’impronta energetica del fiore é in grado di riequilibrare le vibrazioni distorte che danno squilibrio a una persona, e partendo dai livelli superiori, ovvero dalla mente e dalle emozioni, gli effetti del fiore si riflettono anche ai livelli inferiori, arrivando al corpo fisico.

Il consulto naturopatico – floreale è rivolto a coloro che desiderano affrontare risolvere vari disturbi psicosomatici, con l’apporto delle essenze floreali, risalendo alla causa del malessere/disagio .

Contattami per maggiori informazioni o prenota qui.

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi