Archivio per Categoria CONSULTO NATUROPATICO – Alessandra Zarone

DiAlessandra Zarone

Come affrontare lo stress con i rimedi naturali

Come affrontare lo stress con i rimedi naturali

 

Lo stress  può provocare cefalea e sinusite, le cause  possono essere tante e occasionali: stress, febbre, cattiva digestione, così come può trattarsi di un mal di testa più continuo, la cosiddetta “cefalea essenziale” che non sempre riconosce una causa precisa. Ecco come si può risolvere un mal di testa grazie a rimedi naturali.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Cefalea da Sinusite:

E’ causato dall’accumulo di catarro a livello dei seni paranasali. Questa congestione provoca senso di pesantezza che si localizza sulla fronte e sul contorno degli occhi.

Le irrigazioni nasali:

Sciogliete un cucchiaio di sale grosso in un bicchiere d’acqua. Aspirate il liquido con una siringa (senza ago) da 20 cc e irrigate le narici. Sentirete un leggero bruciore che dopo qualche secondo sparirà. L’acqua salata decongestiona la mucosa nasale fluidificando le secrezioni. Ripetete l’operazione tre volte.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Impacco:

imbevete un panno in una soluzione composta da 1 cucchiaio di polvere di senape e 1 cucchiaio di farina di lino (che troverete in erboristeria) sciolti in una ciotola di acqua calda, strizzatelo e applicatelo sulla zona orbitale. Quando il panno si raffredda, riimmergetelo nella soluzione. Tutta l’operazione va eseguita per almeno mezz’ora. La polvere di senape riattiva la circolazione locale, producendo un benefico calore che fluidifica il muco. La farina di lino, grazie al suo contenuto di mucillagine, conserva più a lungo il calore.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Alimenti da evitare :

Mozzarella, ricotta, fontina, emmenthal. I latticini, in genere, stimolano nelle mucose nasali una maggiore produzione di muco, che “intasa” le vie respiratorie.

Cefalea da febbre:

L’aumento della temperatura può provocare mal di testa con senso di pesantezza al capo. Le spugnature ai polpacci: avvolgete i polpacci con un asciugamano bagnato con acqua fredda.
L’impacco sottrae calore e decongestiona il circolo sanguigno, contribuendo all’abbassamento della temperatura corporea. L’applicazione va eseguita per mezz’ora due volte al giorno finchè c’è la febbre, avendo cura che l’asciugamano sia sempre freddo.rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Spugnature sulla fronte:

Bagnate un tovagliolo di cotone con una soluzione composta da 5 cucchiai di aceto di mele diluito in un litro di acqua fredda. Applicate il panno sulla fronte per mezz’ora, bagnandolo di tanto in tanto così che rimanga sempre freddo. L’aceto di mele, balsamico, libera le vie respiratorie.

Alimenti consigliati:

Spremute di agrumi, ricchi di vitamina C, che aumentano le difese immunitarie dell’organismo. Da 1 a 2 litri di acqua al giorno (anche sotto forma di tisane) per reidratare l’organismo. Centrifugati di verdure (demineralizzanti e vitaminizzanti).

Alimenti da evitare:

Fritture, salumi, cibi piccanti, condimenti grassi, alcolici per non rendere faticosa la digestione.

Cefalea da Stress:

In questo caso il mal di testa è spesso provocato da una contrazione dei muscoli del capo, del collo e del viso, in quanto lo stress può portare ad una tensione muscolare involontaria.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Massaggio:

Massaggiate con i polpastrelli la zona compresa tra l’occhio e la radice del naso per due minuti facendo piccoli movimenti circolari e stando preferibilmente sdraiati. Ha funzione rilassante, in quanto la stimolazione di questo punto favorisce la decontrazioni dei muscoli frontali e orbitali alleviando in questo modo la tensione.

Alimenti consigliati:

Fagioli, uova, fave, latte, banane, ricchi di triptofano, un aminoacido che stimola il rilassamento contribuendo ad alleviare il mal di testa.

Alimenti da evitare:

Alcolici, che provocano una dilatazione dei vasi celebrali.

Cefalea da cattiva digestione:

Questo tipo di mal di testa si localizza tra l’occhio, il naso e la tempia.
E’ provocato da una digestione lenta e difficoltosa, spesso legata ad abusi alimentari, affaticamento del fegato, stress o variazioni climatiche. I rimedi consigliati hanno l’obiettivo di favorire la digestione e alleviare quindi il mal di testa.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Compresse calde:

Mettete 200 g di fiori di achillea (reperibili in erboristeria) in un sacchetto di tela sottile che poi porrete nel cestello di una pentola a vapore affinché diventi caldo e umido. Applicate sullo stomaco il sacchetto, avvolto in una pezza di lana, e una borsa di acqua calda per 15 minuti. Il calore rilassa la muscolatura dello stomaco dando un’immediata sensazione di benessere, grazie all’achillea che produce un effetto calmante, decongestionante e antispastico.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Tisana:

Preparate una tisana con un pizzico di anice, uno di verbena, uno di menta: lasciate le erbe in infusione in una tazza di acqua bollente per 5 minuti. Bevetene 2-3 tazze dopo i pasti o quando vi sentite appesantiti. Queste erbe stimolano la secrezione dei succhi gastrici e della bile favorendo la digestione.

Infuso:

Prendete un limone, lavatelo accuratamente e tagliatene la scorza. Mettete due scorze abbastanza grandi in un pentolino d’acqua calda e lasciatele bollire per circa 2 minuti. Versate l’infuso in una tazza e, se lo desiderate, aggiungete un cucchiaino di zucchero. Bevete ben caldo. Questo antico rimedio, chiamato tradizionalmente “canarino” è un ottimo digestivo sia per i piccoli che per i grandi. La buccia del limone contiene degli olii essenziali che si sprigionano nell’acqua durante l’ebollizione, dando all’infuso un piacevole aroma e favorendo la digestione.

rimedi per cefalea e consulto naturopatico www.blognaturopatia.com

Alimenti consigliati:

Insalate di campo (cicoria, radicchio, rigetta, tarassaco, crescione) all’inizio del pasto. I loro principi amari favoriscono la digestione.

Se desideri approfondire le tematiche trattate, prenota una Consulenza Naturopatica in Studio o via Skype.

DiAlessandra Zarone

La Rosa, antico rimedio naturale

La Rosa, antico rimedio naturale

 

Mito e simbologia

La Rosa è un antico rimedio naturale, è il fiore da donare per eccellenza e ogni varietà porta con sè un messaggio diverso. La Rosa da secoli è il simbolo di amore, devozione, ammirazione, bellezza e perfezione. La Rosa simboleggia, inoltre, il segreto e lo svelare con delicatezza. Il bocciolo ben chiuso della Rosa incarna anche la castità femminile mentre la Rosa sbocciata rappresenta bellezza giovanile. Nella mitologia romana la Rosa degli amanti era il fiore sacro a Venere e da allora è rimasta fino ai giorni nostri come espressione di amore profondo e appassionato.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
Nel mondo greco e romano, la rosa era associata al mito di Adone e Afrodite: la dea, innamorata del giovane cacciatore, nulla può fare per salvarlo dalla morte provocata dall’attacco di un cinghiale. Nel soccorrere l’amato, Afrodite si ferisce con dei rovi e il suo sangue fa sbocciare delle rose rosse. Zeus commosso dal dolore della dea, permette ad Adone di vivere quattro mesi nell‘Ade, quattro nel mondo dei vivi, e altri quattro dove avrebbe preferito: per questo la rosa viene considerata simbolo dell’amore che vince la morte e anche di rinascita.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Il nome “Rosa canina” viene indistintamente utilizzato sia nella nomenclatura botanica – indicando, rispettivamente, il genere e la specie – sia, abitualmente, nel linguaggio comune. Nel parlato di alcune regioni italiane, la rosa canina viene denominata semplicemente “grattacu” o, ancora, rosa selvatica, rosa delle siepi, rosa spina, rosella, rosa di macchia, roselline dei pruni e biancarosa.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Nel linguaggio dei fiori, la rosa canina simboleggia sia la poesia, che l’indipendenza. Viene menzionata persino nella Bibbia: probabilmente, Giuda utilizzò proprio l’albero di rosa canina per suicidarsi; ancora, la corona di spine di Gesù era presumibilmente realizzata con i rami di questo arbusto.
I Romani festeggiavano i Rosalia, legati al culto dei morti, in un periodo compreso tra l’11 maggio e il 15 luglio: questa festa delle rose si trasmise nel mondo cristiano, dove la Pentecoste è anche detta “Pasqua delle rose”. La rosa era inoltre presente nel culto di Dioniso, per la credenza che impedisse agli ebbri di rivelare i propri segreti. Nell’iconografia della mistica cristiana la rosa, per la bellezza, il profumo, per il mistero della sua forma apprezzata da tempo immemorabile e per il colore per lo più rosso, il simbolo antichissimo dell’amore, indica la coppa che raccolse il sangue di Cristo o la trasformazione delle gocce di questo sangue o le ferite di Cristo stesso.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Virtù terapeutiche e medicina popolare

L’appellativo “canina” ha origini remote: anticamente, infatti, le radici di questo arbusto venivano impiegate in decotto come rimedio efficace nel trattamento della rabbia.

La medicina popolare consiglia l’uso dell’acqua di rosa per:

  • lavaggi agli occhi
  •  ustione,
  •  eczemi
  •  infiammazioni della cavità orale

Attuali utilizzi nella fitoterapia occidentale

 

Il gemmoderivato di giovani germogli regola la risposta immunitaria dell’organismo, conferendo al preparato un’efficace azione contro tutte le manifestazioni allergiche. In particolare la sua assunzione migliora la risposta immunitaria a livello respiratorio nei soggetti a tendenza allergica e nei bambini.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

La proprietà antinfiammatoria è utile nelle nelle flogosi acute (alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle vie aeree con catarro).

E’ ottimo rimedio nella prevenzione di allergie e nella cura di rinite, congiuntivite e asma dovute al contatto con pollini; nelle affezioni infantili come:

  • tonsilliti
  • rinofaringiti
  • otiti
  • tosse
  • raffreddore di origine infettiva

Le bacche della rosa canina contengono vitamina C, in quantità fino a 50-100 volte superiore rispetto agli agrumi e consente di rafforzare le difese naturali dell’organismo (100 grammi di bacche contengono la stessa quantità di vitamina C di 1 chilo degli agrumi tradizionali).

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
L’azione vitaminizzante e antiossidante dei bioflavonoidi, contenuti nelle polpa e nella buccia, agisce migliora la circolazione sanguigna. Questo benefico effetto sulla qualità del sangue è dovuto alla sua capacità di favorire l’assorbimento di calcio e ferro nell’intestino, equilibrando il livello di colesterolo e contribuendo alla produzione di emoglobina; inoltre rende attiva la vitamina B9 (acido folico) dal leggero effetto antistaminico.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.comPoiché la vitamina C, conosciuta anche con il nome di acido ascorbico, non può essere sintetizzata direttamente dall’uomo (a differenza di quanto avviene per gli altri animali), deve essere introdotta o con gli alimenti, o con l’integratore alimentare, nei casi in cui l’alimentazione ne è carente.

La rosa canina è un eccellente tonico per esaurimento psico-fisico, aiuta a sconfiggere lo stress, stimola l’eliminazione delle tossine, gli acidi urici-che provocano gotta e reumatismi-attraverso la diuresi.
Le bacche hanno un’azione astringente dovuta alla presenza di tannini, utile in caso di diarrea e coliche intestinali. E’ un buon diuretico, poiché stimolando l’eliminazione delle tossine tramite l’urina, è utile per :

  • contrastare infiammazioni a carico di vescica e reni
  • mestruazioni abbondanti
  • catarri intestinali
  • iperidrosi
  • congiuntivite
  • fragilità dei tessuti

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

L’olio essenziale di Rosa ha le seguenti proprietà:

  • E’ un ottimo idratante della pelle
  • Trattiene l’acqua per gelificazione anziché per igroscopicità.
  • Adatta quando ci esponiamo direttamente al sole, o siamo in un ambiente con temperatura elevata e bassa umidità.
  • Costituisce uno scudo che ostacola i processi di disidratazione.
  • E’consigliata soprattutto alle pelli secche, poco idratate e fragili.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Le mille proprietà curative della Rosa:

  • Dona elasticità e tonicità alla pelle
  • E ‘utilizzata come rassodante
  • E’ consigliata anche per preparare la pelle al parto
  • Idrata la pelle secca, equilibra quella mista e purifica la grassa
  • Contrasta la formazione di rughe, mantenendo la pelle fresca e giovane
    Contrasta tutte le infiammazioni della pelle come l’acne
  • Viene utilizzata per lenire arrossamenti e couperose
  • Toglie il calore eccessivo dal corpo, tanto che una volta l’acqua di rose veniva utilizzata per abbassare la febbre
  • Rilassa il cuore e sostiene nei momenti di tristezza, scacciando i pensieri negativi, favorendo l’autostima e l’apertura a tenerezza e amore.
  • Annusare a lungo il profumo di una rosa può influire positivamente sugli ormoni delle donne.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com
L’olio essenziale di Rosa Bulgara si usa per disinfiammare la cistifellea e frantumare calcoli biliari .

Utilizzi della Rosa

 

Decotto: Mettete una manciata di frutti freschi di rosa canina, privati dei peli irritanti, in 1/2 l d’acqua e fate bollire per 10 minuti. Dolcificate con miele per esaltare ancora di più il gusto. 1 tazza 3 volte al dì.

Tisana: Essiccate i frutti e conservateli in un luogo asciutto in recipienti di vetro. Preparate la tisana schiacciando prima i frutti in un mortaio nella quantità che più aggrada e quindi metterli in infusione in acqua bollente. Questa tisana è leggermente rosata, acidula, gradevolissima. 1 tazza 3 volte al dì.

Gelatina di frutti: Ottima per le convalescenze e lo stato di debolezza. Ricoprite d’acqua i frutti freschi e cuoceteli a fiamma bassa per mezz’ora. Quindi schiacciateli, frullateli aggiungendo lo stesso peso di zucchero e il succo di limone. Rimetteteli sul fuoco mescolando per altri 30 minuti quindi travasate il composto in un vaso di vetro con chiusura ermetica.

Bagno tonificante: Preparate un decotto con 50 grammi di bacche di rosa canina e lasciatelo raffreddare. Filtrate, aggiungete 3 cucchiai di bicarbonato e 3 di sale, quindi versatelo nella vasca da bagno colma di acqua calda. Rimanete immersi nell’acqua una decina di minuti quindi asciugatevi .

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

 

La Rosa in Floriterapia 

 

  • Rosa Bonica Flower Essence :

Questa essenza floreale consente di connettere i primi chakra con i chakra 6-7, centratura ed equilibrio .

  • Wild Rose :

Passività, rassegnazione, si vive accettando fatalmente tutto, affaticamento, mancanza di gioia di vivere .

  • Rock Rose:

Panico, paura estrema, terrore, angoscia devastante, emozioni che fanno perdere il controllo della situazione .

  • Dog Rose Fes Flowers :

Timidezza, insicurezza e nervosismo .

  • Prickly Wild Rose:

Mancanza di apertura fiduciosa verso il futuro, rimorsi e rimpianti, crisi di mezz’età.

  • California Wild Rose :

Esitare nel prendersi le proprie responsabilità, passività, incapacità di prendersi carico dei propri doveri sulla Terra, di darsi alla vita degli altri, l’essenza conduce a un rinnovato interesse attivo nei confronti degli altri, entusiasmo per la vita terrena, per doveri sociali e per i rapporti umani . Riporta vitalità e gioia di vivere, fiducia e forza per diventare gli artefici della propria quotidianità, lucidità, pace, tranquillità, calma e coraggio per affrontare anche le situazioni più estreme.

