Armonia del corpo e Ayurveda

DiAlessandra Zarone

Armonia del corpo e Ayurveda

 

Armonia del corpo e Ayurveda

 

Tutte le cose nell’universo, sia viventi che non viventi, sono unite insieme. In realtà, tutto nell’universo è realtà costituito dagli stessi cinque elementi naturali : spazio, aria, fuoco, acqua e terra.
C’è una profonda connessione tra il sé e l’ambiente: inizialmente siamo collegati a noi stessi, alle persone che ci circondano, al nostro ambiente immediato e all’universo. Questa connessione equilibrata garantisce una buona salute.


Ci conserviamo sani se manteniamo l’equilibrio, interagendo con il nostro ambiente in modo efficace e salutare.Tuttavia, il nostro equilibrio iniziale è spesso interrotto dal nostro stile di vita.

Le nostre scelte su alimentazione, esercizio fisico, professione e relazioni hanno tutte le potenzialità per creare squilibri fisici, emotivi o spirituali. 

Questo squilibrio causa una mancanza di armonia e ci rende più suscettibili alle malattie.Gli esseri umani sono responsabili delle loro scelte e azioni. Siamo in grado di raggiungere e mantenere una buona salute se facciamo scelte equilibrate che promuovono l’armonia.

Prakriti e dosha:

La filosofia ayurvedica sostiene che le persone nascono con una costituzione specifica, che è chiamata prakriti. Il prakriti, stabilito al momento del concepimento, è visto come una combinazione unica di caratteristiche fisiche e psicologiche che influenzano il modo di essere di una persona.

Nel corso della vita, il prakriti di un individuo rimane lo stesso. Tuttavia, il proprio prakriti è costantemente influenzato da vari fattori interni, esterni e ambientali come il giorno e la notte, i cambiamenti stagionali, la dieta, le scelte di vita e altro ancora. L’Ayurveda pone grande enfasi sulla prevenzione della malattia e raccomanda il mantenimento della salute attraverso un’alimentazione specifica che crea equilibrio.

Esistono tre qualità, chiamate dosha, che formano il prakriti o costituzione. Questi dosha sono chiamati vata, pitta e kapha e hanno tutti un impatto specifico sulle funzioni corporee.

I dosha individuali fluiscono costantemente e il loro equilibrio dipende dal cibo, dal movimento e dalle relazioni con il mondo esterno.
Lo squilibrio dei dosha produce sintomi diversi, correlati a quel dosha .

Ad esempio, se la è persona aggressiva, avrà un Pitta dominante sugli altri dosha e potrà sviluppare un eritema pungente o una gastrite. Molti fattori possono causare squilibrio, tra cui una dieta povera, troppo o troppo poco esercizio fisico/mentale/, sostanze chimiche o germi.

Metodi di approccio ayurvedico al disagio psico-fisico:

  • Misure interne, tra cui Shodhana (detossificazione) .
  • Shamana (metodi utilizzati per migliorare la qualità della vita).
  • Misure esterne, tra cui Snehana (trattamenti con olio).
  •  Svedana (terapia a vapore erbe) e uso di paste vegetali.
  • Terapie mentali e spirituali, chiamate Daivya Chikitsa.
  • Assunzione di erbe, tra cui rasa shashtra (l’uso di varie formulazioni di erbe e minerali).

Maggiori informazioni su doshas:

Ogni dosha comprende due dei cinque elementi di base, ciascuno con qualità specifiche. Questi elementi sono:

  • Spazio (associato all’espansività).
  • Aria (associata a gassosità, mobilità e mancanza di forma).
  • Fuoco (associato a trasformazione, calore e fuoco).
  • Acqua (associata a liquidità e instabilità).
  • Terra (associata a solidità e stabilità).

Inoltre, ogni dosha è associato a una specifica struttura corporea o forma ed è collegato a certi tratti della personalità. L’Ayurveda collega anche ogni dosha a particolari tipi di problemi di salute.

Qual è lo stato normale dei tridosha?

Quando i tridosha sono equilibrati, l’individuo sperimenta la salute a tutti i livelli: mentale, fisico e spirituale.

L’Ayurveda considera salute:

  • Felicità: senso di benessere.
  • Emozioni – stati emotivi equilibrati in modo uniforme.
  • Funzioni mentali: buona memoria, comprensione, intelligenza e capacità di ragionamento.
  • Sensi – corretto funzionamento di occhi, orecchie, naso, gusto e tatto
    Energia: abbondante energia mentale e fisica.
  • Digestione: facile digestione di cibo e bevande.
  • Eliminazione – eliminazione normale dei rifiuti: sudore, urina, feci e altro.
  • Corpo fisico: tessuti, organi e sistemi corporei sani.