  • Sturt Desert Rose:

Incentiva la coerenza con se stessi, quindi con la propria morale e le proprie convinzioni. Di conseguenza, migliora l’autostima. Inoltre lenisce il senso di colpa che si prova riguardo ad azioni compiute in passato, anche se queste possono essere non attribuibili a chi invece le compie. Spesso il senso di colpa viene associato alla sessualità e a tutti i disturbi legati ad essa: quest’essenza aiuta a sciogliere i pregiudizi, donando convinzione ed integrità.

  • Dog Rose of Wild Forces:

Indicata se si teme di perdere il controllo, in caso di isteria collettiva, l’essenza aiuta a ripristinare il corretto equilibrio emotivo attraverso il quale si ha la possibilità di risolvere proficuamente i problemi.In caso di emergenza .

  • Green Rose (rosa chinensis viridiflora)   :

Preoccupazioni,paura, sfiducia, posizione difensiva; timore di esser feriti ed attaccati dagli altri; si sviluppano barriere nei confronti degli altri esseri viventi
Funzioni curative: amore come forma di trascendente,capacità d’abbraccio e fiducia; compassione come porta per accedere a tutti gli esseri viventi .

  • Green Rose:

Indicata per combattere l’indolenza, la frustrazione e la stagnazione nei momenti di cambiamento interiore.Ottima la somministrazione in associazione con Blue China Orchid per liberarsi dalle dipendenze ed abitudini insane.

  • Sydney Rose :

L’essenza che ne deriva ci supporta nell’integrare il concetto che noi, come singoli individui, non siamo affatto separati dagli altri esseri umani, che siamo un tutt’uno, nonostante le differenti esperienze che ciascuno di noi è chiamato a vivere. Si riconosce quindi una grande attinenza con il messaggio di Cristo che ci esorta a fare agli altri la stessa cosa che vorremmo fosse fatta a noi stessi. Sidney Rose ci guida in questo percorso, durante il quale alcuni potranno fare l’esperienza del dolore derivante dal fatto di non sentirsi in comunione con il prossimo, sensazione che genera tristezza. L’essenza ci purificherà, prima di poter sperimentare la pace.

Rosa e virtù terapeutiche ,consulto naturopatico e floreale www.blognaturopatia.com

Se desideri approfondire le tematiche trattate, contattami per una Consulenza  Naturopatica , che include in omaggio una miscela floreale su misura per te.

 

DiAlessandra Zarone

Calendula, riequilibrio femminile e non solo

Calendula, riequilibrio femminile e non solo

 

Calendula è un antico rimedio femminile e non solo. I petali della Calendula, freschi o essiccati, venivano adoperati, al tempo dei Romani, come sostituti dello zafferano, dal momento che questo era molto costoso e più raro. I fiori, inoltre, venivano spremuti freschi per trarne un succo per tinture gialle.

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Tra gli Aztechi era viva la leggenda che la Calendula fosse nata dal sangue dei guerrieri caduti nella battaglia contro Fernando Cortez. In India la Calendula adornava il tridente di Mahadeva. Grazie al suo fiore la calendula ha riscosso da sempre molto successo come pianta ornamentale. Ma nei secoli passati fu coltivata anche per la sua funzione di “barometro” naturale: già nel Medioevo, infatti, era stato notato che il fiore si apriva all’alba solo quando l’aria era perfettamente asciutta (e quindi probabilmente non avrebbe piovuto).

Secondo invece un’antica usanza germanica, le ragazze erano solite piantare la Calendula nelle orme lasciate dall’amato. Siccome la pianta ha una fioritura assai prolungata, si riteneva che così facendo l’affetto tra i due innamorati non si sarebbe mai spento.

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Calendula, antica pianta medicinale

Da tempo immemorabile detiene una grande importanza come pianta medicinale, ma è stata apprezzata dai Greci e dai Romani, così come nella cultura indiana e araba come erba medicinale e tintura anche per tessuti più delicati di seta e di lana, i capelli, gli alimenti e i cosmetici.

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Calendula, “pianta dai fiori d’oro”

Gli scrittori greci parlavano di “una pianta dai fiori d’oro”.
Nella mitologia greca la pianta è associata a Afrodite che addolorata per la morte del giovane amante Adone pianse lacrime, che toccando terra, si trasformarono in Calendule. Per questo motivo nel periodo ottocentesco il fiore veniva sempre associato a simbologie tristi originate da pene  d’amore o da gelosia e inganni.
Le streghe ponevano i fiori sotto la testa durante la notte per indurre sogni profetici.
Fu l’emblema di Margherita d’Orléans, una Calendula che girava intorno al sole con il motto: “Je ne veux suivre que lui seul”.

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com
Nei giochi di Tolosa si offriva al vincitore una Calendula modellata in argento.
Anche William Shakespeare decanta il fiore nel sonetto xxv “I favoriti dei grandi principi schiudono i loro bei petali come la Calendula sotto l’occhio del sole”.
Una leggenda inglese narra che alcune ragazze, impazzite per la gelosia e l’invidia morendo furono trasformate in Calendula.

Proprietà riequilibranti 

Una manciata di fiori di Calendula infusi nell’acqua molto calda del bagno (oppure in decotto) esercita in effetto decongestionante, addolcente, idratante.

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Le mani screpolate traggono giovamento dall’immersione, per 10 minuti, nel decotto.

Possiede un’azione generale :

  • coleretica,
  • emmenagoga
  • antidismenorroica
  • localmente è molto valida come antiinfiammatoria, antisettica e cicatrizzante.
  • decongestionante
  • lenitiva
  •  idratante

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com
Per uso interno contro :

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Ha proprietà cheratolitiche, cicatrizzanti.
Si usano le foglie fresche, vengono contuse ed applicate localmente per eliminare dai piedi calli e duroni.
Il succo fresco delle infiorescenze si applica sulle scottature.
Si usa l’infuso delle infiorescenze per impacchi a scopo cicatrizzante.

 

Essenza floreale di Calendula

 

Aiuta a :

  • riappropriarsi del proprio potere personale,partecipando attivamente in ogni situazione della vita
  • prendersi carico delle responsabilità
    forza vitale
  • essere presenti attivamente nella propria vita 
  • energizzante e bilanciante del plesso solare

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

Adatta a coloro che :

  • danno potere alle energie altrui
  • si sentono ” in balia ” di una situazione o circostanza
    si sentono vittime
  • hanno tendenza ad usare parole taglienti
  • sono inclini alla litigiosità
  • tendono ad avere malintesi
  • mancanza di ricettività nella comunicazione con gli altri

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

L’Essenza Floreale di Calendula è di grande aiuto a coloro che ascoltano superficialmente.
Sviluppa la comprensione al di là delle parole e permette di capire il senso reale del messaggio degli altri.
Calendula è consigliata anche a coloro che feriscono spesso con il linguaggio, che ingiuriano facilmente gli altri e che hanno la tendenza a discutere permanentemente: apporta calore, sensibilità e dolcezza in tutta la comunicazione.

Se desideri approfondire le tematiche emerse, prenota ora un  un Consulto Naturopatico  oppure un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica.

Se desideri maggiori informazioni su ciò che ti offro:

Consulto Naturopatico

Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica

calendula e femminilità www.blognaturopatia.com

DiAlessandra Zarone

Zafferano

Zafferano

Lo zafferano vero (Crocus sativus), rimedio per Alzheimer e altre patologie, è una pianta della famiglia delle Iridaceae, coltivata in Asia minore e in molti paesi del bacino del Mediterraneo. In Italia le colture più estese si trovano nelle Marche, in Abruzzo e in Sardegna; altre zone di coltivazione degne di nota si trovano in Umbria e in Toscana. Dallo stimma trifido si ricava la spezia denominata “zafferano”, utilizzata in cucina e in alcuni preparati medicinali.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Zafferano e Mitologia Greca

Il termine greco “krókos” significa filo con allusione ai lunghi stami che caratterizzano questa pianta. Noto fin dai tempi della preistoria, si pensa fosse originario di Grecia e Asia minore, dato che veniva usato nell’antica Grecia, a Roma e nelle terre bibliche. Teofrasto ci ricorda che nei letti nuziali si spargevano i suoi stami odorosi.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com
Secondo una leggenda Croco era un giovane perdutamente innamorato della pastorella Smilax; egli fu trasformato da Venere in questo fiore. Per altri Croco fu ucciso da Mercurio e dal suo sangue uscì il croco. Gli antichi chiamavano questa pianta “Panacea dei vegetali” o “Re dei vegetali”.

Zafferano nella Storia

Fu quasi sicuramente introdotto in Europa dagli Arabi nel X secolo, sebbene una leggenda narri che furono i Fenici a portarlo in Spagna, la nazione che viene tradizionalmente associata alla produzione di questa spezia. L’uso dello zafferano si è diffuso soprattutto in presenza di società con un’aristocrazia colta in grado di apprezzarne le qualità culinarie e una classe di schiavi o contadini che potesse sopportare le fatiche legate alla sua coltivazione; questi fattori spiegano la sua ascesa negli imperi romano, ottomano e mongolo e il suo relativo declino in tempi recenti. Si trovava anche sulle tombe come fiore di buon auspicio; divenne poi simbolo di bellezza giovanile, ma insieme assurge a emblema di impazienza, speranza e amicizia nelle avversità.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Si dice che fosse germogliato quando Paride si accinse a formulare il suo famoso giudizio sulla bellezza delle dee. I Romani, con la loro tipica stravaganza, lo usavano per ricoprire strade e sentieri, creando letteralmente un tappeto dorato per imperatori e principi, e si dice che, quando i soldati di Alessandro Magno entrarono nella valle del Kashmir, trovarono una tale quantità di crochi dello zafferano che persero la testa dalla gioia e ruppero le righe. Secondo il geografo e storico inglese del XVI secolo Richard Hakluyt, lo zafferano fu introdotto in Inghilterra di contrabbando per opera di un pellegrino che, tornando dalla Spagna, ne nascose un fiore nel suo bastone rischiando la vita, poiché questo tesoro spagnolo era gelosamente custodito per legge.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Zafferano nella Bibbia

Si cita questa pianta aromatica e odorosa anche nel “Cantico dei Cantici” “Giardino chiuse tu sei, sorella mia, sposa, giardino chiuso, fontana sigillata. I tuoi germogli sono un giardino di melagrane, con i frutti più squisiti, alberi di cifro con nardo, nardo e zafferano,cannella e cinnamomo con ogni specie d’alberi da incenso; mirra e aloe con tutti i migliori aromi”.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Zafferano e  proprietà riequilibranti 

Secondo recenti studi lo zafferano pare avere diverse proprietà e benefici nei confronti dell’organismo umano; le proprietà dei principi attivi in esso contenuti hanno effetti benefici sulla parte del sistema nervoso responsabile del tono dell’umore e questa azione è stata testata in ambito clinico su persone affette da lieve stato di depressione dando esito positivo.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com
Le proprietà della zafferano si sono dimostrate utili anche in caso dei sintomi tipici della sindrome premestruale come gli sbalzi di umore e la tensione nervosa. Grazie alle ottime proprietà antiossidanti dei carotenoidi in esso contenuti anche la memoria e la capacità di apprendimento traggono benefici dall’assunzione della preziosa polverina; è allo studio l’ipotesi che lo zafferano sia in grado di inibire il deposito di alcune proteine presenti nel cervello umano quando si è in presenza della malattia di Alzheimer.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com
Già nell’antichità lo zafferano con le sue proprietà rappresentava un ottimo rimedio per diversi disturbi; in alcuni testi medici risalenti all’antica Persia già venivano sottolineati i suoi benefici rispetto alla modulazione del sistema respiratorio e alle infiammazioni dello stomaco.

Nello zafferano sono presenti la vitamina A, molte del gruppo B e la vitamina C; inoltre questa preziosa piantina è uno degli alimenti più ricchi di sostanze carotenoidi come il Licopene e la Zeaxantina. Il classico colore giallo acceso dello zafferano è dovuto alla crocina, mentre il tipico profumo si deve invece alla presenza di un’altra sostanza chiamata safranale.

Lo zafferano è conosciuto fin dall’antichità come rimedio per tutti i dolori, senza la pretesa di essere una medicina universale, è comunque una soluzione naturale per molti problemi di salute del nostro tempo.
In Oriente, lo zafferano è stato generalmente usato per trattare una moderata depressione; aveva la reputazione di portare allegria e la saggezza. Per questo motivo, si dice che ha proprietà afrodisiache per le donne.

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com
In Marocco, lo zafferano è parte di un rimedio tramandato di madre in figlia ancora usato per alleviare il mal di denti dei bambini, per uso esterno è un analgesico per le gengive.

Il rocus sativus lenisce la tosse e allevia il raffreddore. La dose giusta per bevande calde è da 0,5 g di 1 g per litro di acqua .

Nei massaggi : allevia il dolore , in particolare nelle infiammazioni della bocca . Viene utilizzato in polvere, puro o diluito con miele e applicato direttamente in bocca .

Zafferano,rimedio per Alzheimer,dolori, mestruazioni,depressione studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Nei brodi : stimola la digestione ( la giusta dose : 1 g per litro )

In pillole : laboratori utilizzano un estratto dalla parte superiore del pistillo che ha effetto sui neurotrasmettitori ed ha funzione antidepressiva naturale .

Se vuoi approfondire le tematiche emerse, contattami per un Consulto Naturopatico

DiAlessandra Zarone

Caldo estivo e MTC

Caldo estivo e MTC

L’Estate in Medicina Cinese è la stagione associata al cuore e al Piccolo Intestino: è necessario bere molta acqua; svegliarsi presto al mattino; riposare a mezzogiorno, evitare attacchi di rabbia che aggrava il calore interno.

  • Il calore estivo è caratterizzato da un caldo soffocante di fuori, che poi attacca l’interno dell’individuo.
    Consuma e danneggia lo yin ed in particolare i liquidi fisiologici
  • Apre i pori della pelle e questo consente ai liquidi di uscire, diminuendoli ulteriormente ed aumentando così lo squilibrio yin/yang dell’organismo.
  • Con i liquidi si perde  il Qi (energia).

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

 

I sintomi dell’attacco da Calore estivo sono:

  • febbre
  • sete
  • sudorazione
  • avversione al calore
  • irrequietezza
  • astenia
  • caldo soffocante di fuori che poi attacca l’interno dell’individuo

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

Le sindromi da Calore estivo possono essere:

  • Attacco di calore estivo da temperatura elevata
    temperatura elevata, sudorazione abbondante, angoscia, desiderio di bere, astenia,oliguria con urine scure.
  • Attacco di calore estivo da insolazione
    nei casi lievi con vertigini nausea oppressione al petto e vomito; nei casi gravi con
    sincope, perdita di conoscenza mani e piedi improvvisamente freddi.
  • Attacco di Calore estivo-Umidità
    Calore e freddo alternati, angoscia, sete, oppressione al petto, nausea, astenia,diarrea, oliguria.

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

Questo calore può colpire tutti, ma sembra più diffuso nei bambini e negli anziani.

I bambini sotto i quattro anni, persone sopra i 65 anni, e coloro che sono obesi, o che assumono farmaci possono maggiormente soffrire il caldo: può causare disidratazione, colpi di sole ed esaurimento fisico.

I fluidi del corpo sono insufficienti:

Con l’esposizione prolungata al calore, i fluidi del corpo sono insufficienti e ciò può portare a colpi di calore. I sintomi possono includere sudorazione, pallore, crampi muscolari, stanchezza, debolezza, vertigini mal di testa, nausea , vomito.

  • Portate sempre dell’acqua con voi e sorseggiatela durante tutta la giornata.
  • Evitate le bevande con grandi quantità di zucchero.
  • La disidratazione non è da sottovalutare poichè può affaticare il cuore e compromettere la capacità dei reni di mantenere il corretto livello di fluidi

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

Qualche consiglio:

  • Indossate abiti leggeri di colore e chiari : i colori più scuri assorbono la luce e il calore.
  • Fate docce fredde per ridurre la temperatura corporea.
  • Diluite una parte di olio essenziale di tea tree, olio d’oliva o olio di cocco e cospargere sulle parti colpite dal calore. Questo è un metodo naturale rilassante e antidolorifico per ridurre la formazione di vesciche e scottature.

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

  • Mangiate molta anguria e succo di fagioli mung, i piccoli legumi verdi originari dell’ India. Fate bollire una tazza di fagioli mung secchi in circa tre tazze di acqua. Bevete il liquido.
  • Utilizzate anche un cucchiaino di aceto di mele e aggiungetelo in bevande di frutta, fresche o meglio, a temperatura ambiente, ma non ghiacciate.
  • Nell’antico Egitto, la Cina e l’Estremo Oriente, succo di cocomero e dei suoi semi erano tradizionalmente offerti ai viaggiatori assetati, e sono ancora oggi importanti in tempi di siccità o inquinamento delle acque. Questo frutto saporito è uno dei migliori rimedi per i sintomi di calore e disidratazione .
  • Altri frutti tropicali consigliati sono mango, litchi e liu lian ( durian, mandarino cinese).

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com

Alimentazione consigliata:

Per curare le malattie da calore, vuoto di sangue, vuoto di yin, si consigliano alimenti freschi o freddi come:

  • i fiori di crisantemo (freschi),
  • il caprifoglio (freddo)
  • la menta (fresca)
  • il sedano (fresco)
  • tutti i tea verde non fermentati, i tea che contengono anche fiori e quello affumicato “oulong”, e anche il tè detto bianco perché vengono utilizzate le fogli ancora piccole (freschi)
  • le lumache (fredde)
  • Il granchio è freddo e si usa per il vuoto di yin
  • Il grano è freddo

Consulto di Dietetica Cinese www.blognaturopatia.com
Se vuoi approfondire questa tematica, prenota ora una Consulenza in Dietetica Cinese , l’alimentazione corretta, in sinergia con rimedi erboristici appropriati ed essenze floreali, ti aiuteranno ad affrontare il caldo estivo e  a sostenere Cuore e Reni.

 

DiAlessandra Zarone

Naturopatia : competere o estinguersi?

Naturopatia : competere o estinguersi?

Sono giorni che rifletto sul dilemma :” Naturopatia : competere o estinguersi?”, sulle dinamiche che vedo svolgersi in ambienti pseudo virtuali come Facebook e Linkedin e mi chiedo se il Naturopata debba necessariamente partecipare a  una gara di competizione, per evitare di estinguersi.

naturopatia como

Tipi di competizione

 

  • Competizione per interferenza

Succede direttamente tra individui durante l’atto di aggressione, ecc. quando un individuo interferisce con gli altri per il cibo, la sopravvivenza, la riproduzione o per stabilirsi in una porzione dell’habitat.

  • Competizione per sfruttamento

Succede indirettamente a causa di risorsa limitata comune che agisce come un intermediario. Per esempio, l‘uso di una risorsa per alcuni causa la scarsità per altri o, anche la competizione per lo spazio.

  • Competizione apparente

Succede indirettamente quando due specie, per esempio, sono prede di un predatore comune. In tal caso c’è competizione per lo spazio libero dei predatori.

naturopatia como

Siamo sicuri che la competizione sia l’unico modo per poter sopravvivere?

Qualcuno ha mai considerato l’ipotesi di convivere pacificamente, nel rispetto reciproco?

Perchè vendersi ? perchè vendere prodotti diventando così venditori e non più Naturopati?Qual’è il senso di tutto ciò?

Se la Naturopatia, cito Wikipedia, il cui  significato odierno più accreditato della parola  è “sentiero della natura” per mantenere o ripristinare lo stato di benessere. …La Naturopatia dichiara di avere come obiettivo la stimolazione della capacità innata di autoguarigione o di ritorno all’equilibrio del corpo umano, denominata omeostasi, attraverso l’uso di tecniche e di rimedi di diversa natura, oppure attraverso l’adozione di stili di vita sani e in armonia con i “ritmi naturali”.

Le pratiche naturopatiche possono essere molto varie: massaggi, riflessologia plantare, idroterapia,cromopuntura/cromoterapia, floriterapia, climatoterapia, aromaterapia e molte altre.

Obbiettivi della Naturopatia:

  • Sostenere le forze auto-guaritrici dell’organismo
  •  Identificare e curare la causa del disagio o della malattia
  •  Riequilibrare  la persona
  •  Fungere come insegnante del corretto stile di vita
  •  Prevenire le malattie ritrovando l’equilibrio con i cicli della natura.

naturopatia como

Diventa chiaro come la professione del venditore non sia consona a un Naturopata.

Il Naturopata dovrebbe rispettare  il giuramento di Ippocrate, pur non essendo medico ma occupandosi dei propri simili.

  • Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:
    di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento rifuggendo da ogni indebito condizionamento;
  • di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;
  • di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno, prescindendo da etnia, religione, nazionalità, condizione sociale e ideologia politica e promuovendo l’eliminazione di ogni forma di discriminazione in campo sanitario;
  • di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di una persona;
  • di astenermi da ogni accanimento diagnostico e terapeutico;
  • di promuovere l’alleanza terapeutica con il paziente fondata sulla fiducia e sulla reciproca informazione, nel rispetto e condivisione dei principi a cui si ispira l’arte medica;
  • di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;
    di mettere le mie conoscenze a disposizione del progresso della medicina;
    di affidare la mia reputazione professionale esclusivamente alla mia competenza e alle mie doti morali;
  • di evitare, anche al di fuori dell’esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il decoro e la dignità della professione;
  • di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni;
  • di rispettare e facilitare il diritto alla libera scelta del medico;
  • di prestare assistenza d’urgenza a chi ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità, a disposizione dell’autorità competente;
  • di osservare il segreto professionale e di tutelare la riservatezza su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell’esercizio della mia professione o in ragione del mio stato;
  • di prestare, in scienza e coscienza, la mia opera, con diligenza, perizia e prudenza e secondo equità, osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione.

naturopatia como

 

 

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Le origini greche della Psicosomatica

Le origini greche della Psicosomatica

La Medicina di Asclepio e Ippocrate incarna  le origini greche della moderna Psicosomatica. Il loro era  un approccio naturale rivolto al trattamento delle malattie, che metteva  in evidenza l’importanza di capire:

  • La salute del paziente
  • Il bisogno di armonia tra l’individuo ambiente, sociale e naturale (che si riflette infatti nel giuramento di  Ippocrate)

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

La filosofia ippocratica:

Secondo la letteratura, “mente sana in un corpo sano” è stato il principale componente della filosofia di Ippocrate.

Tre sono gli aspetti principali
nel pensiero di Ippocrate :

  • La promozione della salute
  • Interventi sulla cura dei traumi
  • Interventi di assistenza e di arteterapia mentali

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

La promozione della salute includeva:

  • L’ attività fisica come parte essenziale della salute fisica e mentale
  • L’importanza della nutrizione per migliorare le prestazioni nei giochi olimpici

Gli interventi per la cura traumi includeva pratiche chirurgiche, dovute principalmente alle frequenti guerre  nella Grecia antica.

L‘arteterapia era utilizzata per risolvere disturbi mentali : musica e teatro sono stati utilizzati come strumenti di gestione nel trattamento della malattia e nel miglioramento del comportamento umano.
Il ruolo di Asclepieion di Kos indica chiaramente un modello di cura olistica della salute nella fornitura di cure naturali.

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni
E ‘ampiamente accettato che i fondamenti della scienza e lo studio della fisiologia, dell’anatomia e della psicologia nella Grecia antica si sono sviluppate al fine di trovare le cause delle malattie e di promuovere lo stato di salute.

Ippocrate era focalizzato sul trattamento “naturale” per avvicinarsi alla malattia. Questo approccio è ampiamente accettato anche oggi, e quindi Ippocrate è considerato il fondatore della antica medicina greca.

La tradizione ippocratica:

 

La tradizione ippocratica ha sottolineato l’importanza del:

  • Fattore cause ambientali
  • Fattori psicologici
  • L’alimentazione
  • Stile di vita
  • Il fattore mente- corpo e spirito
  • La necessità di armonia tra l’individuo e l’ambiente sociale e naturale

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

La chiave per mantenere la salute

 

Gli antichi Greci credevano che la salute mentale e fisica fossero interconnessi : avevano scoperto che il corpo e la mente devono essere in armonia. Aristotele credeva che lo sport e la ginnastica fossero essenziali per lo sviluppo del corpo umano, per ottimizzare la capacità funzionale e l’armonia tra mente e corpo, da cui la famosa frase “mente sana in un corpo sano” .

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

Le guerre erano un fenomeno comune nella Grecia antica. Ci sono ritrovamenti che attestano pratiche di trattamento sulle ferite durante la guerra di Troia e anche il trattamento di ferite infette. Per tali trattamenti medicinali sono stati prelevati dalla natura, ad esempio acqua di mare, miele, aceto, acqua piovana e piante medicinali in forma di polvere . Ippocrate credeva che per guarire correttamente e rapidamente le ferite dovevano essere tenute asciutti, utilizzando l’acqua pura o il vino. Inoltre, la formazione di pus stato considerato un fattore positivo per la riduzione delle complicanze della ferita a causa della frequente di infezioni.

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

 

La prima classificazione dei disturbi mentali

 

La prima classificazione dei disturbi mentali proposti da Ippocrate era: Mania, Malinconia, Phrenitis, Follia, disobbedienza, Paranoia, panico, epilessia e isteria. Oggi alcuni di questi termini sono ancora utilizzati . Le malattie psicologiche e mentali erano viste come l’effetto della natura sull’uomo e sono state trattate come altre malattie. Ippocrate sosteneva che il cervello è l’organo responsabile per le malattie mentali e che l’intelligenza e la sensibilità raggiungono il cervello attraverso la bocca respirando. Ippocrate riteneva che le malattie mentali potevano essere trattate in modo più efficace se venivano trattate in modo analogo alle condizioni mediche fisiche . Secondo Ippocrate, la diagnosi e il trattamento delle malattie mentali e fisiche si basava sull’osservazione, la considerazione delle cause, l’equilibrio dei quattro liquidi, sangue, flegma, bile gialla e bile nera. 

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

 

Il ruolo della musica e del teatro nel trattamento delle malattie fisiche e mentali

Il ruolo della musica e del teatro nel trattamento delle malattie fisiche e mentali era essenziale per il miglioramento del comportamento umano.
Si credeva che la guarigione dell’anima attraverso la musica potesse guarire anche il corpo, c’erano applicazioni musicali specifiche per determinate malattie. Per esempio, il suono alternato di flauto e arpa era indicato per il trattamento della gotta. Asclepio è stato il primo ad applicare la musica come terapia per conquistare la “passione” . Aristotele sosteneva che in alcuni, l’effetto di melodie religiose che esaltano l’anima assomigliava a quelli che sono erano stati sottoposti a trattamento medico e catarsi mentale . Le antiche tragedie hanno agito come psicoterapia per i pazienti. Il Teatro di Epidauro al Tempio Antico di Epidauro era il luogo dove la “catarsi”, o il rilascio di emozioni attraverso la rappresentazione . Inoltre, “camere silenziose” furono progettate per i pazienti che sarebbero andare a dormire in modo da sognare di essere
mentalmente sani, e si credeva che questo li avrebbe aiutati a migliorare la loro salute mentale.

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

Il concetto di “physis”

Il concetto di “physis” è stato proposto da Ippocrate, che ha cambiato la medicina ieratica o teocratica in una disciplina razionale. Ippocrate credeva in un modello di cura olistica della salute, e nella sua scuola utilizzava la terapia farmacologica, diete ed esercizio fisico e mentale. Il trattamento generale comprendeva l’esercizio fisico, massaggi e passeggiate considerati necessario per ripristinare la salute, il benessere dell’anima e la pace interiore dell’uomo, l’utilizzo di sogni sia per la diagnostica e per motivi terapeutici.

 

Diagnosi e attenta analisi 

Nelle loro diagnosi di sindromi o malattie, i medici greci erano incaricati di rilevare le posizione geografica, il clima, l’età, il sesso, le abitudini e la dieta. Anche gli sbalzi d’umore, la durata del sonno, i sogni, l’appetito, la sete, la nausea, la posizione e la gravità del dolore, brividi, tosse, starnuti furono registrati, insieme ad altri fattori quali: eruttazione, flatulenza, convulsioni, emorragie nasali, cambiamenti mestruali. L’esame
fisico dava grande attenzione a febbre, respirazione, paralisi e il colore degli arti, dolore alla palpazione, feci, urina, espettorato e vomito. La valutazione complessiva di queste registrazioni permetteva di formulare una diagnosi finale e di determinare il tipo di trattamento della malattia.

Gli antichi greci avevano capito molto tempo fa che “mente sana in un corpo sano” e ciò èta la chiave per la salute fisica e mentale degli esseri umani, in tal modo, l’assistenza sanitaria e il sostegno psicologico si avvicinavano ad un concetto molto moderno di Psicosomatica . Le cure mentali e fisiche fornite erano parallele tra loro, indipendentemente se la malattia venisse dall’anima o dal il corpo.

La Naturopatia Psicosomatica:

  • Il Consulto Naturopatico è il momento più importante della disciplina naturopatica perché permette di comprendere quale tecnica o disciplina può essere più efficace ed utile per giungere allo stato di benessere e salute.
  • Non si intende in alcun modo sostituire il parere medico, ma coadiuvarlo permettendo di evitare di incorrere in malattie fastidiose effettuando una prevenzione naturale ed efficace.
  • Non occorre essere malati o avere dei particolari problemi per ricorrere ad un naturopata, basta semplicemente voler sperimentare un modo diverso di concepire il benessere psicofisico ed il rapporto con il mondo esterno.
  • Lo Studio Naturopatico Donadoni propone un consulto di base, che comprende: eubiotica, corretta alimentazione mediterranea, oligoterapia, fitoterapia, gemmoterapia,,  aromaterapia, floriterapia.

 

Se desideri ritrovare:

 

  • Uno stato energetico equilibrato
  • Una pelle più giovane
  • Peso forma ritrovato
  • Serenità interiore

psicosomatica dietetica floriterapia ayurveda benessere studio naturopatico donadoni

 

Contattami e attraverso un Consulto Naturopatico potrò offrirti :

 

DiAlessandra Zarone

L’antica cura del corpo

L’antica cura del corpo

L’antica cura del corpo  era diffusa presso Greci e Romani. Per essi la cura del corpo non consisteva solo nella semplice pulizia, ma anche l’esercizio fisico e lo sport, la socializzazione. Era  un ottimo modo per rilassarsi dopo una dura giornata di lavoro.
I romani sono famosi per i magnifici bagni che hanno costruito, come le terme imperiali di Caracalla; erano forse i devoti più ardenti del bagno.
Gli antichi Greci e Romani non si vergognavano di esporre i loro corpi.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Tipi di Bagni

Un antico bagno di vapore greco è stato chiamato Laconia. Di solito era una camera circolare con un grande tetto a cupola conica. Si scaldava sia grazie ai fuochi sotto il pavimento, sia da pietre riscaldate nel fuoco, che venivano trasportati nel bagno e collocati in un vassoio centrale. L’acqua era poi versata sulle pietre calde per creare vapore. A volte, venivano aggiunte le foglie o rami di alloro, abete, pino, o ginepro per le loro proprietà terapeutiche. Oppure, venivano utilizzate infusioni o oli essenziali di queste piante.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Il processo di sudorazione veniva rafforzato in precedenza massaggiando il corpo con oli medicati con queste o altre essenze, oppure con una tazza di tisana diaforetica calda come menta piperita o Fiori di sambuco prima di entrare nel bagno di vapore.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Ai bagni pubblici romani, i bagnanti si immergevano nelle calde acque della vasca Tepidarium per rilassarsi e distendersi. Una volta che il corpo era rilassato, e i pori avevano iniziato ad aprirsi, il bagnante entrava nella piscina del Calidarium, dove le temperature dell’acqua potevano raggiungere i 100 gradi Fahrenheit o 40 gradi Celsius o più. E, infine, veniva effettuato un tuffo veloce nella piscina di acqua fredda di un Frigidarium, necessario per rinforzare il corpo e chiudere i pori.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Le acque calde del Tepidarium rilassavano i muscoli e le articolazioni, e miglioravano la circolazione, la digestione e l’appetito. Le acque calde del Calidarium aprivano completamente i capillari e provocavano una bella sudata. Un tuffo rapido finale nel Frigidarium chiudeva i pori, che proteggeva l’organismo da correnti d’aria .