Squilibrio

Lo squilibrio naturale è dovuto al tempo e all’età. Vata, Pitta e Kapha aumentano e diventano predominanti durante la propria vita, durante una stagione e durante certe ore del giorno. Ad esempio:

  • Vata è predominante durante l’ultima parte della propria vita, durante la stagione autunnale e durante il tardo pomeriggio, così come durante l’ultima parte della notte e l’ultima parte della digestione.
  • Pitta è predominante durante la mezza età, durante la stagione estiva, a mezzogiorno, a mezzanotte e durante la parte centrale della digestione.
  • Kapha è predominante durante l’infanzia, durante la stagione primaverile, nella tarda mattinata, nella prima parte della sera e durante la prima parte della digestione.

Gli squilibri non naturali dei dosha possono essere causati da:

  • Alimentazione inappropriata
  • Stile di vita inappropriato,
  • Trauma (come un incidente d’auto),
  • Virus, parassiti, ecc.

Mentre alcuni di questi elementi sono al di fuori del nostro controllo, il tipo di stile di vita che noi viviamo e i cibi che mangiamo sono sotto il nostro controllo.

L’energia di Kapha (terra) è responsabile della stabilità, della struttura, dell’immagazzinare, della crescita. Kapha controlla la forza, le dimensioni,

il tasso di crescita del corpo e memorizza le informazioni in mente. Tipicamente, quando l’energia di kapha viene disturbata, il corpo inizia a

ingrassare immagazzinando più grasso, inspessendo tessuti e sangue e trattenendo fluidi corporei extra. Ciò porta allo sbilanciamento dell’energia vata. Di conseguenza, gli squilibri creano funzioni compromesse e inefficienti che portano a malattie e disagi.

Sintomi tipici; il corpo diventa pesante, opaco, lento e soffocante con muco.

Malattie correlate allo squilibrio di kapha:

  • Allergie / Muco
  • Asma
  • Raffreddori
  • Colesterolo
  • Diabete
  • Edema
  • Crescita (indesiderata) come i tumori.
  • Obesità

Tutti i disturbi relativi al kapha devono essere affrontati con un’alimentazione appropriata.

Spesso quando l’energia di kapha viene disturbata, anche vata viene disturbata.

 

L’energia Pitta (fuoco) è responsabile della fornitura di “calore” per l’elaborazione delle funzioni nel corpo. Tutte le funzioni metaboliche,

cataboliche e altre funzioni di elaborazione, va sottolineato che le informazioni nella mente sono eseguite da pitta. Quando l’energia di pitta

(dosha) è squilibrata, il principale “fuoco” digestivo e persino un “fuoco” cellulare possono essere disturbati. Le funzioni di elaborazione come la

rottura del cibo, l’assorbimento dei nutrienti e il metabolismo a livello cellulare sono compromesse. Questo porta ad esaurimento di forza e secchezza nel corpo che può alterare il bilancio energetico vata.

Le malattie scatenate dallo squilibrio di Pitta sono:

  • Infiammazione articolare
  • Diarrea
  • Febbre
  • Mal di testa
  • Bruciore di stomaco
  • Ipertensione
  • Infiammazioni (interne o esterne)
  • Malattie della pelle

Kapha è in genere il più grande dei tipi di corpo. Fisicamente, hanno fianchi larghi / spalle; folti capelli ondulati; buona resistenza fisica.

Mentalmente, i tipi di kapha tendono a imparare lentamente, ma hanno grandi ricordi. Dal punto di vista emotivo, tendono ad essere molto

leali, stabili e affidabili – sono spesso indicati come “rocce” in una relazione.

In mancanza di equilibrio, gli individui kapha hanno una tendenza alla congestione sinusale, cattiva circolazione e digestione pigra che può

facilmente portare all’obesità. Per aiutare a migliorare la circolazione, possono fare un massaggio stimolante del corpo secco, chiamato

garshana, eseguito con guanti di seta grezza – è possibile utilizzare una spugna luffa come sostituto. Il massaggio aiuta a sbarazzarsi del peso in eccesso di acqua ed è una cura naturale per la cellulite.

Le sei fasi del disequilibrio :

Fase uno: accumulo

La malattia inizia con l’accumulo di uno o più dosha. I tre dosha, vata, pitta e kapha, sono tre aspetti del corpo mentale che governano il

funzionamento del corpo. Quando i tre dosha sono in equilibrio, la persona gode di buona salute. Tuttavia, attraverso un’alimentazione squilibrata, lo stile di vita e l’esposizione a stress e fattori ambientali, uno o più dosha possono perdere equilibrio. Nel primo stadio di questo squilibrio  il dosha aumenta in quantità,ossia “accumula”.