 

Pulizia del corpo

Oggigiorno, il sapone, in una forma o nell’altra, è quasi universalmente utilizzato per pulire il corpo, ma non era sempre così. Gli antichi Greci e Romani prima imbrattavano i loro corpi bagnati con una miscela di pomice e ceneri, e poi applicavano una dose abbondante di olio d’oliva che poi raschiavano, tramite un raschietto metallico ricurvo chiamato “strigile” che permetteva di eliminare la sporcizia accumulata sulla pelle . Il corpo, in tal modo ripulito, era pronto a immergersi nelle grandi piscine di acqua tiepida o calda per un lungo ammollo.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Le sostanze simili al sapone ritrovate nei reperti degli scavi archeologici di antichi siti egiziani e babilonesi risalgono a quasi 3.000 a.C, ma secondo una leggenda romana,il sapone, chiamato “sapon”, era stato inventato quasi per caso su una montagna sacra, il Monte Sapo. Lì, il grasso o sego era ricavato da animali macellati durante un sacrificio e mescolato accidentalmente con acqua e cenere che scorreva sopra le ceneri di fuochi sacrificali .

Bagni riequilibranti

Gli antichi greci erano grandi credenti nei poteri terapeutici di balneazione. Ippocrate consiglia il bagno tutti i giorni e massaggio con oli profumati per la salute ottimale.
Gli antichi greci usavano anche bagni curativi di minerali, sali e infusi di erbe a scopo terapeutico. Un bagno di acqua o  sali di Epsom e argilla può eliminare le tossine dal corpo. Un bagno con un infuso di foglie di alloro o essenza di tale pianta, stimola la circolazione e allevia i dolori reumatici . Un bagno in acqua di lavanda profumata calma i nervi e aiuta a rilassarsi.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni
Gli antichi Greci e Romani si recavano in stazioni naturali dove si trovavano sorgenti calde perché queste acque hanno proprietà curative. Le sorgenti termali erano indicate per condizioni diverse, e ognuno aveva le proprie specialità.
Ovunque i romani hanno diffuso le terme: le terme romane di Bath, in Inghilterra sono conservate fino ad oggi. In Dacia, in Romania, vi è il Baile Herculane, o il bagno di Ercole, ancora funzionante.
Nei paesi europei come la Romania, in cui molte delle vecchie terme greche e romane sono ancora funzionanti, la balneoterapia, è una sotto specialità riconosciuta della medicina.

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni

La cura di sè con la nostra consulenza naturopatica

L’attenta cura di sé è un regalo che porta molti frutti, a cominciare da:

  • Uno stato energetico equilibrato
  • Una pelle più giovane
  • Peso forma ritrovato
  • Serenità interiore


Come ottenere tutto ciò? Con la sinergia di antichi rimedi 

Quali sono le tempistiche ? Tre / quattro mesi

Contattami e attraverso un Consulto Naturopatico potrò offrirti :

 

dietetica peso forma benessere naturopatia studio naturopatico donadoni

DiAlessandra Zarone

Amarsi mangiando

Amarsi mangiando

Buongiorno a tutti,

oggi vorrei parlare di un argomento che mi preme molto: “Amarsi mangiando”, poiché vedo e leggo grandi errori di concetto e una errata diffusione di concetti, veri solo per alcuni,e questo crea enormi danni, specialmente nella cultura dell’informazione veloce, nell’era del Web, non tutto è facile come sembra o semplificabile, generalizzabile con poche informazioni, tutt’altro…..

Occorre porre l’attenzione sullo stato d’animo del soggetto

Sulla terra esistono individui diversi che meritano rimedi e cure diverse, anche  a livello alimentare, occorre porre l’attenzione sullo stato d’animo del soggetto, sul luogo in cui vive, sul carattere, le debolezze, i punti deboli  e quelli di forza, inquadrare la situazione soggettiva e non generalizzarla al resto degli individui che si presentano a chiedere aiuto in un momento di particolare difficoltà, in uno stadio esistenziale sommerso da problemi, incertezze economiche, precarietà di vario tipo.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Alimentazione adeguata

L’alimentazione adeguata a quell’individuo sarà dunque adeguata solo ed unicamente a quell’individuo e non sostituibile o modificabile per altri individui, inquadrata in un determinano momento esistenziale, supportata da corretti rimedi erboristici ed essenze floreali mirate al riequilibrio del benessere totale, ossia dell’armonia psiche e soma: mente e corpo. Forse non sapete che lo stato umorale varia a seconda di ciò che mangiamo, conseguentemente, il cibo giusto, somministrato a scopo curativo, preventivo, diventa la chiave di volta per un autentico e duraturo Benessere.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Non è possibile semplificare un riequilibrio attraverso una standardizzazione  di uno stile alimentare

Non è possibile semplificare un riequilibrio attraverso una standardizzazione  di uno stile alimentare che si allinei con quanto ci viene propinato dai media, così risulta chiaro come ad esempio Aloe, Ginseng, Clorella,  Alga Bruna, Oro colloidale, Argento Colloidale, Magnesio, Zenzero, Semi di Chia, Quinoa, Bacche di Goji, eccetera, non possano diventare la soluzione generale per tutti gli individui, proprio per la singolarità della persona, intesa come Microcosmo, retta da un delicato equilibrio di energie che devono necessariamente essere tutelate e difese, per il bene della persona e affinché si possa ripristinare un autentico stato di salute.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Essere a conoscenza di numerose  dinamiche

Con ciò intendo dire che occorre essere a conoscenza di numerose  dinamiche, rimedi, alimenti, in modo approfondito ed il fai da te non porta alcun esito positivo, se non il peggioramento dello stato di salute, al punto che il cibo e i rimedi errati diventano  veleno per il corpo e per la mente.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Gli alimenti devono essere diversificati

Ciò significa anche che gli alimenti devono essere diversificati e che una certa alimentazione non può essere assunta per sempre, perché noi siamo esseri in costante mutazione ed evoluzione, i problemi di ieri non sono più quelli di oggi, si sono modificati,se non risolti,ma non sono più gli stessi. Noi siamo in un costante processo di trasformazione psico-fisica e non tenere conto di ciò significa non comprendere l’essenza stessa della vita.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Il significato di “Amarsi”

Amarsi significa dunque agire affinché il nostro essere sia in totale armonia, nutrirsi nel modo giusto, e non secondo la moda del momento o gli stimoli esterni, non sempre risolutivi per noi.

dietetica cinese ayurveda floriterapia studio naturopatico donadoni inverigo /via skype

Se vuoi davvero migliorare il tuoi stato di salute, contattami.

Ti offro le mie conoscenze in Alimentazione Cinese, Ayurveda, Fitoterapia  e Floriterapia Psicosomatica.

DiAlessandra Zarone

Detox e sistema immunitario

Detox e sistema immunitario:

Programma Detox www.blognaturopatia.com

Un forte sistema immunitario dipende dalla salute del tratto digestivo. Se la salute dell’apparato digerente è scarsa, lo sarà anche il sistema immunitario. E’ importante dunque introdurre batteri sani poichè mantengono in equilibrio la nostra flora batterica, ossia verdure fermentate detox che potenziano il sistema immunitario. A causa della dipendenza della nostra cultura dai prodotti alimentari pastorizzati, abbiamo eliminato la maggior parte delle fonti di questi probiotici importanti . Gli alimenti fermentati introducono utili probiotici per il nostro intestino .

Ci sono molteplici benefici nel mangiare cibi fermentati:

  • Protezione da cancro al colon
  • Sollievo all’intolleranza al lattosio e alla diarrea da Rotavirus
  • Riduzione delle carie dei bambini 
  • Prevenzione dal ripetersi di malattie infiammatorie intestinali
  • Miglioramento della digestione

Programma Detox www.blognaturopatia.com

 

Un intestino rinnovato può assorbire così più sostanze nutritive:

Un intestino rinnovato può assorbire così’ più sostanze nutritive, vitamine e minerali .
I benefici dati dal consumo di alimenti fermentati non sono derivanti da qualche proprietà magica inerente ad essi ma dal semplice fatto che l’introduzione di batteri benefici nel nostro corpo ripristina l’ equilibrio della flora intestinale.
Il processo di fermentazione rompe il lattosio, mitigando in tal modo uno zucchero potenzialmente problematico e diminuisce il contenuto di carboidrati .

https://it.wikipedia.org/wiki/Rotavirus

Le sostanze nutritive contenute nelle verdure fermentate della tradizione asiatica:

  • Natto, una qualità giapponese di soia fermentata, è ad alto contenuto di vitamina
    K2 , che è vitale per la struttura ossea, cardiovascolare e la salute dentale .
  • Kimchi è un alimento fermentato che può aiutare a migliorare la vostra salute intestinale. Si tratta di un piatto tradizionale coreano a base di verdure fermentate e una miscela piccante di peperoncino, aglio, scalogno e altre spezie . E ‘ comune trovare kimchi in quasi ogni pasto coreano, dove viene servito solo come contorno, mescolato con riso o pasta, o utilizzato come ingrediente di zuppe o stufati . Come riportato in uno studio nel Journal of Agricultural Food Chemistry, gli insetticidi organofosfati vengono distrutti rapidamente durante la fermentazione del kimchi.

programma detox www.blognaturopatia.com

 

Le verdure fermentate sono una fonte naturale di probiotici:

 

I cibi fermentati sono una fonte naturale di probiotici, i cosiddetti “batteri buoni” dell’intestino sano che vivono nel no stro intestino, che sostengono il sistema immunitario e aiutano la digestione. Oltre alle sostanze nutritive che le verdure contengono naturalmente, gli alimenti  fermentati sono anche fonti naturali di vitamina B e C  e sono  prodotti da batteri buoni nel momento in cui avviene il processo di fermentazione .

La maggior parte delle verdure possono essere fermentate, non solo il cavolo, ma anche carote, cetrioli, ravanelli, pastinaca , pomodori, peperoni, fagiolini. I crauti, per esempio, contengono batteri buoni: il Lactobacillus . Il  sapore aspro  e’ dato dall’acido lattico, e costituisce in realtà un antibiotico naturale.

programma detox www.blognaturopatia.com

Detox naturale:

L’assunzione di verdure fermentate rientra fra i metodi naturali che possono aiutare il corpo nel processo di disintossicazione da organofosfati, poichè eliminano le sostanze chimiche neurotossiche artificiali che tendono ad accumularsi nel corpo, sotto forma di grasso corporeo, dove possono rimanere per lunghi periodi di tempo .

programma detox www.blognaturopatia.com

Essere in salute, riequilibrare il corpo equivale a riequilibrare la mente, tutto ciò è realizzabile in modo concreto, attraverso la giusta alimentazione e un programma Detox personalizzato. Se desideri altri consigli personalizzati in base alla tua costituzione,
prenota ora una Consulenza in Alimentazione  Cinese ed un Programma Detox.

programma detox www.blognaturopatia.com

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per la donna

Rimedi naturali per la donna

La parola frigidità è generalmente utilizzata per riferirsi ad un ridotto desiderio sessuale nelle donne. Questo termine viene utilizzato in modo  improprio per descrivere una donna che è fredda o non corrisponde alle avances del proprio partner.

La persona è spesso inconsapevole di non avere desiderio sessuale, ciò è connesso a problemi più grandi che devono essere discussi.

Le problematiche della sfera intima sono causate principalmente da fattori emotivi e fisici.

floriterapia per frigidità studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Le cause emotive :

  • la paura della gravidanza
  • la violenza sessuale
  • problemi di comunicazione
  • depressione, nervosismo
  • la paura di malattie da trasmissione sessuale
  • la mancanza di fiducia
  • dolore durante il rapporto sessuale
  • stanchezza
  • secchezza vaginale
  • scarso rendimento sessuale maschile
  • effetti collaterali da assunzione di farmaci
  • alcol
  • insonnia
  • squilibrio ormonale e infezione

La mancanza di una equilibrata libido femminile, la mancanza di godimento durante l’amore, il dolore durante il rapporto e la secchezza vaginale sono alcuni dei sintomi principali che caratterizzano la frigidità femminile. Per riequlibrare la sessualità femminile,  il metodo migliore è quello di utilizzare trattamenti naturali.

floriterapia per frigidità studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Alimentazione consigliata:

E’ utile integrare nella dieta ostriche, soia, avocado, semi di zucca, olio di sesamo, olio d’oliva, uova, noci e germogli . Prediligere un’alimentazione ricca di zinco e vitamina C .

floriterapia per frigidità studio naturopatico donadoni www.blognaturopatia.com

Le essenze floreali

Sono l’ideale per affrontare le questioni emotive legate al sesso e sentirsi a proprio agio con la sessualità . Le essenze floreali sono un ottimo balsamo per guarire il trauma sessuale e per migliorare la nostra confidenza con questo potente aspetto di noi stessi .

Una corretta alimentazione, abbinata a rimedi ayurvedici in sinergia con essenze floreali consentono alla donna di ritrovare equilibrio e serenità.

 

floriterapia psicosomatica per frigidità www.blognaturopatia.com

 

Se sei interessata a questa problematica, prenota ora una consulenza in Alimentazione Ayurvedica, Fitoterapia e Floriterapia, per chi è distante, anche comodamente via Skype.

floriterapia psicosomatica per frigidità www.blognaturopatia.com

DiAlessandra Zarone

Disintossicarsi e dimagrire mangiando cibi adatti

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano

L’importanza della disintossicazione è enorme, forse non sai che disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile: ci sono un certo numero di modi per purificare il corpo e i suoi organi dalle sostanze chimiche che si accumulano e ripristinare uno stato di salute.
L’organo sovrano coinvolto nella disintossicazione è il fegato.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Il ruolo chiave del Fegato

  • Il fegato è la ghiandola più grande del corpo .
  • Senza un fegato, una persona non può sopravvivere .
  • Depura il sangue per liberarlo dalle sostanze nocive ( come tossine, droghe, alcool, ecc ).
  • E’ il deposito di vitamine e ferro.
  • Converte lo zucchero immagazzinato in energia utilizzabile quando i livelli di zucchero del corpo scendono al di sotto del normale.
  • Produce la bile, una sostanza necessaria per digerire i grassi.
  • Rompe l’emoglobina così come l’insulina e altri ormoni.
  • Distrugge globuli rossi vecchi.
  • Il fegato svolge molte funzioni vitali, e di conseguenza è molto incline alla malattia .

Alcuni alimenti utili per una disintossicazione:

Aglio:

Aiuta il fegato ad attivare gli enzimi che possono eliminare le tossine.Ha anche una elevata quantità di allicina e selenio, due composti naturali che aiutano nella pulizia del fegato .

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Pompelmo :

Un’altra fonte di glutatione, fondamentale per la pulizia del fegato . Ha un alto contenuto di vitamina C e antiossidanti, che stimolano la produzione di enzimi per la detossicazione del fegato e aumentano il suo naturale processo di pulizia .

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Barbabietole:

Le barbabietole sono ricche di flavonoidi, che possono migliorare le funzioni complessive del fegato.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Verdure a foglia verde:

Spinaci e lattuga hanno la capacità di neutralizzare i metalli, prodotti chimici e pesticidi che possono essere nei nostri alimenti, e agire da meccanismo di protezione per il fegato.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Thè verde:

Il tè verde è ricco di antiossidanti vegetali noti come catechine, che sono noti per migliorare le funzioni del nostro fegato.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Avocado:

Aiutare il corpo a produrre un tipo di antiossidante chiamato glutatione, che è necessario per il nostro fegato per filtrare materiali nocivi.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Crucifere:

Broccoli e cavolini di Bruxelles aumentano la quantità di glucosinolati (composti organici) nel nostro corpo e ciò consente la produzione di enzimi per la digestione.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Limoni:

Sappiamo tutti agrumi come limoni sono ricchi di vitamina C, ma anche i limoni aiutano i nostri corpi a ripulirci da materiali tossici e aiutare il processo di digestione.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Curcuma:

Utilizzato come spezia, curcuma aiuta a digerire i grassi e stimola la produzione di bile.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Tarassaco :

Il thè di radice di tarassaco aiuta il fegato a rompere i grassi e in generale liberail fegato dalle tossine.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Asparagi :

L’asparago è un grande diuretico, aiuta nel processo di pulizia e nella distribuzione del carico di disintossicazione da parte di fegato e reni .

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

 

Cereali :

Essendo ricchi di glutine, ad esempio il grano e la segale, affaticano il fegato .Vi suggerisco di consumare cereali alternativi come la quinoa , il miglio , grano saraceno.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Mele :

Sono ricche di pectina e di altre sostanze essenziali per la pulizia, eliminando le tossine dal tratto digestivo . Rendono più facile per il fegato gestire il carico tossico durante il processo di pulizia .

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Noci:

Le noci sono anche ricche di glutatione e omega-3 (acidi grassi), che aiutano a sostenere il nostro fegato attraverso il suo processo di pulizia.

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

Dimagrire e disintossicarsi mangiando sano è possibile, grazie ad una corretta alimentazione personalizzata in base alla tua tipologia ayurvedica ed elementi di alimentazione cinese. La giusta dieta, abbinata ad in fusi alla frutta, thè alle erbe, tisane curative aiutano il tuo metabolismo ad eliminare le tossine ed i chili in eccesso, in modo più veloce.
Ti aspetto nel mio Studio a Desio (Mb) a soli 15 km da Milano .
…per chi è distante : consulenze via Skype

Disintossicarsi e dimagrire mangiando sano è possibile www.blognaturopatia.com

 

Prenota ora

DiAlessandra Zarone

Antibiotici naturali

Antibiotici naturali

Alcuni degli effetti collaterali connessi all’utilizzo degli antibiotici prodotti in laboratorio più comuni includono allergie e disturbi gastrointestinali. In rari casi, le reazioni agli antibiotici possono portare a tossicità renale e la morte.
Gli studi hanno dimostrato che gli antibiotici influenzano i batteri sani nell’ intestino e possono influire negativamente sulla salute generale.
Tanto più gli antibiotici sono prescritti su scala globale, quanto più i batteri imparano resistere agli effetti degli antibiotici. Lo Staphylococcus aureus resiste alla meticillina, ad esempio. Secondo il Centre for Disease Control and Prevention, ogni anno, 2 milioni di persone negli Stati Uniti sono infettati da batteri resistenti ai farmaci e almeno 23.000 persone muoiono a causa di queste infezioni.

potenziare il sistema immunitario con rimedi naturali studio naturopatico donadoni inverigo como

Antibiotici a base di erbe

Gli antibiotici a base di erbe, che sono stati usati per migliaia di anni, hanno grandi proprietà antibatteriche e un minor numero di effetti collaterali. L’industria farmaceutica riconosce ultimamente il potere delle erbe, combinandole sinergicamente con gli antibiotici di sintesi,e creando così fitofarmaci che sono più potenti degli antibiotici di sintesi.Tutti i farmaci originariamente provenivano da piante della Terra.

Ecco alcuni fra i principali antibiotici naturali:

 

1 .Aglio

Qualche spicchio d’aglio ogni giorno, può efficacemente combattere tutti i tipi di batteri, virus e infezioni. Gli studi hanno scoperto che l’aglio può aiutare in caso di AIDS.

E ‘anche un grande aiuto per alleviare gli effetti di raffreddore, dell’influenza, il mal di denti, il diabete e la pressione alta.

potenziare il sistema immunitario con rimedi naturali studio naturopatico donadoni inverigo como

Per massimizzare le sue piene proprietà antibiotiche, è necessario schiacciare l’aglio e mangiarlo crudo:in insalata o nelle zuppe .

2.Cipolla

Sono strettamente correlate all’aglio e riducono il dolore e l’infiammazione, così come le malattie come il raffreddore e l’ influenza.E’ meglio mangiare le cipolle crude, poichè la cottura fa perdere molte sostanze nutritive.

potenziare il sistema immunitario con rimedi naturali studio naturopatico donadoni inverigo como

3.  Pompelmo

L’estratto di semi, viene convenzionalmente usato come un composto antimicrobico. Esso ha mostrato di prevenire la crescita di diversi funghi e batteri, è raccomandato per l’uso nella pulizia del bagno.potenziare il sistema immunitario con rimedi naturali studio naturopatico donadoni inverigo como

4.Rafano

Rafano dà al corpo energia; aiuta l’organismo a difendersi contro le malattie. Promuove la circolazione del sangue e ha proprietà antibiotiche, agendo nello stomaco. E’ utile per le infezioni del tratto urinario, calcoli renali e la bronchite. Vi consiglio di consumarlo crudo, oppure a dadini, con una piccola quantità di aceto, per ottenere un effetto ottimale.

purificare fegato e stomaco con la dieta corretta studio naturopatico donadoni inverigo como

5.La vitamina C

Può essere trovata in una grande varietà di frutta comprese le arance e ananas. E ‘nota per la sua capacità di rafforzare il sistema immunitario -che è il motivo per cui il succo d’arancia allevia il raffreddore. La vitamina C fa miracoli, ripara la pelle e protegge la salute .

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

6.Miele di Manuka

E’ fatto dalle api in Nuova Zelanda e, come altri tipi di miele contiene perossido che gli conferisce le sue proprietà antibiotiche. Esso contiene anche diversi altri componenti antibiotici che non si trovano in altri tipi di miele come il methylglyoxal.

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

7.Cannella

Può aiutare a ridurre lo zucchero nel sangue nelle persone con diabete.Ha proprietà antibiotiche e può aiutare a trattare le infezioni da lieviti.

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

8.Aceto di mele

Contiene acido malico, noto per possedere proprietà antibiotiche. Utile per prevenire e alleviare il mal di gola.

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

9.Zenzero

Da utilizzare nel trattamento di influenza e raffreddori, mal di stomaco e nausea, dolori muscolari e articolari.Evitare di consumare zenzero in grandi quantità se si pensa di essere incinta, alcuni esperti temono che possa provocare un aborto spontaneo.

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

10.Eucalipto

Ha molte proprietà antisettiche. E ‘anche comunemente stato usato in tisane e per via inalatoria per combattere la tosse, uccide i funghi.

dieta personalizzata studio naturopatico donadoni inverigo como

11.Echinacea

E’ stata utilizzato per centinaia di anni per rafforzare il sistema immunitario e combattere una varietà di infezioni. Tradizionalmente, Echinacea è stata utilizzata per il trattamento di ferite aperte, difterite, cellulite, avvelenamento del sangue, lesioni sifilitiche e altre malattie batteriche. Anche se è in gran parte utilizzata tuttora per combattere raffreddori e influenza, questa potente erba possiede la capacità di distruggere i batteri più virulenti come lo Staphylococcus aureus che è mortale.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

12.Argento colloidale

Le proprietà antibatteriche e germicide dell’ argento colloidale sono state scoperte quasi un secolo fa. Numerosi casi clinici dimostrano che l’argento colloidale uccide batteri, infezioni fungine e virus, ferite, piaghe.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

13.Pau D’Arco ( Tabebuia impetiginosa), detto Lapacho

Lapacho o Taheebo è il nome attribuito ad una tisana costituita dalla parte interna della corteccia della pianta sudamericana Tabebuia impetiginosa.
Il Lapacho viene usato nella pratica erboristica da diversi popoli indigeni in Centro e Sud America. Ha proprietà antimicrobiche, antivirali, antifungine e viene impiegato per uso topico per il trattamento di lesioni cutanee, come punture di insetti e psoriasi.
E’ una pianta originaria del Sud America il cui principio attivo è il lapachol, è che allevia una vasta gamma di infezioni : quelle avviate da batteri, virus e funghi. Gli studi suggeriscono che Pau d’arco può anche avere proprietà anticancro. Pau d’Arco è stata usata dagli indiani del Sud America per rafforzare il sistema immunitario e combattere malattie mortali. E da consumarsi come un tè o decotto. Contrasta il cancro, l’HIV e la Candida. Il US National Cancer Institute, Dipartimento di Sanità degli Stati Uniti, ha suggerit oche questa corteccia può prevenire, ritardare o curare il cancro, ma le dosi orali necessarie per raggiungere i livelli utili nel sangue sono troppo elevate e possono causare effetti collaterali come anemia, diarrea, vertigini, nausea e vomito.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

14.Idraste (Hydrastis canadensis), detta Goldenseal

Contiene un alcaloide chiamato berberina che distrugge i batteri Gram-positivi. Può causare danni cerebrali nei neonati e nei bambini. Non consumare in caso di gravidanza o allattamento. E ‘ indicato per uso emostatico nelle emorragie uterine.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

15.Neem

L’albero neem cresce in India ed è stato usato nella medicina ayurvedica per più di 2.000 anni. L’olio di Neem è comunemente usato per combattere le infezioni batteriche della pelle. Neem è deve essere assunto per via orale per meno di 10 settimane. Il consumo in grandi dosi o per lunghi periodi di tempo può danneggiare i reni e il fegato.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

16.Mahonia Aquifolium, detta Uva Oregon

Ha proprietà antibatteriche, ideale per il trattamento dell’acne. Non esistono abbastanza studi sono stati fatti per sapere se l’uva Oregon è sicura e può essere consumata per via orale. Come Idraste,contiene berberina, e non dovrebbe essere consumata da bambini e donne in gravidanza o allattamento.È classificata come un lassativo naturale ed è stato utilizzato come rimedio per la stitichezza, per un tempo molto lungo. Oltre a questo, questa erba è anche detto di essere efficace per stimolare il flusso della bile, che può essere efficace nel prevenire malattie come la diverticolosi, emorroidi, malattie della colecisti e costipazione. Oregon uva radice è anche detto di purificare il sangue e disintossicare il fegato. E ‘anche usato per trattare i disturbi della pelle come la psoriasi, eczema e herpes. Da evitare in caso di malattie cardiache, pressione alta e glaucoma . E’ indicata per le  emorragie uterine.
Uva Oregon radice è di solito assunta  come un tè, compresse o tintura. Anche creme e unguenti sono disponibili con questa erba per il trattamento di alcune malattie della pelle.

aumentare le difese immunitarie studio naturopatico donadoni inverigo como

Contattami per una alimentazione personalizzata,volta a:

 

  • Rinforzare il sistema immunitario

 

 

  • Prevenire influenza e raffreddori

 

 

  • Prevenire la diverticolosi, emorroidi, riequlibrare le funzioni  della colecisti e costipazione

 

 

  • Prevenire calcoli renali 

 

  • Alleviare dolori muscolari

 

 

DiAlessandra Zarone

Frutta e verdura nella tua alimentazione quotidiana

Frutta e verdura nella tua alimentazione quotidiana

Buongiorno,

oggi ti parlerò dell’importanza di assumere frutta e verdura nella tua alimentazione  quotidiana:

  • Le persone che mangiano frutta e verdura come parte della loro alimentazione  quotidiana hanno un ridotto rischio di  malattie croniche.
  • Le verdure sono parte importante di una sana alimentazione e di fornire una fonte di molte sostanze nutrienti, tra cui potassio, fibra, folati (acido folico) e vitamine A, E e C.

consulto di dietetica cinese e ayurveda studio anturopatico donadoni inverigo como

 

Mangiare verdure fornisce benefici per la salute:

  • Le sostanze nutritive nelle verdure sono di vitale importanza per la salute e del vostro corpo.
  • Un’alimentazione  ricca di verdure può ridurre il rischio di ictus, il cancro, le malattie cardiache e il diabete di tipo-2.
  • Frutta e verdura sono una parte importante di una dieta sana , e la varietà è importante quanto la quantità .

 

dietetica cinese perdere peso mangiando studio anturopatico donadoni inverigo como

  • Nessun singolo frutto o verdura fornisce tutti i nutrienti necessari per essere sano, è necessario variare la qualità  .
  • Un’alimentazione  ricca di frutta e verdura  riduce il rischio di problemi agli occhi e digestivi  e ha un effetto positivo sullo  zucchero nel sangue.
  • Mangiare una varietà di tipi e colori darà al tuo corpo il mix di sostanze nutritive di cui ha bisogno .

dietetica cinese perdere peso mangiando studio anturopatico donadoni inverigo como

  • Il potassio può aiutare a mantenere sotto controllo la pressione sanguigna .
  • La fibra alimentare della  verdura aiuta a ridurre i livelli di colesterolo nel sangue e può ridurre il  rischio di malattie cardiache.
  • I folati (acido folico) aiutano i globuli rossi  del corpo.

dietetica cinese perdere peso mangiando studio anturopatico donadoni inverigo como

  • Le donne in età fertile che possono diventare gravide e quelle nel primo trimestre di gravidanza hanno bisogno di un adeguato acido folico per ridurre il rischio di anomalie del tubo neurale e la spina bifida durante lo sviluppo fetale.

dietetica cinese perdere peso mangiando studio anturopatico donadoni inverigo como
Se vuoi migliorare la tua forma fisica o desideri iniziare un programma di prevenzione, prenota un consulto naturopatico abbinato a un programma alimentare adatto alla tua tipologia:

DiAlessandra Zarone

Frutta e salute

Frutta e salute

 

Forse non sai che….

 

  • La frutta regola l’equilibrio acido-base del sangue, ossia neutralizza l’eccesso di acido causato dai cibi di origine animale.
  • È ricca di potassio e povera di sodio, quindi adatta agli ipertesi, contiene zuccheri prontamente utilizzabili dall’organismo.
  • Sotto la buccia poi c’è una miniera di vitamine, minerali e fibre, tutti indispensabili per la salute dell’organismo.
  • È utile mangiare frutta di stagione poiché più è lontano il momento in cui il frutto è stato colto, più si deteriora il suo contenuto nutritivo.
  • La vitamina C, per esempio, può ridursi del 50% nell’arco di pochi giorni.
  • Il momento di maggiore maturazione corrisponde a quello di massimo contenuto vitaminico.
  • Non è consigliabile sostituire alla frutta le vitamine in pillole, in quanto nella frutta sono contenute le fibre idrosolubili, i minerali e gli zuccheri.

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

Limone

Aiuta a migliorare e aumentare la funzione del sistema immunitario, così come sciogliere la placca mucoide nel tratto digestivo e sistema circolatorio . Ha un’azione astringente e tonifica le nostre cellule e la pelle.

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

 

Mela

” Una mela al giorno toglie il medico di torno ! ” – Questa affermazione non potrebbe essere più vera ! Le mele sono un ottimo detergente del colon, grazie alla fibra pectina miracolosa che aiuta letteralmente a tirare e spingere fuori le tossine in eccesso . Sono ottime per stimolare il sistema circolatorio e favorire la pulizia delle nostre arterie e delle vene .