Nella prima fase, il dosha si accumula nella sua sede naturale . Ad esempio, il dosha vata può accumularsi nel colon, nei nervi o negli spazi vuoti e nei canali del corpo. Pitta dosha può accumularsi nel tratto digestivo, negli occhi o nella pelle. Il kapha può accumularsi nel torace e nelle sostanze fluide del corpo, come i liquidi articolari e il sistema circolatorio.

Fase due: aggravamento

Mentre la fase uno comporta un cambiamento quantitativo nei dosha, questa fase comporta un cambiamento qualitativo nei dosha. Nella

seconda fase il dosha acquisisce la tendenza a diffondersi dalla sua sede normale. Questo cambiamento interno qualitativo può rovinarsi e diventare anomalo.

Terza fase: diffusione

Ora il dosha esce dalla sa sede naturale e inizia a circolare nel corpo. Non ci sono ancora sintomi specifici. Tuttavia, nella terza fase possono

esserci sintomi vaghi e non specifici di basso grado, come  dolori transitori o malessere lieve. La persona può lamentare stanchezza o lieve depressione, o dire “Non mi sento bene”.

Fase quattro: localizzazione

In questa fase il dosha ora si localizza in un tessuto fuori dalla sua sede principale e inizia a interrompere la funzione di quel tessuto (dhatu) o

organo.

Ci sono diversi fattori che determinano dove si localizzerà il dosha disseminante. Uno è un’anomalia nei canali micro circolatori (srotas) in quel

tessuto. Ad esempio, se vi è un restringimento dei vasi sanguigni o dei canali linfatici in un’area del corpo, il dosha può stabilirsi lì e iniziare a

interrompere il funzionamento dei tessuti circostanti.

Il secondo fattore sono le tossine digestive chiamate ama:è il prodotto della digestione squilibrata ed è descritto come una sostanza appiccicosa che può facilmente ostruire i canali micro circolatori del corpo. Il dosha disseminante porta ama insieme ad esso, e l’ama appiccicosa diventa “bloccata” in un punto in cui gli srotas si restringono. Allora l’ama appiccicosa, insieme al dosha viziato, diventa un terreno fertile per la malattia in quella zona.

Ad esempio, se il kapha dosha, che è pesante e freddo, si è accumulato e disseminato, può localizzare, insieme con ama, nei canali della testa e del collo. Nella Quarta Fase, questo inizierà ad essere vissuto come una gola irritata o una sensazione di pesantezza nella testa.

Fase 5: manifestazione

In questa fase la malattia si manifesta nella sua forma completa, chiaramente identificabile. Il funzionamento dei tessuti è interrotto dal

complesso di ama mescolato con il dosha squilibrato. Nell’esempio di kapha dosha e ama localizzato nella testa e nel collo, la gola irritata e pesantezza nella testa è ora vissuta come  raffreddore, mal di gola, sinusite, attacco allergico.

Fase Sei: cronicità

In questa fase, la malattia diventa così incorporata nei tessuti che i meccanismi naturali di riparazione del corpo non sono in grado di

capovolgerla. Quindi l’interruzione del funzionamento diventa un disturbo permanente o a lungo termine. Ad esempio, il disturbo da kapha potrebbe diventare sinusite cronica o perenne o rinite.

Se ti ritrovi nei disagi descritti e vuoi intraprendere un percorso naturopatico volto alla prevenzione e alla risoluzione in modo naturale di disagi e disturbi, prenota una Consulenza Personalizzata.

 

Se questo articolo è stato interessante condividi. Basta un click.Share on Google+
Google+
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin
Pin on Pinterest
Pinterest

Info sull'autore

Alessandra Zarone administrator

Dott.ssa Alessandra Zarone Laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso IULM, Milano. Diploma in Naturopatia Psicosomatica presso Riza, Milano, con una tesi dal titolo: “Dagli antichi erbari alla floriterapia: influsso greco-romano e celtico in Edward Bach, druido e medico di Myddvai”, con votazione 30 e lode. Nel Dicembre 2012 mi sono specializzata in Floriterapia conseguendo un Master in Floriterapia Psicosomatica, condotto dalla Dott.ssa Marilena Zanardi . Ciò che mi piace approfondire è la Floriterapia vibrazionale psicosomatica: "Per me è importante ritornare all'origine della Floriterapia e dell'Erboristeria, studiando approfonditamente gli antichi erbari per riapplicare con la conoscenza di oggi l'esperienza persa nei secoli, ma soprattutto mettendo in pratica il metodo di Bach, tramite solarizzazione dei fiori, nella preparazione delle mie miscele attraverso un metodo dedicato alla persona".

Per pubblicare un commento, devi accedere

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

In base alla normativa in materia di privacy, si informa l’utente che questo sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari mirati, tuttavia utilizza cookie per l'analisi della navigazione nel sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Ok" permetti al loro utilizzo.

Chiudi