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

Ciliegie

 

Hanno sostanza nutrienti, vitamine e minerali. Alleviano il dolore infiammatorio, prevengono le malattie come il cancro e rallentano il processo di invecchiamento .

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

 

Frutti rossi

Tutti i frutti di bosco sono ricchi di antiossidanti che aiutano a combattere i radicali liberi e prevenire le malattie . Essi fanno bene agli gli occhi (migliorano la vista ), al cervello (migliorano la memoria), per le ghiandole (ghiandole surrenali, tiroide, ghiandola pineale, prostata, ecc).

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

Papaya

 

Meraviglioso frutto che pulisce l’intero tratto digestivo. Contiene un enzima chiamato papaina che aiuta il nostro intestino. Papaya è anche ottimo per la pelle.

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

Anguria

 

Alcalinizzante, idratante. Un grande cocomero contiene oltre 28 grammi di proteine e 7 grammi di grassi, acidi naturali mono-insaturi. Se haivoglia di fare una pulizia dell’intestino, puoi mangiare solo anguria per 3-7 giorni .

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

 

Uva

Aiuta a sciogliere tutto ciò che è stagnante, come ad esempio il fluido linfatico indurito. Riduce la pressione sanguigna e rafforza il sistema cardiovascolare, grazie all’ alta concentrazione di antiossidanti nelle bucce (uva rossa soprattutto).

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

Pompelmo

 

Disintossica le nostre cellule, aiuta a sciogliere la cellulite. Aiuta il nostro metabolismo e permette di sciogliere i grassi.

dietetica cinese e ayurveda studio naturopatico donadoni inverigo como

DiAlessandra Zarone

La Naturopatia nella vita di ogni giorno

La Naturopatia nella vita di ogni giorno

La Naturopatia, entra armoniosamente  nella vita di ogni giorno, essa  si occupa di ripristinare equilibrio e benessere, in ciascuno senza pretesa di trasformare persone normali in bellezze del cinema, questo perchè ciascuno è bello a proprio modo, è originale,unico e irripetibile. La Naturopatia ed in particolar modo,la Floriterapia,disciplina di cui ci avvaliamo  con tutti coloro che ci chiedono aiuto e sostegno, rivaluta la persona, sostenendola a livello psico-fisico.

NAturopata Como

La certezza data dai Rimedi Erboristici

Riportiamo quanto detto dal nostro  Maestro, Edward Bach,nella lettera ai colleghi, 26 Ottobre 1936 a Mount Vernon, Sotwell, Wallingford, Berks:
“Ci è stato rivelato un Sistema di Guarigione finora ignoto a memoria d’uomo; oggi, con la semplicità dei Rimedi Erboristici, possiamo metterci in viaggio con la CERTEZZA, l’assoluta CERTEZZA, del loro potere per vincere la malattia.Quando le persone guariranno, diremo loro che le Erbe del campo che le stanno curando sono il dono della Natura, che è il Dono di Dio; così le riporteremo alla fede nell’AMORE, nella MISERICORDIA, nella dolce COMPASSIONE e nell’ONNIPOTENTE FORZA
DELL’ALTISSIMO.”
Naturopata Como

Naturopatia e Olismo

La concezione olistica del Naturopata non vede la malattia o il sintomo come un nemico da combattere, ma come manifestazione che il corpo e la psiche donano all’esterno per permette di risvegliare le proprie qualità. La vita di tutti i giorni è diventata motivo di notevole stress emotivo, psichico e fisico, con orari ristretti concessi all’alimentazione ed alla mancanza totale di tempo da concedere alle proprie risorse interiori come la creatività e la passione.
Naturopata Desio

Imparare ad autocurarsi

Attraverso il Naturopata si potrà riscoprire un punto di vista più naturale di vivere che permette alla persona di imparare a ritagliarsi il tempo per autocurarsi attraverso metodi naturali e tecniche semplici per risvegliare la gioia di vivere.
Naturopata Como

Chi è il Naturopata

Il Naturopata è un consulente del benessere, una persona che si è preparata opportunamente per permettere alle persone che ad esso si rivolgono, di riscoprire il gusto di vivere, in modo armonico con la natura e con se stessi. Non occorre essere malati o avere dei particolari problemi per ricorrere ad un Naturopata, basta semplicemente voler sperimentare un modo diverso di concepire il benessere psicofisico ed il rapporto con il mondo esterno.
NAturopata Desio

Approccio personalizzato in base al singolo individuo

La Naturopatia olistica propone un nuovo approccio personalizzato, incentrato sul benessere psicofisico e la graduale evoluzione personale attraverso:
  • miscele floreali
  • integratori spagyrici
  • intergratori a base di erbe 
  • integratori  ayurvedici
  • preparati aromaterapici per il benessere della persona e della casa 
  • prodotti erboristici quali tisane, decotti, tinture madri, gemmoderivati,
  • unguenti da massaggio
  • tecniche di rilassamento a mediazione corporea, dove la persona può ritrovare il suo equilibrio attraverso un profondo rilassamento psicofisico.

Naturopata Como

 

 

Contattaci o prenota da subito fra i seguenti trattamenti e consulti:

Naturopata Como
DiAlessandra Zarone

Disarmonie dell’apparato femminile

Disarmonie dell’apparato femminile

Sapevi che lo stress produce un eccesso di cortisolo che inibisce la produzione di progesterone ovarico?

Questo porta ad un aumento relativo degli estrogeni. Quando gli estrogeni dominano, allora i fibromi possono aumentare di dimensione.prevenzione dei fibromi con la naturopatia como

Attività fisica

 
Uno studio ha mostrato che un’attività fisica intensa di 7 ore o più alla settimana riduce del 30-40% la comparsa di fibromi. L’attività fisica sembra influire più sulla comparsa dei fibromi che sulla crescita di quelli già presenti .
Inoltre, una moderata attività fisica giornaliera aiuta a regolarizzare il ciclo mestruale e quindi i flussi ormonali che possono influenzare la comparsa o lo sviluppo di un fibroma.
prevenzione dei fibromi con la naturopatia como
 

Nel caso di ipotiroidismo, l’ipofisi aumenta la sua attività per indurre la tiroide a produrre più ormoni. Questa iperattivazione dell’ipofisi può però coinvolgere anche le ovaie, aumentare quindi la produzione di estrogeno e alla fine influenzare la comparsa o la crescita dei fibromi uterini.
prevenzione dei fibromi con la naturopatia como
 

Medicine non convenzionali:

 
Se i fibromi compaiono precocemente rispetto al presunto periodo in cui la donna andrà in menopausa hanno molto più tempo per crescere di dimensioni e causare dei sintomi. Le diverse terapie naturali possono essere di grande aiuto nel frenare l’evoluzione dei fibromi e nel contrastare gli eventuali sintomi associati. In questo modo è possibile tenere sotto controllo il problema, accompagnare la donna verso la menopausa e salvare l’utero.
Per l’impostazione di una strategia terapeutica efficace e bene prima completare il necessario percorso diagnostico (vista ginecologica, ecografia, ecc.) e poi rivolgersi ad un medico esperto in MNC. Controlli ecografici periodici potranno confermare o meno l’efficacia della cura.
prevenzione dei fibromi con la naturopatia como

Ayurveda:

Offre svariati preparati composti molto efficaci e studiati per i diversi problemi legati alla presenza dei fibromi: emorragie, crescita di fibromi, ciclo irregolare. In presenza di fibromi è bene evitare piante medicinali ricche di estrogeni, che spesso vengono prescritte nel periodo della menopausa.

Ayurveda: Offre svariati preparati composti molto efficaci e studiati per i diversi problemi legati alla presenza dei fibromi: emorragie, crescita di fibromi, ciclo irregolare. In presenza di fibromi è bene evitare piante medicinali ricche di estrogeni, che spesso vengono prescritte nel periodo della menopausa.

Cambia stile di vita:

Lo stile di vita dovrebbe mirare a ridurre kapha, con la corretta alimentazione e l’esercizio fisico, cominciando  gradualmente .

Vitamine:

  • Vitamina A: essenziale nel trattamento dei fibromi. Regola la replicazione cellulare e combatte le emorragie. Le fonti più ricche di vitamina A sono uova, grassi animali e fegato.
  •  Vitamina C: fondamentale per assorbire il ferro alimentare e combattere le emorragie, attraverso un’azione capillaroprotettrice.
  •  Vitamina E: può essere utile nel caso di dismenorrea e sintomi associati (nausea, cefalea, mammite,ecc.), che spesso si associa ai fibromi.
prevenzione dei fibromi con dieta ayurvedica naturopata como

Contattami per approfondire questo problema, con una Consulenza Naturopatica.

CONSULTO DI ALIMENTAZIONE AYURVEDICA-page-001

DiAlessandra Zarone

L’intento di un Naturopata non è fare miracoli

Il Miracolo

Il miracolo è sempre opera di Dio anche se può avvenire tramite l’intercessione dei Santi. La Chiesa cattolica romana richiede due distinti eventi miracolosi, avvenuti dopo la morte e riferibili alla sua intercessione, come presupposto per la causa di canonizzazione dei santi, uno per la Beatificazione, più un secondo per la Canonizzazione.

Secondo la procedura attuale, definita nel 1983, l’inchiesta compiuta dalla Chiesa per accertare la verità del miracolo si basa, nei casi di guarigione inspiegabile, su un’attenta analisi dei fatti da parte di una consulta medica nominata dalla Congregazione per le cause dei santi composta da specialisti sia credenti sia non credenti, la quale verifica se il caso in esame soddisfi i sette criteri definiti dal cardinale Prospero Lambertini, poi papa Benedetto XIV, nel De servorum beatificatione et beatorum canonizatione (1734). Fondamentale il 7º e ultimo punto: la guarigione deve dimostrarsi permanente, e ciò richiede un periodo d’osservazione  notevole, convenzionalmente sui 20-25 anni.

In caso di responso positivo, si valuta se le circostanze dell’evento sono compatibili con un intervento divino, ad esempio se la persona guarita miracolosamente stava pregando o era in pellegrinaggio in un santuario, o se qualcuno aveva fatto una di queste cose per lei, altrimenti la guarigione, anche se avente tutte le caratteristiche oggettive per esser dichiarata miracolosa è archiviata come remissione spontanea.

La scienza cerca le spiegazioni dei fenomeni del mondo fisico nell’ambito delle leggi naturali, rifiutando di considerare qualsiasi ipotesi di intervento soprannaturale o trascendente; il concetto di miracolo inteso come intervento diretto divino sarebbe in contraddizione con il metodo scientifico e l’approccio razionalista, che per i fenomeni fisici non contempla la possibilità di una causalità non materiale.

naturopata como

 

La Guarigione

La guarigione è il processo di ritorno allo stato di salute di un organismo squilibrato, malato o danneggiato.

La guarigione può essere fisica o psicologica:

  • per quanto riguarda i danni fisici subiti dall’organismo, la guarigione comporta la riparazione dei tessuti, degli organi e dell’intero sistema biologico, ed il ripristino del normale funzionamento.
  • in psichiatria e psicologia, la guarigione è il processo mediante il quale le nevrosi e le psicosi sono risolte nella misura in cui il paziente è in grado di condurre una vita normale, o che viva senza essere sopraffatto dai fenomeni psicopatologici. Questo processo può comportare la psicoterapia, il trattamento farmaceutico e approcci spirituali più tradizionali.

naturopata como

La Naturopatia

La naturopatia o medicina naturopatica è un insieme di pratiche di medicina alternativa, i cui fondamenti teorici furono raccolti da principi salutistici di diversa provenienza, forse formulati alla fine del XIX secolo negli Stati Uniti per poi diffondersi, in diverse forme, nel resto del mondo, senza però mai riuscire a dare vita a una medicina autonoma, univocamente e coerentemente definita. Essa dichiara di avere come obiettivo la stimolazione della capacità innata di autoguarigione o di ritorno all’equilibrio del corpo umano, denominata omeostasi, attraverso l’uso di tecniche e di rimedi di diversa natura, oppure attraverso l’adozione di stili di vita sani e in armonia con i “ritmi naturali”.

naturopata como

 

DiAlessandra Zarone

Salute e Benessere

ll concetto di Benessere nel corso degli anni ha subito numerose modifiche e ampliamenti, che hanno condotto ad una visione del termine più ampia e completa, non più incentrata sull’idea di assenza di patologie, ma come uno stato complessivo di buona salute fisica, psichica e mentale. Questa visione è punto cardine di molte discipline e correnti di pensiero filosofico, occidentali e orientali, con recenti conferme in campo medico- scientifico. Comunemente il benessere viene percepito come una condizione di armonia tra uomo e ambiente, risultato di un processo di adattamento a molteplici fattori che incidono sullo stile di vita.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Per millenni la malattia è stata considerata un fenomeno magico-religioso.

Il Benessere nell’antica Grecia

 

Nella Grecia antica con Ippocrate si ha una medicina razionale fondata sull’osservazione. In seguito le concezioni di salute e malattia sono rimaste non scientifiche fino agli ultimi secoli. Gli antichi Greci non conoscevano il sapone, anche se ereditarono dagli Egizi l’uso di una miscela di cenere e argilla che a contatto con l’acqua, diveniva schiumosa. Uomini e donne dell’epoca, passavano gran parte della propria vita al gymnasium e ai bagni pubblici e dopo le abluzioni erano soliti massaggiare il corpo con olio d’oliva, di rose, di nardo, all’iris, alla maggiorana e alle mandorle amare. Ad Atene era famoso il crocinum e il susinon, olio a base di rosa, mirra e cannella.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

I Greci appresero il piacere dell’ultilizzo di oli profumati per l’igiene personale dai popoli asiatici, dai quali inizialmente importarono i suddetti prodotti. Gli oli, erano conservati in un apposito contenitore, l’alabastron, un vaso in terracotta dal corpo stretto e prolungato che ricorda nella forma un’anfora.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

Oltre all’olio, che veniva usato come sapone, lozione ed emolliente, sia per l’igiene della pelle, sia per quello dei capelli, i greci utilizzavano anche altri metodi per eliminare le impurità della cute: latte, bicarbonato di sodio, impacchi di quark e miscugli di sabbia e orzo che poi asportavano con una particolare paletta ricurva, lo strigile.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

La salute

 

  • La salute è la capacità di adattarsi e di autogestirsi di fronte alle sfide sociali, fisiche ed emotive cui la vita inevitabilmente espone”, Come si può costruire e favorire la capacità umana di adattarsi e adeguarsi”? L’idea di Benessere è relativa , a seconda del contesto, della personalità, degli stati d’animo.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

  • La persona è intesa come unità psicofisica interagente con l’ambiente circostante che è il presupposto per “una promozione ed educazione alla salute” e una “medicina della persona” nella sua totalità.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como
La salute, definita nella Costituzione dell’OMS, come “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia“, viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

  • L’alimentazione dev’essere sana ed equilibrata. Deve contenere tutte le sostanze nutritive necessarie al nostro organismo per svolgere le sue funzioni, ovvero proteine, carboidrati, grassi, vitamine, acqua, fibre e sali minerali. In particolare, dovrebbero essere assunte almeno cinque porzioni tra frutta e verdura al giorno.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

  • L’attività fisica dev’essere svolta in modo regolare e non eccessivo. Il movimento influisce positivamente su vari aspetti del nostro organismo, apportando benefici a livello cardiovascolare, infatti migliora la funzionalità cardiaca, previene malattie cardiovascolari, quali ipertensione arteriosa e ictus; a livello muscolo-scheletrico incrementa la forza, la flessibilità, l’equilibrio e la coordinazione; a livello del metabolismo corporeo contribuisce a prevenire patologie quali diabete mellito e sindrome metabolica. Infine, apporta numerosi benefici anche dal punto di vista psicologico, riducendo lo stress e le tensioni nervose.

 

Vuoi rimetterti in forma con rimedi naturali, rimedi erboristici, essenze floreali, alimentazione bilanciata, personalizzata in base alla tua tipologia ayurvedica?Prenota ora.

salute e benessere studio naturopatico donadoni inverigo como

DiAlessandra Zarone

Naturopata naturalmente

Buongiorno a tutti, oggi vi parlerò di ciò che per me significa essere Naturopata.

Analizziamo innanzitutto ciò che il termine “Naturopatia ” indica

La naturopatia o medicina naturopatica è un insieme di pratiche di medicina alternativa, i cui fondamenti teorici furono raccolti da principi salutistici di diversa provenienza, forse formulati alla fine del XIX secolo negli Stati Uniti per poi diffondersi, in diverse forme, nel resto del mondo, senza però mai riuscire a dare vita a una medicina autonoma, univocamente e coerentemente definita. Essa dichiara di avere come obiettivo la stimolazione della capacità innata di autoguarigione o di ritorno all’equilibrio del corpo umano, denominata omeostasi, attraverso l’uso di tecniche e di rimedi di diversa natura, oppure attraverso l’adozione di stili di vita sani e in armonia con i “ritmi naturali“.

Le pratiche naturopatiche possono essere molto varie: massaggi, riflessologia plantare, idroterapia, cromopuntura/cromoterapia, floriterapia, climatoterapia, aromaterapia e molte altre.

naturopata como

Il termine “naturopatia”

Il termine “naturopatia” fu coniato nel 1895 dallo statunitense John Scheel, medico a New York, Il significato odierno più accreditato della parola “naturopatia” è “sentiero della natura” per mantenere o ripristinare lo stato di benessere. Non è chiaro se il termine sia derivato da Nature’s Path (Sentiero della natura) da cui, in seguito, Naturopathy; più discussa rimane l’attribuzione dell’etimo a natura e al greco pathos (simpatia, empatia, sentimento, sofferenza) ovvero “empatia con la natura”.

Nel 1902 Scheel autorizzò Lust, discepolo di padre Kneipp trasferitosi dalla Germania negli USA nel 1892, a utilizzare il termine “naturopatia” per descrivere la raccolta eclettica di dottrine sulla guarigione naturale.

naturopatia como

Tale termine, diffuso negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nel Commonwealth, indica la medicina naturopatica quale applicazione dei principi curativi della natura (acqua, sole, terra, cibo ecc.), nel contesto delle conoscenze moderne.

Edward Bach,  Naturopata  Naturale

Egli curò davvero seguendo una missione spirituale, i poveri, senza volere nulla in cambio, a tal proposito affittò uno studio a Nottingham Place a Londra. Si dedicò alla ricerca sperimentale delle erbe, trascorrendo ore in campagna o al mare, nei parchi, appena ne aveva l’occasione, raccolse campioni di erbe che egli potenziò e testò.

studio naturopatico donadoni inverigo como

Come un Druido, egli aveva il potere divino di guarire con le mani, spesso allungava la mano sulla spalla o sul braccio di un paziente che istantaneamente guariva, poiché egli infondeva energia di guarigione e lasciandosi guidare dal suo intuito, dell’ispirazione che definiva divina, conobbe la vera saggezza che lo condusse a scoprire un nuovo metodo di cura, innovativo e rivoluzionario, più semplice e pratico, in tempi di medicina razionale e scientifica, lontana dall’epoca dei medicamenti erboristici. Attingendo dalla Fonte Divina, incarnata nella natura stessa e senza sapere quali piante avessero proprietà medicinali, si lasciò guidare, con la convinzione che nessuna sostanza velenosa contenuta nelle piante, avrebbe potuto realmente causare severe reazioni nel corpo umano.

studio naturopatico donadoni inverigo como

La sua doveva essere una ricerca volta a curare e non un palliativo per “tamponare” la malattia. Stando a contatto con la campagna gallese, si era reso conto che i suoi sensi si erano affinati tanto da percepire inconsapevolmente, senza l’uso della razionalità. Se prendeva tra le mani un fiore, poteva comprendere gli effetti, le vibrazioni, il potere emesso e ciò che avrebbe curato. Alcuni fiori curavano la mente o il corpo, altri provocavano dolore, vomito, febbre, manifestazioni cutanee, ecc, poteva testare tutto su di sé, facendo a meno del laboratorio londinese, usando quindi i sensi, l’intuizione donatagli dal Creatore.

studio naturopatico donadoni inverigo como

Egli scoprì che le malattie sono una conseguenza di uno stato mentale, che interferiva con la normale felicità dell’individuo, che comportava, diremmo noi naturopati, una mancata metabolizzazione e una somatizzazione in un determinato organo o tessuto, con conseguente insorgere della malattia. La mente, sosteneva Bach, ha totale controllo sulle condizioni psico-fisiche di ogni essere umano. La sua nuova farmacopea voleva assistere i malati affinché si liberassero di un certo stato mentale, che causava la malattia. Le essenze floreali dovevano essere assunte anche ogni cinque minuti, e la prescrizione era spesso cambiata da Bach, ad ogni incontro, il paziente doveva essere considerato come se fosse nuovo, richiedeva quindi una nuova diagnosi e una cura diversa.

studio naturopatico donadoni inverigo como

Io e la Naturopatia

Perchè ho scritto e condiviso  tutto ciò?

La  mia vita è dedicata alla Naturopatia, il mio unico maestro è Edward Bach, che ringrazio con tutto il mio cuore, ovunque si trovi ora… nell’infinito amore dell’Universo.

Studio da almeno 15 anni e continuo a farlo, mi aggiorno per conoscere nuove  erbe, rimedi floreali, ed ogni altro rimedio naturale che possa permettermi di aiutare le persone che mi chiedono aiuto.

Le guerre fra colleghi le lascio volentieri fare a chi si sente top manager anzichè Naturopata, a chi, secondo me non ha capito nulla del senso di questo lavoro, che è più una vocazione. Chi  odia così tanto i propri colleghi non ha serenità interiore e dunque mi chiedo come possa amare e comprendere chi soffre.

La mia vita  è incentrata sull’essere Naturopata naturalmente, e ciò mi è così spontaneo da perdere la nozione del tempo, mentre ricerco, traduco, scrivo e raccolgo in me emozioni, intuizioni, mentre passeggio nel verde ed osservo la Natura.

Ti offro il mio aiuto, contattami quando vuoi.

studio naturopatico donadoni inverigo como

 

 

 

DiAlessandra Zarone

Origano, antisettico naturale

L’origano (Origanum vulgare), antisettico naturale appartiene alla famiglia delle Labiatae e al genere Origanum: ha infatti molte proprietà in comune con essa.

Etimologia

Il suo nome deriva dal greco origanos, composto da óros, montagna, e da gànos, splendore: «splendore di montagna» perché allo stato spontaneo è una pianta che alligna soprattutto nelle zone alte. Fu molto apprezzato fin dall’antichità – come testimoniano DioscorideColumella e Plinio – per le qualità terapeutiche delle sommità
fiorite e delle foglie che contengono timolo, carvacrolo, terpinene, tannini e sostanze amare.

origanum-naturopata como

Proprietà curative

  • antalgico
  • antisettico
  • antispasmodico
  • espettorante
  • parassiticida
  • stomachico
  •  tonico

Origanum_vulgare naturopata lecco

Lo si usa per curare o preservare l’apparato respiratorio e digerente. 

E’ perciò utile contro:

  • infiammazioni repiratorie 
  • riequilibrio delle funzioni digestive

 

Ha  azione stimolante sull’apparato nervoso; ma non manca di altre virtù: si può guarire rapidamente un torcicollo applicando sulla parte un cuscinetto delle sue sommità fiorite, appena colte e riscaldate per brevissimo tempo in padella.

Origanum_vulgare_naturopatia milano

Lo si aggiunge infine alle vivande per ottenere una buona secrezione dei succhi
gastrici e un miglior funzionamento del fegato.

Simbologia

L’origano ha suscitato il simbolo del Conforto.
Una leggenda diffusa fin dal Medioevo narrava che la cicogna, quando soffriva di stomaco per avere mangiato qualche cibo nocivo, si curava con origano.

Floriterapia

Oreganum vulgare bianco, ha un’energia curativa che avvolge e si dirige laddove è
necessario, ripristina  l’equilibrio a seguito di eventi stressanti e situazioni disarmoniche che hanno interrotto bruscamente il naturale flusso dell’energia psico-fisica. Origano individua ciò che necessita armonia, riportando così benessere e salute.

Origanum_vulgare_studio naturopatico donadoni inverigo co

Prenota una Consulto Naturopatico o Floreale per affrontare le tematiche emerse in questo articolo, oppure un Programma Detox  con alimentazione adeguata e rimedi ayurvedici, volto al riequilibrio psico-fisico.

DiAlessandra Zarone

Salsapariglia Smilax aspera L, depurativo naturale

Salsapariglia Smilax aspera L, depurativo naturale

La Salsapariglia è un depurativo naturale,  appartenente alla numerosa famiglia delle Liliacee, ed è conosciuto comunemente anche con il nome di “smilace spinoso” e “straccia brache”. Originaria degli altopiani della Cina, del Giappone, della Corea e del Messico e conosciuta già da Dioscoride e da Teofrasto nel I secolo d.C., questa pianta raggiunse la massima notorietà nel XVII secolo, quando gli Spagnoli la indussero in Europa.

Smilax_aspera_flowers naturopata como

La varietà Americana di Salsapariglia era usata dagli indigeni come pianta depurativa e, poiché era ritenuta capace di curare la sifilide, suscitò grandi ma purtroppo infondate aspettative. Tra diverse specie di Salsapariglia si ricordano: Smilax aristolochiifolia, che cresce in Messico; S. regelii e S. officinalis, proprio del Centroamerica e delle Antille; S. china, comunque in Cina e Giappone. Oggi la pianta è diffusa in tutte le regioni tropicali e nelle regioni temperate, compresa quella del Mediterraneo; in Italia cresce spontanea ovunque.

Quest’erba prende il nome dalla parola spagnola “Zalzaparilla“. Strofinata vigorosamente, fa della schiuma saponosa, che assomiglia a quella dei cavalli quando sudano abbondantemente, da cui il nome di Salsa (schiuma) della pariglia (coppia di cavalli usata per traino carri, ecc.).

studio naturopatico donadoni inverigo (co)

Proprietà medicamentose della Salsapariglia:


La radice contiene numerosi principi attivi tra cui la smilacina, la salsasaponina, l’acido salsasapinico.

  • Ha proprietà sudoripare e depurative. Può essere utilizzata in infusi e decotti per la prevenzione e l’ausilio in caso di influenza,raffreddorereumatismi, l’eczema.
  • Ha inoltre proprietà espettoranti ed emetiche (se somministrata in dosi abbondanti) e gli estratti vengono usati in formulazioni galeniche per migliorare l’assorbimento dei principi attivi farmacologici.Ha inoltre proprietà diuretiche.
  • Rappresenta un ottimo rimedio  naturale contro asma, gotta, nefrite.Stimola le funzioni dell’apparato renale, favorisce l’eliminazione di liquidi in eccesso, quale urea e acido urico, abbassa il colesterolo del sangue.
  • E’ un ottima regolatrice delle funzioni epatiche e agisce come fluidificante del sangue.

Decotto depurativo della pelle:

Fare bollire 20 grammi di radice di salsapariglia in circa 2 litri di acqua. Filtrate e fate riposare. Il decotto andrà assunto nella misura di 1 o 2 tazze al giorno, da sorbire lentamente.

Decotto per problemi articolari:

Fare bollire 30 grammi di radice di salsapariglia e 5 grammi di saponaria in 1 litro di acqua. Dopo venti minuti circa, bisogna spegnere e far riposare. La posologia è di 2 tazze al giorno per due settimane.

Cattiva digestione, inappetenza:

Assumere all’occorrenza nel corso della giornata, un’ora prima dei pasti principali, una tazza di infuso di radice o di rizoma, prendere, 3 volte nel corso della giornata, 10 g di polvere della pianta disciolta in una bevanda calda.
In dosi elevate la Salsapariglia può causare attacchi di vomito, pertanto non superare le dosi indicate. Fare attenzione, inoltre, a non confondere le bacche di Salsapariglia con quelle di edera o di tamaro.

Smilax_aspera naturopata lecco

Tonico emolliente e riattivante per pelli sensibili, facilmente irritabili dagli agenti atmosferici:

Mettere a macerare 2-3 cucchiaini di polvere di radice essiccata di Salsapariglia in 3 cucchiaini di alcool etilico ( o in 6 cucchiai di vodka); dopo 15 giorni di macerazione filtrare, sciogliere ½ cucchiaio di borace in 2 cucchiai di amamelide e aggiungere il composto all’alcool filtrato, mescolare bene, aggiungere 10 gocce di glicerina e travasare in una bottiglietta con tappo sottovuoto, applicare come di consueto sulla pelle del viso.

La Salsapariglia viene impiegata per rendere spumeggianti molte bibite rinfrescanti.

Puoi approfondire le problematiche trattate con un Consulto Naturopatico:

DiAlessandra Zarone

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbus domestica L, rimedio naturale per intestino

Sorbo – Sorbus domestica L. – Fam. Rosaceae.

Fioritura: Aprile-maggio -Parti raccolte: frutti, corteccia, gemme -Tempo balsamico: ottobre-novembre.

I frutti, non commestibili se acerbi, ma dolci e profumati se lasciati maturare a lungo, e le marmellate che se ne possono fare, erano un classico, infallibile toccasana contro i “mali del ventre“.

I frutti, chiamati sorbe o sorbole, sono ricchi di vitamina C e hanno sapore acidulo per il rilevante contenuto di acido malico.

Rowan_tree_ naturopatia como

Folklore:

Nel calendario arboreo dei Celti dava il nome al mese compreso fra la terza decade
di gennaio e la metà di febbraio, Luis  in cui cadeva una delle quattro grandi feste annuali, quella da noi chiamata la Candelora. Essi  consideravano il suo frutto, insieme
con la mela, nutrimento degli dei e amuleto contro fulmini e sortilegi. Nell’antica Irlanda, prima di una battaglia i Druidi accendevano fuochi con legno di sorbo e lanciavano incantesimi sopra di essi chiedendo agli spiriti di partecipare alla battaglia.

Rowanberries_ naturopata milano

Medicina  Popolare

Nell’antichità, dopo aver fatto fermentare i frutti con il grano, se ne ricavava una bevanda simile al sidro, prodotta ancora oggi nell’Europa centrale.
I Romani la chiamavano cerevisia.
Nella tradizione popolare esiste un infuso di corteccia di sorbo e foglie di vite, assunto oralmente, per aiutare a normalizzare la circolazione ed anche un infuso o decotto di frutti e corteccia per regolarizzare le funzioni intestinale.

Sorbus_domestica_ Studio Naturopatico Donadoni Inverigo


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione, contattami

DiAlessandra Zarone

L’Arte del Benessere

L”Arte del Benessere” è molto antica e non può essere ridotta al mero commercio, il rapporto che si crea con il ” cliente” un tempo definito il malato, è estremamente complesso e delicato, non può ridursi a un semplice scambio di informazioni poichè coinvolge due persone: il Naturopata e la persona che ad esso si rivolge.

Per esercitare bene questa professione occorre grande sensibilità e conoscenza di molteplici aree, ma ciò non basta, occorre creare una ” sintesi alchemica” fra sapere  ed essere, inteso come “essenza animica” in grado di cogliere le complessità, le peculiarità e le  debolezze o parti vulnerabili della persona che ci chiede aiuto.

Naturopata Como

Non  si tratta di un lavoro che possono svolgere tutti, ma di una vocazione vera e propria! Occorre molto amore, pazienza, forza interiore e sensibilità, oltre l’immaginabile e il descrivibile.

Il Benessere non può essere riconquistato semplicemente con l’assunzione di rimedi, ma deve rientrare in un percorso esistenziale radicalmente mutato, che comprende un  nuovo stile di vita, nuove abitudini, nuovi alimenti, esercizi all’aria aperta.

Le tempistiche per ottenere risultati concreti variano da persona a persona, ossia dalla misura in cui la persona è disposta a mettersi in gioco e ricominciare da zero, rimettendosi in discussione, comprendendo le dinamiche profonde che hanno portato a un determinato disagio psico-fisico, a partire da  ciò che l’anima ha percepito e vissuto, nonché somatizzato a livello corporeo, in malattie di gravità variabile a seconda del soggetto.

dietetica cinese www.blognaturopatia.com

Il Naturopata non fa miracoli ma mette in sinergia discipline diverse atte al ripristino del Benessere Naturale, si avvale di rimedi fitoterapici, floreali, massaggi psicosomatici, tecniche di rilassamento e di tutto ciò che reputa sia necessario in quel momento e per quella determinata persona, in modo assolutamente personalizzato.

Principali problemi per cui rivolgersi alla Naturopatia:

  • I disturbi dell’intestino
  • Le difficoltà digestive
  • I disturbi urologicii.
  • I disturbi ginecologici
  • I problemi legati alla prostata
  • I disturbi dell’apparato osteoarticolare
  • I disturbi dell’apparato cutaneo
  • L’affaticamento epatico
  • Il dolore in generale
  • La tendenza ad ammalarsi spesso, specialmente in inverno.
  • DIsturbi del sonno
  • Stress
  • Un eccesso di sostanze tossiche quali farmaci, chemioterapia, inquinanti ambientali e del cibo
  • Il sovrappeso e l’addome prominente
  • La cellulite
  • La pelle spenta e invecchiata
  • Il senso di appesantimento

naturopata milano

Per me è importante ritornare all’origine della floriterapia, studio da anni gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l’esperienza persa nei secoli, ma  metto in pratica il metodo di Bach tramite la  solarizzazione dei fiori.

miglior naturopata como

Contattami per una consulenza:

DiAlessandra Zarone

Il Narciso: utilizzi in Fitoterapia e Floriterapia

Simbologia orientale:

In Cina il Narciso è simbolo di Felicità e Prosperità e viene donato in segno augurale di buon anno. Ma vi è chi, come Angelo De Gubernatis, vede nel fiore dai petali gialli un’immagine del sole. Solare è anche il simbolismo nella Bibbia, dove il narciso insieme con il giglio caratterizza la primavera e l’era escatologica. In queste due culture il simbolismo s’ispira non alle proprietà narcotizzanti della pianta, ma ai suoi luminosi colori, in cui predominano il giallo e il bianco.

daffodil-studio naturopatico donadoni inverigo

Mito di Omero:

Nel mito omerico il narciso viene generato non dal corpo del giovane, ma semplicemente «per compiacere il dio che molti uomini accoglie »: fiore infero, parrebbe dunque, fiore che conduce agli inferi.
Il suo nome greco, narkissos, che deriva dalla stessa radice di narkdo (intorpidisco, irrigidisco), nàrke (torpore, irrigidimento), ndrkesis (torpore), sembra avere una valenza infera.

Echo_and_Narcissus naturopata como

La visione psicologica del mito di Narciso: 

lo psicologo Henry Ellis, alla fine del secolo scorso, si servì del mito per designare col termine «narcisismo» un atteggiamento patologico della sessualità per cui il soggetto gode nell’ammirare il proprio corpo. Sigmund Freud lo reinterpretò in chiave psicoanalitica indicando con questo termine l’amore e l’interesse, pur soltanto psicologici, rivolti a se stessi.
Egli distingueva un narcisismo primario, in cui manca l’amore per l’oggetto, da un narcisismo secondario in cui l’amore ritorna al soggetto.

naturopata lecco

Il Narciso in Botanica:

Da un punto di vista botanico il Narcissus nelle sue varie specie è una amarillidacea bulbosa il cui bulbo è tossico poiché contiene la narcissina, un potente alcaloide che probabilmente è la causa degli improvvisi e inspiegabili decessi di animali al pascolo nei prati mediterranei, dove il fiore è diffuso. Il profumo può provocare una specie di torpore, come avevano già osservato i naturalisti antichi, da Dioscoride a Plinio.

Il Narciso negli Erbari:

Fin dall’antichità il suo bulbo si è usato in medicina mentre ancora oggi se ne consiglia
il fiore essiccato come sedativo, antispasmodico e antidiarroico.

naturopatia milano

I bulbi dei narcisi, ma anche le foglie, contengono un alcaloide velenoso – la narcisina – che provoca, se ingerito accidentalmente, disturbi neuronali e infiammazioni gastriche negli animali al pascolo o nell’uomo e, se non curato in meno di 24 ore, può provocare la morte.

Il Narciso in Floriterapia:

L‘essenza floreale di Narciso, è indicata per per l’identificazione e la risoluzione dei conflitti andando al centro del problema/paura. Da lì le problematiche possono essere affrontate stabilendo cosa è essenziale e nutriente per il Sè, tramite una sua identificazione con l’oggetto amato.

floriterapia psicosomatica studio naturopatico donadoni como

Puoi prenotare un Consulto Naturopatico per risolvere le tematiche trattate, oppure un Consulto di Floriterapia Vibrazionale Psicosomatica:

DiAlessandra Zarone

Alchemilla, antico rimedio femminile

Alchemilla, deriva, da alchimia perché gli alchimisti medievali utilizzavano le grosse perle di rugiada che si depositavano sulle foglie durante la notte, ed erano dette “acqua celestiale” o “acqua dei saggi”. All’origine del fenomeno, abbastanza singolare, vi è
un processo conosciuto come “guttazione”, che si verifica quando in condizioni di eccessiva umidità l’acqua non evapora: in questa occasione l’Alchemilla perde l’acqua da alcuni stomi fogliari, diversi però da quelli che servono ai normali scambi gassosi. “Gli alchimisti, riferiva il Durante affermano con ostinata verità con quest’erba congelasi
Mercurio.”

Alchemilla_mollis naturopata como

Non erano soltanto gli alchimisti a utilizzare l’Alchemilla, ma anche i medici che la consigliavano per curare le infermità femminilirassodare il seno.

“Dassi per venti giorni continui un cucchiaro per volta la polvere della secca in vino, o veramente in brodo con felice successo alle donne sterili, ove per lubricità d’humori non li rimanga il seme nella matrice “

  • Alchemilla ha proprietà vulnerarie e astringenti e si adoperano in infuso per riequilibrare l’intestino e il ciclo mestruale abbondante  in dose di 60 gr. in 1 litro d’acqua.

Alchemilla_vulgaris naturopatia lecco

 

  • È indicata nelle gengive infiammate e sanguinanti, ma anche per lavare le ferite, calmare le irritazioni e le infiammazioni delle mucose.
  • Esternamente si usa nelle contusioni.
  • Il decotto serve per tutti i dolori di testa, specialmente per indigestione di acqua nella stagione estiva, nei raffreddori, nelle infiammazioni degli occhi e nel mal di denti, facendo gargarismi.

Approfondisci le tematiche trattate con un Consulto Naturopatico

Alchemilla_alpina_naturopata milano

DiAlessandra Zarone

Eleuterococco _ Eleutherococcus senticosus, tonico naturale

Eleuterococco _ Eleutherococcus senticosus, , tonico naturale:

Eleutherococcus senticosus è un tonico naturale. La radice di Eleuterococco viene usata in erboristeria in forma di gocce o compresse in quanto le vengono riconosciute proprietà toniche ed adattogene, in grado di ottimizzare la secrezione degli ormoni.

Acanthopanax_leucorrhizum_Studio NAturoptico Donadoni Inverigo
L’utilizzo della pianta è indicata negli stati di stress e sovraffaticamento, rinforza il sistema immunitario aumentando il numero dei linfociti T e stimolando l’attività dei globuli bianchi, utile in caso di debolezza, convalescenza, nell’esaurimento psicofisico, nella stanchezza, nella attività sportiva, previene l’insorgenza delle malattie, indicato nei periodi di ridotta capacità di rendimento, di concentrazione e di attenzione, stimola il metabolismo e aiuta nelle spasmofilie.

eleuterococco naturopata como

Ha proprietà adattogene, stimolanti del sistema nervoso centrale, antidepressive, toniche generali e stimolante dell’attività endocrina.

Agisce sulle ghiandole surrenali, diminuendo il contenuto intraghiandolare di colesterolo e di vitamina C, aumentando la produzione di ormoni surrenalici.

E’ capace di stimolare la sintesi proteica a livello del fegato, del pancreas e della corteccia surrenalica, azione anabolizzante probabilmente legata a un aumento dell’ormone della crescita.


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla risoluzione delle patologie descritte, contattami.

eleuterococco naturopata milano

 

DiAlessandra Zarone

Ficus carica L. , rimedio naturale per calli e verruche

Fico – Ficus carica L. ; Fam. Moraceae, rimedio naturale per calli e verruche:

Fico – Ficus carica L. ; Fam. Moraceae, rimedio naturale per eliminare calli e verruche,

fioritura maggio-settembre. Parti raccolte: foglie e frutti. Tempo balsamico: estate.

Simbologia biblica:

Un pianta fruttifera, simbolo, nei tempi biblici, di libertà, di prosperità, di vita gioiosa e ampiamente citata nei Vangeli e nel Corano, come realtà botanica e come simbolo della fertilità, della vita serena .

fig naturopatia como

Utilizzi e consigli :

  • Il decotto veniva usato come coluttorio in caso di problematiche dentali e stomatiti e la foglia contusa oppure il lattice venivano applicate su un porro, la cui base era legata con un filo per favorirne il distacco, applicato in impacco sugli ascessi; il lattice sulle punture d’insetti. La foglia contusa veniva applicata direttamente su un porro.
  • Gemme fresche: l’attività è da attribuirsi agli enzimi digestivi contenuti; regolarizza la motilità e la secrezione gastroduodenale, soprattutto in soggetti con reazioni psicosomatiche a livello gastrointestinale.

ficus studio naturopatico donadoni inverigo

  • Foglie: raccolte da maggio ad agosto e fatte essiccare lentamente, contengono furocumarine, bergaptene, psoralene, cumarine, lattice; hanno proprietà emmenagoghe, antinfiammatorie, espettoranti e digestive; le furocumarine possono creare problemi con fenomeni di fotosensibilizzazione.
  • Frutti acerbi: le  parti verdi e  i giovani rametti: il lattice che sgorga dai tagli contiene amilasi e proteasi, viene applicato per uso esterno per  calli e verruche per l’azione caustica e proteolitica; va usato con cautela: è ustionante ed irritante per la pelle.
  • Frutti freschi: assunti in quantità hanno un effetto lassativo. 
  • Frutti essiccati: ricchi di vitamine A e B, proteine, zuccheri, e sali minerali (potassio, magnesio, calcio) hanno proprietà emollienti, espettoranti e lassative.

figs naturopata lecco

Si ricorda comunque che anche le foglie hanno in parte caratteristiche irritative per il contatto di fregamento con la pelle, la sensibilizzazione è enfatizzata dal calore e dalla esposizione ai raggi ultravioletti, soprattutto in soggetti predisposti; è invece limitata da semplice risciacquo con acqua e permanenza lontano dall’irraggiamento solare, anche indiretto, per qualche ora.

È diffusa la credenza che il lattice del fico aiuti ad abbronzarsi. L’applicazione di lattice di fico sulla pelle e successiva esposizione di questa alla luce solare intensa comporta invece lesioni ed ustioni, anche gravi.


Se desideri un Consulto Naturopatico volto alla prevenzione delle patologie trattate, contattami.

DiAlessandra Zarone

Rimedi naturali per depressione e stress

Rimedi naturali per depressione e stress:

 

Ginseng

I principi attivi del Ginseng sono dei composti fitochimici detti ‘ginsenosidi’, sostanze simili a steroidi che esprimono proprietà in grado di bilanciare e contrastare gli effetti dello stress. I ginsenoidi possono avere effetti diversi che diversificano le varietà di Ginseng: ad esempio, alcuni possono stimolare il sistema nervoso centrale, altri sedarlo e altri ancora bilanciano i processi metabolici, abbassando la glicemia, migliorando il tono muscolare, stimolando il sistema endocrino per mantenere livelli ormonali appropriati.

Panax_quinquefolium,_ginseng naturopata como

 

Iperico

L’Iperico o Erba di San Giovanni o scacciadiavoli (Hypericum perforatum), è una pianta officinale del genere Hypericum con proprietà antidepressive e antivirali. Plinio e Ippocrate, somministravano l’erba nel trattamento di molte malattie. Il suo nome latino, Hypericum perforatum, deriva dal greco e significa “più che un’apparizione,” con un riferimento alla credenza popolare legata all’erba, ritenuta altamente ripugnante dagli spiriti maligni, contro i quali bastava un soffio per cacciarli.

Nella medicina popolare, l’erba è stata sempre utilizzata nel trattamento delle ferite (ha potenti proprietà antibatteriche e antivirali), nei disturbi renali e polmonari, e in ciò che noi oggi chiameremmo depressione.”Medioevo si credeva che dormire con un rametto di Erba di San Giovanni sotto il cuscino la notte di S. Giovanni (la notte prima marea di San Giovanni), facesse apparire il Santo in sogno, per dare la sua benedizione, e per impedire a chi lo vedeva di morire durante l’anno successivo.

Alcuni studi clinici randomizzati hanno dimostrato che l’Iperico ha un’efficacia paragonabile ad alcuni psicofarmaci nella cura della depressione lieve e moderata . A volte è utilizzato, associato ad altri prodotti, anche per il trattamento fitoterapico di alcune forme d’ansia. Il principio inizialmente ritenuto attivo era l’ipericina.

iperico naturopata milano

Banisteria caapi

 

Banisteria caapi, conosciuta anche come yagè, ayahuasca o capii è una pianta rampicante dagli effetti psicoattivi, appartenente alla famiglia delle Malpighiaceae, che cresce nelle regioni tropicali del Sud America. E’indicata in caso di depressione, invecchiamento e morbo di Parkinson. La pianta contiene alcaloidi armalinici noti come: armina, tetraidroarmina e armalina. Questi MAO-Inibitori vengono associati a piante contenenti dimetiltriptamina per la preparazione di bevande utilizzate per rituali sciamanici.

naturopata lecco

Desideri approfondire queste tematiche? contattami, puoi scegliere ciò che reputi sia più adatto a te :

 

DiAlessandra Zarone

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione:  

Agrimonia eupatoria, rimedio naturale per infiammazione .

È conosciuta per le sue proprietà medicinali già ai tempi di Plinio il vecchio, utilizzata per le affezioni al fegato. In particolare le sommità fiorite sono usate contro l’insufficienza epatica. È poi utilizzata come stimolante del flusso biliare e nelle enteriti catarrali, oltre che come depurativo generale e decongestionante.

 

La si può impiegare, per uso esterno, contro congiuntivite, infiammazioni del cavo orale e nasale e soprattutto contro moltissime malattie della pelle, grazie alla presenza di una sostanza, l’acido ursolico, che ha un’attività paragonabile al cortisone.

Di questa pianta si usa la foglia.

Agrimonia_eupatoria_miglior naturopata como

Proprietà curative :

naturopatia milano

  • In caso di diarrea si beve il decotto delle foglie. Il decotto dell’intera pianta si beve come antidiarroico e come antinfiammatorio del cavo oro-faringeo.
  • L’infuso delle foglie viene bevuto come depurativo per detossicare l’organismo in caso di ubriachezza e lo stesso infuso lo si ritiene spasmolitico nelle coliche intestinali. Come ipoglicemizzante si assume l’infuso dell’intera pianta.

Illustration_Agrimonia_eupatoria naturopata lecco

Puoi contattarmi e prenotare un Consulto Naturopatico o un Programma Detox:

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi